Interview

Basil Kinkaid

*Feathured photo: The River, quilt, 104 x 204 x 12 in, 2017-2022, courtesy of Venus over Manhattan, copyright Basil Kinkaid


Basil Kinkaid, an artist originally from St. Louis, Missouri (USA), class of 1986, trained at Colorado College in Colorado Springs, CO, majoring in drawing and painting. He currently works in Accra, Ghana.

Kinkaid’s practice ranges from collage, to fiber art, encompassing drawing, photography, installation art and performance.

Favoring the use of salvaged materials with an emotionally charged history and past, and drawing on family history and traditions, Kinkaid creates sculptural quilts using primarily the collage technique.

Recently, in October, his first solo exhibition was held at Venus over Manhattan, a gallery that first exhibited “The River,” the largest work the artist has made to date, a monumental sculptural quilt that Kinkaid himself describes as, “It’s the most ambitious fiber work I’ve made to date. This piece has a very special place in my heart”.

https://basilkincaid.art/

Grace and Glory-detail, quilt 106 x 96 x 2 in, 2022, courtesy of Venus Over Manhattan, copyright Basil Kinkaid

How did you approach art and what was your training path?

It’s in my bloodstream. Art approached me before I knew what art was. At a young age, I’d flip through the encyclopedia and draw the pictures I saw in there. My initial scope of art was mainly drawing, but as I went through school I started to see graffiti, which got me into the idea of style — having a distinction of my own, and using art to express myself — and I honed that idea through high school, college and beyond. After my BA, when I had to structure my practice for myself outside of the academic setup, that’s when my ideas expanded and I started finding my own voice. Everything before that was technical training.

Basil Kinkaid and Grace and Glory, quilt 106 x 96 x 2 in, 2022, courtesy of the artist

You are “a post-disciplinary artist who explores the fixity of conditioned and self-imposed constructs”. This sentence encapsulates, correct me if I am wrong, the essence of your research and your path as an artist. Can you explain the assumptions of your research in more detail? What is the goal, in conceptual terms, of your art?

My practice is a spiritual and emotional investigation. I recognized at a very young age that my core nature was not in alignment with the conditioning of society. The boxes that I’d been coached into didn’t fit the nature of my being. I’ve since used my art to understand this core nature and craft a reality that affirms and amplifies my truest expression. As such, my art is more of a spiritual medicine than an intellectual pursuit.

The post-disciplinary attribute you’re highlighting comes from being someone who wants to explore the bounds of experience with different implements — through different mediums. It takes more than just one art form to accomplish what I want to achieve, and I’ve trained all these different mediums so I could resonate with, or respond to, these different emotive and spiritual prompts.

Basil Kinkaid and Grace and Glory, quilt 106 x 96 x 2 in, 2022, courtesy of the artist

Your background is in painting and drawing. How and why did you come to experiment with textile materials and techniques? Why quilting? What significance does it hold for you?

My painting and drawing definitely plays into the quilts, in terms of color, structure, composition—even in using opaque and viscous impasto or a washy thin application. The layers of painting and the movement of drawing is translated into the fabric. But more to the point of, Why Quilting? After school, I largely rejected the Western canon in terms of its approach to learning and living and looked to my family for guidance. I looked at my family to see what cultural products and dialogues we were engaging in, and that led me to Quilt. I decided I was going to filter all my drawing and painting through this medium and started using fabric as paint. The structural qualities of the fabric led me into more sculptural explorations with the material; now I enjoy seeing the synthesis of my mediums and methodologies and am continually in awe of the strength of fabric, and collected fabric. It has an innately greater depth for emotional and memorial content than paint…Clothes are lived in, loved in, experienced in.

Exfoliating in The Sea, Swept Up in the Shallow Surf, quilt 106 x 87 x 1 in 2020-2022, courtesy of Venus over Manhattan, copyright Basil Kinkaid

In 2020, you moved to Ghana from the United States. How does this new chapter in your life influence, shift and grow your practice?

I set up a studio in Ghana, but I maintain a residence in the US. I expanded my practice there for the sake of experience, imagination and to have new stimuli: the sun on my skin, wholesome food — the things impact your spiritual bearing and energy level and in turn impact the work. The way that I live in Ghana is hyper disciplined and hyper focused. There’s no way it couldn’t have a positive impact. Get up, workout, go to the studio, eat, sleep, repeat. I created the ultimate training ground for myself where the work could be the leading motivation without distraction. Working in these intervals of blinders-up focus followed by calmer tides has been a game changer for my productivity and health.

The Rolling Fields to My House, Basil Kinkaid and installation, 2021, Poggiali Gallery, courtesy of Galleria Poggiali, copyright Basil Kinkaid

Can you tell us about the works exhibited in the 2021 exhibition The Rolling Fields to My House at Galleria Poggiali in Milan? What is this body of work about, what theme does it explore?

