Intervista con Kathryn Clark

“Modesto Foreclosure Quilt”, 2011, 16" x 42" Tea stained voile, linen, cotton and embroidery thread, copyright Kathryn Clark

This post is also available in: English (Inglese)

Con sede a San Francisco, Kathryn Clark lavora con i medium tessili del ricamo e delquilting per documentare temi sociali di interesse globale. Nata e cresciuta nel “Profondo Sud”, il trasferimento a San Francisco negli anni ’90 ha creato un netto contrasto con la sua educazione, informando il suo lavoro attuale. La passione per i benefici sociali della pianificazione urbana e il fascino per le mappe l’hanno portata a lavorare per Peter Calthorpe, architetto e urbanista visionario. Ha poi lasciato questo settore nel 2004, trasferendo la sua passione per la geografia e la mappatura nelle sue opere d’arte. Negli ultimi sei anni, il lavoro di Kathryn è stato ampiamente esposto in tutti gli Stati Uniti ed è apparso in diverse pubblicazioni tra cui The Craft Companion, 2016, Quilts and Human Rights, 2016 e Craft for the Modern World: The Renwick Gallery Collection, 2015 ed altre.

 Il suo lavoro è in collezioni permanenti presso lo Smithsonian American Art Museum, l’International Quilt Study Center & Museum, l’ACLU e il Michigan State University Museum.

Il lavoro di Kathryn Clark esplora questioni globali che vanno dalla crisi dei pignoramenti americani ai controlli attuati sulle frontiere internazionali. Ispirandosi al tema della manipolazione del pianeta da parte dell’uomo, il suo lavoro mette in discussione le implicazioni a lungo termine sull’ambiente, la società e l’economia. Racconta queste storie attraverso il tessuto, creando un documento storico del nostro tempo.

Di seguito il link al sito web dell’artista:

www.kathrynclark.com

Instagram: @kathrynclarksf

“Cleveland Foreclosure Quilt”, 2011, 25″ x 60″ Cotton, linen, recycled denim and embroidery thread, copyright Kathryn Clark.

“Albuquerque Foreclosure Quilt”, 2012, 35″ x 47″ Linen, wool, yarn and embroidery thread, copyright Kathryn Clark.

Puoi raccontarci la tua storia di artista tessile, come hai iniziato e perché hai scelto il mezzo tessile?

Sono stata un’artista per vent’anni nel settore della pittura e della fotografia prima di scoprire l’arte tessile. Ho iniziato a sperimentare con i tessuti nel 2009, ma non riuscivo a capire perché  ne ero così attratta, perché mi sentivo così a mio agio. Era l’alba della festa della mamma del 2010, quando stavo realizzando una piccola tessitura. Mia madre era stata un’artista tessile, ma a otto anni mi sono ammalata di leucemia e per questo motivo ha smesso di lavorare. Lei morì quando avevo diciassette anni, quindi non abbiamo mai avuto una conversazione sulla sua pratica artistica. Questa consapevolezza mi ha aiutato a capire perché il mezzo di comunicazione è così fondamentale per me. Non mi sono mai voltata indietro.

Nel percorso che hai intrapreso per diventare artista tessile, c’è stato un evento o una persona che si è rivelata importante per la tua crescita professionale? Puoi parlarne?

Come ho già detto, mia madre ha avuto un ruolo importante nella mia scelta. Nel 2009 ho fatto parte di un gruppo di artisti. Tutti noi stavamo lottando per fare arte mentre crescevamo i figli. Ci incontravamo una volta al mese e ci regalavamo un tema (natura, griglia, ecc.) con tutti i lavori che ne risultavano di dimensioni 4″ x 4″. Abbiamo pensato che una piccola dimensione sarebbe stata una realizzazione gestibile. Era un gruppo veramente ispiratore. Abbiamo cucito un gran numero di lavori! Una degli artisti, NeileyRoyston, creava pezzi ricamati e sperimentazioni tessili. Mi sono innamorata del suo lavoro e dei suoi materiali. Mi ha insegnato come cucire, quali tessuti cercare, come lavorare e come pulire una macchina per cucire. Stranamente, aveva perso anche lei sua madre quando era giovane, quindi eravamo lì l’una per l’altra anche in altri modi.

