Interview

ALICJA KOZLOWSKA

*Foto in evidenza: “PAPRIKA CHIPS” closeup- ph: Alicja Kozlowska

Alicja Kozlowska’s artistic practice combines her passion for art and fibres with a reflection on mass production and extreme consumerism.

Born in Warsaw, Poland, she graduated in Graphic Design and is currently studying Domestic Design. Kozlowska has always been fascinated by the Pop Art movement and creates three-dimensional embroidered felt sculptures inspired by everyday objects, which she sometimes transforms into elements to be used in performances and interventions in public places.

Her works are exhibited in galleries and museums in Europe and the United States, such as The LAM Museum, Danubiana Meulensteen Art Museum, Pesti Vigadó Gallery.

In 2021 her works won the prestigious “Hand & Lock Prize for Embroidery”. She has numerous publications in specialised magazines such as Designboom, Inspirations Magazine, Elle Decoration. In 2020 she participated in the international project #iClapFor. She is currently working on the ‘i.d. project’, a study of different designers.
Alicja was recently selected to participate in Fiberart International 2022 which will be held June 3 – August 20 at the Brew House Association and Contemporary Craft in Pittsburgh, Pennsylvania

She found some time for this interview between a work of art and an exhibition.

Embroidered felt sculptures- ph: Alicja Kozlowska

The first reflection that your works arouse in me is that, due to the exasperated evolution of consumism and a compulsive overproduction, today we do not buy ‘products’ but a sum of packaging and communication strategies while the content has become almost secondary, sometimes even ‘unknown’. In the case of junk food, for example, we buy food of dubious nutritional quality but well ‘dressed’ and very well promoted. In soliciting attention to the objects of our daily life by transforming them into unique artworks, is there the desire to investigate our awareness of what things nourish our existences – body, mind, spirit?

In my works, I very often manifest a lack of consent to the convulsive consumerism engulfing us. I try to force the viewer to leave the comfort zone and change from a passive observer to an active activist for a better tomorrow. I decided to capture that without deviating from the direction I chose, using my own techniques of working with the fabric. Thanks to extensive media campaigns, the public awareness of the inexorably impending ecological disaster is growing. This does not mean, however, that we have a chance of success. Too often, we can explain irresponsible behavior to ourselves by the need to meet our daily needs. We have an inner sense of social responsibility, but on a daily basis we are carried away by the rush, the lack of time and the pursuit of technological development, which seemingly makes our lives easier and more pleasant.

I want to show a state of confusion through the lens of everyday life that surrounds us. We often talk about the problem of tons of plastic in the oceans or melting glaciers, but does anyone still pay attention to the reality that surrounds us? With the development of civilization, the world has become very small. We tread on the remains of undeveloped nature for the sake of contact with it. We create National Parks to protect nature and then transfer tons of waste there to look again at what we are just losing.

The world is changing, but I strongly believe that each of us has an impact on the direction of these changes. I would like my work to be an impulse to disturb the comfort of indifference and anonymity. My leading idea is sustainability, but it only opens the door to a long path of change and the need to break free from the bonds of indifference.

“ANDY”- ph: Alicja Kozlowska

You draw from reality giving back its… soft representation. Does the use of the textile medium have a conceptual meaning in this ‘transformation’?

First of all, modern artists, from Pablo Picasso and Marcel Duchamp on, have established that art can be made of absolutely any material, so the media of modern art, in that sense, have ranged from found or appropriated objects and materials of all kinds, to the artist’s own bodily excretions and the body itself. Following this path, combining my love for the fabric and my goal, I try to additionally strengthen the message by softening the visual layer. By giving my works softness, I try to influence the viewer by manipulating their senses. However, I can assure you that they are far from cuddly toy.

“PAPRIKA CHIPS”- ph: Alicja Kozlowska

Do you look at the world aroung you with the ‘eye of the artist’ as an infinite source of inspiration, or does the idea of ​​the artwork arise from a reflection and then you searches in everyday life the form that can best represent it through the artistic practice?

I’m inspired by daily life, everyday objects, mass culture, things to which we do not pay special attention, which are an indispensable part of our everyday life. It all intertwines with Pop Art.  It’s kind of infected in a positive sense.

