InterviewInterviste

BARTU BAŞOĞLU

Among the artists of TRAMANDA is Bartu Başoğlu, who has already been awarded the 2019 Young Fiber Contest. Born in Soke, Turkey, in 1995, Başoğlu graduated from Dokuz Eylül University in Izmir, Faculty of Fine Arts,  Department of Textiles and Fashion. In 2017, he won the 7th Turkey Home Textile Design Competition – Most Innovative Product Design Category – award, allowing him to complete his master’s degree at NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano in Fashion and Textile Design. He is based in Milan and works as a freelance designer between Italy and Turkey.

How and when does your interest in all aspects of textiles come about?

I can say that my bond with textile starts from the day I was born. I was born into a farmer family. They have been producing cotton from the past to the present. That’s why, by experiencing the process of cotton, which is one of the main materials of textile, from a seed to a yarn, my bond with textile started. I am a student who draws constantly while I am studying at primary school.

Thereupon, I got my high school education in Aydın Yüksel Yalova Fine Arts High School, painting department in order to improve myself better. I can say that I started with Art professionally. After graduating from high school, I entered the textile design department exams upon the guidance of a teacher for the University exams. I studied at Dokuz Eylül University Fine Arts Faculty, Textile and fashion design department. In this process, I started to combine the textile techniques I learned with my artistic knowledge and skills.

What is the main focus of your work and research – art, fashion, design?

First of all, I give priority to myself when choosing a research topic in a study. I focus on the subjects where I can express myself best and be free. By choosing technology as my focal point, I conduct various researches that will enrich my target point. I combine human psychology with technology.

Your research has recently gained several awards. To what extent is experimentation necessary in your practice? How much do the materials you select have an intrinsic, conceptual value?

First of all, I love working with new materials. I am a person who believes that more creative work is done by doing experiments. It is possible to explore beyond a familiar world with trial and error method. The materials I choose are very important to me. They reflect the fun and passion as well as my personality. In order to get to know the material I choose, I try to feel it by experimenting with it.

First of all, I know the material physically, I shape it in my hand and explore it by playing it like a toy. In this process, an inner bond is formed between me and that material. The materials I work with always bear traces of my inner world. I try to convey the emotion and thought that I want to reflect to the other party with materials.

Where do you find the inspiration for your work? And how does an idea become a work of Art?

I usually draw inspiration from the past and the future in my works. In other words, I somehow combine the world we live in and the new world offered by technology on a common denominator. I prefer to be fed from all branches of art. Sometimes this can be in a sculpture, sometimes in music. Sometimes I can be inspired by a research topic that caught my attention. I set myself pretty free on this one. Once an idea is formed in my mind, I don’t physically transform it into something for a certain period of time. Initially, I do a little research. While continuing my daily life, it always continues in my intellectual maturation process. I develop that idea by constantly thinking and dreaming. Since I also entered the process of selective perception in this process, I encounter things that support my opinion more. Thus, when my idea reaches a certain maturity stage, the process of creating it physically begins by supporting it with the research I have done. Of course, in this process, I also complete the material research. I am experimenting with the first sketch and material. As the last step, the work emerges with the production process in order to reach the work that I dreamed of.

In 2019, you won joint first place at the TRAMANDA Young Fiber Contest with a work that brought together past and future between weaving and optic fiber. Can you tell me more about that work?

First of all, I would like to thank the team that organized this valuable competition and exhibition. I did that work using fiber optic leds and hand weaving technique. By combining technology and traditional technique, I think we can always move forward thanks to our past, that is, our roots. In this work, I combined the past and the future together. In the study, people’s moods would change. They start the day sometimes cheerful, sometimes happy, sometimes angry, sometimes neutral. This work reflects the different moods of people. Traditional weaving technique and technology are combined.

Three different yarn types and colors were used in the study. The touch and colors of the threads express our emotions. The variable lights and light streams on the LEDs symbolize the events experienced during the day.

In the study, I also explain that every individual’s point of view, emotion, reaction to the same situation varies in the course of life during the day.

This perspective reflects the art perspective of the new age

You also have artwork in this year’s TRAMANDA in Chieri. How has your artistic work evolved over this time?

 

I am very happy about this and feel honoured. In this work, I worked by combining fluorescent dye with the jacquard weaving technique. Production was made on the machine with the jacquard weaving technique, which is one of the basic techniques of woven fabric. Then I created the work in two stages by dyeing on the woven cloth. As always, I touch technology from one place in my work. I did this with the paint glowing in purple light from this work. The main story of the study; Emotions are the paradigm of abstract concepts. We can see a smile, touch anger, feel our faces red. However, we cannot say that we can fully see happiness.

