• 3 Dicembre 2022 1:00

ALLIES FOR ART: WORK FROM NATO-RELATED COUNTRIES. L’impatto dell’instabilità politica sull’arte

English (Inglese)

*Foto in evidenza: Installation shot, Allies for Art: Work from NATO-related countries, browngrotta arts, Wilton, CT (October 8-16). Works by Lilla Kulka, Jolanta Owidzka, Jolanta Banaszkiewicz and Agnieszka Ruszczynska-Szafranska of Poland, Agneta Hobin of Finland and Adela Akers of Spain and the US. Photo by Tom Grotta

browngrotta arts
276 ridgefield rd
Wilton, CT, USA

8-17 ottobre 2022
Inaugurazione sabato 8 ottobre
dalle 13.00 alle 18.00
Orari:Domenica 9 ottobre dalle 11.00 alle 18.00
Da lunedì a sabato, dal 10 al 15 ottobre
dalle 10.00 alle 17.00
Domenica 16 ottobre dalle 11.00 alle 18.00
Installation shot, Allies for Art: Work from NATO-related countries, browngrotta arts, Wilton, CT (October 8-16). Works by Gyöngy Laky of Hungary and the US, Rachel Max from the UK, and Anna Urbanowicz-Krowacka of Poland. Photo by Tom Grotta

L’instabilità politica può dare vita a un’arte inaspettata e coinvolgente. Può influenzare la carriera di un artista per tutta la vita. Gli attuali sconvolgimenti in Ucraina e le preoccupazioni per la sicurezza dei Paesi europei vicini suggeriscono l’eco delle esperienze degli artisti esposti da browngrotta arts che hanno vissuto, sono fuggiti o sono emigrati da regimi repressivi. Quest’autunno, in considerazione degli eventi politici passati e presenti, browngrotta arts metterà in mostra opere provenienti da 20 Paesi dell’Europa orientale e occidentale, 17 Paesi della NATO e i tre attuali candidati.

24ik Limited Space 2, Irina Kolesnikova (Russia/Germany) flax, silk, polyester, hand woven, 20" x 16" x 1.625", 2022. Irina Kolesnikova left Russia for Germany in 2005. Kolesnikova has created an "alter ego" who often appears in her works. He is a "slightly comic, clumsy human in an uncertain age, who is just a survivor and struggles to keep his existence balanced.” His search for balance reflects life in Russia. "The traditional credo of life,” she says, " is to survive, to hide, to find a sphere of activity in which you can do what is interesting for you. The main thing is that the official authoritarian ideology could not penetrate there … ". Photo by Tom Grotta

I quasi 50 artisti in mostra riflettono prospettive ed esperienze diverse. Alleati per l’arte: Work from NATO-related Countries (8-16 ottobre 2022) includerà opere create durante l’occupazione, negli anni ’60, ’70 e ’80, opere di coloro che hanno lasciato l’Ungheria, la Romania e la Spagna durante l’occupazione e opere di altri artisti che hanno lasciato la Russia negli anni successivi. Alcuni artisti che vivono ora nell’area hanno condiviso i loro sentimenti di disagio per le condizioni attuali. La famiglia di Gyöngy Laky, ad esempio, è fuggita dall’Ungheria occupata dai sovietici dopo la Seconda guerra mondiale, in Austria e poi in America, esperienze che si riflettono nelle sue opere a tema politico. La famiglia di Adela Akers ha lasciato la Spagna di Franco, prima per Cuba e poi per gli Stati Uniti. Negli anni Sessanta e nei primissimi anni Settanta, l’opera espressiva di Ritzi Jacobi in arazzo, astratta per natura, le permise di aggirare la preferenza del governo rumeno per l’arte accademica e figurativa che sosteneva l’ideologia comunista.

Installation shot, Allies for Art: Work from NATO-related countries, browngrotta arts, Wilton, CT (October 8-16). Tapestry by Jolanta Owidzka of Poland; vessels by Gjertrud Hals of Norway. Photo by Tom Grotta

Molti degli altri artisti dell’Europa orientale presenti in mostra, tra cui Jolanta Owidzka, Zofia Butrymowicz, Anna Urbanowicz-Krowacka e Krystyna Wojtyna-Drouet della Polonia e Luba Krejci e Jan Hladik della Cecoslovacchia, sono stati introdotti al pubblico statunitense tra gli anni Sessanta e Ottanta dai galleristi di Chicago Jacques e Anne Baruch, che hanno portato le loro opere fuori dai Paesi sottoposti a regimi oppressivi. Il 20 agosto 1968, ad esempio, i Baruch lasciarono Praga dopo aver incontrato gli artisti, appena cinque ore prima che i carri armati sovietici entrassero in città e ponessero brutalmente fine a un breve periodo di riforme democratiche.

