Interviste

ADRIENNE SLOANE

*Foto in evidenza: Color Line, 2022. Tecnica mista. 13.5”x14”. Photo credit Adrianne Sloane

Traduzione a cura di Elena Redaelli

Adrienne Sloane è un’artista contemporanea la cui ricerca indaga attraverso il medium tessile istanze sociali, ambientali, politiche che le società sono chiamate ad affrontare in tempi complessi e difficili come quelli che stiamo vivendo. Dal suo studio in Massachusetts escono sculture, installazioni, opere in cui l’artista sperimenta un’ampia gamma di materiali e tecniche.

Il lavoro di Sloane ha vinto molti premi ed incluso in numerose pubblicazioni. I suoi lavori sono stati esposti in sedi e collezioni private e pubbliche; ha lavorato, tra gli altri, al Philadelphia Museum of Art, al Fuller Craft Museum, al Goldstein Museum of Design e alla Kamm Collection. Ha insegnato a livello internazionale, lavorando anche a progetti di sviluppo economico con knitters indigeni in Bolivia e Perù.

Ecco cosa ci ha raccontato dei suoi lavori e del suo percorso artistico.

At the End of My Rope. 2019, cotone lavorato ai ferri, corda. 57”x14,5”. Photo credit Adrianne Sloane

AT THE END OF MY ROPE è la tua opera selezionata per partecipare all’edizione 2022 di Fiber Art International. La bandiera americana è una presenza che ritorna, in quest’opera come già in altre precedenti. Quali sono le ragioni di questa scelta? E qual è il messaggio che veicola in questo lavoro in particolare?

Inizialmente creata in risposta a un bando per una mostra sulla corda, At The End of My Rope propone una bandiera americana realizzata a maglia e decostruita che pende floscia da un cappio. In linea con il titolo (un’espressione inglese che significa I’m done with this – Ho chiuso con questo), l’opera è un commento visivo e viscerale sugli eventi attuali. Poiché il cappio ha una particolare risonanza per il pubblico americano, si tratta anche di un confronto con la nostra storia nazionale. L’uso di un’immagine così iconica per affrontare questioni politiche e sociali contemporanee evoca una risposta viscerale.

Truth to Power. 2007. Filo di ferro lavorato a maglia. 2007. Filo di ferro lavorato a maglia. Photo credit Joe Ofria

La scelta di una tecnica popolare (e tradizionalmente femminile, aggiungerei) come i ferri e la maglia ha un valore anche concettuale? Come hai iniziato ad utilizzare il medium tessile per la tua pratica artistica?

Spostando il contesto del lavoro a maglia dalla geometria dei pattern d’abbigliamento alla scultura, questo è un mezzo di comunicazione legato a una tradizione della fibra ricca e complessa che ha alle spalle la forza della storia.

Il mio viaggio nella fibra è iniziato seriamente a metà degli anni ’80, quando ho comprato una macchina da maglieria usata e ho iniziato a scoprire da sola il suo funzionamento. Il libro di Susanna Lewis del 1986, A Machine Knitter’s Guide to Creating Fabrics e un articolo della rivista Threads del 1989 sul lavoro di Judith Duffey mi hanno ispirato a esplorare le possibilità scultoree del lavoro a maglia. Per molti anni ho sperimentato l’uso dei cappelli come forma per giocare con il colore e il design. Tuttavia, in quegli anni, ad eccezione delle mostre di artigianato, si trattava di una pratica molto solitaria. Nel 1999, tornando al lavoro dopo un incendio nello studio, ho scoperto che la mia opera si stava trasformando in modi che riflettevano più direttamente i miei pensieri, era più centrata e consentiva, quindi, un diverso tipo di impegno con il pubblico.

Marking Time. 2017. Cotone lavorato a maglia. 84”x64”x12”. Photo credit Adrianne Sloane

Non è raro che tu inserisca le parole all’interno delle tue opere, talvolta – penso ad esempio a Marking Time – la parola è la forma stessa dell’opera. Che valore ha la scrittura nell’ambito della tua pratica artistica?

