Events

CONNECTED SPACES

Pictured two works included in the exhibition Connected Spaces. Pictured left Michael F. Rohde, Heart detail, 2016. Tapestry wool, silk, natural dyes. 36 x 32 inches. Photo by Andrew Neuhart. Pictured right Cheryl Ann

at AMOCA American Museum of Ceramic Art On View: March 12–August 21, 2022

Exhibition Overview

Connected Spaces presents nearly 50 artworks by California-based artists Michael F. Rohde and Cheryl Ann Thomas. This assembly of ceramic sculptures and woven tapestries is focused on a recent series created by the artists through a year-long artistic exchange in 2020-2021. The exhibition will also include pieces by both artists beyond the series to provide context.

Connected Spaces: Cheryl Ann Thomas + Michael F. Rohde is curated by Jo Lauria, Adjunct Curator.

From the Curator

Michael Rohde and Cheryl Ann Thomas are longtime friends whose art practices were markedly different: Rohde, a weaver, worked with threads and loom; Thomas, a ceramist, utilized clay and kiln. The exhibition’s genesis developed from the concept of interchange: the act of mutually giving and receiving and the exchange of ideas. The artists first identified the common ground in their art practices from this launching site and asked critical questions about their motivations and commitments.

Cheryl Ann Thomas“Friendships enhance individuals through an interchange of ideas. Something new emerges that might not have been imagined. In looking at Michael’s work, I consider colors and patterns that I might not have thought of – his approach is unique and considered. The materials we use have commonalities. Color comes from natural materials; his forms are built up slowly, as are mine. Both works have a similar continuous line. Since my coils are not smoothed out, people often mistake my pieces for woven objects. Our methods of constructing a form, line by line, are slow and contemplative. What would happen if we agreed to create a new body of work based on a consideration of how fiber and clay could speak to each other? How would collaboration lead us to a new direction in our separate disciplines? We have agreed to commit ourselves to this investigation.”

Michael Rohde“There are so many commonalities between how Cheryl and I approach our own art-making, as Cheryl has cited. To these, I would add the vector of time: each process is slow in execution with long hours working in isolation, hence the meditative aspect of our processes. Beyond that, we both use our medium with a contrarian approach. What ceramist would over-fire her carefully built forms? Why would a weaver depart from centuries of trying to turn representational paintings into woven images? We both chose to break the rules of our craft and make something new. Taking the approach further, we decided to embark on this joint project, breaking out of our isolated practices and entering into an interchange of ideas, forms, and the expression of both.”

During the exchange period, Cheryl changed to a different clay body for a distinctive series of vessels, shifting from her studio porcelain that produced an opaque finish to one formulated to produce translucency when fired. Michael reacted to this shift by varying the materials and scale of the tapestries that represent this distinct series. Responding to the reflective qualities of the new pieces, Michael selected silk yarns to weave the vessel profiles, as silk is a more lustrous material than the wool he had been using to execute the previous tapestries. Further, since the vessels in this series were of a smaller scale, Michael reduced the size of the weavings to better correspond to the more diminutive proportions. In the design of the exhibition, the plan is to separate this group of translucent vessels and silk weavings to amplify their connection – just one of several revelations to be savored in Connected Spaces.

Cheryl Ann Thomas, Party of Three, 2020. Porcelain, 18x16x12 inches (Gold, left), 32.5x13x13 inches (Gray, middle), 17x13x13 inches (Pink, right)

About the Artists

Cheryl Ann Thomas
Cheryl Ann Thomas, born in 1943 in Santa Monica, CA, received her BFA from the Art Center College of Design in 1982 and began practicing art full time in the late 1990s. Her first solo exhibition was in 2000, and her work has since been exhibited in solo and group shows in New York, Los Angeles, Boston, Santa Fe, Paris (France), and China. Her work is included in the collections of the American Museum of Ceramic Art, Museum of Fine Arts Boston, Museum of Fine Arts Houston, Fuller Craft Museum, Minneapolis Institute of Art, Cranbrook Academy of Art, Henan Museum in China, and the Gardiner Museum of Ceramic Art in Toronto, Canada. She is a grant recipient from the prestigious Pollock-Krasner Foundation, and she received the Lee Krasner Award for Lifetime Achievement in 2020.