This work is an entry point into my realm, and was the first in a series of three shows (followed by All in One Feeling and River, Frog and Crescent Moon) that focuses on homecoming and self-reclamation. The Rolling Fields was the first time I showed my drawings in the company of my quilts and embroideries, honoring my first medium along the ones I’ve grown into. In that vein, the work also shines light on trust and exploration — the drawings guided the outset of my embroideries and continue to lend themselves to ever-bigger ideas. They’re all maps and blueprints: guides.

The Rolling Fields to My House, installation, 2021, Poggiali Gallery, courtesy of Galleria Poggiali, copyright Basil Kinkaid

What, in your experience, are the most challenging aspects of being an artist?

I had to give up on trying to fit in. It’s difficult to try to operate like other people.

All In One Feeling, 2022, Installation, courtesy of Mindy Solomon Gallery. Photos by Zachary Balber

Are there any contemporary artists that you feel are close to your research and  language?

If I answer this question I’m going to end up listing my friends. They’re the ones who speak my language and whose practices I respect: Kennedy Yanko, Damon Davis, Yoshien Kuo…

Harnessing My Light, 2021-22, embroidery on canvas, hand woven Ashanti Kente, 86 x 66 in, courtesy of Mindy Solomon Gallery. Photos by Zachary Balber

Current and future projects? 

I’m honor-bound to a code of silence until 2023, but my solo exhibition, “River, Frog and Crescent Moon” is up at Venus over Manhattan until October 8. Check on my website, basilkincaid.art, for more updates.

FOTO 8 Wade in The Water, 2021, Embroidery on Canvas, Hand Woven Ashanti Kente, on Stretcher, 55 x 44 x 1 in, courtesy of Mindy Solomon Gallery. Photos by Zachary Balber
Interviste

Basil Kinkaid

*Foto in evidenza: The River, quilt, 104 x 204 x 12 in, 2017-2022, courtesy of Venus over Manhattan, copyright Basil Kinkaid


Basil Kinkaid, artista originario di St. Louis, Missouri (USA), classe 1986, si è formato presso il Colorado College di Colorado Springs, CO, specializzandosi in disegno e pittura. Attualmente lavora ad Accra, Ghana.

La pratica di Kinkaid spazia dal collage, alla fiber art, ricomprendendo il disegno, la fotografia, l’arte installativa e la performance.

Prediligendo l’utilizzo di materiali di recupero con una storia e un passato emotivamente carico di significato e attingendo alla storia e alle tradizioni familiari, Kinkaid crea quilt scultorei che utilizzano prevalentemente la tecnica del collage.

Recentemente, in ottobre, si è tenuta la sua prima mostra personale presso Venus over Manhattan, galleria che ha esposto per la prima volta “The River”, l’opera più grande che l’artista abbia mai realizzato fino ad oggi, un monumentale quilt scultoreo che Kinkaid stesso definisce: “È l’opera più ambiziosa che ho realizzato finora. Questo pezzo ha un posto molto speciale nel mio cuore”.

https://basilkincaid.art/

Grace and Glory-detail, quilt 106 x 96 x 2 in, 2022, courtesy of Venus Over Manhattan, copyright Basil Kinkaid

Come ti sei avvicinato all’arte e quale è stato il tuo percorso di formazione?

Ce l’ho nel sangue. L’arte mi ha avvicinato prima che sapessi cosa fosse l’arte. In giovane età, sfogliavo l’enciclopedia e disegnavo le immagini che vedevo. All’inizio il mio campo d’azione artistico era principalmente il disegno, ma andando a scuola ho iniziato a vedere i graffiti, il che mi ha fatto entrare nell’idea di uno stile – di avere una propria distinzione e di usare l’arte per esprimere me stesso – e ho affinato questa idea durante il liceo, l’università e oltre. Dopo la laurea, quando ho dovuto strutturare la mia pratica al di fuori dell’ambiente accademico, è stato allora che le mie idee si sono ampliate e ho iniziato a trovare la mia voce. Tutto quello che c’era prima era formazione tecnica.

Basil Kinkaid and Grace and Glory, quilt 106 x 96 x 2 in, 2022, courtesy of the artist

Sei “un artista post-disciplinare che esplora la fissità di costrutti condizionati e autoimposti”. Questa frase racchiude, correggimi se sbaglio, l’essenza della tua ricerca e del tuo percorso artistico. Puoi spiegarci in modo più approfondito i presupposti della tua ricerca? Qual è l’obiettivo, in termini concettuali, della tua arte?

La mia pratica è un’indagine spirituale ed emotiva. Ho riconosciuto molto presto che la mia natura di base non era in linea con i condizionamenti della società. La natura del mio essere non poteva essere inscatolata come aveva cercato di fare l’educazione che mi era stata data. Da allora ho usato la mia arte per comprendere questa natura fondamentale e creare una realtà che affermasse e amplificasse la mia espressione più vera. In quanto tale, la mia arte è più una medicina spirituale che una ricerca intellettuale.

L’attributo post-disciplinare che lei sottolinea deriva dal fatto di essere una persona che vuole esplorare i limiti dell’esperienza con strumenti diversi, attraverso mezzi diversi. Ci vuole più di una forma d’arte per realizzare ciò che voglio, e ho provato medium diversi per poter rispondere a questi diversi stimoli emotivi e spirituali.