Kathryn, le trapunte della tradizione americana hanno sempre raccontato le storie delle persone che le hanno realizzate, trattando di attualità, storie personali, sociali, politiche e culturali. Con le tue opere rendi onore a questa tradizione tessile.  Puoi raccontarci della tua serie “ForeclosureQuilt” che è un interessante documento di storia urbana americana?

Le trapunte hanno giocato un ruolo storico prezioso nella società americana, e venendo dal profondo sud, ero molto consapevole dell’importanza del ruolo che i quilts e iloro patterns hanno avuto nel raccontare e documentare la storia. I modelli di trapunta sono costituiti da blocchi. La serie Foreclosure gioca con questa narrazione trasformando un tradizionale blocco in un blocco che delinea la mappa di un quartiere. La serie mi ha permesso di combinare le mie passioni per il design urbano e le questioni sociali in un unico corpo di lavoro. Le mappe della crisi dei pignoramenti erano generalmente rintracciabili a pagamento su internet o attraverso un’intensa ricerca in siti web di pianificazione del governo locale, non alla portata di tutti. Mappando la crisi del pignoramento attraverso l’arte tessile, sono stata in grado di offrire al pubblico una visione accessibile della crisi, raramente vista prima. Potrei anche mostrare alla gente un modo per guardare alla crisi attraverso una prospettiva umanistica e storica, non solo una visione statistica. Volevo che le persone che hanno attraversato la crisi potessero rendersi conto di non essere soli. Si trattava di un problema diffuso e banale ma diffuso in America.

“Washington, DC Foreclosure Quilt”, 2015, 57 1/2″ x 84, copyright Kathryn Clark

“Washington, DC Foreclosure Quilt – detail”, 2015, 57 1/2″ x 84, copyright Kathryn Clark

“Chicago Foreclosure Quilt”, 2013, 31″ x 42″ Linen, cotton and embroidery thread, copyright Kathryn Clark

“Chicago Foreclosure Quilt-detail”, 2013, 31″ x 42″ Linen, cotton and embroidery thread, copyright Kathryn Clark

“Chicago Foreclosure Quilt-detail”, 2013, 31″ x 42″ Linen, cotton and embroidery thread, copyright Kathryn Clark

Quanto è importante la sperimentazione di tecniche e materiali nei tuoi lavori?

Il quilting e il ricamo sono mezzi molto tradizionali, risalenti a secoli fa. Io lavoro con i tessuti e l’arte tessile da dieci anni, il momento ottimale per la sperimentazione è quando sei ancora nuovo ad un mezzo e non hai imparato la tecnica. Si può vedere il mezzo attraverso gli occhi di un estraneo, e giocare davvero con la tradizione per raggiungere l’obiettivo che si desidera. Uso la mia ingenuità come vantaggio.

È fondamentale che i materiali che uso si riferiscano al significato che sta dietro al mio lavoro. Il ricamo e il quilting sono il mezzo perfetto per trasmettere una storia e una documentazione. Uso anche l’inchiostro e la carta perché sono materiali altrettanto comuni e versatili nel raccontare una storia.

”Riverside Foreclosure Quilt”, 2012, 34″ x 46″ Tea stained voile, cotton, linen, yarn and embroidery thread, copyright Kathryn Clark

”Riverside Foreclosure Quilt-detail”, 2012, 34″ x 46″ Tea stained voile, cotton, linen, yarn and embroidery thread, copyright Kathryn Clark

Dietro ogni serie dei tuoi lavori tessili c’è un’attenta ricerca e documentazione storica. Puoi parlarne? Cosa ti spinge ad affrontare questi temi di attualità?

La maggior parte delle notizie di oggi viene letta online. È impegnativo vagliare su internet e dare un senso a ciò che è vero e ciò che non lo è. La diminuzione delle risorse per il giornalismo investigativo e la manipolazione delle notizie è la nuova normalità, mentre i dati sono sempre più sepolti sotto l’enorme volume delle informazioni presenti online.

