InterviewInterviste

ELISA MULIERE

*Featured photo: Elisa Muliere, Sara Bonaventura, Iconoplast, 2021, installation studio view, courtesy Adiacenze, ph. Visual Lab

Instinctive, introspective, narrative, intuitive, sensual, ironic: Elisa Muliere (Tortona, 1981) lives and works in Bologna, where she develops a heterogeneous research, which ranges from painting on canvas and paper to the experimentation of other expressive forms such as installations, sculpture and editorial products, consistently pursuing her investigation of what she herself defines as the “complexities inherent in the human soul”.  Complexity, but also lightness, liberations and fragrances, in which she loves to enter in an introspective and visionary way, reconstructing an imaginary in balance between harmonies and contrasts.

For over a decade she has exhibited in various solo and group exhibitions, in Italy and abroad, and has been selected for various residences. She has published two artist books: Icaro must fall (2014, GRRRz Comic Art Books), presented in various spaces including the VII International Biennial of Illustration in Lisbon “ILUSTRARTE” as a finalist project, and My Kingdom (Edizioni Sido, 2018) a contemporary and feminine interpretation of Oscar Wilde’s most famous fairy tale “The Happy Prince”, in which the princess faces the reign of a complicated humanity.

But perhaps no less complicated could be the forms of existence that can be prefigured for the future, the subject of the most recent research, projected into a post-human dimension where – in line with the trans-disciplinary vocation of the artist – science and environmental awareness solicit conceptual and tactile construction of a new biomorphism, which evokes the fusion between natural and artificial. We meet her while she is working on the presentation of this new exhibition project.

Elisa Muliere, Sara Bonaventura, Iconoplast, 2021, installation studio view, courtesy Adiacenze, ph. Visual Lab

In your work you habitually use different means of expression and – as you told me when I visited “clandestinely” one of your installations in the period in which we were still on lockdown – at a certain point the sewing machine almost accidentally entered among the tools with which you started experimenting with the use of plastic materials.  A dexterity that surprised and involved you more and more, while you were working on a project on the vision of the future, in a dimension suspended between art and science apparently very far from the recovery of tailoring and traditional techniques.  Can you tell us the genesis of this project and its interactions?

Iconoplast is a transdisciplinary research project, curated by Adiacenze (Bologna) and Anna Rosellini, on which I have been working with the video artist Sara Bonaventura since November 2019. Conceived starting from the meeting in London with Madelon Vriesendorp – Dutch artist and co- founder of the architecture studio Oma – and inspired by her recent series of Milk Bottles sculptures, real idols made from domestic waste plastic, the project took shape during an artistic residency activated by Adiacenze in 2020 within its premises, closed to the public due to the pandemic.

It tells, through a speculative narrative, of a post-human future in which the human species has been replaced by a new living species, born from the encounter between the microplastics present today in the waters of planet Earth with cells and bacteria

Called to confront an unprecedented material within our production such as plastic, Sara and I worked on the composition of an immersive installation consisting of video dematerializations, sculptural elements and assemblies. A perturbing, pulsating and colorful, curious world – profoundly distant from the bleak aesthetic typical of anthropocene narratives – which we hope will trigger in the visitor a lateral thought of reflection on their condition.

Elisa Muliere, Iconoplast, 2020, preparatory sketch

If Bonaventura tells the genesis of this new species, from my Iconoplast the emerged, the primordial neoform takes shape: large sculptures of sewn plastic film, filled with as much recycled plastic, adapt to the space to be occupied, each time with a specific site approach. Sprawling, soft, open in a vital momentum, they want to empathically welcome the public, creating an emotional short-circuit between fascination and disorientation.

The project will debut on 12 March 2022 at the Ronchini project room at the Caos Museum in Terni; the exhibition, visible until April 24, will be preceded by a further period of residence at La Romita School of Art. This will give us the opportunity not only to formalize the setting, but to collaborate with some companies in the area and with the HackLab of the Museum – which will support us in the design of particular sound and light effects through the use of Arduino and other technological devices.

