Intervista con Ruth Miller: il ricamo è il mio “medium”.

This post is also available in: English (Inglese)

www.RuthMillerEmbroidery.com

Ruth, dove hai imparato l’arte del ricamo?

Ho imparato a ricamare a casa quando ero una ragazzina di circa 8-10 anni.  A quel tempo, il ricamo era ancora una tipica abilità femminile.  Insieme al cucito, all’uncinetto e al lavoro a maglia, era un modo per passare il tempo prima di avere la televisione ed era anche un’abilità che potevo usare per realizzare prodotti per me stessa.  Ho dimenticato subito il lavoro a maglia, ma ho continuato a fare i miei vestiti e poi a lavorare all’uncinetto, creando piccoli accessori per guadagnare soldi extra.  Il ricamo è stato inizialmente una fonte di divertimento per me.  Aggiungeva fascino ai miei capi, ma il tempo trascorso su di esso era anche un modo di giocare con i colori e i motivi geometrici.

Perché la scelta di usare il filo al posto della pittura, che è un mezzo più veloce?

Nell’infanzia, ogni volta che frequentavo un corso di arte strutturata, ci veniva consegnata la vernice con cui lavorare.  Poi, alla Cooper Union* la qualità è migliorata, ma la pittura ha una  consistenza scivolosa e untuosa rimasta e comporta l’uso di sostanze chimiche nocive per assottigliarla e pulirla.  Ma la vernice di vario tipo veniva presentata come l’unico mezzo professionale per il lavoro bidimensionale.

Poi, un giorno, ho visto un arazzo figurativo astratto intrecciato dell’artista senegalese Papa Ibra Tall.  Ho capito subito che con il ricamo potevo realizzare effetti pittorici con fili puliti, morbidi e asciutti.

Anche se all’epoca non ci ho pensato, ogni volta che mi siedo per ricamare, sono legata alla memoria di mia zia che ha cucito amorevolmente con me e con tutte le innumerevoli donne del passato in tutto il mondo.  È una connessione strana ma meravigliosa.

 Cooper Union For the Advancement of Science and Art: La Cooper Union for the Advancement of Science and Art è un’università privata a Manhattan, New York City. La Cooper Union, fondata nel 1859 da Peter Cooper, creò un modello nuovo e radicale per l’educazione universitaria delle arti in America.

Puoi descrivere come sei passata dal ricamo agli arazzi di grandi dimensioni?

Essendo stata una giovane molto timida, la mia prima inclinazione è stata quella di fare piccole cose che occupavano poco spazio, che non si intromettevano, indipendentemente dal mezzo.  Anche la mia scrittura era piccola.

Quando ero alla Cooper Union, più grande significava più forte in effetti e, quindi, migliore.  Lo stesso vale di solito anche per l’arte contemporanea di oggi.  Per sentirmi accettata e valorizzare il mio lavoro, ho iniziato a lavorare in un formato più grande.  Ho anche riconosciuto che il cambiamento sarebbe stato una interessante sfida personale, un modo per permettere a me stessa e alle mie creazioni di occupare uno spazio rilevante.  Sono stata all’altezza della sfida e mi sono divertita.

Ora, c’è la situazione opposta.  Devo trovare un modo di lavorare diverso.  Man mano che il mio lavoro diventa più noto, c’è la necessità di realizzare più pezzi a una velocità maggiore.  Oltre al tempo necessario per il ricamo, c’è il bisogno di viaggiare e pubblicizzare il lavoro.  E, dato che non conosco nessuno che mi possa aiutare a cucire, l’unico modo per andare avanti sembra essere quello di tornare ai pezzi più piccoli.  Alcuni famosi pittori contemporanei e artisti del passato hanno delegato parti della loro arte – se non tutte – a squadre di persone.  Tuttavia, alcune idee nascono momento per momento, mentre stai cucendo l’arazzo.  I cambiamenti nel design sono una cosa, ma ci sono anche inviti a fare aggiustamenti filosofici a cui la mia mente risponde quando le mie mani sono impegnate a fare il lavoro.

“THE IMPOSSIBLE DREAM IS THE GATEWAY TO SELF-LOVE
  35×25 inches
Hand-stitched embroidery, copyright by Ruth Miller.

“In this piece, I had fun using my knowledge of color theory to blend orange, lavender, lime green, blue, beige, pink, cream as well as the expected browns to depict the skin tones.  This was also done for a very practical reason: I was running out of browns. They say, ” Necessity is the mother of invention.”

Puoi parlare del tuo processo creativo?  Dove trovi ispirazione, come pianifichi il tuo lavoro e quali sono i diversi momenti della progettazione?  Quali sono i passi che ti portano al lavoro finito?

