Singer

Mr. Singer

This post is also available in: English (Inglese)

La vecchia Singer, quella di mia madre ha più di ottanta anni e ben oleata, collegata alla linea elettrica è pronta all’uso. Ha dei limiti rispetto alla “moderna sorella elettronica” ma non le manca una cosa importante il fascino del ricordo.
Vorrei riportare qualche nota sulla sua invenzione e sui suoi numerosi padri.
Il più importante il signor Isaac Merrit Singer, industriale americano lungimirante non ne fu il vero inventore. Il primo fu il francese Barthélemy Thimonnier nel 1829. Non ebbe fortuna, morì povero e senza gloria, come prima di lui l’inglese Thomas Saint già alla fine del ‘700. Ultimo concorrente il connazionale Helias Howe che fece causa a Singer che la perse.
Il signor Singer nel 1851 ottenne per sé il brevetto, diffuse l’uso della macchina da cucire a pedale che realizzava la doppia impuntura, e portava il suo nome, in tutti gli Stati dell’Unione. Offriva il pagamento rateizzato e con cinque dollari chi lo desiderava si portava a casa la macchina dei suoi sogni. La vendita delle macchine da cucire incrementò i suoi affari e diffuse il brevetto in tutto il mondo. In Italia arrivò nei primi del ‘900 e le Singer furono costruite dalla “Compagnia Singer, Società anonima Italiana”.
Una storia che continua ancora oggi alimentata dall’evoluzione della tecnica abbinata alla passione per il cucito e le altre arti tessili. Lei sta lì e cuce da dio.

*Le foto: la mia Singer e il Signor Singer che oltre a manager industriale fu anche attore, e costruttore di dimore in stile edwardiano, una storia tutta da scoprire.

Be the first to comment on "Singer"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*