Nevertheless, the concrete interaction of abstract human emotions with the physical world can take place in various ways.

At this point, I reflect in my work the clues about the specialization of the waves in the brain, which is an essential dimension of human emotions, its emotional motivation. The optical image represents the emotions found in our brain.

The regions painted with the fluorescent paint reflect happiness. The dye reacts under the light and shines and the colors appear vivid. In this way, happiness emerges and represents the output.

What plans do you have for the near future? What are you working on at the moment?

 

I have just graduated from Milan NABA Nuova Accademia di Belle Arti de fashion and textile design department. After that, I decided to live in Milan. I work as a freelance designer in the field of textile and fashion design. I am working on establishing my own brand. Of course, I continue my artistic works in this process. I am currently working on a project to use robot technology and fibre art together. By making a series of this work, I started working to open a personal exhibition on fibre art in Italy.

Interviste

BARTU BAŞOĞLU

Tra gli artisti di TRAMANDA c’è Bartu Başoğlu, già premiato nel 2019 al Young Fiber Contest. Nato a Soke, in Turchia, nel 1995, Başoğlu è laureato all’Università Dokuz Eylül di Izmir, Facoltà di Belle Arti, Dipartimento di Tessile e Moda. Vincitore nel 2017 del 7th Turkey Home Textile Design Competition – Most Innovative Product Design Category – premio che gli consente di completare la formazione magistrale presso la NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano in Moda e design tessile. Vive a Milano e lavora come designer freelance tra Italia e Turchia.

Come e quando è nato il tuo interesse per il tessile nelle sue declinazioni?

Posso dire che il mio amore per il tessile è iniziato il giorno della mia nascita. Sono cresciuto in una famiglia di agricoltori e produttori di cotone da generazioni. Il mio legame con questo materiale (uno dei principali del tessile) è dato dalla conoscenza del suo intero processo di produzione, dal seme al filato. Fin dalla scuola primaria ho iniziato a disegnare senza sosta. In seguito, per migliorarmi, ho frequentato la scuola superior di belle arti Aydın Yüksel Yalova, nel dipartimento di pittura. Posso dire che qui ho iniziato a relazionarmi all’arte in modo professionale. Dopo il diploma di scuola superiore, ho superato gli esami del dipartimento di design tessile grazie alla guida di un insegnante. Ho studiato alla facoltà di Belle Arti della Dokuz Eylül University, dipartimento di design tessile e di moda. In questo percorso, ho iniziato a combinare le tecniche tessili imparate con le mie conoscenze e abilità artistiche.

In quale ambito si orienta principalmente il tuo lavoro e la tua  ricerca – arte, moda, design?

Prima di tutto, quando scelgo un argomento di ricerca, do la priorità a me stesso. Mi concentro sui soggetti in cui posso esprimermi al meglio, sentendomi libero. Scegliendo la tecnologia come punto focale, e combinandola con la psicologia umana, conduco varie ricerche che arricchiscono il mio punto di vista.

Recentemente il tuo lavoro di ricerca ha ottenuto diversi riconoscimenti. Quanto è importante la sperimentazione nella  tua pratica? E quanto i materiali che selezioni hanno anche un  valore intrinseco, concettuale?

Prima di tutto, amo lavorare con nuovi materiali. Sono quel tipo di persona che crede che il lavoro più creativo sia quello della sperimentazione. Avanzando per tentativi ed errori, è possibile esplorare al di là del mondo familiare. I materiali che scelgo sono molto importanti per me. Riflettono piacere e passione così come la mia personalità. Per conoscere meglio un materiale, cerco di sentirlo attraverso la sperimentazione. Prima di tutto, lo incontro a livello fisico, lo plasmo nella mia mano e lo esploro giocandoci. In questo processo, si forma un legame interiore tra me e quel materiale, che porta sempre tracce del mio mondo interiore. Attraverso la materia, cerco di trasmettere l’emozione e I pensieri su cui sto riflettendo al fruitore.

Dove trovi l’ispirazione per i tuoi lavori? E come un’idea  diventa opera?

Di solito, nelle mie opere traggo ispirazione sia dal passato che dal futuro. In altre parole, combino, basandomi su un denominatore comune, il mondo in cui viviamo e il nuovo mondo offerto dalla tecnologia. Preferisco attingere da tutte le forme artistiche, ad esempio da una scultura o dalla musica.