 Il più delle volte le mie idee provengono da lotte interne alla mia vita.  Sono molto introspettiva e analitica.  Inoltre, leggo molto.  Forse il dolore, l’introspezione e l’autoanalisi si combinano con le idee esterne e, per magia, si fondono e cristallizzano nella mia mente.  Mi piacerebbe fare un pezzo divertente, ma in qualche modo il dolore sembra più immediato del divertimento.  Devo tirarlo fuori in modo da potermi riposare.

In generale, comincio con alcune idee narrative.  Cerco una modella per incarnarle, poi fotografo la modella. (Sono una pessima fotografa, ma lavoro a basso costo.) A volte un momento inaspettato nel servizio fotografico suggerisce un’ulteriore narrazione.  Poi, scelgo la posa più accattivante e uso la matita per fare un semplice disegno senza ombreggiatura.  Quando ho finito, fotocopio quell’immagine più volte per fare disegni ombreggiati e disegni usando penne colorate con diverse combinazioni di colori.  Quando scelgo l’immagine che mi convince di più, torno al disegno fotocopiato, traccio su di esso una griglia, trasferisco la griglia al tessuto teso e riproduco il disegno sul tessuto.  Da lì, comincio a ricamare.  Durante tutto il periodo di cucitura, la fotografia, il disegno delle linee, il disegno sfumato e lo studio del colore saranno tutti tenuti accanto al pezzo per riferimento.  Osservo l’avanzamento del pezzo da vicino e a distanza.  Se il pezzo è molto grande, non riesco a raggiungere tutte le parti da un lato quindi devo girarlo e cucire da tutti i lati.

È ideale se l’intero concetto è completo su carta prima di iniziare.  In questo modo non dovrò rimuovere molti punti per apportare correzioni.  In realtà, sono spesso impaziente e comincio prima che il concetto sia definitivo.  A volte, credo che l’idea sia definitiva, ma poi la miglioro  una volta che mi metto in moto.

Sono il tipo di persona che è più interessata a conversazioni che comportano uno scambio di idee, preferibilmente idee con un’applicazione pratica.  Se non ho idee, dovrei almeno fare una domanda.  Quindi, alla base del mio lavoro c’è l’idea della narrazione.  Nella maggior parte dei casi, la narrazione è abbastanza esplicita in modo che un osservante ne coglie almeno una parte.  A volte, la narrazione è privata anche se l’opera viene mostrata pubblicamente.  Quasi sempre, alludo al significato dell’opera, nella formulazione del titolo.

Questo è vero dal 2003, la prima volta che ho portato un arazzo all’attenzione di una vasta cerchia di conoscenti personali.  A quel tempo, sentivo che non avevo storie mie da raccontare.  Eppure, la narrazione era ancora essenziale.   Così ho preso in prestito un proverbio.  Per fortuna, il lavoro preparatorio non si adattava bene al proverbio.  C’era molto lavoro già fatto e non avevo preparato nessun altro tema.  Ma, mentre lavoravo al disegno, nacque un’altra narrazione più personale.  Questa è quella che mi ha aiutato a capire che potrei avere qualcosa da dire di autenticamente mio.

“THE SISTERS”
16×20 inches

Hand-stitched embroidery, copyright by Ruth Miller.

“ The medium is sewing machine thread on fabric.  The models are my daughters.  In this piece I taught myself to reproduce both a reflection and a sense of transparency at the same time in the sunglasses.  Your readers may also notice the use of colors (black, purple, brown, gray) instead of using all black in the dark areas”.

Utilizzi tecniche e materiali antichi?

Sì. Il sistema a griglia di trasferimento dei disegni in realtà derivava dagli antichi dipinti murali egiziani.  È stato usato con grande effetto anche durante il Rinascimento europeo e mi è stato insegnato alla Union Cooper.

Molti vecchi arazzi europei e ricami sudamericani sono stati fatti con la lana e sono durati secoli.  Considerate l’arazzo di Bayeux.  Mi piacerebbe farne uno così con una linea temporale lunga.  Anche altre parti dell’Africa e dell’Asia hanno una lunga tradizione di ricamo a mano.  Infatti, la tecnica è così semplice che si trova probabilmente praticata in tutto il mondo.  Il mio unico vantaggio è che ora la lana è disponibile in tanti colori – oltre 400 sono forniti dalla società da cui acquisto.  La loro lana da arazzo è fatta con tre strati.  Al fine di ottenere una superficie più liscia, ho separato i veli e ora principalmente cucio con un unico strato.  Questo è possibile solo grazie alla qualità della lana.  Ognuno dei 3 strati è attorcigliato.  Questo tipo di costruzione gli conferisce forza.  Se non fosse così, si strapperebbe in continuazione ogni volta che tiro il filo attraverso il tessuto che è abbastanza grossolano.

