Intervista con Ahmed Kamal Swedan

This post is also available in: English (Inglese)

L’Antica arte egiziana dei Tentmaker

Ahmed, come ti sei avvicinato al mondo della tradizione tessile egiziana? Cosa significa questo per te?

“Khiamiah” è una parola araba che significa Tentmakers, un tradizionale cucito a mano che si può trovare in Egitto e precisamente nell’antico Cairo islamico. È una produzione moderna, di tipo industriale, ma anche i piccoli artigiani possono condurre i loro affari in quella vecchia strada coperta al Cairo. 100 anni fa, quel tipo di lavoro era usato in tante diverse occasioni, come copertura delle pareti sia durante i funerali sia durante i matrimoni. Per gli occidentali ed era interessante vedere gli stessi colori e gli stessi disegni usati per occasioni sia felici che tristi.

The “Greatest mum” Jenny Bowker and The Tentmakers

Ho visto che sei molto impegnato nella diffusione di quest’arte in tutto il mondo, quali sono i canali che usi di più e quali risultati ottieni?

Nel 2007, quando la nostraGreatest mum” Jenny Bowker era al Cairo come moglie dell’ambasciatore australiano, ha conosciuto i Tentmaker e, essendo un’insegnante professionista di Quilting, ha iniziato ad aiutare a presentare i Tentmaker del Cairo in tutto il mondo. Abbiamo lavorato insieme da allora fino ad ora per aiutare i Tentmaker nei loro workshop all’estero e nelle loro esibizioni. Abbiamo creato per i Tentmakers del Cairo più di 65 esibizioni in tutto il mondo. Negli Stati Uniti con la American Quilters Society e in molti altri luoghi negli USA, in Australia, Europa, Asia e Sud Africa. Ogni volta che i Tentmakers si esibiscono, il pubblico può rendersi conto di  quanto siano bravi e quindi li invitano nuovamente ad altri show.

Sono molto curiosa di sapere come hai organizzato la tua attività: come ti relazioni con gli artigiani / artisti e come promuovi il loro lavoro?

Prima di incontrare Jenny Bowker, frequentavo la facoltà di economia e commercio e la mia casa di famiglia dista soli 5 minuti dalla strada dei Tentmaker, quindi sin dall infanzia ho visto i Tentmaker cucire e ho adorato il loro talento. Avevo molti sogni dentro di me per loro ma tutto è stato possibile dopo aver incontrato la nostra “Greatest mum” Jenny Bowker. Abbiamo anche creato un sito online su Etsy per vendere i lavori dei Tentmaker e siamo in grado di spedire i lavori in qualsiasi parte del mondo.

https://www.etsy.com/shop/TentmakersOfCairo

State partecipando a molti eventi internazionali: che tipo di accoglienza trovi? Quali sono le reazioni del pubblico?

Siamo sempre molto commossi dall’ accoglienza così  calororosa che ci carica di più energia per lavorare più duramente di prima. Come ho detto prima abbiamo sempre nuovi inviti dopodi avere più inviti ad altri spettacoli dopo che il pubblico ha visto i Tentmaker lavorare ed ha ssistito  alle loro dimostrazioni. Sono senza parole…

Parliamo del libro “The Tentmakers of Cairo”, di cosa si tratta? Parla della relazione tra lavoro tradizionale e nuovo?

Ho mandato la domanda via e-mail al prof. Sam Bowker, autore del libro, e lui mi ha mandato la sua risposta:
“Il nostro nuovo libro,” The Tentmakers of Cairo: larte  dell applique medievale e moderno in Egitto “riguarda la storia e le abilità dei Tentmaker egiziani. È stato scritto da Seif El Rashidi e Sam Bowker, e recensisce oltre mille anni di tende egiziane attraverso la storia dell’arte, dai manoscritti illustrati nei musei ai padiglioni suradeq nelle strade del Cairo oggi. Mostra come il lavoro storico è legato al nuovo lavoro e intervista i fabbricanti di tende per mostrare come vengono creati i loro disegni e come gli artigiani sono stati formati a questa antica arte. Discute anche dell’importanza del turismo per questo mestiere nel 20 ° secolo e dell’impatto che ha avuto su artisti come Henri Matisse, che ha raccolto tessuti tra cui i tentmaker applique egiziani. “

Puoi parlarci del film “The Tentmakers of Cairo?

Quando parliamo del film, dobbiamo sicuramente menzionare uno straordinario regista australiano che è Kim Beamish, che ha lavorato per 3 anni con i Tentmakers per realizzare il film. Ha creato un legame molto stretto con tutti loro per ottenere un vero film documentario che mostra come si svolge la vita dei Tentmakers da molti punti di vista, il film è molto realistico perché, dopo che Kim è diventato molto amico di tutti noi, non ci è più importato della macchina da presa davanti a noi, Kim Beamish super film maker, mi manchi molto da quando hai lasciato l’Egitto.

Quali sono i tuoi piani futuri? Quale obiettivo ti sei prefissato?

Nella strada dei Tentmaker ci sono 20 negozi e circa 500 artigiani che lavorano per questi negozi. Portano avanti questa difficile impresa per mantenere la tradizione dell’Antico Egitto: la maggior parte dei disegni sono stati presi da luoghi molto antichi in Egitto e templi di Pharos. Vorrei che continuassero a lavorare per salvare questa tradizionale arte popolare egiziana. Io e la nostraGreatest mumJenny Bowker siamo sempre molto felici di essere invitati per le esibizioni all’estero ma solo per continuare a distribuire equamente le opportunità tra tutti e mantenere tutti i negozi dei Tentmaker con i loro artigiani che lavorano. Nel 2019 parteciperemo all Indian Quilt Festival dal 25 al 27 gennaio con workshop ed esposizioni. Inoltre avremo altri fantastici workshop in California all’Asilomar Avenue dal 24 febbraio al 6 marzo. Poi torneremo di nuovo negli Stati Uniti per partecipare al mercato internazionale di arte popolare Santa Fe NM a luglio.

Be the first to comment on "Intervista con Ahmed Kamal Swedan"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*