DA PINTEREST AD INSTAGRAM

This post is also available in: English (Inglese)

L’uso degli strumenti multimediali ha permesso a molti di noi, pur non avendo un livello avanzato di informatizzazione, di aprire illimitate opportunità di connessione con  tutto il mondo; se da una parte facebook ha permesso di contattare in primis amici e conoscenti e via via di allargare la ricerca verso persone o gruppi con i medesimi interessi (per quel che ci riguarda patchwork, quilting e arti tessili in genere) dall’altra social come Pinterest ed Instagram si sono dimostrati validi strumenti per la ricerca e l’archiviazione di immagini.

Per tanti Pinterest è stata la prima bacheca virtuale:

un mondo di immagini e la possibilità di salvare, custodire e catalogare a nostro piacimento quelle che più ci colpivano…magicamente il mondo era lì, a portata di click!!!

Non so voi ma io ho viaggiato in lungo e in largo senza confini né limitazioni! ancora oggi utilizzo  Pinterest quando voglio salvare, archiviare, trovare…

Perchè da Pinterest ad Instagram? cosa offre di diverso Instagram rispetto a Pinterest?

Pinterest è un contenitore ed in quanto tale statico, Instagram un ponte verso un universo: dinamico, poliedrico, il mondo di Instagram ci permette di apprezzare le immagini ma anche l’evoluzione del processo artistico dei suoi utilizzatori.

Seguire un hashtag ci permette di visualizzare immagini inerenti ai nostri interessi, seguire un artista ci da l’opportunità di seguirne il processo creativo.

Taluni fotografano solo il risultato finale del loro lavoro ma altri, e sono in realtà, a mio parere,  i più interessanti, fotografano gli step precedenti….a volte a partire dall’idea primaria e dalla scelta delle stoffe o dei materiali con cui realizzarla; ogni immagine ci fa percepire la trasformazione dell’idea embrionale in opera finita, e ci si rende conto di come in realtà il processo creativo sia personale ed irripetibile.

Seguendo l’evoluzione di molti artisti, alcuni ormai famosi (e generosi nei confronti degli estimatori) altri emergenti, si ricevono stimoli e suggerimenti su come gestire anche la nostra personale crescita.

Penserete che le stesse possibilità le offre Facebook….si e no a mio parere.

Chiarisco meglio:

Facebook è stato per molti il primo social…motore di ricerca di persone vicine e lontane, di condivisione di eventi e notizie relativi agli argomenti più disparati:  è una grande piazza in cui ci si vede, si parla, si commenta in forma virtuale ma ricalcando le modalità della piazza vera e, proprio per questa caratteristica, è distraente e non focalizzata su un interesse specifico.

Instagram permette di bypassare le “chiacchere” e di concentrarsi solo su ciò che ci interessa realmente. Lo scambio con le persone è minimo, solitamente ci si limita ad un like, si commentano solo le cose che più ci colpiscono.

Per questa sua peculiarità è possibile osservare senza distraenti e, scorrendo la galleria di immagini pubblicate, percepire la sequenza temporale che genera un’opera finita.

Scorrere le immagini o visualizzare i video nella sezione esplora (assai diversa dalla home di facebook che visualizza solo i post degli amici) ci  permette di risalire alla pagina di utenti che non conoscevamo o non sapevamo come trovare e quindi di scoprire nuove fonti di ispirazione o interesse.

Sempre seguendo artisti di diverse nazionalità su instagram ho capito e cominciato ad utilizzare la sequenzialità delle foto inerenti i WIP: fotografare gli step successivi dà un’idea precisa del modo di lavorare degli altri e spesso ne deriva un miglioramento del nostro lavoro.

Condividere ci accomuna, sfatiamo la credenza che ognuno deve tener ben chiuse le proprie idee, è un falso clamoroso!

Guardare può solo portare miglioramenti nel nostro percorso individuale, ribadisco:

                                      condividere accomuna!

Utilizzando Instagram ho iniziato a seguire le pagine di molti artisti e ne scopro di nuovi ogni giorno. Alcuni li osservo con distacco, altri mi colpiscono ed inizio a cercarne la pagina quando non li visualizzo nella home. Alcuni li ammiro e ve ne parlerò.

Non tutti sono famosi ma molti lo diventeranno….almeno personalmente ne sono convinta.

Spendo ancora due parole per sottolineare l’importanza di utilizzare i social:

il mondo di oggi è in costante evoluzione: non utilizzare il web è come mettersi una benda sugli occhi e tapparsi le orecchie!

Non abbiamo scuse per non farlo: chiunque stia leggendo questo articolo è in grado di fare ricerche su google, di crearsi un account su facebook, pinterest, instagram (non nomino altri social, a cominciare da twitter, perché non li utilizzo e quindi non sono in grado di parlarne).

Si può iniziare cercando su google (o altro motore di ricerca) le parole: Facebook, Pinterest, Instagram, esistono vari articoli relativi alla loro creazione, utilizzo, astuzie: di tutto e di più!

Perchè la ricerca, il confronto, la scoperta di ciò che fanno gli altri che condividono la nostra passione (si, perché è una passione la nostra) non possono che arricchire il nostro patrimonio.

Ogni giorno possiamo scoprire un nuovo artista, ogni giorno possiamo appassionarci ad una nuova tecnica, accettare una nuova sfida, metterci in gioco e migliorare sia in conoscenza che in abilità. Ogni giorno il mondo è a portata di click: NON FACCIAMOCELO SFUGGIRE!

Be the first to comment on "DA PINTEREST AD INSTAGRAM"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*