Le nuove ricamatrici possono trovare diversi punti decorativi antichi dai libri per rendere il loro lavoro più interessante.  Mi piacciono, ma raramente ne uso più di due o tre tipi perché toglierebbero l’attenzione alla narrazione.  Forse ne userò di più in futuro.

“FLOWER TOO”
31×31 inches

Hand-stitched embroidery, copyright by Ruth Miller

“This is a detail that shows the stitching from a piece that was sold.  It could be an illustration of the realistic nature of the work. Wool on fabric.”

Quali sono, a tuo parere, le differenze artistiche, estetiche e stilistiche tra le opere tessili di piccole dimensioni  e di grandi dimensioni?

Penso che la differenza principale tra opere piccole e grandi sia nell’impatto visivo.  Considerando solo i ritratti realizzati con filati, credo che una maggiore raffinatezza di linea sia possibile con opere più grandi.  A causa dello spessore del filato, sono necessarie immagini a grandezza naturale per ottenere le curve aggraziate di rendering realistici dell’incarnato.  La tessitura della lana ha un vantaggio rispetto ad una superficie verniciata completamente liscia.  Anche un sottile filo di lana per arazzi proietta un’ombra che offre profondità alla nostra percezione di un arazzo.  Questa leggera profondità aumenta la persistenza del soggetto nella stanza, soprattutto perché la maggior parte dei ritratti sono a grandezza naturale.  Sfortunatamente, questa presenza sottile è difficile da catturare in una fotografia.  I miei arazzi devono essere visti di persona per essere apprezzati.

Quando un ricamo ha molto spazio vuoto sullo sfondo, lo riempio con un disegno.  I disegni richiedono molto meno tempo per essere realizzati. A volte uso la lana, ma di solito i miei disegni sono fatti con il filo della macchina per cucire usando aghi manuali.  Con il filo della macchina per cucire, è anche possibile creare lavori realistici.  Assomiglia a penna e inchiostro.  E, anche se riesco a farli a grandezza naturale, ritaglio le immagini più piccole.  Questo tipo di filo può essere utilizzato con successo per lavori molto piccoli. 

Quanto tempo ci vuole in media per completare un arazzo?

Circa un anno.  Questo è il tempo necessario per cucire.  Non conto il tempo necessario per concepire un’idea o creare i materiali di riferimento perché la durata di queste fasi non è prevedibile.  Ci vogliono da due a tre mesi, se il pezzo è piccolo e ben progettato.  Forse più di un anno e mezzo se è molto grande.  Di più se la pianificazione è difficile.

Quali sono, secondo te, i vantaggi e gli svantaggi del ricamo come mezzo espressivo?

In questo periodo dell’arte contemporanea, il ricamo è ancora qualcosa di unico e inaspettato.  Questo aggiunge interesse a tutto ciò che viene creato con esso. Sembra pittura.  Anche le persone che lavorano nell’industria dell’arte e sanno che non è una buona idea toccare un lavoro, sono portate istintivamente a toccare l’arazzo per verificare ciò che i loro occhi vedono.  Questo interesse è un vantaggio; ma il toccare è uno svantaggio, perché nel corso del tempo l’olio dalle impronte digitali potrebbe scolorire la lana.

Artisticamente non vedo alcuno svantaggio.  Si potrebbe pensare che sia uno svantaggio il fatto che i fili non permettano di miscelare i colori come si fa nei media umidi.  Tuttavia, se l’immagine è abbastanza grande, i diversi punti colorati possono essere disposti in modo tale che l’occhio dello spettatore faccia la miscelazione dei colori per me. I lunghi periodi di tempo necessari per creare fisicamente un grande arazzo sono duri sul corpo ma mi danno anche lunghi periodi di concentrazione mentale.  Il tempo mi permette di vedere quali parti di un pezzo non funzionano.  Permette anche lo sviluppo di strati di complessità nella narrazione, un po’ come accade nella vita stessa.

“CONGREGANTS”
20×36 inches

Hand-stitched embroidery, copyright by Ruth Miller

“Wool on fabric. It is the latest complete portrait.  It is not yet on the site. In this piece I kept the realistic drawing style but used unrealistic coloring to highlight the various emotions the model is showing.”

Be the first to comment on "Intervista con Ruth Miller: il ricamo è il mio “medium”."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*