Art Insider

Amélie Margot Chevalier – GALERIE CHEVALIER, PARIS

The Galerie Chevalier, at the very heart of Paris, specialises in antique tapestries (from the 16th to the 18th century), modern tapestries (from 1920 to 1960) and contemporary tapestries (from 1970 to today). For over forty years, it has been a point of reference for textile and fibre art lovers, attended by international customers: collectors, enthusiasts, museum curators and interior designers in search of magnificent antique tapestries or rare pieces created by the leading names in 20th-century tapestry-making (Jean Lurçat, Mathieu Matégot, Pierre Daquin, Emile Gilioli, Robert Wogensk), or works by contemporary artists designed to take this ancient art into the 21st century (Jon Eric Riis, Françoise Paressant, Daniel Riberzani, Mathieu Ducournau or Victoria Tanto).

The Gallery, ‘daughter’ of the family-run business dating back to 1917, is run today by Céline Letessier and Amélie-Margot Chevalier. They share the same passion as their parents, Dominique Chevalier and Nicole de Pazzis Chevalier. Two inseparable sisters who have been working together for over fifteen years: Amélie-Margot is responsible for the Gallery’s artistic direction, and the research of the pieces, an expert in modern tapestries and contemporary textile art, a member of the Compagnie Nationale des Experts and the Syndicat National des Antiquaires; Céline is in charge of running the business and developing the contemporary carpet brand Parsua.

We asked them a few questions to discover the past, present and future of this historical Gallery.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

When and how did the idea of a gallery specialized in tapestries, carpets and textile art come about?

It is a familly business for 4 generations now, it is in our blood, our DNA for decades. now I work with my sister Céline Letessier for more than 15 years and many more to come!

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

What is the gallery’s mission?

The Galerie Chevalier is specialized in antique tapestries (from the 16th to the 18th centuries), modern tapestries (from 1920 to 1960), contemporary tapestries (from 1970 to the present day) and contemporary fiber art. A must for textile lovers, the Galerie Chevalier receives an international clientele composed of private individuals, museum curators and interior designers.

In addition to the magnificent antique tapestries, one can admire the great names of the 20th century tapestry revival (Jean Lurçat, Mathieu Matégot, Pierre Daquin, Emile Gilioli, Robert Wogensky…) and the contemporary artists who use, decline or divert this medium in the 21st century (Jon Eric Riis, Françoise Paressant, Mathieu Ducournau or Victoria Tanto).

There are also antique oriental and European rugs and contemporary rugs from the Parsua brand, created and edited exclusively by the Galerie Chevalier. Finally, the Galerie Chevalier also offers expertise for individuals and professionals, a cleaning and restoration service of very high quality and the rental of tapestries and rugs.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

How do you combine ancient and contemporary?

We love mixing Antique, Vintage and contemporary. Thanks to a theme or a color, we combine patterns and it works pretty well…

What is the common element that unites the works you propose?

High quality is the key!

Besides the copyright of Vincent Thibert for Galerie Chevalier, are there any captions to attribute to the photos for this interview?

What are the criteria by which you select the works and the artists?

We have our own “eyes”, our “taste” as antique dealers and we apply it to all periods we present at the gallery. But rarity, quality, conservation state are important criteria for us.

For 20th century artists, we like the “French touch”, that is to say the artists really involved in the revival of tapestry after Jean Lurçat. For current artists, it is first and foremost a human encounter. Then, the choice is made for artists whose technique is mastered, original or even unusual, but always around the thread. But for the designers with whom we collaborate for our Parsua Rugs, we like to share common values, concerning the importance of bringing into our interiors products that are part of a sustainable development approach, objects made thanks to the mastery of a know-how, often ancestral, or with sourced, renewable, natural materials ….

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

How do you judge the current situation of the art/textile art market from your point of view?

What is beautiful and rare always sells. But those objects are increasingly difficult to source. Our aim is to find objects that are new to the market . Many objects go through auction houses but for us they lose their flavour. We like to find objects and be the first to present them, to value them, but this is increasingly rare and complicated. Fortunately, we have a name since decades, a network also and a faithful clientele. We are always happy when customers or children of customers come back to us after 15, 20 or 30 years, offering us, as a priority, to take back pieces that our parents have sold. The bond of trust is important and very gratifying.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

How has the audience of the gallery changed over time? And how has the taste of the public attending the gallery changed?

Taste evolves, fashions change!