Mentre ho dei lavori che incorporano le parole nell’opera vera e propria, dato che l’interazione tra linguaggio e pensiero è indissolubile, le parole possono aiutarmi a generare idee. Per esempio, ho cercato tra le espressioni in inglese relative alla corda, scegliendo At the End of My Rope, che mi ha immediatamente colpito come titolo. Il pezzo è nato da lì. Le parole possono anche aiutare a interpretare un’opera una volta completata, come nel caso di Uncle Sam’s Tea Party.  Per me questo processo può assomigliare all’interpretazione dei sogni, in quanto descrivere verbalmente un sogno spesso può far luce sul suo significato.

Missing Pieces Justice. 2021. Laser cut 2-sided puzzle with bag. 28”X24” Variabile. Photo credit Adrianne Sloane

Qual è la cifra politica nel tuo lavoro?

Il mio lavoro affronta spesso temi universali come la guerra, il cambiamento climatico e il sistema politico americano. L’immagine iconica della bandiera americana compare spesso, poiché è un simbolo estremamente evocativo e riconoscibile. 

Missing Pieces Elements. 2022. Tecnica mista, puzzle su due lati, taglio laser. 42”x30”. Photo credit Adrianne Sloane

Qual è, secondo te, la responsabilità dell’artista e il ruolo del fare arte in tempi di cambiamenti così rapidi e radicali?

Mi sembra che ci sia stata una tendenza crescente all’interconnessione e alla fluidità tra le discipline, comprese le arti e le scienze, che sono inestricabilmente legate alla ricerca di significato, verità e conoscenza. Gli artisti hanno il compito di interpretare il mondo attraverso una lente più ampia e di metterlo pubblicamente in piazza. Per gli artisti che scelgono di affrontare questioni sociali urgenti, l’arte ha il potere di creare empatia, educare, e può servire come mezzo per promuovere la giustizia sociale, in quanto crea una piattaforma per la riflessione, la collaborazione e la costruzione della comunità. Comunicare idee che trasformano la comprensione culturale più ampia dei problemi può portare a un cambiamento positivo. 

Truth to Power. 2007. Filo di ferro lavorato a maglia. 2007. Filo di ferro lavorato a maglia. Photo credit Joe Ofria

Uno delle tue recenti installazioni è Truth to power: com’è è nata e si è sviluppata quest’opera? Secondo te, nella ricerca di verità, l’arte può essere la voce di chi voce non ha?

Chiaramente un’opera contro la guerra, Truth to Power costituisce il seguito di un’opera precedente intitolata Cost of War. Essendo un filo metallico lavorato a maglia, quest’opera ha una dimensionalità che mancava all’opera a muro. Camminare intorno all’opera, che si muove grazie allo spostamento d’aria generato dal passaggio, ne aumenta l’impatto.  L’inclusione di corpi femminili è il risultato del feedback ricevuto da Cost of War, esposta al Fiberart International 2007, che ritraeva come vittime di guerra solo uomini.

The Unraveling at the MA Statehouse. 2020. Photo credit Adrianne Sloane

Con lavori come The Unraveling coinvolgi il pubblico in un impegno attivo in prima persona. Qual è il rapporto che si instaura tra te e il pubblico attraverso le tue opere?

Poiché gli artisti visivi di solito lavorano da soli, spesso hanno poche opportunità di confrontarsi direttamente con gli spettatori per valutare l’impatto di un’opera.

Le performance di Unraveling hanno permesso un contatto diretto e un feedback sorprendente. Poiché l’ultima presidenza è stata così distruttiva e demoralizzante, sono arrivata a lavorare a maglia questo pezzo come rappresentazione visiva del rapido smantellamento della nostra democrazia. Il disfare una bandiera americana con la speranza che la Costituzione rivelata dietro di essa fosse protettiva, ha coinvolto il pubblico ad un livello viscerale in tutte le sedi.  Le persone si riunivano in un silenzio reverenziale mentre io disfacevo la bandiera. Per me è stata anche un’esperienza molto emozionante. Parlare ai bambini delle scuole e ad altre persone del significato di questo pezzo è stata un’altra via di interazione. Concretamente, quando questo progetto non è stato finanziato, un membro del consiglio artistico locale si è dimesso per sostenere la libertà di parola. Sul mio sito web sono disponibili i link a diversi video mentre disfo il pezzo.