I believe that Iconoplast’s strength lies in its transversal character: it is in fact conceived as an itinerant and ongoing project, to be developed with different formal outcomes, to accommodate a plurality of artistic contributions as well as other figures such as scientists, engineers, poets, philosophers…

Elisa Muliere, Sara Bonaventura, Iconoplast, 2021, installation studio view, courtesy Adiacenze, ph. Visual Lab

Residency experiences are a very significant engine for contemporary research and often offer unprecedented opportunities for interdisciplinary interaction. How do you live them?

I live them as opportunities: to activate intuitions, contaminate mutual thought, go in depth. I am thinking for example of the Isola Comacina residence (July 2018) promoted by the Brera Academy of Fine Arts, in the company of Cristina Principale, art historian, curator and journalist and the artist Barbara Baroncini. An intense experience of meeting and exchange, full of poetry. Or again, the Prospettive project, conceived and curated by Adiacenze, in which I participated with Giulio Zanet in July 2020 in Spilamberto (MO): a work in synergy with the territory and its inhabitants, of historical and social investigation. The residences serve exactly this, to trigger a confrontation by mixing disciplines, philosophies, cultures and to change the point of view, operating outside our private studios. They are a fundamental tool for the formation of an artistic thought open to hybridization, to collaboration – so that our language can address contemporary issues with the intensity necessary to trace new paths of investigation into the future.

Elisa Muliere,2021,When she has gone, mixed media on canvas, 106x80 cm, courtesy the artist and Traffic Gallery

In all areas in which you operate – from publishing to painting, up to installation – you propose a work that probes the reverberations between the personal unconscious and the universal condition, enhancing female identity as a condition of sensitivity and strength, as we have seen done, in different ways, by many artists of the avant-garde … Do we still have to support it as a battle?

All my production has an extremely physical, contact root of work. It springs from an internal and low channel, of listening to the self and restitution. Movements of the body that are reflected on the material: in a pictorial gesture, in the fold of a ceramic plate, in the cut of a fabric. Soft, sinuous at times, pungent and disharmonious at others. Each piece then enters into a relationship with the others in an open dialogue – to compose a fluid choral.

Altrimenti anche niente, 2021, group show, installation view, courtesy Rehearsal
Altrimenti anche niente, 2021, group show, installation view, courtesy Rehearsal

You ask me if we still have to fight for emancipation. I wish I could say no, that it is no longer necessary – yet it is not. There is still a lot to do and to say for the affirmation of inclusive thinking and alliance, which leverages the overturning of dominant ideas. Also for this reason, in my production, I relentlessly focus on the concept of possibility.

To welcome, understand, change: patterns, conditions, moods. We are beings in transit, unstable in every fraction of life.

To a battle cry, however, I prefer a polyphony, which creeps between thoughts and takes up space. A chant that varies in rhythm and intensity, which keeps us awake, alive, excited. That knows how to tell us.

Interviste

ELISA MULIERE

*Foto in evidenza: Elisa Muliere, Sara Bonaventura, Iconoplast, 2021, installation studio view, courtesy Adiacenze, ph. Visual Lab

Istintiva, introspettiva, narrativa, intuitiva, sensuale, ironica: Elisa Muliere (Tortona, 1981) vive e lavora a Bologna, dove sviluppa una ricerca eterogenea, che spazia dalla pittura su tela e carta alla sperimentazione di altre forme espressive come installazioni, scultura e prodotti editoriali, perseguendo con coerenza la sua indagine su quelle che lei stessa definisce le “complessità insite nell’animo umano”. Complessità, ma anche leggerezza, liberazioni e fragranze, nelle quali ama addentrarsi in maniera introspettiva e visionaria, ricostruendo un immaginario in equilibrio tra armonie e contrasti.

Da oltre un decennio espone in diverse mostre personali e collettive, in Italia e all’estero, ed è stata selezionata per diverse residenze. Ha pubblicato due libri d’artista: Icaro deve cadere (2014, GRRRz Comic Art Books), presentato in diversi spazi tra cui la VII Biennale Internazionale dell’Illustrazione di Lisbona “ILUSTRARTE” come progetto finalista, e Il mio regno (Edizioni Sido, 2018) un’interpretazione contemporanea e femminile della più celebre fiaba di Oscar Wilde “Il Principe Felice”, in cui la principessa si trova ad affrontare il regno di un’umanità complicata.