Our parents sold about 10 antique tapestries per month when we sell 10 per year… we have to know how to adapt, to be a force of proposal. That’s why we have been offering for more than 10 years tapestries from the 20th and 21st centuries, contemporary textile art or our Parsua edition rugs which we just celebrated the 20th anniversary last October.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

How did two years of the pandemic affect your work?

During these two years of Pandemic, we had the chance to work intensively on the preparation of the 20th anniversary of Parsua, our rug edition brand. They are hand-knotted in Iran, in a village, with local wool from the Shiraz valley. The wool is hand-spun and the dyes are exclusively natural. the patina is done with water and sun. it is a high quality craft. To celebrate the 20th anniversary, we asked 10 designers, sensitive to our eco-responsible approach, which is part of the DNA of our brand, to draw a “carte-blanche” rug and to choose a model from our catalogue and to revisit it. This very beautiful project, human first of all, carried us a lot and kept us busy for two years.

We have also completely redesigned our website, where all our collections and stock are now available online. As our customers travel less, it seemed obvious to us to reach out to them with this tool, while offering them thematic newsletters every month.

We work mainly with interior designers, so the projects have continued even when the gallery was closed due to the Covid. Finally, our strength is our responsiveness and our ability to adapt.

Amélie-Margot Chevalier et Céline Letessier - Galerie Chevalier

What advice would you give to someone approaching the world of tapestries and carpets for the first time?

Textiles are a very sensory and tactile universe. We are between the two dimensions and the third. There is something very enveloping, even sensual.

You have to let yourself be carried away by your curiosity, your eye, your taste, your instinct. The tapestry or the carpet have a very strong presence in an interior. You have to work at heart.

Afterwards, you have to be careful with the manufacturing technique, a hand-woven tapestry and a mechanical tapestry are not the same thing. The same goes for a rug, a hand-knotted rug and a tufted rug, either. The conservation, the state of the colours are to be taken into account because it influences the aesthetics of the piece and the price. we can clean a tapestry or a rug but if the colours are faded we can’t do anything. we can restore a rug or a tapestry but it represents a certain cost. People should keep this in mind because sometimes they think they are getting a good deal at an auction house or antique shop but the pieces need hours of restoration and this adds a significant additional cost sometimes even more expensive than the purchase price. This is why I would advise people to go to specialised dealers or recognised experts to avoid any unpleasant surprises.

Projects and perspectives: what do you see (or imagine) in the future of the gallery?

We are participating in ART PARIS ART FAIR in April, at the Grand Palais Ephemere in Paris. We are going to show the work of Mathieu Ducournau, Françoise Paressant and Victoria Tanto, 3 contemporary artists.

We work on different projects of exhibitions for 2023-24. We have also on loom in Aubusson, France, some tapestries by Philippe Hiquily, a french sculptor and designer.There is also another tapestry on the loom from another artist but it is still a secret for the moment…it will be revealed in 2023. We have signed with two designers from the fashion world who are currently working on new designs for our Parsua rugs. Many exciting projects with amazing people, we are very lucky!

La Mer et ses Lumières de Jean Lurçat, détail.
Art Insider

Amélie Margot Chevalier – GALERIE CHEVALIER, PARIGI

LA GALERIE CHEVALIER, NEL CUORE DI PARIGI, è specializzata in arazzi antichi (dal XVI al XVIII secolo), moderni (dal 1920 al 1960) e contemporanei (dal 1970 ad oggi). Da oltre quarant’anni è un punto di riferimento per gli amanti dell’arte tessile e della Fiber Art, frequentata da una clientela internazionale di collezionisti, appassionati, curatori di musei e interior designer in cerca di magnifici arazzi antichi o di pezzi rari dei grandi nomi dell’arazzeria del XX secolo (Jean Lurçat, Mathieu Matégot, Pierre Daquin, Emile Gilioli, Robert Wogensk) o, ancora, di opere realizzate da artisti contemporanei declinate per traghettare quest’arte antica nel XXI secolo (Jon Eric Riis, Françoise Paressant, Daniel Riberzani, Mathieu Ducournau o Victoria Tanto).

La Galleria, ‘figlia’ dell’azienda di famiglia che risale al 1917, è oggi gestita da Céline Letessier e Amélie-Margot Chevalier con l’identica passione dei loro genitori, Dominique Chevalier e Nicole de Pazzis Chevalier.

