Spotlight on

AMALIA GALDONA BROCHE

*Featured photo: Flowers for the Saints (installation view), knotted textile strips, tinsel, jute and yarn, 2021, copyright Amalia Galdona Broche

Amalia Galdona Broche is an American artist originally from Santa Clara, Cuba. She holds a BFA and a BA in Sculpture and Art History from Jacksonville University in Florida. Currently, She lives in Lexington, Kentucky, where she is pursuing an MFA in Visual Studies at the University of Kentucky.

A prayer and a fabric I and II (installation view), tinsel, jute, beads and yarn, 2021, copyright Amalia Galdona Broche

Through textiles, Galdona Broche’s works explore the intricate and complex themes of identity construction, preservation of memory, immigration and transculturation processes, autobiographical contents that involve the artist as a young woman of Cuban origin touched by displacement to the United States, forced to separate herself from a reality, a history and a known culture, to integrate into a new context, with a different way of existing, interacting and thinking. 

The Knots We Leave Behind, natural fibers on wire amateur, 2020, copyright Amalia Galdona Broche

With her work, the artist thus investigates her identity, connecting to memories, personal and family stories, as in her most recent series, Flowers for the Saints. In addition, she aims to engage with the broader themes of collective memory, diaspora, colonialism and feminism, to create a communication that moves beyond the limits of language, time and geography.

Sisters, Our Lady of Regla, (installation view with Gestating Creatures), mixed media fibers on carved foam, 2018, copyright Amalia Galdona Broche

In Broche’s installations, the creative process becomes a tool and an integral part of the narrative. Knotting, weaving, tearing, joining, assembling and collecting are expressions of the artist’s journey through life, adapting to the experiences, places and people around her. The fabrics are applied, overlapped, accumulated, layered and hidden to build complex sculptural surfaces that waver between the abstract and the figurative. With this work, the artist entrusts the fabric with the role of a protective layer, a second skin protecting against physical, social, emotional and spiritual threats.

Mother of Horns Who Listens to Our Knots at Night, from the Companions of Concealment series, 2020, pins and fibers on carved foam, 20 x 20 x 35 inches, copyright Amalia Galdona Broche

Source: https://www.amaliagaldonabroche.com/

           http://www.bolivarartgallery.com/


The artwork images are copyrighted.

Riflettori su

AMALIA GALDONA BROCHE

*Foto in evidenza: Flowers for the Saints (installation view), knotted textile strips, tinsel, jute and yarn, 2021, copyright Amalia Galdona Broche

Amalia Galdona Broche è un’artista statunitense originaria di Santa Clara, Cuba. Ha conseguito un BFA e una laurea in Scultura e Storia dell’Arte presso la Jacksonville University in Florida e attualmente vive a Lexington, Kentucky, dove sta terminando il percorso accademico per conseguire un MFA in Visual Studies presso l’Università del Kentucky.

A prayer and a fabric I and II (installation view), tinsel, jute, beads and yarn, 2021, copyright Amalia Galdona Broche

Attraverso i tessuti, le opere di Galdona Broche esplorano i difficili e nodosi temi della costruzione dell’identità, della conservazione della memoria, della transculturazione e dell’immigrazione, contenuti autobiografici che coinvolgono l’artista in quanto giovane donna di origine cubana trapiantata negli Stati Uniti, costretta a separarsi da una realtà, una storia e una cultura nota, per integrarsi in un contesto nuovo, con un diverso modo di esistere, interagire e pensare.

The Knots We Leave Behind, natural fibers on wire amateur, 2020, copyright Amalia Galdona Broche

Con il suo lavoro, l’artista compie quindi una indagine sulla sua identità, connettendosi ai ricordi, alle storie personali e familiari, come nella serie più recente  Flowers for the Saints,  ma con l’obiettivo di impegnarsi sui temi più ampi della memoria collettiva, della diaspora, del colonialismo e del femminismo, con lo scopo di dar vita ad una comunicazione che si muova oltre i limiti della lingua, del tempo e della geografia.

Sisters, Our Lady of Regla, (installation view with Gestating Creatures), mixed media fibers on carved foam, 2018, copyright Amalia Galdona Broche

Nelle installazioni di Broche, il processo creativo diventa strumento ma anche parte integrante della narrazione. Annodare, tessere, strappare, unire, assemblare, raccogliere, sono espressione del viaggio che l’artista fa attraverso la vita, adattandosi alle esperienze, ai luoghi e alle persone intorno a sé. I tessuti sono aggiunti, sovrapposti, accumulati, stratificati e nascosti per costruire superfici scultoree complesse che oscillano tra l’astratto e il figurativo e in cui al tessuto l’artista affida il ruolo di strato protettivo, di seconda pelle che protegge dalle minacce fisiche, sociali, emotive e spirituali.

Mother of Horns Who Listens to Our Knots at Night, from the Companions of Concealment series, 2020, pins and fibers on carved foam, 20 x 20 x 35 inches, copyright Amalia Galdona Broche

Fonte: https://www.amaliagaldonabroche.com/

http://www.bolivarartgallery.com/

Le immagini delle opere sono coperte da copyright

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.