Events

ERNESTO NETO Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe

June 10 – September 26, 2021
Curated by Lorenzo Giusti
Bergamo, Palazzo della Ragione

Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe is the title of a solo exhibition by the renowned Brazilian artist Ernesto Neto (Rio De Janeiro, 1964) to be hosted in Bergamo’s Palazzo della Ragione: the first of a new three-year cycle curated by Lorenzo Giusti for the evocative Sala delle Capriate, GAMeC’s summer venue for the fourth year in a row.

Twenty years after the artist’s debut participation at the Venice Biennale (2001), curated by Harald Szeeman, when he was invited by Germano Celant to represent Brazil in the section given over to the national pavilions, Ernesto Neto returns to Italy with a brand new project, a prelude to the exhibition Nothing Is Lost. Art and Matter in Transformation, to be staged at the GAMeC in the autumn of 2021.

Installation view, Ph. Lorenzo Palmieri

Neto’s multisensory installations pervade the space, immersing the visitor in evocative environments in which materials, essences, and forms take on multiple connotations. Everything in Neto’s work contributes to the creation of new universes of meaning, conceived as tools for healing the wounds of contemporary society.

Seen from the other side, the large central installation, entitled SoPolpoVit’EreticoLe, looks like a kind of agroglyph: a drawing with an organic form, a sort of octopus traced on the floor of the large room, the tentacles of which move simultaneously in different directions, also reminiscent of the movement of the boa to be found in many other projects by Neto.

 

Part octopus, part sun, part cell, the drawing has a circle in the center of the figure that seems to evoke the presence of a navel. The navel is a form of cross-cultural symbolism that projects the analogy between the universe and the body onto the very concept of the center.

Closely bound up in human physiology is the consideration of the navel as the generating hub par excellence. Hence the “life” evoked by the title of the installation, which in fact takes the form of an acrostic created from the initial syllables of the Italian words for “sun”, “octopus,” “life,” and “heretic”, put together following the rhythm of the words so as to transmit a sense of musicality and movement.

Installation view, Ph. Lorenzo Palmieri

Conceived in actual fact as a bed, one of the many natural resting places recreated in the space of Palazzo della Ragione, on which to lie down or sit and share the experience of taking a break, Neto’s work makes use of locally sourced materials, such as stones and straw, plants, spices, and medicinal herbs, placed in handmade bags using the crochet technique, so as to stimulate all of the five senses.

The installation combines an attention to the themes of ecology, rituals and spirituality, characteristic of Neto’s research, with visions and suggestions evoked by comparison with the medieval origins of the palace and its centuries-old history.

It was in fact during the final phase of the so-called Dark Ages that, even in Northern Italy, many free women who lived in close contact with nature—thus spontaneously picking up the legacy of animist and pantheist cultures still thriving in popular society at the time—were accused of witchcraft, persecuted as heretics and burned at the stake.

As recent studies tell us, witches embodied the wild side of nature, everything in it that appeared autonomous, unconditional, out of control, and therefore in contrast with the orderly vision of the world as promoted by official doctrines. It is worth remembering how the etymology of the word “heretic” derives from the Greek word for “choice” without implying any immediate positive or negative connotations. However, this term soon became indicative of a specific choice: that of abandoning a thought until then deemed as valid in order to offer a new interpretation in its place.

Installation view, Ph. Lorenzo Palmieri

Neto’s work therefore invites us to rethink this crucial passage in the history of the West, which affected not only the “Old Continent” but also the lands conquered overseas by European colonizers, where the persecution of women became one of the cruelest means of subjugation and exploitation of indigenous populations.

The artist literally invites us to put on new clothes—indeed also presenting some outfits in the exhibition—that might place us in relationship with the natural world, with the spirits of our ancestors and the non-Western epistemologies to which he is linked.

The installation constitutes a powerful hymn to life, to nature in its most ancestral dimension, as well as an invitation to reconsider the importance of a non-functional, non-anthropocentric vision of the universe, together with the principle of a holistic conception of the world and of the substantial materiality of everything.

For this reason, Neto’s installation is a prelude to the exhibition Nothing Is Lost. Art and Matter in Transformation, the second chapter of a long-term exhibition project around the theme of matter. After Black Hole. Art and Materiality from Informal to Invisible, the second exhibition of the trilogy – curated by Anna Daneri and Lorenzo Giusti – turns its attention to the work of those artists who, at various times, have investigated the transformation of matter to develop a reflection on change, on the passing of time, and on the future of the planet.

Free admission to the exhibition is made possible thanks to Banca Galileo, Italgen, SITIP, and 3V Green Eagle.

Thanks also go to Fondazione della Comunità Bergamasca for their support.