I’ve always been inspired by Any Warhol and Pop Art. What in Warhol’s works captivated me the most is the utter elegance, simplicity and directness of his paintings — his ability to distill a world of information out of a picture through minimal but brilliant intervention. It reveals a profound social and technological complexity. He deals with the deepest of human emotions: desire, fear, voyeurism, how the individual intersects with culture. Painting by sewing for me is the format to address deeply negative, culturally constructed indifference. Andy Warhol proposed a witty way to inherit Marcel Duchamp’s legacy. From both Duchamp and Warhol I learned the relationship between handicraft and mass production, and between works of art and every day consumable commodities. As the times were changing, and moving to a more genderless and borderless culture, Warhol successfully embodied the spirit of the era. Now it’s time for me. The challenge is huge because cosmically more complicated present.

“FROOT LOOPS”- ph: Alicja Kozlowska

Yours is a slow and painstaking artistic practice that requires trained dexterity, which however has its roots in a fast, immediate, even ephemeral and increasingly virtual reality. In this synthesis of opposites, is there also a desire to recover the value of time and of hand made skills?

Very good point. It’s a bit like culinary art, a clash of fast-food with an exquisite restaurant where we feed not only the body but also the soul.

Our time is priceless and we unfortunately remember it too seldom. For me, everything that is made by human hands is also of great value. Regardless of whether they are wall ornaments, paintings or sculptures. I try to break the current trends and perfect my own techniques.

“KINDER SURPRISE”- ph: Alicja Kozlowska

In your ‘performances’, the reaction of the public caught by surprise to discover the anomaly in a situation or environment taken for granted, becomes an integral part of the work. Can you tell me how these performances are born and what is the feedback from the public?

It is a very interesting part of my artistic activity. For my projects, I most often use the space of large-format stores. I do it in different parts of the world, from the Far East, Europe, the Middle East and both Americas. You can often meet me in public spaces in large cities. It happens that I wander into shady surroundings if the topic of my work is, for example, degeneration.

The reactions of the audience are very different, often depending on the culture of a given place, civilization or cultural development. The inhabitants of highly developed countries react most spontaneously, but it does not mean that they can correctly read my message. I also noticed that I arouse the greatest interest among relatively young people and the older generation. The former are interested in the idea and meaning of the message, while the latter focus more on the technique of performance and mapping details.

“CHEETOS”- ph: Alicja Kozlowska

Textiles always have a characteristic linked in one way or another to memory. Do you find in your choice of this medium a link with a memory – of childhood, familiar, ancestral?

As a child, my grandmother taught me to sew and crochet. It was from her that I learned the basic, popular techniques. I have traveled a lot and had the opportunity to see the work of the masters of this art all over the world. Over time, gaining more and more practice I developed my own one.

“MARLBORO”- ph: Alicja Kozlowska

Is there also an ironic component in your works?

I will begin with a quote from Eric Fischl: “There’s nothing insincere about irony.”

If my works were to be cleared of the idea that guided me, they could all be considered ironic. The entire Pop-art trend could be considered ironic. In my opinion, it all depends on the perception and understanding of art. I sometimes ironize my own projects by adding elements that break the message contained in them.

“CAMPBELL’S SOUP”- ph: Alicja Kozlowska

Yours are small works that betray a great mastery of the medium. How many techniques and materials do you use in your practice? And how much effort did this training require?

I started my artistic path very typically through adventures with graphics, sculpture and painting. At the same time, as if involuntarily reaching for textiles, I sewed, embroidered, and crocheted. I was constantly stimulated by the reality that surrounded me, especially the political, environmental and mass production problems that were present. Painting by sewing for me is the format to address deeply negative, culturally constructed indifference. I create 3d embroidered felt sculptures of everyday objects to provide an opportunity to rethink these items we take for granted. I create the aesthetics of Pop Art. In my works, I use a needle, like a brush. I combine various materials from labels, newspapers, foils, to felt and fabric.

“SARDINES CAN14”- ph: Alicja Kozlowska

For the few who still consider textile works only crafts or a hobby and mainly a prerogative of women, what would you say?

