Interview

ALLISON HUDSON

Allison Hudson was born and raised outside Philadelphia, PA. After earning her B.A. from Vassar in Asian Studies, she studied painting and sculpture at the University of North Carolina (Chapel Hill) and ceramic sculpture in the MFA program at the University of Arizona. She went on to pursue creative careers including a ten-year stint as an entrepreneur and a nationally recognized cake designer. In 2020, Allison kick-started her reemergence as a professional artist. Since then, she has taken part in juried group shows, been published in the No Name Collective Magazine (UK) and Shoutout LA, and sold work to a growing group of collectors worldwide. Currently, Allison lives and works in Philadelphia

Skin repeats. Copyright Allison Hudson

In your experience, is art a vocation, an innate talent, or a conscious choice?

I believe it’s all of the above – and also a calling. I resisted it for many years, trying to be more practical. But I always felt like the ‘creative’ vocations I pursued simply weren’t enough. They were a compromise. It wasn’t until I came back to art after a very long (and unintentional) hiatus, that I finally realized my authentic path was making art and I needed to fully embrace it.

Skin repeats (detail). Copyright Allison Hudson

In your artistic practice you use different materials. What is the criterion that guides you in choosing these materials?

I view all of my work as experimentation. I love playing with different materials to see what they can do and how far I can push them. Impermanence is an important concept in my work and something which certainly plays a role in the materials I choose. Fabric, clay, and wax will lose shape and disintegrate over time, becoming something else entirely. But in the present, they can be manipulated endlessly to create form that is unrecognizable to the raw materials.

Skin mourns. Copyright Allison Hudson

How important is tactility in your artistic practice? And what does the manipulation of the elements that make up your works mean to you?

My practice is very process-driven and working with my hands is an integral part of that. Everything gets touched, and it’s quite messy making this work. But that’s when I get lost in it, and things start to happen. I’m typically building, tearing apart, and mending materials back together – this process is both meaningful conceptually and it produces work that is new in form and separate from its material of origin.

Skin mourns (detail 2). Copyright Allison Hudson

How do your sculptures develop: where does the inspiration come from and how does it take shape to become a work of art?

Most of my work starts with listening to music and daydreaming on the couch. Sometimes I’ll make rough sketches, but often I rely on the images that stick in my mind. From there, I start to make the components I feel like I need to create the work. Once those are complete, I play, assemble, disassemble, cut apart, sew together, and generally end up creating something entirely different from the original image in my head. But that’s all part of the process and sometimes it works and often it doesn’t – but it always leads to the next thing.

Piece me together with a needle and thread. Copyright Allison Hudson

What is the cornerstone of your artistic research?

My work is very much internally driven, and I’d say the very basic foundation is the search for truth. Within that, I’ve explored the concepts of cycles, regeneration, transformation, and impermanence. My current interest is in sexuality and the female body and psyche in relation to these broader concepts. But truth be told, the ‘meaning’ of the work typically becomes clear to me only after the work is made.

discards in pink. Copyright Allison Hudson

What is metamorphosis for you?

My exploration of metamorphosis is a personal one. As a woman in mid-life, I’m in the midst of transformation – physically, as my body changes and becomes something new – and spiritually, as I shed layers to become more authentic and truer to myself. I think the process of aging is freeing, and the increasingly translucent quality of my work is reflective of that. I see my new barely-there pieces as the ‘skins’ that are shed during transformation.

discards in pink (detail). Copyright Allison Hudson

What is the relationship that is established between you and the observer through the work of art?

I hope to connect with the viewer in some way. Although I know what the work means to me, I have no preconceived notions about how someone will react to it. I’m often surprised, in fact, when the viewer feels the same way about a work as I do. I think, wow, it’s as if they’ve gotten a glimpse into the innerworkings of my brain. If the work has an impact, if it makes the observer feel something, then I view that as a successful piece.

Who are the artists who have most influenced your art?

Eva Hesse, Magdalena Abakanowicz, Hannah Wilke, Ursula von Rydingsvard, Phyllida Barlow, and so many more.

As One. Copyright Allison Hudson

What are your (art) plans for the near future?

After 27 years in the Pacific Northwest, I’ve just moved across the country and finally settled in Philadelphia. So, for the immediate future, I need to set up my studio and get back to work! I’m also looking forward to getting to know the Philly arts community and to making lots of new work – pushing boundaries, experimenting, and making larger pieces including installation

Bundles. Copyright Allison Hudson
Interviste

ALLISON HUDSON

Le opere di Allison Hudson sono tattili e fragili allo stesso tempo, realizzate combinando materiali, tecniche e persino discipline diverse in un’interconnessione che è parte integrante della ricerca e della pratica dell’artista.

Attraverso la manipolazione della materia l’artista lascia un’impronta personale sui suoi lavori, affascinata dalla possibilità di trasformarla conferendole una forma nuova in un processo di decostruzione e ricostruzione, distruzione e riparazione che esplora le diverse declinazioni della metamorfosi.

La sua arte è ispirata dal suo mondo interiore, dalla riflessione sui cicli di cambiamento, lasciando all’osservatore uno spazio che invita alla contemplazione.

Allison Hudson è nata e cresciuta vicino a Philadelphia, PA. Dopo la laurea in Studi Orientai a Vassar, ha studiato pittura e scultura all’Università del Nord Carolina (Chapel Hill) e scultura in ceramica nel programma MFA dell’Università dell’Arizona. Ha poi intrapreso vari tipi di carriere nel campo della creatività, tra cui un periodo di dieci anni come imprenditrice e cake designer riconosciuta a livello nazionale. Nel 2020, Allison ha iniziato a riemergere come artista professionista. Da allora ha partecipato a mostre collettive con giuria, è stata pubblicata sulla rivista No Name Collective Magazine (Regno Unito) e su Shoutout LA e ha venduto opere a un gruppo crescente di collezionisti in tutto il mondo. Attualmente vive e lavora a Philadelphia

Skin repeats. Copyright Allison Hudson

In base alla tua esperienza, ritieni l’arte una vocazione, un talento innato o una scelta consapevole?