Ernesto Neto (Rio de Janeiro, Brazil, 1964; lives and works in Rio de Janeiro).

Since the mid-1990s, Ernesto Neto has produced an influential body of work that explores constructions of social space and the natural world by inviting physical interaction and sensory experience. Tension, weight and empty spaces are decisive elements in Neto’s work, unfolding in installations, sculptures and drawings. Using mostly textile and organic materials, his work is done by hand under a meticulous exercise that seeks to activate the five senses.

Noteworthy recent solo shows include: Mentre la vita ci respira: SoPolpoVit’EreticoLe, GAMeC (Bergamo, Italy, 2021); SunForceOceanLife, The Museum of Fine Arts (Houston, USA, 2021); Soplo, Malba (Buenos Aires, Argentina, 2020) and Centro Cultural Palacio de La Moneda (Santiago, Chile, 2020); Sopro, Pinacoteca do Estado (São Paulo, Brazil, 2019); GaiaMotherTree, Zurich Main Station, presented by Fondation Beyeler, (Zurich, Switzerland, 2018); Boa, Museum of Contemporary Art Kiasma (Helsinki, Finland, 2016); Rui Ni / Voices of the Forest, Kunsten Museum of Modern Art (Aalborg, Denmark, 2016); Aru Kuxipa | Sacred Secret, TBA21 (Vienna, Austria, 2015); The Body that Carries Me, Guggenheim Bilbao (Bilbao, Spain, 2014). Over the years Neto has participated in significant group shows such as: the Venice Biennale (Venice, Italy, 2017, 2003 e 2001), Lyon Biennial (Lyon, France, 2017), Sharjah Biennial (Sharjah, UAE, 2013), Istanbul Biennial (Istanbul, Turkey, 2011), and Bienal de São Paulo (São Paulo, Brazil, 2010 and 1998). His work is present in the following international collections: Centre Georges Pompidou (Paris, France), Inhotim (Brumadinho, Brazil), The Solomon R. Guggenheim Museum (New York, USA), MCA (Chicago, USA), MOCA (Los Angeles, USA), MoMA (New York, USA), Museo Reina Sofía (Madrid, Spain), SFMoMA (San Francisco, USA), Tate (London, UK), and TBA21 (Vienna, Austria) among others.

ERNESTO NETO

Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe

Until September 26, 2021

Palazzo della Ragione, Sala delle Capriate

Piazza Vecchia, Bergamo (Upper Town)

OPENING HOURS

Tuesday-Friday, 4-8 pm

Saturday and Sunday, 10 am – 10 pm

Monday closed

Free entrance.

Reservation is not required.

Access to the exhibition is allowed for a maximum of 30 visitors at a time.

Press Office

Lara Facco P&C

Viale Papiniano, 42 – 20123 Milano

Tel. +39 02 36565133 | +39 349 2529989

E-mail: press@larafacco.com

Claudia Santrolli

Tel. +39 339 7041657

E-mail: claudia@larafacco.com

Communications and Promotion GAMeC

Manuela Blasi

Tel. +39 035 270272 – ext. 420

E-mail: manuela.blasi@gamec.it

ERNESTO NETO

Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe

Fino al 26 settembre 2021

Palazzo della Ragione, Sala delle Capriate

Piazza Vecchia – Bergamo

ORARI DI APERTURA

Martedì-Venerdì, ore 16:00-20:00

Sabato e Domenica, ore 10:00-22:00

Lunedì chiuso

Ingresso gratuito

Non è richiesta prenotazione.

L’accesso in mostra è consentito a un massimo di 30 visitatori alla volta. 

Ufficio Stampa

Lara Facco P&C

Viale Papiniano, 42 – 20123 Milano

Tel. +39 02 36565133 | +39 349 2529989

E-mail: press@larafacco.com

Claudia Santrolli

Tel. +39 339 7041657

E-mail: claudia@larafacco.com

Comunicazione e Promozione GAMeC

Manuela Blasi

Tel. +39 035 270272 – int. 420

E-mail: manuela.blasi@gamec.it

Eventi

ERNESTO NETO Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe

10 giugno – 26 settembre 2021
A cura di Lorenzo Giusti
Bergamo, Palazzo della Ragione

Apre al pubblico dal 10 giugno Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe, la mostra del celebre artista brasiliano Ernesto Neto (Rio De Janeiro, 1964) ospitata nel Palazzo della Ragione di Bergamo. L’esposizione è la prima di un nuovo ciclo triennale curato da Lorenzo Giusti per la suggestiva Sala delle Capriate, sede estiva della GAMeC per il quarto anno consecutivo.