Due sorelle inseparabili che lavorano insieme da oltre quindici anni: Amélie-Margot è responsabile della direzione artistica della galleria e della ricerca dei pezzi, esperta di arazzi moderni e di arte tessile contemporanea, membro della Compagnie Nationale des Experts e del Syndicat National des Antiquaires; Céline che si occupa della gestione dell’azienda e dello sviluppo del marchio di tappeti contemporanei Parsua.

E proprio a loro abbiamo rivolto qualche domanda per scoprire passato, presente e futuro di questa galleria storica.

Amélie-Margot Chevalier et Céline Letessier - Galerie Chevalier . Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Quando e come è nata l’idea di una galleria specializzata in arazzi, tappeti e arte tessile?

La nostra è un’impresa familiare da 4 generazioni, è nel nostro sangue, nel nostro DNA da decenni. Lavoro con mia sorella Céline Letessier da più di 15 anni e altri ne verranno!

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Qual è la mission della galleria?

La Galerie Chevalier è specializzata in arazzi antichi (dal XVI al XVIII secolo), arazzi moderni (dal 1920 al 1960), arazzi contemporanei (dal 1970 ad oggi) e fiber art contemporanea. Un must per gli amanti del tessile, la Galerie Chevalier riunisce una clientela internazionale composta da privati, curatori di musei e designer d’interni. Oltre ai magnifici arazzi antichi, si possono ammirare i grandi nomi che hanno segnato il revival dell’arazzo del XX secolo (Jean Lurçat, Mathieu Matégot, Pierre Daquin, Emile Gilioli, Robert Wogensky…) e gli artisti contemporanei che utilizzano, declinano o stravolgono questo mezzo nel XXI secolo (Jon Eric Riis, Françoise Paressant, Mathieu Ducournau o Victoria Tanto). Non mancano i tappeti antichi orientali ed europei e i tappeti contemporanei della marca Parsua, creati e curati esclusivamente dalla Galerie Chevalier. Infine, la Galerie Chevalier propone una consulenza per privati e professionisti, un servizio di pulizia e restauro di altissima qualità e il noleggio di arazzi e tappeti.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Come coniugate antico e contemporaneo?

Ci piace mescolare antico, vintage e contemporaneo. A partire da un tema o da un colore, combiniamo i pattern e questo funziona abbastanza bene…

Qual è l’elemento o la caratteristica che accomuna le opere che proponete?

La chiave è l’alta qualità!

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Quali sono i criteri con cui selezionate le opere e gli artisti?

Abbiamo i nostri “occhi”, il nostro “gusto” di antiquari e lo applichiamo a tutti i periodi storici che presentiamo alla galleria. Ma la rarità, la qualità e lo stato di conservazione sono criteri importanti per noi.

Per gli artisti del XX secolo, ci piace il “tocco francese”, ossia quegli artisti realmente coinvolti nella rinascita dell’arazzo dopo Jean Lurçat. Per gli artisti di oggi, si tratta prima di tutto di un incontro umano. Poi, la scelta ricade su artisti la cui tecnica è magistrale, originale o addirittura insolita, ma sempre legata al filo. Invece, per i designer con i quali collaboriamo per i nostri tappeti Parsua, ci piace condividere dei valori comuni, relativi all’importanza di portare nei nostri interni dei prodotti legati ad un approccio di sviluppo sostenibile, oggetti realizzati grazie alla padronanza di un know-how, spesso ancestrale, o con materiali di recupero, rinnovabili e naturali…

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Come giudicate da un punto di vista del mercato la situazione attuale del settore?

Ciò che è bello e raro si vende sempre. Ma questi oggetti sono sempre più difficili da scovare. Il nostro obiettivo è quello di trovare oggetti che sono nuovi per il mercato. Molti oggetti passano attraverso le case d’asta ma per noi perdono il loro sapore. Ci piace trovare oggetti ed essere i primi a presentarli, a valorizzarli, ma questo è sempre più raro e complicato. Fortunatamente, da decenni, ci siamo creati un nome, una rete e una clientela fedele. Siamo sempre felici quando i clienti, o i figli dei clienti, tornano da noi dopo 15, 20 o 30 anni, offrendoci, come priorità, di ricomprare quei pezzi che i nostri genitori avevano venduto. Il legame di fiducia è importante e molto gratificante.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Come è cambiato il pubblico nel corso del tempo? E come è cambiato il gusto dei frequentatori della galleria?

