Cosa leggeremo nel numero di ottobre di ArteMorbida Textile Arts Magazine

English (Inglese)

Anticipazioni dei contenuti: tanti, interessanti, stimolanti. Non ne potrete più fare a meno!
Abbonati subito QUI

Self portrait (1)

In un’esclusiva intervista che verrà pubblicata in apertura del primo numero di ArteMorbida il 30 Ottobre prossimo, Nei Albertì racconterà sé stesso, del rapporto che si instaura tra spazio espositivo e artista e del modo in cui l’ambiente e l’opera dialoghino in una dimensione dinamica, capace di creare inediti scenari in cui lo spettatore è coinvolto in un’emozionante viaggio immersivo.

di Maria Rosaria Roseo

Elham M. Aghili

La natura bugiarda di Elham M. Aghili
Lavora alacremente al nuovo progetto, Elham M. Aghili, con pazienza certosina e perizia tecnica coltivata e maturata dopo tanta sperimentazione e continui ritocchi migliorativi. Ha da poco terminato la grande installazione in mostra – mentre scrivo – a CONTEXTILE, prestigiosa Biennale di Arte Tessile Contemporanea di Guimarães, in Portogallo, che l’ha selezionata attraverso un contest a cui partecipano artisti da tutto il mondo…

di Barbara Pavan

Maria Ortega, artista multidisciplinare con una vocazione che si esprime attraverso l’uso di linguaggi diversi come la fotografia,la scultura, l’incisione, la pittura e il tessile, punto di partenza ineludibile di tutto il suopercorso artistico. Maria Ortega, curatrice, giudice di mostre e direttore generale di importanti eventi quali l’VIII Biennale Internazionale d’Arte Tessile Contemporanea WTA (Città Sostenibile).
Un’intervista in cui si racconta dell’artista e del mondo della Fiber Art contemporanea a 360 gradi.

Di Maria Rosaria Roseo

Intramontabili jeans,un colore, una stoffa, una storia
In questo articolo Tullia ci parla di costume, di passato esplorando la storia, le trasformazioni di questo tessuto, conosciuto in tutto, tutto, il Mondo come jeans = blue-jeans…

di Tullia Ferrero

 

Il mio lavoro è una metafora dell’arte e della vita: Annita Romano nata a San Paolo del Brasile nel 1966, è una affermata artista che attualmente vive e lavora a Parigi. Nel 2006 l’incontro sorprendente e poetico con l’arte tessile segna un importante momento di passaggio nella vita e nella carriera. Un’intervista ricca di spunti e riflessioni sull’intenso rapporto che lega l’artista al suo lavoro.

Di Maria Rosaria Roseo

 In copertina un particolare di una sua opera

Gina Morandini. Insegnate-Projet manager-Storica del tessuto, della moda e del costume-Fiber artista. Fortemente radicata nel suo Friuli (nasce il 15 novembre del 1931 a San Giorgio di Nogaro, in provincia di Udine), Gina Morandini manifesta fin da giovanissima una personalità forte e vivace che ben riflette il connubio tra pianura e laguna della sua terra dai mille panorami, profumi e colori…

di Carmen Romeo

FROM PET TO GOLD – Trasformare i rifiuti di plastica in tessuti magici e dorati

Elena Redaelli ci introduce nel mondo delicato e magico dell’artista tessile lettone Ieva Krūmiņa. Attraverso un’interpretazione contemporanea della tessitura, Ieva riflette sull’importanza del tempo impiegato per realizzare l’opera d’arte. Definisce questi momenti speciali come pieni di possibilità: “ricchi e mai sprecati”.

di Elena Redaelli

Tutorial: per il primo episodio della nuova rubrica di Elena Redaelli, dove esploreremo e proveremo le tecniche tessili contemporanee, è proprio Ieva Krūmiņa a condividere con i nostri lettori il suo personalissimo processo di creazione.
Grazie a un breve tutorial, saremo in grado di trasformare la plastica sprecata in un prezioso motivo dorato.
Ieva dice che la sua tecnica non ha segreti e in realtà è molto semplice da imparare ed eseguire. Scopriamolo insieme…

Itchiku Kubota: la Sinfonia della luce Itchiku kubota è considerato uno dei più rappresentativi e originali artisti tessili giapponesi, conosciuto e stimato sia in patria che all’estero, il maestro del kimono ha incentrato la sua vita e la sua arte nella continua ricerca tecnica e concettuale per superare i rigidi confini dell’abito tradizionale giapponese creando nuovi parametri per il suo utilizzo, arrivando a trasfigurare le proporzioni e le modalità di vestizione.

di Chiara Carta

Nuove narrazioni per l’arazzo contemporaneo: Terri Friedman
Artista multidisciplinare approdata al tessile solo recentemente nel 2014, ha già al suo attivo 3 mostre personali e numerose collettive che vedono come protagonisti i suoi vibranti, indisciplinati e piacevolmente eccessivi arazzi.
Una panoramica sui temi della sua attuale ricerca artistica e le immagini della mostra personale appena conclusasi alla CUE Art Foundation di New York.

Di Maria Rosaria Roseo

A LA DEROBEE (détail) 2017

Edith Meusnier: l’arte dialoga col paesaggio
Ispirata dai colori e dalle forme della natura, Edith Meusnier, utilizza materiali semplici come nastri di plastica e fili di acciaio, per  creare installazioni leggere, flessibili e trasparenti che si inseriscono delicatamente nel paesaggio per il quale sono state pensate senza dominare gli spazi ma attraversandoli e dialogando con essi.

Di Maria Rosaria Roseo

Valeria Scuteri, calabrese di nascita, emigra giovanissima a Torino. Dopo l’Accademia avvia una costante ricerca poetico-formale dove traduce l’esperienza del disegno e della pittura in grandi installazioni, anche monumentali, al cui centro l’elemento tessile, l’utilizzo di un telaio manuale oppure off loom, esprime attraverso il gesto il senso profondamente concettuale di tutto il suo lavoro…

Intervista di Barbara Pavan