Gender doesn’t matter in my opinion. There is no need to prove that I’m an artist. Art is a very broad concept. I am not in favor of classifying and defining creative processes. I believe that everyone who would like to create, should search and experiment as much as possible, not close on one technique. If you lack inspiration and have the impression of repetition, take a step back, forget about trends and just start creating. As Andy Warhol used to say: “I just do art because I’m ugly and there’s nothing else for me to do.”

Interviste

ALICJA KOZLOWSKA

*Foto in evidenza: “PAPRIKA CHIPS” closeup- ph: Alicja Kozlowska

Nella sua pratica artistica Alicja Kozlowska coniuga la sua passione per l’arte e per le fibre con la riflessione sulla produzione di massa e il consumismo esasperato.

Nata a Varsavia, in Polonia, si è diplomata in Graphic Design e attualmente studia Domestic Design. Da sempre affascinata dalla Pop Art, Kozlowska crea sculture tridimensionali in feltro ricamate ispirate dagli oggetti di uso (e di consumo) quotidiano della realtà che ci circonda che trasforma talvolta in elementi per performance ed interventi in luoghi pubblici.

Le sue opere sono esposte in gallerie e musei in Europa e negli Stati Uniti, come ad esempio The LAM Museum, Danubiana Meulensteen Art Museum, Pesti Vigadó Gallery.

Nel 2021 le sue opere hanno meritato il prestigioso “Hand & Lock Prize for Embroidery”. Ha numerose pubblicazioni su riviste specializzate come Designboom, Inspirations Magazine, Elle Decoration. Nel 2020 ha partecipato al progetto internazionale #iClapFor. Attualmente sta lavorando a “i.d. project”, uno studio di diversi disegnatori che interpretano diverse personalità.

Alicja è stato di recente selezionata per partecipare alla Fiberart International 2022 che si terrà dal 3 Giugno al 20 Agosto presso la Brew House Association e presso la Contemporary Craft  in Pittsburgh, Pennsylvania.

E tra un’opera e una mostra ha trovato un po’ di tempo per regalarci questa intervista.

Sculture di feltro ricamate- ph: Alicja Kozlowska

La prima riflessione che mi suscitano le tue opere è che, a causa dell’evoluzione esasperata di un modello di sviluppo consumistico e di una sovrapproduzione compulsiva oggi acquistiamo non ‘prodotti’ ma una somma di packaging e strategie di comunicazione mentre il contenuto è diventato quasi secondario. Nel caso del junk food, ad esempio, compriamo cibo di dubbia qualità nutritiva ma ‘vestito’ e raccontato meravigliosamente. Nel sollecitare l’attenzione verso gli oggetti della nostra vita quotidiana trasformandoli in opere uniche rientra anche la volontà di indagare la nostra consapevolezza delle cose di cui nutriamo – corpo, mente, spirito – la nostra esistenza?

Nelle mie opere, molto spesso manifesto il mio scarso consenso al consumismo convulso che ci inghiotte. Cerco di costringere lo spettatore a abbandonare la sua zona di comfort per trasformarsi da osservatore passivo ad attivista, attivo per un domani migliore. Ho deciso di rendere visivamente questi aspetti senza deviare dalla direzione che ho scelto, servendomi delle mie tecniche di lavorazione che coinvolgono il tessuto. Grazie a vaste campagne mediatiche, la consapevolezza pubblica del disastro ecologico inesorabilmente imminente sta crescendo. Questo non significa, tuttavia, che avremo successo. Troppo spesso, giustifichiamo a noi stessi un comportamento irresponsabile con la necessità di soddisfare i nostri bisogni quotidiani. Abbiamo un senso interiore di responsabilità sociale, ma quotidianamente ci lasciamo trasportare dalla fretta, dalla mancanza di tempo e dal perseguimento dello sviluppo tecnologico, che apparentemente rende la nostra vita più facile e piacevole.

Attraverso la lente della vita quotidiana mi interessa mostrare lo stato di confusione. Parliamo spesso del problema delle tonnellate di plastica negli oceani o dello scioglimento dei ghiacciai, ma qualcuno presta ancora attenzione alla realtà? Con lo sviluppo della civiltà, il mondo è diventato molto piccolo. Calpestiamo i resti della natura non sviluppata per avere un contatto con essa, creiamo parchi nazionali per proteggere l’ambiente e poi vi trasferiamo tonnellate di rifiuti per poter vedere nuovamente ciò che stiamo perdendo. Il mondo sta cambiando, ma credo fortemente che ognuno di noi abbia un impatto sulla direzione di questi cambiamenti. Vorrei che il mio lavoro potesse agire da stimolo per disturbare la comodità dell’indifferenza e dell’anonimato. La mia idea trainante è quella della sostenibilità, ma questo apre solo uno spiraglio verso un lungo percorso di cambiamento, alla necessità di liberarsi dai legami dell’indifferenza.