Thomas lives and works in Ventura, California.

Michael F. Rohde
Michael F. Rohde, born in 1943, has been weaving since 1973 and completed his studies at the Alfred Glassel School of the Houston Museum of Fine Arts in 1981. His work has been included in the United States Department of State Art in Embassies Program, exhibits at the Textile Museum in Washington, DC, the American Craft Museum in New York, the invitational Triennial of Tapestry in Lodz, Poland, from Lausanne to Beijing, solo exhibits at the Janina Monkute-Marks Museum in Lithuania as well as at the San Luis Obispo (CA) Musuem of Art, and in an exhibition at the Mingei International Museum in Balboa Park in San Diego. His work is in the permanent collections of the Textile Museum (Washington, DC), the Mingei International Museum, the San Jose Museum of Quilts and Textiles, the Ventura County Museum of Art, the Racine Art Museum, and The Art Institute of Chicago.

Rohde lives and works in Westlake Village, California.

This exhibition is funded in part by the Boardman Family Foundation and The LA County Department of Arts & Culture.

Michael F. Rohde, re: Party of ThreeGold (left), re: Party of ThreeGray (middle), and re: Party of ThreePink (right), 2021. Handwoven tapestry: silk, wool, natural dyes, 30 x 24 inches (each) framed. Photos by W. Scott Miles

Eventi

CONNECTED SPACES

Nella foto, due opere incluse nella mostra Connected Spaces. Nella foto a sinistra Michael F. Rohde, dettaglio Heart, 2016. Arazzo di lana, seta, tinture naturali. 36 x 32 inches. Foto di Andrew Neuhart. Nella foto a destra Cheryl Ann

AMOCA American Museum of Ceramic Art :   12 marzo – 21 agosto 2022

Panoramica della mostra:

Connected Spaces presenta quasi 50 opere d’arte degli artisti californiani Michael F. Rohde e Cheryl Ann Thomas. Questo insieme di sculture in ceramica e arazzi tessuti è incentrato su una recente serie creata dagli artisti attraverso uno scambio durato un anno tra il 2020-2021. La mostra include, oltre a questa nuova serie, anche alcuni pezzi caratteristici della pratica dei due artisti per fornire un contesto.

Connected Spaces: Cheryl Ann Thomas + Michael F. Rohde è curata da Jo Lauria, curatore aggiunto.

DAL CURATORE

Michael Rohde e Cheryl Ann Thomas sono due amici di lunga data le cui pratiche artistiche presentano notevoli differenze: Rohde, un tessitore, lavora con fili e telaio; Thomas, una ceramista, utilizza argilla e forno. La genesi della mostra si è sviluppata attorno al concetto di interscambio, un dare e ricevere, reciproco scambio di idee. Gli artisti hanno innanzitutto identificato un terreno comune nelle loro pratiche artistiche e, partendo da questo punto, si sono posti domande critiche sulle loro motivazioni e impegni.

Cheryl Ann Thomas:

“Le amicizie valorizzano gli individui attraverso lo scambio di idee. Qualcosa può emergere, che forse non era stato immaginato. Guardando il lavoro di Michael, considero colori e modelli ai quali non avrei pensato – il suo approccio è unico e ponderato. I materiali che usiamo hanno dei punti in comune. Il colore viene da materiali naturali; le sue forme sono costruite lentamente, come le mie. Entrambe le nostre opere presentano una linea continua simile. Poiché I miei bigoli di argilla non sono lisciati, la gente spesso scambia i miei lavori per oggetti intrecciati. I nostri metodi di costruzione della forma, linea per linea, sono lenti e contemplativi. Cosa accadrebbe se creassimo una nuova serie di lavori considerando come la fibra e l’argilla possono comunicare tra loro? In che modo la collaborazione ci porterebbe a una nuova direzione nelle nostre distinte discipline? Abbiamo deciso di impegnarci in questa indagine”.

Michael Rohde: “Come ha citato Cheryl, ci sono tanti fattori comuni nel modo in cui io e Cheryl affrontiamo la creazione artistica. A questi aggiungerei il vettore del tempo: ogni processo esecutivo è lento con lunghe ore di lavoro in isolamento, da qui l’aspetto meditativo del nostro processo.