Ma forse non meno complicate potrebbero essere le forme di esistenza prefigurabili per il futuro, oggetto della più recente ricerca, proiettata in una dimensione post-human dove – coerentemente con la vocazione trans-disciplinare dell’artista – scienza e consapevolezza ambientale sollecitano la costruzione concettuale e tattile di un nuovo biomorfismo, che evoca la fusione tra naturale e artificiale. La incontriamo proprio mentre lavora alla presentazione di questo nuovo progetto espostivo.

Elisa Muliere, Sara Bonaventura, Iconoplast, 2021, installation studio view, courtesy Adiacenze, ph. Visual Lab

Nel tuo lavoro utilizzi abitualmente diversi mezzi espressivi e – come mi hai raccontato quando ho visitato “clandestinamente” un tuo allestimento nel periodo in cui eravamo ancora a ridosso del lockdown – a un certo punto la macchina da cucire è entrata quasi casualmente tra gli strumenti con i quali hai iniziato a sperimentare l’utilizzo di materiali plastici. Una manualità che ti ha sorpresa e coinvolta via via sempre di più, mentre lavoravi a un progetto sulla visione del futuro, in una dimensione sospesa tra arte e scienza apparentemente lontanissima dal recupero delle tecniche sartoriali e tradizionali. Ci racconti la genesi di questo progetto e le sue interazioni?

Iconoplast è un progetto di ricerca transdisciplinare, a cura di Adiacenze (Bologna) e Anna Rosellini, al quale sto lavorando con la video artista Sara Bonaventura dal novembre 2019. Ideato a partire dall’incontro a Londra con Madelon Vriesendorp – artista olandese e co-fondatrice dello studio di architettura Oma – e ispirato alla sua recente serie di sculture Milk Bottles, veri e propri idola ricavati da plastica di scarto domestico, il progetto ha preso forma durante una residenza artistica attivata da Adiacenze nel 2020 all’interno dei suoi locali, chiusi al pubblico a causa della pandemia.

Racconta, attraverso una narrazione speculativa, di un futuro post-human nel quale alla specie umana si è sostituita una nuova specie vivente, nata dall’incontro tra le microplastiche presenti oggi nelle acque del pianeta Terra con cellule e batteri.

Chiamate a confrontarci con un materiale inedito all’interno della nostra produzione come la plastica, io e Sara abbiamo lavorato alla composizione di un’installazione immersiva costituita di smaterializzazioni video, elementi scultorei e assemblaggi. Un mondo perturbante, pulsante e colorato, curioso – profondamente distante dall’estetica desolante tipica delle narrazioni sull’Antropocene – che ci auguriamo possa innescare nel visitatore un pensiero laterale di riflessione sulla propria condizione.

Elisa Muliere, Iconoplast, 2020, preparatory sketch

Se Bonaventura racconta la genesi di questa nuova specie, dal mio Iconoplast prende forma l’emerso, la neoforma primordiale: grandi sculture di film plastico cucite, riempite di altrettanta plastica di recupero, si adattano allo spazio da occupare, ogni volta con un approccio site specific. Tentacolari, morbide, aperte in uno slancio vitale, vogliono accogliere empaticamente il pubblico, creando un cortocircuito emotivo tra fascinazione e disorientamento.

Il progetto debutterà il 12 marzo 2022 presso la project room Ronchini al Caos Museum di Terni; la mostra, visibile sino al 24 aprile, sarà preceduta da un ulteriore periodo di residenza presso La Romita School of Art. Questo ci darà modo non solo di formalizzare l’allestimento, ma di collaborare con alcune aziende del territorio e con l’HackLab del Museo – che ci affiancherà nell’ideazione di particolari effetti sonori e luminosi per mezzo dell’utilizzo di Arduino e altri dispositivi tecnologici.

Credo che la forza Iconoplast risieda nel suo carattere trasversale: è pensato infatti come progetto itinerante e in divenire, da sviluppare con differenti esiti formali, per accogliere una pluralità di contributi sia artistici che di figure altre quali scienziati, ingegneri, poeti, filosofi…

Elisa Muliere, Sara Bonaventura, Iconoplast, 2021, installation studio view, courtesy Adiacenze, ph. Visual Lab

Le esperienze di residenza sono un motore molto significativo per la ricerca contemporanea e spesso offrono occasioni inedite per l’interazione interdisciplinare. Come le vivi? 