“ANDY”- ph: Alicja Kozlowska

Attingi dalla realtà restituendone la rappresentazione…morbida. L’utilizzo del medium tessile ha un valore concettuale in questa ‘trasformazione’?

Prima di tutto, gli artisti moderni, da Pablo Picasso e Marcel Duchamp in poi, hanno stabilito che l’arte può essere realizzata con qualsiasi materiale. I media dell’arte moderna, in questo senso, spaziano da oggetti trovati o appropriati a materiali di tutti i tipi, alle escrezioni corporee dell’artista stesso, al corpo. Seguendo questo percorso, combinando il mio amore per il tessuto con il mio obiettivo, cerco di rafforzare ulteriormente il messaggio ammorbidendo lo strato visivo. Dando morbidezza alle mie opere, cerco di influenzare lo spettatore manipolando i suoi sensi. Tuttavia, posso assicurarvi che i miei oggetti sono tutt’altro che un giocattolo coccoloso.

“PAPRIKA CHIPS”- ph: Alicja Kozlowska

Osservi il mondo già con gli occhi dell’artista, ovvero come un’infinita fonte di ispirazione, oppure l’idea dell’opera nasce da una riflessione che poi cerca nel quotidiano la forma che meglio può rappresentarla attraverso la pratica artistica?

Sono ispirata dalla vita quotidiana, dagli oggetti di tutti i giorni, dalla cultura di massa, dalle cose a cui non prestiamo particolare attenzione, ma che sono parte indispensabile della nostra vita quotidiana. Tutto questo si intreccia con la Pop Art. È una specie di contagio in senso positivo.

Sono sempre stata ispirata da Andy Warhol e dalla Pop Art. Ciò che nelle opere di Warhol mi ha affascinato di più è l’assoluta eleganza, semplicità e immediatezza dei suoi dipinti – la sua capacità di distillare un mondo di informazioni in un quadro attraverso un intervento minimo ma brillante. La sua opera rivela una profonda complessità sociale e tecnica. Si occupa delle emozioni umane più profonde: desiderio, paura, voyeurismo; come l’individuo si interseca con la cultura. Dipingere cucendo per me è il mezzo per affrontare un’indifferenza culturalmente costruita e profondamente negativa. Andy Warhol ha proposto un modo arguto di elaborare l’eredità di Marcel Duchamp. Sia da Duchamp che da Warhol ho appreso la relazione tra artigianato e produzione di massa, tra opere d’arte e beni di consumo quotidiani. Mentre i tempi cambiavano e si muovevano verso una cultura senza genere e senza confini, Warhol ha incarnato con successo lo spirito dell’epoca. Ora è il momento per me. La sfida è enorme perché il presente è cosmicamente più complicato.

“FROOT LOOPS”- ph: Alicja Kozlowska

La tua è una pratica artistica lenta e certosina che richiede una manualità allenata, che affonda però le radici in una realtà veloce, immediata, persino effimera e sempre più virtuale. In questa sintesi degli opposti c’è anche una volontà di recupero del valore del tempo e del saper fare con le mani?

Ottima osservazione. È un po’ come l’arte culinaria, il contrasto tra un fast-food e un ristorante squisito dove nutriamo non solo il corpo ma anche l’anima. Il nostro tempo non ha prezzo e purtroppo ce ne ricordiamo troppo raramente. Per me, tutto ciò che è fatto da mani umane ha anche un grande valore. Indipendentemente dal fatto che siano ornamenti murali, dipinti o sculture. Provo a infrangere le tendenze attuali e a perfezionare le mie tecniche.

“KINDER SURPRISE”- ph: Alicja Kozlowska

Nelle tue ‘performance’ la reazione del pubblico colto di sorpresa a scoprire l’anomalia in una situazione o in un ambiente che diamo per scontato, diventa parte integrante dell’opera. Mi racconti come nascono queste performance e qual è il riscontro da parte dei fruitori?

