Alvaro Gómez “A return to the thread”

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

English (Inglese)

22 Aprile – 12 Giugno 2021

Henrique Faria New York presenta “A Return to The Thread”, la prima mostra di Alvaro Gómez Campuzano con la galleria. Questa presentazione riunisce una selezione di opere tessili create dai primi anni ’70 al 1990. Il titolo di questa mostra fa riferimento all’origine stessa dell’arte tessile, il filo.

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

Facendo riferimento a questa tradizione preispanica, il critico e storico dell’arte colombiano Eduardo Serrano scrive: “La creatività mostrata attraverso la produzione tessile fa parte della nostra eredità preistorica, e in particolare del patrimonio indigeno dell’America Latina. Questo patrimonio, ampiamente apprezzato dai più prestigiosi artisti tessili internazionali – a cominciare da Anni Albers, a cui è attribuita l’introduzione dell’arte tessile al Bauhaus, e per estensione all’arte moderna -, rappresenta un inestimabile patrimonio culturale che funge da ispirazione o fonte attraverso quale introdursi ad altri modi di pensare correlati, non solo per quanto riguarda le caratteristiche e le qualità specifiche di questa modalità creativa, ma anche per gli obiettivi dell’arte moderna. In effetti, Anni Albers ha fatto quattordici viaggi con suo marito, il famoso pittore Josef Albers, in vari paesi dell’America Latina per studiare l’eredità e la produzione di tessuti “.

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

Nel corso dei suoi quarant’anni di carriera, lo studio di Álvaro Gómez Campuzano si è ispirato principalmente alla natura, alle culture antiche, alla storia dell’arte, all’architettura, alla calligrafia, alla musica e alla moda. Gómez Campuzano ha raggiunto la maturità artistica in Colombia nei primi anni settanta durante i suoi anni formativi mentre studiava architettura e paesaggio presso l’Università Javeriana di Bogotá, frequentando contemporaneamente l’IDEC (Instituto de Desarrollo de la Expresión Colombiana), dove ha studiato ceramica. All’epoca lavorava anche fianco a fianco con Carlos Laserna, lo stilista con il quale Gómez fondò un laboratorio tessile a Bogotà chiamato “EL HUSO” nel 1973. “Huso”, è la parola spagnola che indica un componente fondamentale per la filatura di fibre per realizzare filati e fili per tessuti. La tradizione tessile della Colombia risale all’epoca precolombiana. La produzione tessile era una parte importante della vita di queste culture. I tessitori hanno realizzato tessuti eccezionalmente belli che rivaleggiano con ciò che è stato creato a mano da artisti contemporanei oggi. Gli antichi tessuti di questa regione erano costituiti da fibre tessute e filate a mano, cotone o lana, esattamente come quelle usate da Gómez in questa mostra.

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

Ottenere che i tessuti ricevessero il giusto riconoscimento non solo come opera di artigianato ma piuttosto come disciplina importante e legittima come la pittura o la scultura, non è stato un compito facile. Anche nel Bauhaus, le opere tessili erano relegate al regno femminile e, nella maggior parte dei casi, legate all’artigianato fatto a mano dalle donne. Tradizionalmente il termine “arte” veniva usato per riferirsi a qualsiasi abilità o maestria, un concetto che cambiò durante il diciannovesimo secolo, quando l’arte divenne una facoltà speciale della mente umana da affiancare alla religione e alla scienza. Questa distinzione tra artigianato e belle arti si applica anche alle arti tessili, dove il termine Textile art è ora usato per descrivere oggetti a base tessile che non sono destinati all’uso pratico o decorativo. Serrano aggiunge: “Questo per dire che i tessuti come modalità artistica sono, prima di ogni altra cosa, astrazioni sensoriali che combinano proprietà visive e materiche attraverso le quali possono riflettersi sviluppi geografici, sociali ed estetici. Grazie ad Albers e altri artisti che hanno continuato su questo percorso, l’arte tessile contemporanea è un asse creativo che coinvolge una quantità infinita di possibilità, come evidenziato dalle opere delle artiste americane Sheila Hicks, Lenore Tawney e Claire Zeisler che, a partire dagli anni Quaranta, hanno integrato le loro trame con creatività tridimensionale: Hicks, utilizzando materiali diversi con uno spirito innovativo e all’avanguardia; Tawney, con opere di scala architettonica composte da migliaia di fili luccicanti e Zeisler, che ha utilizzato tecniche di annodatura per liberarsi dai limiti geometrici e bidimensionali della tessitura. Al di fuori degli Stati Uniti sono riconosciuti anche: l’artista polacca, Magdalena Abakanowicz, che intorno al 1970 iniziò a tradurre la sua conoscenza dell’arazzo in scultura, creando ambienti suggestivi attraverso la ripetizione di forme della figura umana; la svizzera Elsie Giauque, i cui tessuti sono realizzati con un’ampia varietà di materiali, come le foglie di mais, e la colombiana, Olga de Amaral, che, nello stesso periodo, divenne nota per le sue opere astratte su larga scala in cui le fibre erano spesso laminati con oro o argento. Questi sono artisti che, da diverse angolazioni, hanno contribuito all’inclusione degli intrecci nel regno dell’arte “.