Dal 2012 ho condotto due campagne di cartoline abbinate alla mia pratica. Dal titolo Lobby Congress with Art, il lavoro inizialmente prevedeva l’invio di cartoline a tutti i membri del Congresso affinché interrompessero le lotte intestine e lavorassero per conto degli elettori. Successivamente ho regalato cartoline con le immagini di A House Divided a chiunque avesse accettato di scrivere ai propri legislatori. Questo mi ha permesso di interagire direttamente con gli spettatori, offrendo loro una voce e incoraggiandoli a impegnarsi. È stata una splendida opportunità per confrontarsi con altri punti di vista e ho avuto molte conversazioni gratificanti.

Utilizzando tutti i termini della Costituzione riconducibili alla fibra, il testo recitava quanto segue: 

We The People
Respectfully demand that You Stop
tying the Country up in knots
and attend to knitting together
a national fabric of Domestic Tranquility
for a more Perfect Union.”

Noi cittadini
chiediamo rispettosamente di smetterla
di legare il paese in nodi
e di occuparsi invece di tessere
un tessuto nazionale di Tranquillità interna
per un’unione ottimale

The Unraveling divenne la mia seconda campagna di cartoline. Per un caso fortuito, The Unraveling è rimasto in quarantena nella sua ultima mostra alla Massachusetts State House dal marzo 2020 al marzo 2021. All’inizio di marzo, prima della quarantena, feci un’inaugurazione pubblica in quella sede.

Sea Change. 2009. Installazione di cotone lavorato a maglia. 68”x66”x10”. Photo credit Adrianne Sloane

Quali sono stati i movimenti o gli artisti o le persone che ti hanno maggiormente influenzato nel tuo percorso artistico?

Sono un’autodidatta, ma da bambina l’arte era un valore importante per la mia famiglia. Siamo stati esposti a vari mezzi di comunicazione, tra cui la danza e la ceramica. Mia nonna e mia sorella sono diventate entrambe pittrici.

Poiché sono maggiormente attratta dalla dimensionalità del lavoro con la fibra, tra gli artisti che trovo interessanti ci sono Sheila Hicks, El Anatsui e Ruth Asawa, i cui stili innovativi catturano costantemente il mio interesse. Ammiro particolarmente anche artisti come Ai Wei Wei, il cui lavoro contiene messaggi importanti e influenti.

Line of Fire. 2007. Filo di ferro lavorato a maglia. 74”x79”x55”variabile. Photo credit Adrianne Sloane

L’opera a cui sei più legata?

Sebbene mi piacciano i lavori belli ed espressivi, sono più legata ai lavori con un’esecuzione originale e forte, con un messaggio; arte concettuale ma solo se ben realizzata. Preferisco sempre che l’opera parli da sola e non richieda un lungo testo a parete a spiegarne il significato intrinseco.

Munroe Center for the Arts
1403 Mass Ave

Lexington, MA 02420
adrienne@adriennesloane.com
www.adriennesloane.com
instagram: adrienne_sloane
(617) 947.0520

Interview

ADRIENNE SLOANE

*Featured photo: Color Line, 2022. Mixed media. 13.5”x14”. Photo credit Adrianne Sloane

Adrienne Sloane is a contemporary artist whose research investigates, through the medium of textiles, social, environmental and political issues faced by societies in complex and challenging times such as those we are currently experiencing. Her Massachusetts studio is home to sculptures, installations, and works in which the artist experiments with a wide range of materials and techniques.

