Focus On

Birgit Eide: Fallande himmel

*Featured photo: Falling Sky (Fallande himmel) at the Sogn og Fjordane Museum of Art

Birgit Eide solo exhibition at Sogn og Fjordane Museum of Art, Førde, Norway
09.10 – 12.12.2021.

“I don’t mean to provoke, but I see how filling a punching bag with shredded bibles it’s a very aggressive action”.

“My artistic work may hurt the feelings of some. However, I want to raise questions, create curiosity and new thoughts among those who experience my exhibition”, says the artist.

With her exhibition ‘Falling sky’ (Fallande himmel), Birgit Eide leads us to discover stories that are difficult to tell, to a relief that lies beyond prohibition, guilt and the Christian notion of sin.

“Quiet” detail from the inside of a punching bag, Ph Credit: Birgit Eide

«The exhibition halls of Sogn og Fjordane Museum of Art are literally transformed into the sacred space of a church. Eide’s narrative unfolds over three conceptual areas:

“The armoury”, in the Norwegian wooden churches, this room is located in front of the main entrance. According to medieval custom, the men would leave down their weapons before entering the church sacred space.

In her armoury, Birgit has decorated the walls with hand-embroidered church pictures found in second-hand shops. The embroideries have been marked with red spots. This series is called “Outside” (Utenfor). She installs an ecclesiastical tablecloth on the sidewall ending in a semicircle made up of children’s hymnbooks used in Sunday schools. An excerpt from the lyrics of a hymn is embroidered on the tablecloth: “Be careful what you do, little child.”

“Guard” (Vokter) outside the armory. On the right wall “outside” (Utenfor)

“The Altarpiece” is perhaps the most impressive piece in the exhibition. The idea of hanging the work down from the ceiling, facing the seven-meter-high front wall, was immediate for the artist upon seeing the exhibition room. Its size and spatiality allowed her to relate to the theme of paradise.  The work measures 3 x 10 metres and is made from decorative tablecloths crocheted by unknown women and sewn into a single piece. For the artist, it is essential to pay attention to the women behind all that work. Eide is interested in how women, through times, have decorated their homes with beautiful textiles. Many people have great joy and pride in their handiwork. Through her work, Eide tries to elevate this tradition. The aspect of time is crucial and raises questions of values in our society. Why do handmade textiles, embroidered pictures and bibles end up in flea markets and second-hand shops?

The artist Birgit Eide in front of her exhibition Falling Sky. Ph Credit: Øyvind_Johnsen

“The Pearl Gate” consists of 90 long chains of “pearls” made from crocheted nets, tits feeders and onion nets; filled up with pages from the Bible. The artist sees the beauty that lies in old, used materials, and she’s not afraid of bringing them in conversation with pieces of refined craft.

Perleporten, 2021. Ph Credit: Birgit Eide

The 12 punching bags hanging from the ceiling filled with shredded bibles are essential to the exhibition’s conceptual and formal dynamics. The punching bags form a colonnade leading to the altarpiece.

Child of sunshine (Solskinnsbarn) in front, Pearl gate (Perleporten) hanging from the ceiling and Outside (Utenfor) on the back wall. Ph Credit: Øyvind_Johnsen

Over several years, the artist has collected used Bibles from flea markets and Christian charity shops.

Her first work made out of Bibles included 13,748 pages. The pages were glued together and rolled up so that they could no longer be opened or read, making the bible text inaccessible.

Ten Bibles are stacked on a bathroom scale in front of a prayer pillow filled with shredded bible pages. Ph Credit: Birgit Eide

Birgit Eide grew up in a strict religious family. Her artistic work is a process of re-elaboration of personal traumas linked to her upbringing.

In an interview for the national newspaper Vårt land[1], she discusses the personal themes behind creating this series of works.

She says: “I thought there was a God who knew every moment what I was thinking and seeing. This is a terrible thing to grow up with as a child. Yet, that song was and still is part of my reality. When I realised its constant presence, I understood many things”. This is the background for the piece “Be careful what you do, little child.”

For ten years, Eide has worked around the topics of religious authority and personal identity. However, her critical message wasn’t immediately perceived; on the contrary, her works were often regarded as ”kind actions”. Subsequently, the artist introduced the stitched bibles and, in 2016, in an exhibition at Kunsthall Grenland, the punching bags.

Through this seemingly aggressive formal representation, the artist reworks her past, staging the concepts of faith, sin and shame.

“For me, these words represent Christianity. Therefore, it is no longer important for me to write them in large letters on the wall as I did in 2013. I have embroidered these three words in Norwegian and then in Latin – the traditional language of the Christian community. I have also embroidered them in English because it is understood by many people.”

The artist does not feel endangered when destroying a sacred book, even if it’s a radical gesture. She says she has never met a Christians for whom her work was perceived as a threat to faith or religion.

“When I started this series, I wanted to make Bibles unusable. I thought: if I buy them, nobody else will. So, in Bergen, I made a large installation where I used Bibles in different languages and boxing gloves.”

She intends to comment on the church’s power and the Christian religion in a country where this is allowed.

