Cosa leggeremo nel numero di Gennaio di ArteMorbida Textile Arts Magazine

English (Inglese)

Anticipazioni dei contenuti: tanti, interessanti, stimolanti. Non ne potrete più fare a meno!
Abbonati subito QUI


Attivismo creativo: intervista con Nnenna Okore

In questa intervista l’artista parla della sua formazione professionale, di un inedito percorso di ricerca incentrato sui temi dell’ecosostenibilità affrontati con un approccio del tutto nuovo, grazie anche alle contaminazioni culturali che lo arricchiscono. Infine, una riflessione sul rapporto che lega l’artista, l’opera e il pubblico.

di Maria Rosaria Roseo

FOGLIE~1

 Il filo solido di Franca Coen Sonnino

Allieva di Maria Lai e considerata a ragione tra le madri della Fiber Art italiana, Franca Coen Sonnino si racconta su ArteMorbida nell’intervista di Paolo Cortese dopo che il successo della mostra a Londra nel 2019 e la partecipazione alle ultime edizioni di Brafa, Miart, Artissima e ArteFiera hanno riacceso i riflettori sul lavoro di questa grande artista romana.

di Paolo Cortese

Anatomia delle relazioni umane. La ricerca artistica di Giulia Nelli

I collant diventano opere di Fiber Art che indagano la natura e l’evoluzione delle relazioni umane nel lavoro di Giulia Nelli, giovane artista con già all’attivo partecipazioni internazionali. La sua ricerca è il tema del focus del numero di gennaio di ArteMorbida a firma di Barbara Pavan.

di Barbara Pavan

Fibra, filo, tessuto. la morbidezza plurale dell’opera di Clara Rota

La pratica artistica di Clara Rota ci apre un mondo di possibilità. Ci dimostra come creare vividissime tessiture di fibre, relazioni e corpi. Il suo lavoro ci parla di passione e volontà, che sono alla base di progetti concreti, che portano speranza. Ci narra di collaborazioni idilliache, di femminile in un senso allargato che va oltre il genere. Il testo è di Elena Redaelli.

di Elena Redaelli

 

La trama di un’anima

L’appuntamento con la Fiber Art nelle collezioni permanenti e museali italiane in questo numero è di Lara Caccia che racconta l’opera dell’artista sarda Maria Jole Serreli al Museo Limen di Vibo Valentia.

Di Lara Caccia

Il Textile Museum di Washington

Un articolo dalla rubrica “Ti presento un museo” in cui di volta in volta scopriamo le ricche e preziose collezioni di arte tessile antica e contemporanea presenti nei musei dei cinque continenti. Un patrimonio di fonti, saperi e culture accessibili al grande pubblico ma spesso ignorate o misconosciute.

di Maria Rosaria Roseo

Segni, segnali e sogni della Fiber Art contemporanea: intervista a Silvana Nota

Silvana Nota, giornalista, critica d’arte e curatrice indipendente, dal 1998 è direttrice artistica delle Biennali Internazionali di Fiber Art della Città di Chieri Trame d’Autore, nonché dell’omonima collezione di cui ha curato lo sviluppo. L’intervista su ArteMorbida è l’occasione per fare il punto sulla Fiber Art – presente, passato e futuro – in Italia e in ambito internazionale.

di Barbara Pavan

Gli arazzi pop di Aurelia Jaubert

Con l’opera “3ème Âge (le retour d’Ulysse)”, l’artista francese Aurélia Jaubert ha ricevuto la prestigiosa medaglia d’argento alla XVI Triennale Internazionale dell’Arazzo di Lodz.
In questa intervista a cura di Maria Rosaria Roseo, l’artista racconta di come sia nata l’idea di un arazzo così fuori dal comune, un collage di vecchie tele, ricco di inaspettati e audaci accostamenti figurativi.

di Maria Rosaria Roseo

Il restauro di un arazzo

Un interessante articolo che descrive l’intervento di restauro di un pregiato manufatto tessile: un arazzo che entrò a far parte delle collezioni borboniche presso la Reggia di Caserta e poi a Palazzo Reale di Napoli. In dotazione alla Corona d’Italia nel 1860, fu trasferito dal palazzo Reale di Napoli, a Roma, al Quirinale nel 1874-1875.

di Chiara Carta

Un nido di seta nel cuore della Calabria

Tre ragazzi hanno dato forma e concretezza al loro sogno di riavviare la filiera della seta in Calabria e sul numero di gennaio di ArteMorbida vi raccontiamo la loro storia e la loro impresa.

di Barbara Pavan

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

In viaggio con Ya-Chu Kang

Attraverso le parole di Elena Redaelli, Ya-chu Kang ci invita a seguirla nelle sue ricerche che si sono estese in molte parti del nostro pianeta, seguendo la sua voglia di conoscenza. Tramite il suo lavoro, l’artista si interroga sulla relazione fra uomo, natura e problematiche sociali. Come modernità e cultura sono correlate e come si influenzano.

di Elena Redaelli

Cross culture – Nodi d’arte per snodi culturali

Gabriella Anedi presenta Shafiqul Kabir Chandan, artista originario del Bangladesh, raccontando delle sue opere tessili, del legame mai reciso con la cultura materiale della sua terra e, allo stesso tempo, della emancipazione da essa, alla ricerca di un linguaggio personale e unico.

di Gabriella Anedi

Isabel Berglund

Uno spotlight on, in cui viene presentata l’artista e gli elementi chiave del suo lavoro.

di Maria Rosaria Roseo