Sloane’s work has won many awards and has been included in numerous publications. Her work has been exhibited in private and public venues and collections; she has worked at the Philadelphia Museum of Art, Fuller Craft Museum, Goldstein Museum of Design, and Kamm Collection. In addition, she has taught internationally and worked on economic development projects with indigenous knitters in Bolivia and Peru.

This interview tells us about her work and her artistic journey.

At the End of My Rope. 2019, knit cotton, rope, corda. 57”x14,5”. Photo credit Adrianne Sloane

Your work, “The End Of My Rope”, has been selected to participate in the 2022 edition of Fiber Art International. The American flag is a returning presence in this work as in previous ones. What are the reasons for this choice? And what is the message that it conveys in this work?

Created initially in response to a call for a show on rope, At The End of My Rope is a deconstructed knit American flag hanging limply from a noose. In play with the title (an expression in English meaning I’m done with this), this piece is a visceral, visual commentary on current events. Since a noose has particular resonance to an American audience, this is also a reckoning with our national history. The use of such an iconic image to address contemporary political and social issues evokes a visceral response.

Uncle Sam’s Tea Party. 2007. Knitted iron wire. 12”x18,5”x20”. Photo credit Adrianne Sloane

Does the choice of a popular (and traditionally feminine, one might say) technique such as knitting also have a conceptual value? How did you start using the textile medium in your artistic practice?

By moving the context of knitting from clothing geometry to sculpture, knitting is a medium with a link to a rich and complex fiber tradition that has the power of history behind it.

My fiber journeys started in earnest in the mid-80’s when I bought a used knitting machine and began to teach myself how it worked. Susanna Lewis’s 1986 book, A Machine Knitter’s Guide to Creating Fabrics and a 1989 Threads magazine article on the work of Judith Duffey inspired me to explore the sculptural possibilities of knitting. I experimented for many years using hats as a form to play with color and design. However, in those years but for craft shows, it was a very solitary practice.  Returning to work after a studio fire in 1999, I found my work shifting in ways that more directly reflected my own thoughts and thus felt more centered while allowing for a different type of engagement with an audience.

Marking Time. 2017. Knit cotton over wire. 84”x64”x12”. Photo credit Adrianne Sloane

It is not seldom that you embed words within your works; sometimes – I am thinking, for instance, of Marking Time – words are the very form of the work. What value does writing have within your artistic practice?

While I do have works that incorporate words in an actual piece, since the interplay between language and thought is in separable, words can help me generate ideas. For example, I looked through expressions in English related to rope choosing At the End of My Rope which spoke to me immediately as a title. The piece flowed from there. Words can also help interpret a work once completed as in Uncle Sam’s Tea Party.  For me, this process can resemble dream interpretation in that verbally describing a dream, often sheds light on its meaning.

Missing Pieces Justice. 2021. laser cut 2-sided puzzle with bag. 28”X24” Variable. Photo credit Adrianne Sloane

What is the political content in your work?  

My work often addresses such universal issues as war, climate change as well as issues of our American political system. The iconic image of the American flag appears often since it is such an evocative and recognizable symbol.

In your opinion, what is the responsibility of the artist and the role of making art in times of such rapid and radical changes?

It appears to me that there has been an increasing trend towards interconnection and fluidity among disciplines including the arts and sciences, which are inextricably linked to our search for meaning, truth and knowledge. Artists are charged with interpreting the world through an expanded lens and putting it out in the public square. For those artists who choose to address pressing social issues, art has the power to create empathy, educate and serve as a means of advancing social justice as it creates a platform for reflection, collaboration, and community building. Communicating ideas that transform the broader cultural understanding of issues can lead to positive change.

Missing Pieces Elements. 2022. Mixed Media, laser cut double sided puzzle. 42”x30”. Photo credit Adrianne Sloane

One of your recent installations is Truth to power: what is the genesis of this work? In your opinion, in the search for truth, can art be the voice of those who have no voice?