“I am very aware of the Christian cultural heritage and the context in which I live. I have friends and family members who are very religious. Everyone is free to believe what they want. I just want to make people think. Many writers have expressed strong criticism of religion, but not many contemporary visual artists do so, strangely enough. I believe the church has power in many negative ways.”

Brigit Eide is aware that there are no more children’s songs like ‘Be careful what you do, little child’ nowadays, but the idea of sin and punishment has not disappeared.

“It has always amazed me that many radical minds can perceive religion as something harmless. For me, it is not. For me, religion can be a strong presence in people’s lives, even if not literally as in the song.”

[1] “Vårt Land” is a Norwegian politically free and independent Christian daily newspaper. The article written by Arne Guttormsen was published on October 12, 2021.

Silence (Stillhet) 2020

BRIGIT EIDE WEBSITE: www.birgiteide.com

INSTAGRAM: @birgit.eide.art

Focus On

Birgit Eide: Fallande himmel

*Foto in evidenza: Cielo cadente (Fallande himmel) al Museo d’Arte di Sogn og Fjordane. Ph Credit: Øyvind_Johnsen 

Mostra personale di Birgit Eide
Sogn og Fjordane Kunstmuseum, Førde, Norvegia
09.10 – 12.12.2021

«Non mi interessa provocare ma capisco che riempire un sacco da boxe con delle bibbie triturate è un’azione aggressiva»
«Il mio lavoro artistico può ferire i sentimenti di qualcuno ma io voglio porre delle domande, creare cucriosità e nuovi pensieri tra gli spettatori della mia mostra», dice l’artista. Con la sua mostra «Fallande himmel» (Cielo cadente) Birgit Eide ci porta a scoprire storie difficili da raccontare, verso un sollievo che sta al di là del divieto, della colpa e della nozione cristiana di peccato.

Ph Credit: Birgit Eide

Attraverso una narrazione incentrata su tre aree concettuali, l’artista trasforma letteralmente le sale del museo di Sogn og Fjordane nello spazio sacro di una chiesa.

«L’armeria», nelle chiese di legno della Norvegia questa stanza si trova davanti all’ingresso principale; gli uomini, secondo l’usanza medievale, dovevano deporvi le armi prima di entrare.

Nella sua «armeria», Birgit ha allestito le pareti con immagini di chiese ricamate a mano, recuperate in negozi dell’usato. I ricami sono stati segnati con delle macchie rosse. Questa serie si chiama “Fuori” (Utenfor). Sul muro laterale installa un paramento ecclesiastico che termina con un semicerchio composto da canzonieri di inni religiosi per bambini. Sulla tovaglia è ricamato un estratto dal testo di una canzone del catechismo domenicale: “Stai attento a cosa fai, bambino.”

“Guardiano” (Vokter) al di fuori dell’armeria. Sul muro di destra “Fuori” (Utenfor). Ph Credit: Øyvind_Johnsen

«La pala d’altare» è forse il pezzo più impressionante della mostra. L’idea di far scendere l’opera dal soffitto, di fronte alla parete frontale alta sette metri, è stata immediata per l’artista vedendo lo spazio della Høgsalen. Le dimensioni e la spazialità le hanno permesso di relazionarsi con il tema del paradiso. L’opera misura 3 x 10 metri ed è realizzata cucendo diverse tovaglie lavorate all’uncinetto in un unico pezzo. Per l’artista è importante dare attenzione a chi c’è dietro il lavoro manuale ed è interessata a come le donne hanno, da sempre, decorato le loro case con tessuti pregiati. Molte persone attribuiscono un senso di grande gioia e orgoglio al lavoro artigianale. Attraverso la sua opera, Eide vuole dare importanza a questa tradizione dove il tempo dilatato della pratica, fa riflettere sul concetto di valore nella nostra società. “Perché i tessuti fatti a mano, le immagini ricamate e le bibbie finiscono nei mercati delle pulci e nei negozi di seconda mano?”, si chiede.

L’artista Birgit Eide di fronte alla sua mostra «Cielo cadente». Ph Credit: Øyvind_Johnsen

“La porta della perla” consiste in 90 lunghe catene di “perle” fatte con reti all’uncinetto, mangiatoie per cinciallegre e reti per cipolle; riempite con pagine della Bibbia. L’artista vede la bellezza che si trova in vecchi materiali e non ha paura di portarli in conversazione dialettica con pezzi di raffinato artigianato.

La porta della perla (Perleporten) 2021. Ph Credit: Birgit Eide

Importante nella dinamica concettuale e formale della mostra sono le 12 opere tessili che presentano diversi sacchi da Boxe appesi al soffitto e riempiti da bibbie ridotte a pezzetti, questi formano un colonnato che porta alla pala d’altare.

Bambini del sole (Solskinnsbarn) in primo piano, Porta di perla (Perleporten) in secondo piano e Fuori (Utenfor) sul muro di fondo. Ph Credit: Øyvind_Johnsen

Per molti anni l’artista ha raccolto vecchie bibbie nei mercatini dell’usato e in negozi cristiani.