Ritengo sia tutto questo, e in più una ‘chiamata’, a cui io ho resistito per molti anni, tentando invano di intraprendere una strada più pratica. Ma ho sempre pensato che le vocazioni ‘creative’ a cui mi dedicavo non fossero abbastanza. Erano un compromesso. Solo dopo essere tornata all’arte dopo una lunga (e non voluta) pausa ho finalmente accettato il fatto che la mia vera strada era nell’arte e che dovevo accettarlo senza tirarmi indietro.

Skin repeats (detail). Copyright Allison Hudson

Nella tua pratica artistica utilizzi materiali diversi. Qual è il criterio che ti guida nella scelta di questi materiali?

Considero tutto il mio lavoro come una sperimentazione. Mi piace giocare con i diversi materiali e vedere cosa riesco a farne e fino a che punto posso arrivare. L’impermanenza è un concetto importante nel mio lavoro e un fattore che sicuramente incide sulla mia scelta dei materiali. Il tessuto, l’argilla e la cera perdono la propria forma e si disintegrano con il tempo, diventando qualcosa di completamente diverso. Ma nel presente possono essere manipolati all’infinito per creare una forma senza alcuna somiglianza con il materiale di partenza.

Skin mourns. Copyright Allison Hudson

Quanto è importante la tattilità nella tua pratica artistica e cosa vuol dire per te la manipolazione degli elementi che costituiscono le tue opere?

La mia pratica artistica è decisamente orientata al metodo e il lavoro manuale è una parte integrande di tale processo. Tutto viene toccato, e il lavoro può diventare caotico. Ma proprio quando questo accade perdo il contatto con la realtà e qualcosa comincia a prendere forma. In genere costruisco, strappo e rammendo i materiali. Questo processo non è soltanto significativo dal punto di vista concettuale, produce anche un risultato con una forma nuova che si distingue dal materiale di partenza.

Skin mourns (detail 2). Copyright Allison Hudson

Come si sviluppano le tue sculture: da dove nasce l’ispirazione e come prende forma per diventare un’opera d’arte?

La maggior parte delle mie opere prende forma mentre ascolto la musica e sogno a occhi aperti sul divano. A volte abbozzo qualche schizzo, ma spesso mi affido alle immagini che mi rimangono in mente. Partendo da questo organizzo i singoli componenti che sento necessari alla creazione delle mie opere. Una volta finito, gioco, assemblo, smonto, taglio, cucio e in genere finisco per creare qualcosa di completamente diverso dall’immagine originale che avevo in mente. Ma tutto questo fa parte del processo, a volte funziona e spesso no, ma inevitabilmente porta al passo successivo.

Piece me together with a needle and thread. Copyright Allison Hudson

Qual è la cifra distintiva della tua ricerca artistica?

La mia arte viene da dentro, si basa soprattutto sulla ricerca della verità. In quest’ottica ho esplorato i concetti dei cicli, della rigenerazione, della trasformazione e dell’impermanenza. Al momento il mio interesse verte sulla sessualità e sul corpo e la psiche femminile in relazione a questi concetti più ampi. Ma, a dire il vero, il vero ‘significato’ dell’opera diventa chiaro solo a lavoro terminato.

discards in pink. Copyright Allison Hudson

Cosa significa per te la metamorfosi?

L’esplorazione della metamorfosi è molto personale nel mio caso. Come donna di mezza età, mi trovo nel bel mezzo di una trasformazione: fisica, perché il mio corpo cambia e diventa qualcosa di nuovo, e spirituale, perché mi libero degli strati per diventare più autentica e più vera con me stessa. Trovo il processo di invecchiamento liberatorio e la qualità sempre più traslucida del mio lavoro ne è un riflesso. Considero queste mie nuove opere in procinto di formarsi come le “pelli” che si liberano durante la trasformazione.

discards in pink (detail). Copyright Allison Hudson

Qual è la relazione che si viene a creare fra te e il pubblico attraverso l’opera d’arte?

Mi auguro di riuscire a stabilire un qualche tipo di relazione. Anche se so cosa significa per me l’opera, non ho preconcetti su come reagiranno gli altri ad essa. Spesso rimango sorpresa quando lo spettatore prova le stesse mie sensazioni nei confronti di un’opera. Penso: “è incredibile, è come se avessero dato un’occhiata ai meccanismi interni del mio cervello”. Se l’opera è di impatto, se fa provare qualcosa all’osservatore, allora la considero un’opera riuscita.

As One. Copyright Allison Hudson

Quali sono gli artisti che hanno influenzato maggiormente la tua arte?

Eva Hesse, Magdalena Abakanowicz, Hannah Wilke, Ursula von Rydingsvard, Phyllida Barlow e molti altri.

Che programmi hai (in campo artistico) per il futuro?

Dopo gli ultimi 27 anni nel Pacifico nord-occidentale, mi sono da poco trasferita dall’altra parte del Paese e finalmente mi sono stabilita a Philadelphia. Quindi, nell’immediato futuro, ho bisogno di allestire il mio studio e di rimettermi al lavoro! Non vedo l’ora di conoscere la comunità artistica di Philadelphia e di realizzare molti nuovi lavori, spingendomi oltre i limiti, sperimentando e realizzando opere più grandi, comprese le installazioni.

Bundles. Copyright Allison Hudson

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.