Clearly an anti-war piece, Truth to Power was the next generation of an earlier work titled Cost of War. Because it is knit wire, this work has a dimensionality that the wall piece lacked. Walking around this piece, which moves with the slight breeze as one passes, adds to its impact.  Women’s bodies are included as a result of feedback from Cost of War, displayed at Fiberart International 2007, which portrayed only men as casualties of war.

Truth to Power. 2007. knit wire. 2007. Photo credit Joe Ofria

Uno delle tue recenti installazioni è Truth to power: com’è è nata e si è sviluppata quest’opera? Secondo te, nella ricerca di verità, l’arte può essere la voce di chi voce non ha?

Chiaramente un’opera contro la guerra, Truth to Power costituisce il seguito di un’opera precedente intitolata Cost of War. Essendo un filo metallico lavorato a maglia, quest’opera ha una dimensionalità che mancava all’opera a muro. Camminare intorno all’opera, che si muove grazie allo spostamento d’aria generato dal passaggio, ne aumenta l’impatto.  L’inclusione di corpi femminili è il risultato del feedback ricevuto da Cost of War, esposta al Fiberart International 2007, che ritraeva come vittime di guerra solo uomini.

The Unraveling at the MA Statehouse. 2020

With works like The Unraveling, you engage the audience in active interaction with contemporary issues. What is the relationship your work establishes between you and the audience?

Because visual artists usually work alone, we often have limited opportunities to engage directly with viewers to gauge the impact of a piece.

The Unraveling performances allowed for amazing direct contact and feedback. Because the last presidency was so destructive and demoralizing, I was drawn to knit this piece as the visual representation of our rapid dismantling of our democracy. Unraveling an American flag with the hope that the Constitution revealed behind it would be protective, engaged audiences in all venues at a visceral level.  People would gather in a reverential silence while I unraveled the flag. I also found this to be a very emotional experience. Speaking to school children and others about the meaning of this piece, was another avenue of interaction. In real world consequences when this project wasn’t funded, a local Arts Council member resigned in support of free speech. Links to several videos of unravelings are on my website.

Since 2012, I have conducted two postcard campaigns in conjunction with my art. Titled Lobby Congress with Art, I initially sent postcards to all members of Congress to stop the infighting and work on behalf of the electorate. I then gave away postcards with images of A House Divided to anyone who agreed to write to their legislators. This also allowed me to interact directly with viewers and offering them a voice while encouraging them to get involved. It was a wonderful opportunity to engage with other viewpoints and I had many gratifying conversations as a result.

Using all fiber terms coupled with the Constitution, the text read as follows:

We The People
Respectfully demand that You Stop
tying the Country up in knots
and attend to knitting together
a national fabric of Domestic Tranquility
for a more Perfect Union. 

The Unraveling became my second postcard campaign. By happenstance, The Unraveling was quarantined at its last showing at the Massachusetts State House from March 2020 through March 2021. I did a public unraveling at there at the beginning of March before lockdown.

Sea Change. 2009. knit cotton installation. 68”x66”x10”. Photo credit Adrianne Sloane

Which movements, artists, or people have influenced you most in your artistic career?I am self-taught but as a child the arts were an important family value. We were exposed to various media including such fields as dance and ceramics. My grandmother and sister both became painters.

Since I am most drawn to fiber and/or dimension work, among the artists I find compelling are Sheila Hicks, El Anatsui and Ruth Asawa all of whose innovative styles capture my enduring interest. I also particularly admire such artists as Ai Wei Wei whose work contains influential, important messaging.

Line of Fire. 2007. knit wire. 74”x79”x55”variabile. Photo credit Adrianne Sloane

The work you are most connected to?

While I enjoy beautiful, expressive work, I am most connected to work with original and strong execution with messaging; conceptual art but only when well crafted. I always prefer that the work speaks for itself and doesn’t require extensive wall text to explain imbedded meaning.

.

Munroe Center for the Arts
1403 Mass Ave

Lexington, MA 02420
adrienne@adriennesloane.com
www.adriennesloane.com
instagram: adrienne_sloane
(617) 947.0520

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.