È una parte molto interessante della mia attività artistica. Per i miei progetti, spesso uso lo spazio di negozi dalle grandi dimensioni. Lo faccio in diverse parti del mondo, dall’Estremo Oriente, all’Europa, al Medio Oriente e alle due Americhe. Potete spesso incontrarmi negli spazi pubblici delle grandi città. Capita che mi aggiri in ambienti poco illuminati se il tema del mio lavoro è, per esempio, la degenerazione.

Le reazioni del pubblico sono molto diverse, spesso dipendono dalla cultura di un dato luogo, dalla civiltà o dallo sviluppo culturale. Gli abitanti dei paesi altamente sviluppati reagiscono più spontaneamente, ma ciò non significa che possano leggere correttamente il mio messaggio. Ho anche notato che suscito il maggior interesse tra persone relativamente giovani o nella generazione più anziana. I primi sono interessati all’idea e al significato del messaggio, mentre i secondi si concentrano maggiormente sulla tecnica di esecuzione e sui dettagli di mappatura.

“CHEETOS”- ph: Alicja Kozlowska

Il tessile ha sempre una caratteristica legata in un modo o nell’altro alla memoria. Ritrovi nella tua scelta di questo medium un legame con una memoria – infantile, famigliare, ancestrale?

Da bambina, mia nonna mi ha insegnato a cucire e a lavorare all’uncinetto. È da lei che ho imparato le tecniche di base più conosciute. Ho viaggiato molto e ho avuto l’opportunità di ammirare il lavoro dei maestri di quest’arte in tutto il mondo. Con il tempo, acquisendo sempre più pratica ho sviluppato il mio stile.

“MARLBORO”- ph: Alicja Kozlowska

C’è anche una componente ironica nei tuoi lavori?

Inizierò con una citazione di Eric Fischl: “Non c’è niente di insincero nell’ironia”.

Se le mie opere dovessero essere sganciate dall’idea che le ha generate, potrebbero essere considerate tutte ironiche. L’intera corrente della Pop-art potrebbe essere considerata ironica. Secondo me, tutto dipende dalla percezione e dalla comprensione dell’arte. A volte rendo ironici i miei progetti aggiungendo elementi che rompono il messaggio contenuto in essi.

“CAMPBELL’S SOUP”- ph: Alicja Kozlowska

I tuoi sono piccoli lavori che tradiscono una grande padronanza del medium. Quante tecniche e materiali utilizzi nella tua pratica? E quanto impegno ha richiesto questa formazione?

Ho iniziato il mio percorso artistico in maniera tipica attraverso esperienze con la grafica, la scultura e la pittura. Allo stesso tempo, era come se involontariamente mi avvicinassi sempre di più ai tessuti: cucivo, ricamavo e lavoravo all’uncinetto. Ero costantemente stimolata dalla realtà che mi circondava, soprattutto dai problemi politici e ambientali legati alla produzione di massa. Dipingere cucendo per me è il mezzo per affrontare un’indifferenza profondamente negativa e culturalmente costruita. Creo sculture in feltro ricamate in 3D di oggetti quotidiani per fornire un’opportunità di ripensare gli oggetti che diamo per scontati. Creo l’estetica della Pop Art. Nelle mie opere uso un ago come un pennello. Combino vari materiali, etichette, giornali, pellicole, feltro e tessuto.

“SARDINES CAN14”- ph: Alicja Kozlowska

Per i pochi che ancora considerano le opere tessili solo nell’ambito dell’artigianato e dell’hobbistica e ad appannaggio soprattutto femminile, cosa diresti?

Secondo me il genere non ha importanza. Non c’è bisogno di dimostrare che sono un artista. L’arte è un concetto molto ampio. Non sono favorevole a classificare e definire i processi creativi. Credo che chiunque voglia creare, dovrebbe cercare e sperimentare il più possibile, non limitarsi a una sola tecnica. Se vi manca l’ispirazione e avete l’impressione di ripetere, fate un passo indietro, dimenticatevi delle mode e iniziate a creare. Come diceva Andy Warhol: “Faccio arte solo perché sono brutto e non c’è altro da fare per me”.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.