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

Al centro della pratica di questo artista c’è la costante ricerca di un dialogo tra arte e architettura e l’interesse per le culture ancestrali e il paesaggio urbano. “Gómez Campuzano ha combinato dalla metà degli anni ’70 la produzione tradizionale di tessuti con gli obiettivi dell’arte moderna e contemporanea. E questo sincretismo temporale, questa tendenza a unire e armonizzare periodi di tempo con linee di pensiero, o idee dissimili, gli hanno fornito gli argomenti e l’adeguata sensibilità per, da un lato, ridefinire la tessitura e sottrarla ai vincoli inerenti alle definizioni inamovibili, e, dall’altro, esprimere l’eclettismo dell’arte contemporanea secondo le molteplici possibilità della vita moderna. L’artista ha realizzato anche opere strettamente legate all’architettura, come Muro Interior (Interior Wall, 1986) incluso nella 13a Biennale Internazionale degli Arazzi di Losanna nel 1987. All’interno del pezzo, l’artista combina aree di densità e trasparenza e incorpora materiali industriali, che, una volta integrati con il cotone e la seta, gli hanno fornito una struttura adatta per la precisione richiesta dal lavoro”, conclude Serrano. Muro Interior (Interior Wall, 1986) è il punto focale di questa mostra, da allora mai più esposto.

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

“A Return to The Thread” Alvaro Gómez – Installation views

Álvaro Diego Gómez Campuzano (Bogotá, Colombia, 1956) vive e lavora a Bogotá, Colombia. Una selezione di mostre personali comprende: Espacios Ceremoniales. Centro culturale Skandia, Bogotá (2008), Orme. Galleria La Pared, Bogotá (2001), Plasma. Galleria Diners, Bogotá (2000), Ornament. Galleria Dorottya, Budapest (1993), Centro di Arti Applicate di Ginevra, Ginevra (1992) e Crear en la expansión. Museo Alejandro Otero, Caracas (1986). Le mostre collettive includono: Abstracts. MAMBO, Museum of Modern Art, Bogotá, Colombia (2014), Lletraferit. MX Espai, Barcellona, ​​Spagna (2014), Collection Arte & Arte. Torre delle Arti di Bellagio, Como, Italia (2014), Eros. Miniart Textil, Au Beffroi Montrouge (2014), Sculture. Collezione MAMBO, Museum of Modern Art, Bogotá (2012), Energheia. Miniart Textile. Montrouge (2012) e la 13a Biennale Internazionale di Arazzo di Losanna (1987). Il suo lavoro è incluso in collezioni private e pubbliche tra cui The Museum of Modern Art, Bogotá; Museo Alejandro Otero, Caracas; Museo Centrale del Tessile, Lodz, Polonia; Centre de Documentación i Museu Textil, Terrassa; Musée de la Tapisserie Contemporaine, Angers; Museo d’Arte Contemporanea, Popayán, Colombia; Kunsthallen Brandts Klaedefabrink, Odense, Danimarca; Nordentjedske Kunstindustrimuseum, Trondheim, Norvegia; Museo d’Arte Moderna, Cartagena; e Bortolaso ​​Totaro, Como, Italia.

In ricordo di Carmen Cordovez Crespo (+ 26/04/2017)

1 Comment on "Alvaro Gómez “A return to the thread”"

  1. Felicito al señor Alvaro Gómez por lo realizado y mostrar todo lo que ha estudiado respecto a estos trabajos que hoy se considera Arte Textil. Maravilloso y único

Leave a comment

Your email address will not be published.


*