“Seta, fettucce e merletti”. Filati e stoffe fra le carte d’archivio

“Seta, fettucce e merletti”. Filati e stoffe fra le carte d’archivio

This post is also available in: English (Inglese)

Archivio di Stato di Roma, Sala Alessandrina
Giornate Europee del Patrimonio
22 settembre 2019, ore 15-19

Mostra documentaria a cura di Vincenzo De Meo, Giovanna Mentonelli e Angelo Restaino

La mostra rimarrà aperta fino al 13 ottobre
www.archiviodistatoroma.beniculturali.it

La mostra si propone di far scoprire al pubblico il mondo delle manifatture tessili nello Stato pontificio fra la fine del sec. XVI e il secolo XIX (tra cui quelle di assoluta eccellenza di San Michele a Ripa) attraverso un percorso composto da documenti di varia natura: più di venti disegni, cinque editti a stampa, sette statuti di corporazioni di mestiere (lanaioli, setaioli etc.), tra cui uno statuto manoscritto risalente al 1595. La parte sicuramente più originale e importante è però costituita da elementi apparentemente “estranei” alle carte d’archivio: nove campioni di filati e stoffe lavorate, oggetti vivi nascosti fra le carte che consentono di osservare direttamente i tessuti, giunti fortunatamente fino a noi come all’interno di una “capsula del tempo”. Si tratta di frammenti di tela, seta, lana, non lavorati o colorati e stampati a motivi ornamentali che mostrano la varietà della produzione tessile nello Stato della Chiesa: dalla tela grezza degli indumenti dei carcerati di Civitavecchia ai merletti che guarnivano i vestimenti papali. Anche i disegni esposti sono assolutamente eccezionali: si va da splendide illustrazioni di telai e impianti di lavorazione alla rappresentazione dei meccanismi di filatura e tessitura, a una notevole selezione di “figurini” che mostrano l’abbigliamento del pontefice e di alti funzionari della corte papale, contrapposto a quello più umile di artigiani e lavoranti di estrazione popolare i cui abiti erano confezionati in Grecia, nella zona di Zagoria in Epiro, e importati attraverso gli scali di Ancona e Civitavecchia.
Il materiale esposto è organizzato in quattro sezioni tematiche:

  1. Le macchini tessitrici
  2. I filati, le stoffe, i merletti
  3. Figurini e costumi
  4. Le regole del tessere e del filare: bandi e statuti delle arti

La documentazione proviene da fondi archivistici e bibliografici conservati presso l’Archivio di Stato di Roma: dall’archivio del Ministero del commercio e industria ricco di progetti e disegni depositati per la concessione di brevetti riguardanti la produzione di filati particolari e all’utilizzo di macchinari tessili all’avanguardia, alla Miscellanea di Soldatesche e galere per la fornitura di tele e tessuti per gli indumenti destinati ai condannati alle galere, alle ricevute di pagamento della Tesoreria della Camera Apostolica per l’acquisto di stoffe preziose per il papa e la sua corte, alla Collezione dei bandi relativi alla pubblicazione di regolamenti a tutela della qualità della produzione tessile, di tariffe per le prestazioni dei lavoranti e di norme “sopra la moderazione del lusso nello Stato ecclesiastico”.

Be the first to comment on "“Seta, fettucce e merletti”. Filati e stoffe fra le carte d’archivio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*