2mv Coralima, Mercedes Vicente (Spain), canvas, 13.5" x 23.5" x 12", 2022. Photo by Tom Grotta

“Eravamo affascinati dalla loro energia, dai loro esperimenti e dalle loro composizioni audaci”, scriverà Anne dei fiber artist polacchi incontrati dai Baruch nel 1970. “Anche se c’era… carenza di studi, di materiali e della maggior parte delle necessità della vita quotidiana, tutti i loro problemi non ostacolavano il loro lavoro. Anzi, hanno stimolato la loro creatività e l’uso di sisal, corda, metallo, crine e vello, oltre ai tradizionali lana, lino e seta, e hanno rivelato un nuovo pensiero artistico, con risultati dinamici e altamente personali e originali”.

Installation shot, Allies for Art: Work from NATO-related countries, browngrotta arts, Wilton, CT (October 8-16). Works by Peter and Ritzi Jacobi of Romania, Anna Urbanowicz-Krowacka of Poland and Adela Akers of Spain and the US. Photo by Tom Grotta

Alleati per l’arte: Work from NATO-related countries includerà anche opere attuali create da artisti europei, tra cui Gudrun Pagter della Danimarca, Åse Ljones della Norvegia, Włodmierz Cygan della Polonia e artisti nuovi alle arti della browngrotta, tra cui Esmé Hofman dei Paesi Bassi, Anneke Klein della Danimarca e Baiba Osite della Lettonia. Anche se fuori dai confini, gli sconvolgimenti politici nelle vicinanze possono avere un peso. L’artista tedesca Heidrun Schimmel afferma che, vivendo in un Paese unito e sicuro nella NATO dal 1989, “ora è difficile per noi imparare: … tutto è appeso a un filo…”. Rachel Max, la cui famiglia ha lasciato l’Austria nel 1938 e 1939 e la Russia e l’Ungheria prima della prima guerra mondiale, afferma che la guerra in Ucraina “ha creato un senso di paura e instabilità che non avrei mai pensato di sperimentare in Europa. Il mondo sembra improvvisamente più piccolo e il conflitto non sembra più così lontano”.

Installation shot, Allies for Art: Work from NATO-related countries, browngrotta arts, Wilton, CT (October 8-16). Works by Åse Ljones of Norway and Axel Russmeyer of Germany. Photo by Tom Grotta

La mostra sarà accompagnata da un catalogo a colori, che includerà un saggio di Kate Bonansinga, direttrice della School of Art, College of Design, Architec- ture, Art, and Planning dell’Università di Cincinnati, Ohio.

City Walls by Baiba Osite of Latvia. Featured in Allies for Art: Work from NATO-related countries (October 8-16, 2022). Photo by Tom Grotta

browngrotta arts
Fondata nel 1987 a Wilton, nel Connecticut, browngrotta arts espone opere scultoree e a tecnica mista uniche nel loro genere, ponendo l’accento sul concetto, supportato dalla tecnica. L’attenzione è rivolta ai materiali e alla maestria tecnica dell’artista come elementi intrinseci al significato dell’opera, privilegiando il valore estetico rispetto all’utilità. Opere d’arte di qualità museale di oltre 100 artisti internazionali sono rappresentate attraverso cataloghi d’arte, fiere d’arte, mostre congiunte in musei, spazi commerciali e una galleria online. Rappresentando molti degli artisti che hanno contribuito a definire la moderna fiber art fin dagli anni Cinquanta, browngrotta arts riflette l’occhio e l’intelletto colti dei suoi co-curatori, i coniugi Tom Grotta e Rhonda Brown. I fondatori aprono due volte l’anno la loro casa privata – un fienile a due piani costruito nel 1895, ampliato e modernizzato dall’architetto David Ling nel 2000 – per “Art in the Barn”, mostre uniche in stile salotto. browngrot- ta arts ha pubblicato 54 cataloghi d’arte e ha inserito opere in collezioni private e aziendali negli Stati Uniti e all’estero, tra cui le collezioni permanenti del Metropolitan Museum of Art, del Museum of Arts and Design, dell’Art Institute of Chicago, del Philadelphia Museum of Art e della Renwick Gallery dello Smithsonian American Art Museum. Collaborano regolarmente con architetti e interior designer offrendo consulenze per opere d’arte commissionate e installazioni site-specific per spazi commerciali e residenziali. Una selezione di opere è in mostra e disponibile per richieste di vendita su browngrotta.com