• 27 Novembre 2022 10:42

CYNTHIA AURORA BRANNVALL – The Threads That Bind (I fili che legano)

English (Inglese)

MoAD Museum of African Diaspora, 685 Mission St. (at 3rd), San Francisco, CA 94105
30 Marzo –  12 Giugno 2022
Info   www.moadsf.org
A cura di Elena Gross

MoAD Emerging Artists presenta The Threads that Bind, una proposta espositiva che si confronta con i tessuti incentrati su temi di memoria culturale e storica in relazione all’esperienza diasporica nera e alla formazione dell’identità. I tessuti sono malleabili: cedono, si allungano, si deformano, si macchiano e si sfilacciano. Eppure attraverso la loro trama e ordito contengono una resistenza alla trazione che resiste e conserva la memoria e i segni di macchie  di chi li indossa. Questi materiali vintage e antichi vengono riconfigurati come affermazioni artistiche contemporanee con vettori di significato che collegano il passato al presente. Le opere sono caratterizzate da ambiguità, instabilità, fragilità e presenze spettrali in un’epoca di prese di posizione rigide e polarizzate.

Le sculture tessili includevano l’onore di eroine e martiri sconosciuti. Frances Ellen Watkins Harper era una poetessa, autrice e docente che ha lavorato come influente abolizionista e suffragista nera. La sua presenza è evocata in una blusa scultorea del 19° secolo fragile per l’età ma evocativa con i suoi motivi cuciti a mano che ricordano le finestre di una cattedrale gotica.  Daisy Elizabeth Adams Lampkin, anch’essa rappresentata e onorata in una scultura tessile, era una suffragista afroamericana, attivista per i diritti civili che ha lavorato per la National Association of Colored Women (NACW), National Association for the Advancement of Colored People (NAACP) e il Consiglio Nazionale delle Donne Nere. Present Council sono presenze scultoree spettrali vulnerabili che evocano le battaglie storiche combattute per i diritti delle donne e parlano della fragilità di tali diritti nelle circostanze attuali.  Sono spettrali e fragili ma hanno un terreno consacrato. Little Girls Birmingham sono costituiti da colletti che fungono da ritratti per le bambine uccise nell’attentato alla chiesa battista della 16th Street a Birmingham, in Alabama, nel 1963 dal KKK. La giurisdizione si riferisce ai membri della Corte Suprema come un commento sul ruolo e sul fallimento storico dei tribunali nel proteggere i diritti delle vite dei neri e assume un’importanza urgente.

I dipinti tessili in mostra affrontano temi più ampi dell’esperienza diasporica. I fili che legano una nazione divisa è un dipinto tessile della bandiera degli Stati Uniti con uno spazio vuoto tra la linea Mason Dixon e punti lunghi che si incrociano e collegano nord, sud, est e ovest. Resa in tessuto, questa bandiera degli Stati Uniti evoca l’eredità del cotone che è il re e la ferita fondamentale, spalancata e non rimarginata dell’America. Continents si confronta con l’identità come terreno immaginato dalla memoria, dalla nostalgia e dalla cultura in divenire da migrazioni forzate e volontarie. I tre pannelli rappresentano i continenti che comprendono le origini e le migrazioni del tempo profondo dei miei stessi antenati. I modelli astratti composti sono pieghe proteiche immaginate del DNA che viaggiano attraverso corpi idrici e continenti attraverso tratti ereditati nei corpi degli antenati.

Blink è un dittico costituito da frammenti tessili composti in un formato a griglia minimalista che evoca strati geologici. L’abbinamento ha lo scopo di evocare dualità, binario e un’immagine speculare imperfetta simile al concetto di doppia coscienza di Dubois. Il rizoma è composto da pizzi fatti a mano dell’era della guerra civile. Il termine rizoma deriva dalla botanica, ma è stato adattato da filosofi e teorici come un modo alternativo di conoscere e comprendere l’identità e la storia in modi non gerarchici e resistenti ai vincoli dualistici e binari.

Piuttosto, il pensiero rizomatico, come hanno descritto i teorici Gilles, Deleuze, Guattari e Glissant, tiene conto dei tipi di molteplicità e ibridità che fanno parte delle identità della diaspora. Nel contesto dell’identità e della differenza, il filosofo Giles Deleuze afferma quanto segue:In questo modello, la cultura si diffonde come la superficie di uno specchio d’acqua, diffondendosi verso gli spazi disponibili o gocciolando verso il basso verso nuovi spazi attraverso fessure e lacune, erodendo ciò che si trova sulla sua strada. La superficie può essere interrotta e spostata, ma queste perturbazioni non lasciano traccia, poiché l’acqua è carica di pressione e potenziale per cercare sempre il suo equilibrio, e quindi stabilire uno spazio liscio.

Deleuze parla della perseveranza, della forza, dell’adattabilità e dei modi in cui coloro che provengono dalla diaspora africana hanno trasformato ogni aspetto del mondo.

“La mia pratica artistica – afferma l’artista – è un’esplorazione dell’identità, della geografia e del significato dei materiali. Il movimento di persone, risorse e idee attraverso migrazioni volontarie e forzate sono temi che trovano espressione nel mio lavoro.Uso l’astrazione per creare apertura a una storia condivisa più ampia con tutte le sue contraddizioni e prospettive multiple. Esploro la capacità dei materiali e dell’estetica di creare spazi interstiziali che legano e formano un terreno comune nella nostra umanità condivisa. Sono interessato a creare un linguaggio visivo che coinvolga le identità individuali e collettive e la storia, la cultura, le economie e le aree geografiche a cui sono legate.Comprendo che la formazione dell’identità è in movimento, migratoria e permeabile come la fluidità del mare e sempre in uno stato di divenire. Mi ispiro alle teorie di Douard Glissant in Poetics of Relation, dove dice: Uno dei pieni sensi della modernità è fornito dall’azione delle culture umane che si identificano a vicenda per la loro mutua trasformazione. Il suo lavoro informa la mia pratica artistica e guida anche la mia ricerca e il mio impegno pedagogico con la storia dell’arte.