Exfoliating in The Sea, Swept Up in the Shallow Surf, quilt 106 x 87 x 1 in 2020-2022, courtesy of Venus over Manhattan, copyright Basil Kinkaid

Il tuo background è nell’ambito della pittura e del disegno. Come e perché sei arrivato a sperimentare materiali e tecniche tessili? Perché il quilting? Che significato ha per te?

La pittura e il disegno entrano sicuramente nei miei quilt, in termini di colore, struttura, composizione, anche nell’uso di un impasto opaco e viscoso o di un’applicazione sottile e lavica. Gli strati della pittura e il movimento del disegno si traducono nel tessuto. Ma più precisamente, perché il quilting? Dopo la scuola, ho rifiutato in gran parte il canone occidentale in termini di approccio all’apprendimento e alla vita e ho trovato nella mia famiglia la mia guida. Ho osservato la mia famiglia per capire i nostri aspetti culturali. Questa analisi mi ha portato al Quilt. Ho deciso di filtrare tutto il mio disegno e la mia pittura attraverso questo medium e ho iniziato a usare il tessuto come pittura. Le qualità strutturali del tessuto mi hanno portato a esplorazioni più scultoree con il materiale; ora mi piace vedere la sintesi dei miei medium e delle mie tecniche e sono continuamente stupito dalla potenza del tessuto, soprattutto quello recuperato. Ha una profondità di contenuto emotivo e memoriale innatamente maggiore rispetto alla pittura… I vestiti sono vissuti, amati, sentiti…

The Rolling Fields to My House, Basil Kinkaid and installation, 2021, Poggiali Gallery, courtesy of Galleria Poggiali, copyright Basil Kinkaid

Nel 2020 ti sei trasferito in Ghana dagli Stati Uniti. In che modo questo nuovo capitolo   della sua vita influenza, sposta e fa crescere la tua pratica?

Ho aperto uno studio in Ghana, ma mantengo una residenza negli Stati Uniti. Ho esteso la mia pratica lì per amore dell’esperienza, dell’immaginazione e per avere nuovi stimoli: il sole sulla pelle, il cibo genuino – queste cose hanno un impatto sul tuo portamento spirituale e sul livello di energia e, a loro volta, hanno un impatto sul lavoro. Il modo in cui vivo in Ghana è iper disciplinato e iper concentrato. È impossibile che non abbia un impatto positivo. Alzarsi, allenarsi, andare in studio, mangiare, dormire, ripetere. Ho creato per me il terreno formativo definitivo in cui il lavoro potesse essere la motivazione principale, senza distrazioni. Lavorare in questi momenti di concentrazione intensi seguiti da momenti più calmi ha cambiato la mia produttività e la mia salute.

The Rolling Fields to My House, installation, 2021, Poggiali Gallery, courtesy of Galleria Poggiali, copyright Basil Kinkaid

Puoi parlarci delle opere esposte nella mostra The Rolling Fields to My House (2021) alla Galleria Poggiali di Milano? Di cosa parla questo corpus di opere, quale tema esplora?

Questo lavoro è un punto di inizio ed è stato il primo di una serie di tre mostre (seguite da All in One Feeling e River, Frog and Crescent Moon) incentrate sul ritorno a casa e sul recupero di sé. The Rolling Fields è stata la prima volta che ho esposto i miei disegni con i miei quilt e i miei ricami, in onore del mio primo medium di comunicazione insieme a quelli in cui sono cresciuto. In questo senso, l’opera fa luce anche sulla fiducia e sull’esplorazione: i disegni hanno guidato l’inizio dei miei ricami e continuano a prestarsi a idee sempre più grandi.

All In One Feeling, 2022, Installation, courtesy of Mindy Solomon Gallery. Photos by Zachary Balber

Quali sono, secondo la tua esperienza, gli aspetti più impegnativi dell’essere un artista?

Ho dovuto rinunciare a cercare di inserirmi. È difficile cercare di lavorare come gli altri.

Harnessing My Light, 2021-22, embroidery on canvas, hand woven Ashanti Kente, 86 x 66 in, courtesy of Mindy Solomon Gallery. Photos by Zachary Balber

Ci sono artisti contemporanei che senti vicini alla tua ricerca e al tuo linguaggio?

Rispondendo a questa domanda finirò per elencare i miei amici. Sono quelli che parlano la mia lingua e di cui rispetto le pratiche: Kennedy Yanko, Damon Davis, Yoshien Kuo…

Progetti attuali e futuri?

Ho un accordo di riservatezza fino al 2023, ma la mia mostra personale, “River, Frog and Crescent Moon” è allestita alla Venus over Manhattan fino all’8 ottobre. Per ulteriori aggiornamenti, consultate il mio sito web, basilkincaid.art

FOTO 8 Wade in The Water, 2021, Embroidery on Canvas, Hand Woven Ashanti Kente, on Stretcher, 55 x 44 x 1 in, courtesy of Mindy Solomon Gallery. Photos by Zachary Balber

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.