Riflettori su

ANA SEGGIARO

Ana Seggiaro è nata a Buenos Aires, Argentina, nel 1965. Inizialmente di natura pittorica, il suo lavoro ha esplorato e incorporato nuovi materiali e media in aggiunta all’olio e all’incisione che sono alla base della sua ricerca artistica. Attualmente sta sviluppando la tecnica del ricamo.

Diplomata in disegno e incisione alla Scuola Nazionale di Belle Arti Prilidiano Pueyrredón nel 1988, ha poi proseguito la sua formazione e specializzazione in vari laboratori e studi, tra i quali spiccano: Laboratorio di pittura con Sergio Bazan, Seminario di arte contemporanea con Hugo Petrochansky, Laboratorio di litografia con Lucrecia Orloff e altri.

“Sin título”, 2012, 25×33 cm, copyright Ana Seggiaro

“Sin título”, 2012, 25×33 cm, copyright Ana Seggiaro

“Sin título”, 2012, 25×33 cm, copyright Ana Seggiaro

Dal 1988 espone le sue opere in mostre collettive e individuali in centri culturali, musei e gallerie in Argentina e nel resto dell’America Latina. Tra le mostre personali possiamo citare: “Cartografías del Inconsciente” (2014) e “Nieve Azul” (2009) al Centro Cultural Recoleta, “Nadar” (2006) e “Tiempo de Rosas II” (2005) a Isidro Miranda, e “Tiempo de Rosas” (2002) e “Fútbol” (2000) a Elsi del Río. Ha partecipato a mostre collettive alla Rubbers Gallery (2016), Focus Arte BA (2017), ValoArte in Costa Rica (2014), alla Mito Gallery in Uruguay (2014 e 2012), al Centro Culturale San José di Olavarría, Argentina (2013), alla Biennale di Maracaibo in Venezuela (2010) e al Centro Culturale Borges in Argentina (2007), tra molti altri.

Attualmente vive e lavora a Buenos Aires, dove ha il suo studio e insegna pittura e disegno.

Fonte: http://anaseggiaro.com.ar/

Le foto sono state prese dal sito web dell’artista e sono coperte da copyright

Spotlight on

ANA SEGGIARO

Ana Seggiaro was born in Buenos Aires, Argentina, in 1965. Initially pictorial in nature, her work explored and incorporated new materials and media in addition to the oil and etching that underpin her artistic research. She is currently developing the embroidery technique.

Graduated in drawing and engraving at the National School of Fine Arts Prilidiano Pueyrredón in 1988, she then continued her training and specialization in various workshops and studies, among which: Painting workshop with Sergio Bazan, Contemporary art seminar with Hugo Petrochansky, Lithography workshop with Lucrecia Orloff and others.

“Sin título”, 2012, 25×33 cm, copyright Ana Seggiaro

“Sin título”, 2012, 25×33 cm, copyright Ana Seggiaro

“Sin título”, 2012, 25×33 cm, copyright Ana Seggiaro

Since 1988 she has exhibited her works in collective and individual exhibitions in cultural centers, museums and galleries in Argentina and in the rest of Latin America. Among the personal exhibitions we can mention: “Cartografías del Inconsciente” (2014) and “Nieve Azul” (2009) at the Centro Cultural Recoleta, “Nadar” (2006) and “Tiempo de Rosas II” (2005) at Isidro Miranda, and ” Tiempo de Rosas “(2002) and” Fútbol “(2000) in Elsi del Río.  She has participated in group exhibitions at the Rubbers Gallery (2016), Focus Arte BA (2017), ValoArte in Costa Rica (2014), at the Mito Gallery in Uruguay (2014 and 2012), at the San José Cultural Center in Olavarría, Argentina (2013) , at the Biennial of Maracaibo in Venezuela (2010) and at the Borges Cultural Center in Argentina (2007), among many others.

She currently lives and works in Buenos Aires, where she has her own studio and teaches painting and drawing.

Source: http://anaseggiaro.com.ar/

The photos were taken from the artist’s website and are protected by copyright

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.