Al di là di questo, entrambi usiamo il nostro mezzo con un approccio ribelle. Quale ceramista brucerebbe troppo le forme che ha con cura costruito? Perché un tessitore dovrebbe discostarsi da secoli di tentativi nel trasformare dipinti figurativi in immagini tessute? Entrambi abbiamo scelto di rompere le regole del nostro mestiere e fare qualcosa di nuovo. Portando avanti questo approccio, abbiamo deciso di imbarcarci in un progetto comune, uscendo dalle nostre pratiche solitarie ed entrando in un interscambio di idee e forme che sia espressione di entrambi”.

Durante il periodo di scambio, Cheryl è passata all’utilizzo di un’argilla diversa per realizzare questa serie particolare di vasi, abbandonando la porcellana del suo studio che produce una finitura opaca a favore di una formulata per dare, dopo la cottura, un effetto traslucido. Michael ha reagito a questo cambiamento variando i materiali e le dimensioni degli arazzi che rappresentano la serie in oggetto. Rispondendo alle qualità rifrangenti dei nuovi pezzi, Michael ha selezionato dei filati di seta per tessere i profili dei vasi, poiché la seta è un materiale più lucente della lana, usata invece nei suoi arazzi precedenti. Inoltre, poiché i vasi di questa serie sono di scala inferiore, Michael ha ridotto le dimensioni delle tessiture per meglio corrispondere alle proporzioni minute. Il design della mostra prevede di esibire separatamente questo gruppo di vasi traslucidi e le tessiture di seta per amplificare la loro connessione – solo una delle numerose rivelazioni da assaporare in Connected Spaces.

Cheryl Ann Thomas, Party of Three, 2020. Porcellana, 18x16x12 inches ( Gold, a sinistra), 32.5x13x13 inches (Gray, al centro), 17x13x13 inches (Pink, a destra)

Informazioni sugli artisti

Cheryl Ann Thomas

Cheryl Ann Thomas, nata nel 1943 a Santa Monica, CA, ha ricevuto il suo BFA dall’Art Center College of Design nel 1982 e ha iniziato a praticare arte a tempo pieno alla fine degli anni ’90. La sua prima mostra personale risale al 2000 e da allora il suo lavoro è stato esposto in mostre personali e collettive a New York, Los Angeles, Boston, Santa Fe, Parigi (Francia) e in Cina. Il suo lavoro è incluso nelle collezioni dell’American Museum of Ceramic Art, Museum of Fine Arts Boston, Museum of Fine Arts Houston, Fuller Craft Museum, Minneapolis Institute of Art, Cranbrook Academy of Art, Henan Museum in Cina e il Gardiner Museum of Ceramic Art di Toronto, Canada. Ha ricevuto una borsa di studio dalla prestigiosa Pollock-Krasner Foundation e ha ricevuto il Lee Krasner Award for Lifetime Achievement nel 2020.

Thomas vive e lavora a Ventura, California.

Michael F. Rohde

Michael F. Rohde, nato nel 1943, è un tessitore fin dal 1973 e ha completato i suoi studi alla Alfred Glassel School dello Houston Museum of Fine Arts nel 1981. Il suo lavoro è stato incluso nel programma Art in Embassies del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, in mostre al Textile Museum di Washington, DC, all’American Craft Museum di New York, alla Triennale dell’arazzo su invito a Lodz, in Polonia, da Losanna a Pechino. Le sue mostre personali sono state presentate al Janina Monkute-Marks Museum in Lituania e al San Luis Obispo (CA) Museum of Art, e Mingei International Museum in Balboa Park a San Diego. Il suo lavoro è presente nelle collezioni permanenti del Textile Museum (Washington, DC), il Mingei International Museum, il San Jose Museum of Quilts and Textiles, il Ventura County Museum of Art, il Racine Art Museum e l’Art Institute of Chicago.

Rohde vive e lavora a Westlake Village, California.

Questa mostra è finanziata in parte dalla Boardman Family Foundation e dal LA County Department of Arts & Culture.

Michael F. Rohde, re: Party of Three: Gold (a sinistra), re: Party of Three: Gray (al centro), e re: Party of Three: Pink (a destra), 2021. Arazzo tessuto a mano: seta, lana, tinture naturali, 30 x 24 inches (ciascuno) incorniciato. Foto di W. Scott Miles

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.