A volte, posso essere ispirato da un tema di ricerca che ha attirato la mia attenzione; in questo caso mi lascio abbastanza libero. Una volta che un’idea si forma nella mia mente, non la traduco immediatamente in qualcosa di fisico; la lascio riposare per un certo periodo di tempo. Inizialmente, faccio un po’ di ricerca. Pur continuando con la mia vita quotidiana, il processo di maturazione intellettuale non si ferma. Sviluppo un’idea pensando e sognando costantemente. Durante questo processo, entro in uno stato di percezione selettiva dove incontro cose che sostengono, in maniera crescente, la mia opinione. Così, quando la mia idea raggiunge un certo stadio di maturità, inizia il processo di creazione fisica, sostenuto con le ricerche che ho fatto. Naturalmente, in questo processo, completo anche la ricerca sul materiale. Prima sperimento con un bozzetto preliminare, e poi, come ultimo passo, l’opera emerge attraverso il processo di produzione, per arrivare al lavoro che ho sognato.

Nel 2019 hai vinto ex aequo l’edizione di Young Fiber Contest di TRAMANDA con un’opera che coniugava passato e futuro, tra tessitura e fibra ottica. Mi racconti quell’opera?

Prima di tutto, vorrei ringraziare il team che ha organizzato questo importante concorso e mostra. Ho realizzato questo lavoro unendo i led a fibra ottica e la tecnica della tessitura a mano. Combinando tecnologia e tradizione, partendo dall’esperienza della nostra storia, delle nostre radici possiamo sempre progredire. In questo lavoro, ho combinato il passato e il futuro. Nella ricerca ho preso in considerazione i mutevoli stati d’animo delle persone che possono iniziare una giornata sentendosi allegre, felici, arrabbiate, o neutre. I diversi stati d’animo sono resi, in quest’opera, tramite l’unione di tessitura tradizionale e tecnologia.

Nello studio sono stati utilizzati tre diversi tipi di filati e colori. Il tocco e i colori dei fili esprimono le nostre emozioni. Il variare delle luci e dei flussi di luce sui LED simboleggia gli eventi vissuti durante il giorno.

Nella ricerca, spiego anche che il punto di vista di ogni individuo, l’emozione, la reazione alla stessa situazione varia nel corso della vita quotidiana.

Questo punto di vista riflette la prospettiva dell’arte della nuova era.

Anche in questa edizione di TRAMANDA in corso a Chieri c’è una tua opera. Come si è evoluto il tuo lavoro artistico nell’arco di questo periodo?

Sono molto felice per questo e mi sento onorato. In questo lavoro, ho lavorato combinando la tintura fluorescente con la tecnica di tessitura jacquard. La produzione è stata fatta a macchina su un telaio jacquard, usando una delle tecniche di base di costruzione del tessuto. Ho creato l’opera in due fasi, tingendo sulla stoffa tessuta. Ho usato una vernice che reagisce alla luce viola brillando. Come sempre, nel mio lavoro, tratto anche di tecnologia.

La ricerca ha come argomento principale lo studio delle emozioni che sono il paradigma di concetti astratti. Possiamo vedere un sorriso, toccare la rabbia, sentire le nostre facce rosse. Tuttavia, non possiamo dire di vedere appieno la felicità. L’interazione concreta delle emozioni umane astratte con il mondo fisico può avvenire in vari modi. A questo punto, rifletto nel mio lavoro gli indizi sulla specializzazione delle onde nel cervello, che è una dimensione essenziale delle emozioni umane, la sua motivazione emotiva. L’immagine ottica rappresenta le emozioni che si trovano nel nostro cervello. Le sezioni dipinte con la vernice fluorescente riflettono la felicità. Il colorante reagisce sotto la luce e brilla e i colori appaiono vividi. In questo modo, la felicità emerge e rappresenta l’output.

Quali progetti hai per il futuro prossimo? A cosa stai lavorando  in questo periodo?

Mi sono laureato da poco alla NABA, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, nel dipartimento di moda e design tessile. Al momento ho deciso di vivere a Milano. Lavoro come designer freelance nel campo del design tessile e della moda. Sto lavorando per creare il mio marchio. Ovviamente, durante questo processo, porto avanti i miei lavori artistici. Attualmente sto lavorando a un progetto per utilizzare la tecnologia dei robot ed unirla alla fiber art. Traducendo questa ricerca in una serie di opere, ho iniziato a lavorare verso una mostra personale di arte tessile in Italia.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.