Le storie particolari che scelgo di raccontare sono quelle che ritengo di importanza critica, quelle da conoscere e/o che sono state utilizzate in modo tale da danneggiare la verità. Agisco come giornalista investigativa vagliando tutto quanto per scoprire e documentare i fatti e registrarli sul supporto permanente di stoffa e carta. Ho il dovere di mettere a punto questi dati, sto raccontando la storia di qualcuno. Devo onorarli raccontando correttamente la storia.

Tra le tue opere tessili, quale ti rappresenta di più e a cui ti senti più legata?

Sono legata a tutto il mio lavoro. Il mio cuore e la mia anima è in ogni pezzo. Sto raccontando la storia di un luogo molto specifico, di persone molto specifiche. Sono molto attenta a dove viaggia o vive il mio lavoro. In definitiva, voglio che le opere d’arte siano in un ambiente che possa essere condiviso con gli altri o vivere nel luogo che rappresentano.

Nella serie “Refugees Stories”, ispirata al modello del racconto storico dell’arazzo di Bayeux, racconti, attraverso il ricamo, il viaggio dei rifugiati siriani in Europa. Può dirci come è nata quest’idea e come l’ha sviluppata?

Il mio lavoro inizia tutto allo stesso modo. L’idea di realizzare la serie Refugee Stories è iniziata nel 2015, molto prima che Trump si insediasse e rendesse i rifugiati siriani una delle prime notizie nel 2016-17. Nel 2015, pochi negli Stati Uniti hanno capito o si sono resi conto di quanto fosse grande la crisi dei rifugiati siriani. Ho iniziato a mappare il viaggio dei siriani per richiamare l’attenzione sulle difficoltà che hanno sopportato mentre attraversavano gran parte dell’Europa. Ho raccolto notizie, statistiche e mappe sulla crisi, leggendo anche molto sulla storia della Siria e dei paesi circostanti.

È importante sottolineare che questo è uno di quei lavori che assumono un significato completamente diverso a causa del tempo e dei cambiamenti politici. Quando ho finito la serie, tutti sapevano della crisi dei rifugiati negli Stati Uniti. Il lavoro è diventato un punto focale che parlava di frontiere e sicurezza in mezzo al crescente problema migratorio degli stessi Stati Uniti al confine con il Messico.

L’opera d’arte può prendere una vita propria molto tempo dopo essere stata ultimata. Per me è importante che il lavoro stimoli le conversazioni e la formazione.

“Before/After Night Sky of Aleppo, Syria”, 2016,embroidery and acrylic on linen and cotton, 48″ x 48″, copyright Kathryn Clark

“Before/After Night Sky of Aleppo, Syria-detail”, 2016, embroidery and acrylic on linen and cotton, 48″ x 48″, copyright Kathryn Clark

“Before/After Night Sky of Aleppo, Syria-detail”, 2016, embroidery and acrylic on linen and cotton, 48″ x 48″, copyright Kathryn Clark

“Shelter Structure (Al Zaatari Refugee Camp)”, 2016, 46″ w x 59″ h. Hand embroidery and watercolor on Tyvek and cotton organdy, copyright Kathryn Clark

“Shelter Structure (Al Zaatari Refugee Camp)”, 2016, 46″ w x 59″ h. Hand embroidery and watercolor on Tyvek and cotton organdy, detail, copyright Kathryn Clark

“Shelter Structure (Al Zaatari Refugee Camp)”, 2016, 46″ w x 59″ h. Hand embroidery and watercolor on Tyvek and cotton organdy, copyright Kathryn Clark

A cosa stai lavorando in questo momento? Vuoi parlarci dei tuoi progetti tessili attuali?

Qui negli Stati Uniti, se non in tutto il mondo, siamo in uno stato di caos come non abbiamo vissuto dalla seconda guerra mondiale. Le fondamenta stesse della nostra democrazia vengono messe alla prova e qui ci sentiamo tutti abbastanza insicuri senza sapere esattamente cosa fare. In risposta, sto leggendo, facendo ricerche e sperimentando in studio. Non so come apparirà una nuova serie, ma probabilmente coinvolgerà soprattutto il tessile e la mappatura, il mio linguaggio. Tuttavia, l’idea stessa di una mappa statica è persino discutibile a questo punto. Voglio anche esplorare il senso di compiacimento che coesiste durante tutto questo caos.

Cosa pensi sia più importante tra la tecnica e l’idea? Cosa determina il successo o il valore di un’opera d’arte secondo te?