Il gusto si evolve, le mode cambiano!

I nostri genitori vendevano circa 10 arazzi antichi al mese quando noi ne vendiamo 10 all’anno… bisogna sapersi adattare, essere una forza nelle proposte. Ecco perché proponiamo, da più di 10 anni, arazzi del 20° e 21° secolo, arte tessile contemporanea e i nostri tappeti della collezione Parsua di cui abbiamo appena festeggiato il 20° anniversario lo scorso ottobre.

Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Due anni di pandemia come hanno influito sul vostro lavoro?

Durante questi due anni di Pandemia, abbiamo avuto la possibilità di lavorare intensamente alla preparazione del 20° anniversario di Parsua, il nostro marchio di tappeti. Questi sono annodati a mano in un villaggio in Iran con lana locale della valle di Shiraz. La lana è filata a mano e le tinture usate sono esclusivamente naturali. La patina è ottenuta con acqua e sole. Per celebrare il 20° anniversario, abbiamo chiesto a 10 designer, sensibili al nostro approccio ecosostenibile, che fa parte del DNA del nostro marchio, di disegnare un tappeto “carte-blanche” e di rivisitare un modello scelto dal nostro catalogo. Questo progetto molto bello, umano prima di tutto, ci ha coinvolto molto e ci ha tenuto impegnati per due anni.

Abbiamo anche ridisegnato completamente il nostro sito web, dove tutte le nostre collezioni e il nostro stock sono ora disponibili online. Dato che i nostri clienti viaggiano meno, ci è sembrato ovvio raggiungerli con questo strumento, offrendo loro newsletter tematiche ogni mese. Collaborando soprattutto con i designer d’interni, abbiamo continuato a lavorare anche quando la galleria è stata chiusa a causa del Covid. Infine, la nostra forza è la nostra reattività e la nostra capacità di adattamento.

Terra Nostra de Mathieu Matégot, détail. Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Quali consigli dareste a chi si avvicina per la prima volta al mondo degli arazzi e dei tappeti?

Il tessile è un universo molto sensoriale e tattile. Siamo tra le due dimensioni e la terza. C’è qualcosa di molto avvolgente, anche sensuale. Bisogna lasciarsi trasportare dalla curiosità, dalla vista, dal gusto, dall’istinto. L’arazzo o il tappeto hanno una presenza molto forte in un interno. Bisogna lavorare con il cuore.

In seguito, bisogna fare attenzione alla tecnica di fabbricazione, un arazzo tessuto a mano e un arazzo lavorato meccanicamente non sono la stessa cosa. Lo stesso vale per un tappeto, un tappeto annodato a mano è diverso da uno tuftato. La conservazione, lo stato dei colori sono da prendere in considerazione perché influenzano l’estetica del pezzo e il suo prezzo. Si possono pulire un arazzo o un tappeto ma se i colori sono sbiaditi non si può fare nulla. Un tappeto o un arazzo si possono restaurare ma ciò comporta un certo costo. Le persone dovrebbero tenerlo presente; a volte pensano di fare un buon affare in una casa d’aste o in un negozio di antiquariato, ma i pezzi acquistati hanno bisogno di ore di restauro e questo aggiunge un costo significativo a volte anche maggiore del prezzo di acquisto. Ecco perché consiglio di rivolgersi a rivenditori specializzati o esperti riconosciuti per evitare spiacevoli sorprese.

Progetti e prospettive: cosa vedete nel futuro della galleria?

In aprile parteciperemo alla ART PARIS ART FAIR, al Grand Palais Ephemere di Parigi. Mostreremo il lavoro di Mathieu Ducournau, Françoise Paressant e Victoria Tanto, tre artisti contemporanei.

Per il 2023-24 stiamo lavorando su diversi progetti di mostre. In Francia, ad Aubusson, abbiamo a telaio alcuni arazzi di Philippe Hiquily, scultore e designer francese. A telaio abbiamo anche un arazzo di un altro artista, ma il suo nome, per il momento, è ancora un segreto… sarà rivelato nel 2023. Abbiamo firmato un accordo con due designer del mondo della moda che stanno lavorando su nuovi disegni per i nostri tappeti Parsua. Numerosi progetti entusiasmanti con persone fantastiche, siamo molto fortunati!

La Mer et ses Lumières de Jean Lurçat, détail. Copyright Vincent Thibert for Galerie Chevalier

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.