La sua prima opera composta da bibbie contava 13.748 pagine, che l’artista aveva arrotolato e incollato in modo che non si potessero più aprire né leggere, rendendo il testo della bibbia inaccessibile.

Ph Credit: Birgit Eide

In questa mostra, dieci bibbie sono impilate su una bilancia pesa persone con di fronte un cuscino ripieno di fagioli. Il resto delle bibbie presenti è completamente ridotto a brandelli.

Il potere di questo gesto distruttivo è stato chiaro all’artista fin dal primo momento, necessario per la rielaborazione di traumi legati alla sua educazione. In un’intervista per il giornale nazionale Vårt land[1], parla dei temi che stanno dietro la creazione di questa serie di opere autobiografiche.

Rispetto alla creazione dell’opera “Stai attento a ciò che fai, bambino”, l’artista dichiara: “Pensavo ci fosse un Dio che sapesse ogni momento cosa pensavo e vedevo. Questa è una cosa terribile con la quale dover convivere da bambini. Quella canzone era ed è ancora parte della mia realtà. Quando ho realizzato la sua presenza costante, ho capito molte cose”.

Per dieci anni, Eide ha lavorato con temi legati all’autorità religiosa e all’identità personale ma all’inizio della sua carriera il messaggio critico delle sue opere non venne percepito, anzi, i suoi lavori erano spesso considerati delle “azioni gentili”. Successivamente, l’artista introdusse le bibbie cucite e nel 2016, in una mostra alla Kunsthall Grenland, i sacchi da boxe.

Attraverso questa rappresentazione formale apparentemente aggressiva l’artista rielabora il suo passato portando in primo piano i concetti di fede, peccato e vergogna.

“Per me queste parole rappresentano la cristianità. Non è più importante scriverle in grande sul muro, come feci una volta. Ora ho ricamato queste tre parole in Norvegese e poi in latino – la lingua tradizionale della comunità cristiana. Le ho anche ricamate in inglese perché è comprensibile da molta gente.”

L’artista non si sente in pericolo nell’esprimersi attraverso un gesto dirompente come quello di distruggere un libro sacro. Dice di non aver mai incontrato dei cristiani per i quali il suo lavoro potesse essere percepito come una minaccia alla fede o alla religione.

“Quando ho iniziato questa serie, volevo rendere le bibbie inutilizzabili. Pensavo: se le compro io, nessun altro le potrà comprare. A Bergen, ho realizzato un’installazione gigantesca con un muro riempito di bibbie in lingue differenti.”

La sua intenzione è quella di commentare sul potere della chiesa e della religione cristiana, in un paese dove questo le è permesso.

“Sono molto consapevole dell’eredità culturale cristiana e del contesto in cui ci troviamo. Ho amici e membri della mia famiglia che sono molto religiosi. Ognuno è libero di credere in quello che vuole, io voglio solo far riflettere. Molti scrittori hanno espresso forti critiche alla religione ma nell’arte contemporanea non ci sono molti artisti che lo fanno, stranamente. La chiesa ha potere in molti modi negativi.”

Brigit Eide è consapevole che, al giorno d’oggi, non esistono più canzoni per bambini come “Stai attento a ciò che fai, bambino”, ma l’idea del peccato e della punizione non è sparita.

“Mi ha sempre stupito che molte menti radicali possano percepire la religione come qualcosa di innocuo. Per me non è così. Per me la religione può essere una presenza forte nella vita delle persone, anche se non letteralmente come nella canzone.”

[1] “Vårt Land” è un quotidiano cristiano norvegese politicamente libero e indipendente. L’articolo scritto da Arne Guttormsen è stato pubblicato il 12 ottobre 2021.

Silence (Stillhet) 2020

BRIGIT EIDE WEBSITE: www.birgiteide.com

INSTAGRAM: @birgit.eide.art

Elena Redaelli

English version Dal 2010 mi occupo di arte contemporanea realizzando progetti fra scultura tessile, arte ambientale e social practices. Negli ultimi anni il mio lavoro mi ha portato a vivere viaggiando con progetti e residenze artistiche nel mondo. Esploro processi di generazione e trasformazione della materia, applicando diversi livelli di controllo e indagando i limiti tra autorialità e partecipazione.Talvolta il materiale prende il sopravvento, altre volte sono i partecipanti di un progetto o l’ambiente stesso a farlo, risultando in un dinamico e continuo scambio. Il fare manuale è per me un processo d’interrogazione dell’ambiente e uno strumento per entrare in contatto con nuove persone e culture. Nei miei progetti applico una commistione di tecniche differenti prese dalla scultura, dall’artigianato, dal disegno e dall’ estetica relazionale. Ricerco e utilizzo tecniche antiche: tessitura a telaio, arazzo, crochet, feltro, ricamo, annodature e carta fatta a mano. Nelle mie installazioni, che si sviluppano su larga scala, unisco metodi di lavorazione lenta a nuove tecnologie. Tutto ciò che riguarda il tessile è sempre stato estremamente affascinante per me. Mi piace imparare e condividere idee e conoscenze sul vasto mondo delle fibre ed e’ quello che ho fatto durante i miei viaggi di ricerca tra Europa, Asia, USA e Africa.