Penso che ognuno possa rispondere a queste due domande in modo diverso. Per me, l’idea è fondamentale per il mio lavoro. Ogni singola decisione che prendo, dalla più piccola alla più grande nella realizzazione di ogni pezzo, deve riferirsi all’idea. Per esempio, ho fatto una scelta molto precisa nel non cucire a macchina i miei pezzi nelle mie ForeclosureQuiltseRefugee Stories. Con la cucitura a mano, onoro le storie delle persone che hanno lottato e posso passare del tempo a contemplare le loro storie mentre cucio.

Per quanto riguarda il successo o il valore di un’opera d’arte, questo è molto soggettivo. Ci sono artisti che considerano il lavoro di successo se vende. Per me un’opera d’arte ha successo se, quando lascia le mie mani, trasmette l’intento che avevo sperato. E, come ho detto prima, a volte l’arte si allontana e il suo significato si evolve in qualcos’altro che non avresti potuto prevedere. Finché fa pensare e mettere in discussione le proprie conoscenze o convinzioni, per me è un successo.

“By Sea (The Aegean)”, 2016,hand embroidery and watercolor on cotton and cotton organdy. 48″ w x 62″ h, copyright Kathryn Clark

“By Sea (The Aegean)-detail”, 2016, hand embroidery and watercolor on cotton and cotton organdy. 48″ w x 62″ h, copyright Kathryn Clark

“By Sea (The Aegean)-detail”, 2016, hand embroidery and watercolor on cotton and cotton organdy. 48″ w x 62″ h, copyright Kathryn Clark

A cosa stai lavorando in questo momento? Vuoi parlarci dei tuoi progetti tessili attuali?

Qui negli Stati Uniti, se non in tutto il mondo, siamo in uno stato di caos come non abbiamo vissuto dalla seconda guerra mondiale. Le fondamenta stesse della nostra democrazia vengono messe alla prova e qui ci sentiamo tutti abbastanza insicuri senza sapere esattamente cosa fare. In risposta, sto leggendo, facendo ricerche e sperimentando in studio. Non so come apparirà una nuova serie, ma probabilmente coinvolgerà soprattutto il tessile e la mappatura, il mio linguaggio. Tuttavia, l’idea stessa di una mappa statica è persino discutibile a questo punto. Voglio anche esplorare il senso di compiacimento che coesiste durante tutto questo caos.

Galleria Immagini

FOTO 02”Cape Coral Foreclosure Quilt”, 2011, 30″ x 44″ Recycled bleached linen, recycled string and embroidery on voile, copyright Kathryn Clark

FOTO 02“”Cape Coral Foreclosure Quilt-detail”, 2011, 30″ x 44″ Recycled bleached linen, recycled string and embroidery on voile, copyright Kathryn Clark

FOTO 03“Detroit Foreclosure Quilt”, 22″ x 44″ Cheesecloth, linen, cotton and quilting thread, copyright Kathryn Clark

FOTO 04Las Vegas Foreclosure Quilt”, 2011, 12″ x 36″ Recycled denim, wool, yarn and embroidery thread on bleached linen, copyright Kathryn Clark.

FOTO 05”By Land”, 2017,hand embroidery on cotton organdy. 60″ w x 58″ h, copyright Kathryn Clark

FOTO 06”By Land-detail”, 2017, hand embroidery on cotton organdy. 60″ w x 58″ h, copyright Kathryn Clark

FOTO 07”By Land-detail”, 2017, hand embroidery on cotton organdy. 60″ w x 58″ h, copyright Kathryn Clark

FOTO 08 “New Home”, 2017, hand embroidery and watercolor on cotton organdy. 56″ w x 56″ h, copyright Kathryn Clark

FOTO 09 “New Home-detail”, 2017, hand embroidery and watercolor on cotton organdy. 56″ w x 56″ h, copyright Kathryn Clark

FOTO 10 “New Home-detail”, 2017, hand embroidery and watercolor on cotton organdy. 56″ w x 56″ h, copyright Kathryn Clark

 

1 Comment on "Intervista con Kathryn Clark"

  1. Molto molto interessante, mi piacciono molto questi quilt.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*