Intervista con Shoshi Rimer

“Close Garden”, copyright ShoshiRimer

This post is also available in: English (Inglese)

Shoshi Rimer è un’artista tessile israeliana che ha al suo attivo molte mostre personali e premi internazionali. Dopo essersi dedicata allo studio delle tecniche del quilt tradizionale, se ne è poi allontanata alla ricerca di un percorso più personale che le permettesse di esprimere la propria ispirazione artistica.

Shoshi fa inoltre parte di un gruppo di artisti tessili composto da 15 art quilters provenienti da vari Paesi, denominato “Voyage”.

Questo il link al sito internet dell’artista:

www.shoshir.co.il

“Rainy Day in the White City”, copyright Shoshi Rimer

“Multiply”, copyright Shoshi Rimer

Shoshi, quando hai iniziato ad avvicinarti all’arte tessile e perché?

Ho conosciuto il quilting nel 1995 durante i miei studi al Combined Art College “Itzuvim”. Il corso, incentrato sulle tecniche tradizionali, mi ha introdotto alle basi del quilting tradizionale.

Quali sono le tue fonti di ispirazione? Come scegli i soggetti dei tuoi lavori?

Per me il quilting è una meravigliosa forma d’arte in evoluzione, che offre infinite possibilità creative e opportunità di apprendimento. L’ispirazione per le mie trapunte viene da una varietà di fonti. Può essere la natura, un’espressione, un colore o una parola. Per ogni trapunta che realizzo per una mostra a tema, faccio prima una piccola ricerca sul soggetto, e poi raccolgo una varietà di foto che mi aiutano a disegnare lo schizzo iniziale per il nuovo quilt. 

“Following the Arid Valley”, copyright Shoshi Rimer

“Acre”, copyright Shoshi Rimer

Per quanto riguarda la tua crescita di artista, come sono cambiate le tue opere dall’inizio ad oggi?

I miei primi lavori erano basati su tecniche tradizionali.  In seguito, ho studiato con vari insegnanti e artisti tessili in Israele e all’estero imparando così una serie di tecniche innovative. Gradualmente ho usato le tecniche acquisite come base per sviluppare un modo più personale di esprimermi lasciando libera l’immaginazione mentre progetto le mie opere. Credo che le regole di base del quilting mi guidino ancora, anche se mi piace “infrangere” le regole e trovare nuove strade che mi aiutino nel processo di creazione.

Qual è secondo te la differenza più importante tra un artigiano che lavora con fili e tessuti e un artista tessile? Quando un’opera tessile diventa arte?

Secondo me “dipingere con fili e tessuti” fa la differenza e trasforma il quilt in arte.

“Life’s puzzle”, “Remembrance” e “Yet and in spitall” sono le tue tre opere che hanno partecipato alla recente mostra “Holocaust in Art”. Puoi spiegare come hai raccontato, nelle tue tre trapunte, l’Olocausto?

La maggior parte della famiglia di mio padre è morta ad Auschwitz verso la fine della Seconda Guerra Mondiale. Per me – una seconda generazione dopo l’Olocausto – la vita è come un puzzle. Contiene i frammenti del passato più cupo della mia famiglia, ma racchiude anche parte della mia speranza che il futuro sia migliore, pieno di felicità e gioia. Per questo motivo, ho usato le uniche foto della famiglia di mio padre poste accanto alle foto della terza e quarta generazione per simboleggiare la continuazione della famiglia nonostante tutto.

“Life’s Puzzle”, copyright Shoshi Rimer

“Remembrance”, copyright Shoshi Rimer

Puoi parlarci di un tuo art quilt a cui sei particolarmente legata?

Nel 2015 ho creato la trapunta chiamata “Shadow people“, basata sul poster ufficiale di mio cugino per commemorare il giorno dell’Olocausto in Israele. A questa trapunta è stato assegnato un importante premio e HandyQuilter l’ha scelta assegnandomi una macchina da cucire Sashiko

“Shadow People”, copyright Shoshi Rimer

Quanto è importante la sperimentazione di tecniche e materiali nelle tue trapunte artistiche?

La maggior parte delle mie opere d’arte combina tessuti di cotone sia commerciali che tinti a mano. Di solito la tecnica principale si basa sulla fusione di tessuti, trapuntatura a mano libera e di recente ho aggiunto la pittura come abbellimento. Credo che in questo modo riesco a creare trapunte che si riconoscono facilmente come mie.

“Eve’s Wardrobe”, copyright Shoshi Rimer

“On the edge of the desert”, copyright Shoshi Rimer

“Blossom by the Lake”, copyright Shoshi Rimer

“Burning Fields”,copyright Shoshi Rimer

Segui una scrupolosa attività di progettazione o lasci che il tuo istinto ti orienti?

Mi affido soprattutto al mio istinto, ma quando pianifico le mie trapunte seguo sempre una scrupolosa attività di progettazione e disegno.

“Info Flow”, copyright Shoshi Rimer

“Canyon”, copyright Shoshi Rimer

“Shadows”, copyright Shoshi Rimer

“I thank thee”, copyright Shoshi Rimer

Puoi parlarci dei tuoi art quilts “Freedom of Speech”, “Freedom of Worship”, “Freedom from Want”, “Freedom from Fear“?

Faccio parte di un gruppo internazionale di quilters chiamato “Voyage“. Ogni anno produciamo trapunte in formato A2 a tema. Per il 2017 è stato “Freedom”. La mia ispirazione è stata il discorso del presidente Franklin D. Roosevelt, noto anche come il discorso delle quattro libertà. Nel suo discorso, durante la Seconda Guerra Mondiale, egli compì un atto di rottura con la tradizione della politica statunitense del non interventismo. Ha delineato il ruolo degli Stati Uniti nell’aiutare gli alleati già impegnati in guerra. Ho preso queste quattro libertà fondamentali e ne ho incorporato il motivo nelle trapunte rompendo le regole tecniche e utilizzando tessuti strappati (stile Erika Carter) per creare la trapunta stessa. Inoltre, scelgo tessuti che – a mio avviso – riflettono lo spirito delle libertà di cui le persone dovrebbero godere.

“Freedom of Speech”, copyright Shoshi Rimer

“Freedom of Worship”, copyright Shoshi Rimer

“Freedom from Want”, copyright Shoshi Rimer

“Freedom from Fear”, copyright Shoshi Rimer

È più importante la tecnica o l’idea? Cosa pensi che determini il successo di un’opera d’arte? Quando la creatività rischia di essere soffocata dalla tecnica?

Per me un’idea è molto più importante di una tecnica. Per questo motivo sono passata dal quilt della tradizione alla trapunta d’arte. Sentivo di non potermi dedicare ad un lavoro tessile basato solo su tecniche rigorose. Tuttavia, ammiro e apprezzo gli artisti che creano meravigliose trapunte nei modi tradizionali.

“Flow”, copyright Shoshi Rimer

A cosa stai lavorando in questo momento?

Sfido me stessa a creare una nuova trapunta basata su un mosaico antico. Sarà fatta di piccoli pezzi di tessuto, come un mosaico.

“Flowers on the Windowsill”, copyright Shoshi Rimer

“Tiberius”, copyright Shoshi Rimer

“Cactus”,  copyright Shoshi Rimer

“Tribute to a 100 Old Kibbutz”,copyright Shoshi Rimer

Be the first to comment on "Intervista con Shoshi Rimer"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*