Le vivo come occasioni: per attivare intuizioni, contaminare il reciproco pensiero, andare in profondità. Penso ad esempio alla residenza Isola Comacina (luglio 2018) promossa dall’Accademia di Belle Arti di Brera, in compagnia di Cristina Principale, storica dell’arte, curatrice e giornalista e dell’artista Barbara Baroncini. Un’esperienza intensa di incontro e scambio, colma di poesia. O ancora, al progetto Prospettive, ideato e a cura di Adiacenze, al quale ho partecipato con Giulio Zanet nel luglio del 2020 a Spilamberto (MO): un lavoro in sinergia con il territorio e i suoi abitanti, di indagine storica e sociale. Le residenze servono esattamente a questo, a innescare un confronto mescolando discipline, filosofie, culture e a cambiare punto di osservazione, operando fuori dai nostri studi privati. Sono uno strumento fondamentale per la formazione di un pensiero artistico aperto all’ibridazione, alla collaborazione – affinché il nostro linguaggio possa affrontare temi contemporanei con l’intensità necessaria a tracciare nuovi percorsi di indagine sul futuro.

Elisa Muliere,2021,When she has gone, mixed media on canvas, 106x80 cm, courtesy the artist and Traffic Gallery

In tutti gli ambiti in cui operi – dall’editoria alla pittura, fino all’installazione – proponi un lavoro che sonda i riverberi tra inconscio personale e condizione universale, valorizzando l’identità femminile come condizione di sensibilità e forza, come abbiamo visto fare, con diverse modalità, da molte artiste delle avanguardie… Dobbiamo ancora sostenerla come battaglia? 

Tutta la mia produzione ha una radice di lavoro estremamente fisica, di contatto. Sgorga da un canale interno e basso, di ascolto del sé e restituzione. Movimenti del corpo che si riflettono sul materiale: in un cenno pittorico, nella piega di una lastra ceramica, nel taglio di un tessuto. Morbidi, sinuosi a volte, pungenti e disarmonici altre. Ogni pezzo entra poi in relazione con gli altri in un dialogo aperto – a comporre una coralità fluida.

Altrimenti anche niente, 2021, group show, installation view, courtesy Rehearsal
Altrimenti anche niente, 2021, group show, installation view, courtesy Rehearsal

Mi chiedi se dobbiamo ancora sostenere una battaglia per l’emancipazione. Vorrei poterti rispondere di no, che non è più necessario – eppure non è così. C’è ancora molto da fare e da dire per l’affermazione di un pensiero inclusivo e di alleanza, che faccia leva sul ribaltamento delle idee dominanti. Anche per questo, nella mia produzione, punto senza sosta sul concetto di possibilità. Per accogliere, comprendere, mutare: schemi, condizioni, stati d’animo. Siamo esseri di passaggio, instabili in ogni frazione di vita.

Ad un grido di battaglia però, preferisco una polifonia, che si insinui tra i pensieri, prenda spazio. Un canto variabile per ritmo ed intensità, che ci tenga svegli, vivi, emozionati. Che sappia raccontarci.

Valeria Tassinari

English version Valeria Tassinari è storica dell’arte, docente, curatrice e critica d’arte contemporanea. Si è laureata al DAMS (in Discipline delle Arti) presso l’Università di Bologna. Docente di Storia dell’arte, ha insegnato Storia della Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, istituzione per la quale ha curato incontri, conferenze e pubblicazioni sul tema della decorazione nella storia e nella contemporaneità. Scrive testate giornalistiche e specializzate, e collabora stabilmente con “Il Giornale dell’Arte” Allemandi e con la rivista Arte iN. Ha collaborato con istituzioni pubbliche e museali in Italia e all’estero; dal 2012 è curatore scientifico del Museo MAGI ‘900 e dal 2022 è presidente del Centro Studi Internazionale “Il Guercino”. Come curatrice indipendente si occupa di progetti espositivi incentrati sul rapporto tra arti visive e contesto storico e naturale. Si occupa inoltre di progetti di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio artistico, con particolare attenzione per il rapporto sinergico tra le arti e il contesto antropologico e ambientale.