Concorso: “Libro Textil Bordado”

This post is also available in: English (Inglese)

La “Diputación de Cáceres” ha indetto il primo concorso del “libro sul tessuto ricamato”
L’ Area Cultura in collaborazione con il Collettivo Culturale Chinato di Malpartida de Plasencia premierà l’opera vincente con 1.800 euro.

Le opere devono essere inviate al Museo tessile Pérez Enciso de Plasencia.

Il concorso è nato con l’obiettivo di “preservare e recuperare le tecniche di ricamo tradizionali”, come spiega il deputato alla Cultura e allo Sport, Fernando Grande Cano, adattando il formato a un modello di lavoro contemporaneo e che ha una dotazione economica di 1.800 euro per l’esemplare vincitore.

A questo concorso, a cui l’Istituto provinciale ha collaborato con il Chinato Cultural Collective, possono partecipare sia individui che gruppi, con un libro ricamato a mano, che risponde alle caratteristiche tecniche del ricamo e dei formati che sono specificate nel Bando del concorso.

Le persone interessate e i gruppi possono presentare i lavori fino al 31 ottobre 2020 .

Le opere vincitrici entreranno a far parte di una collezione di libri tessili ricamati del Museo tessile etnografico “Pérez Enciso” di Plasencia.

Inoltre, con le opere presentate, si terrà una mostra presso il già menzionato Museo Etnografico.

BANDO DEL CONCORSO 

Cattedrale di Plasencia

Qualche notizia sul Museo Tessile Etnografico "Pérez Enciso"

Il Museo Tessile Etnografico Perez Enciso si trova nell’antico ospedale di Santa María de Plasencia, oggi complesso culturale con lo stesso nome. L’ospedale fu fondato dalla signora Engracia de Monroy nel 1300 e situato nel centro storico di Placentino. Durante il XV secolo, il Vescovado di Plasencia (1406) subentra all’ospedale, che lo migliora e lo estende tra il XVI e il XVIII secolo.

Dopo la confisca di Mendizábal, nel 1848, continua il suo lavoro in ospedale sotto la direzione della Diputación de Cáceres, da cui dipende ancora. Dal 1985 la società provinciale trasforma l’edificio in un complesso culturale, collocando al suo interno il Conservatorio di musica di García Matos, la Scuola di Belle Arti Rodrigo Alemán, la Scuola di danza e il Museo stesso, che occupa l’area corrispondente all’estensione del Edificio realizzato nel 18 ° secolo.

La riabilitazione, rispettando le magnifiche volte del bordo in mattoni che ricoprono le sue stanze, ha introdotto nuovi materiali e modernizzato gli spazi, adattandoli al nuovo uso del museo. Nel 1989 è stato inaugurato il Museo Etnografico Tessile, il primo museo di questo genere in tutta la Comunità dell’Estremadura. Acquisendo la collezione e rendendola pubblica, il Consiglio provinciale vuole contribuire alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio etnografico dell’Estremadura e rendere omaggio alla saggezza popolare per il suo importante contributo all’arricchimento culturale della regione.

Il fondo del Museo è formata dalla collezione del placentino D. Pedro Pérez Enciso e acquisita da Diputación (da cui il nome del Museo) e da quei pezzi donati dai cittadini per l’arricchimento del fondo. Attualmente la collezione è composta da oltre 5000 pezzi.

Il museo espone una vasta gamma di oggetti etnografici, che riflettono i modi di vita tradizionali, diventando l’intermediario tra la conoscenza, i costumi e gli usi dei tempi precedenti e attuali. Il suo scopo è quello di contribuire alla consapevolezza dei cittadini dell’importanza delle sue radici, del suo patrimonio e della sua identità come collettivo. Geograficamente, la collezione è rappresentativa di una vasta area, delimitata dal Portogallo e dai bacini del Tago e del Duero, che copre il nord della provincia di Cáceres e alcune località come Ávila, Salamanca e Toledo.

Con l’ottanta per cento dei prodotti popolari di Cáceres, vuole rendere un piccolo omaggio alla gente, sottolineando l’importanza del suo contributo all’arricchimento patrimoniale, culturale e artistico della Regione.

Link utili:
https://www.spain.info/it/que-quieres/arte/museos/caceres/museo_etnografico_y_textil_perez_enciso_de_plasencia.html#
https://museos.dip-caceres.es/museo-etnografico-textil-perez-enciso__trashed/exposicion-permanente/
https://www.itinari.com/it/location/museo-etnografico-textil-perez-enciso-plasencia

MUSEO ETNOGRAFICO E TESSILE PÉREZ ENCISO DI PLASENCIA
La maggior parte dei suoi 5000 pezzi appartengono alla collezione di Pedro Pérez Inciso e comprendono oggetti di ceramica, statue di legno, vasellame, utensili per la lavorazione del lino e della lana, fotografie dell’architettura popolare di Cáceres, abiti regionali tipici, corredi, fazzoletti, ricami e merletti.

MUSEO ETNOGRAFICO E TESSILE PÉREZ ENCISO DI PLASENCIA – Piano Terra
Il piano terra o ingresso, è organizzato come un estratto, come una sintesi del contenuto del museo che sarà sviluppato ai piani superiori. In queste sei vetrine dedicate alla ceramica, alla ceramica, al metallo, all’abbigliamento, alle coperte di lana e agli oggetti di legno e altre fibre vegetali 

MUSEO ETNOGRAFICO E TESSILE PÉREZ ENCISO DI PLASENCIA – Primo Piano

Questo piano è dedicato al processo di fabbricazione del lino e della lana e all’uso dei pezzi risultanti nella vita quotidiana e nel costume popolare. La provincia di Cáceres, prima della Rivoluzione industriale, era nota per i suoi manufatti tessili: Torrejoncillo, Casatejada, Hervás, Torremocha e Peraleda spiccavano nel lavoro della lana, mentre La Vera, Plasencia, Serradilla, Alía e Berzocana si distinguevano per lavoro di lino.

MUSEO ETNOGRAFICO E TESSILE PÉREZ ENCISO DI PLASENCIA – Secondo piano

Dedicato al lino e alla seta attraverso il corredo domestico dei riti di transito (nascita, battesimo, matrimonio, matrimonio, morte) e l’arte tessile della seta in abiti cortesi e pizzi d’oro e d’argento in ornamenti sacri.

Cattedrale di Plasencia

Be the first to comment on "Concorso: “Libro Textil Bordado”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*