A distanza di vent’anni dalla prima partecipazione dell’artista alla Biennale di Venezia curata nel 2001 da Harald Szeeman – quando fu anche chiamato da Germano Celant a rappresentare il Brasile nella sezione riservata ai padiglioni nazionali – Ernesto Neto torna in Italia con un progetto inedito, che rappresenta un preludio alla mostra Nulla è perduto. Arte e materia in trasformazione in programma alla GAMeC nell’autunno del 2021.

Installation view, Ph. Lorenzo Palmieri

Le installazioni multisensoriali di Neto pervadono lo spazio, immergendo il visitatore in ambienti carichi di suggestione, all’interno dei quali i materiali, le essenze e le forme assumono significati molteplici. Tutto, nell’opera di Neto, concorre alla creazione di nuovi universi di senso, concepiti come strumenti per curare le ferite della società contemporanea.

Vista dall’alto, la grande installazione centrale, dal titolo SoPolpoVit’EreticoLe, si presenta come una specie di agroglifo, un polpo disegnato sul pavimento della sala, i cui tentacoli si muovono in direzioni diverse, ricordando così anche il movimento del boa presente in numerosi progetti di Neto.

Un po’ polpo, un po’ sole, un po’ cellula, il disegno presenta, al centro, un cerchio pensato come una sorta di ombelico. Nucleo generatore per eccellenza, l’ombelico è un simbolo transculturale che proietta sul concetto stesso di centro l’analogia tra universo e corpo.

Da qui la “vita” evocata nel titolo del lavoro, che si configura come un acrostico composto dalle parole “sole”, “polpo”, “vita” ed ”eretico”, assemblate in modo da trasmettere un senso di musicalità e movimento.

Installation view, Ph. Lorenzo Palmieri

Pensata come un giaciglio, come uno spazio per la sosta, sul quale distendersi o sedersi per condividere l’esperienza della pausa, l’opera di Neto si avvale dell’utilizzo di materiali recuperati in loco, come pietre, paglia, ma anche piante, spezie ed erbe medicinali inserite in sacchetti realizzati a mano con la tecnica del crochet.

L’installazione unisce l’attenzione per i temi dell’ecologia, del ritualismo e della spiritualità, caratteristici della ricerca di Neto, a visioni e suggestioni suggerite dal confronto con le origini medievali del palazzo e con la sua storia centenaria.

Fu infatti durante l’ultima fase dei cosiddetti secoli bui che, anche nel Nord dell’Italia, molte donne libere, che vivevano a stretto contatto con la natura – raccogliendo così spontaneamente l’eredità delle culture animiste e panteiste ancora vive nella società popolare – furono accusate di stregoneria, perseguitate come eretiche e bruciate sul rogo.

Come raccontano gli studi più aggiornati, le streghe incarnavano il lato selvaggio della natura, tutto ciò che in essa appariva autonomo, incondizionato, fuori controllo e quindi contrario alla visione ordinata del mondo promossa dalle dottrine ufficiali. Vale la pena ricordare come l’etimologia della parola eretico derivi dal greco “scelta”, senza portare con sé alcuna connotazione positiva o negativa. Questo termine, tuttavia, è presto diventato indicatore di una scelta precisa, quella di abbandonare un pensiero riconosciuto fino a quel momento come valido, per abbracciare un’interpretazione nuova.

Installation view, Ph. Lorenzo Palmieri

L’opera di Neto ripensa questo cruciale passaggio della storia dell’Occidente, che interessò non soltanto il “vecchio continente”, ma anche le terre conquistate oltreoceano dai colonizzatori Europei, dove la persecuzione delle donne divenne uno dei più crudeli strumenti di assoggettamento e sfruttamento delle popolazioni aborigene.

Attraverso la presenza di abiti realizzati per l’occasione, l’artista ci invita a vestire nuovi panni e a trovare una nuova relazione con il mondo naturale, gli spiriti degli antenati e le epistemologie non occidentali a cui il progetto è legato.

L’installazione costituisce in ultima analisi un potente inno alla vita, alla natura nella sua dimensione più ancestrale, e un invito a riconsiderare l’importanza di una visione non funzionale e non antropocentrica dell’universo, insieme al principio, proprio di una concezione olistica del mondo, della sostanziale materialità del tutto.

Per questa ragione l’installazione di Neto è da considerarsi un preludio alla mostra Nulla è perduto. Arte e materia in trasformazione, secondo capitolo del grande progetto espositivo pluriennale dedicato dalla GAMeC al tema della materia. Dopo Black Hole. Arte e matericità tra Informe e Invisibile, questa seconda tappa della trilogia – a cura di Anna Daneri e Lorenzo Giusti – rivolgerà lo sguardo al lavoro di quegli autori che, in tempi diversi, hanno indagato le trasformazioni della materia per sviluppare una riflessione sul mutamento, sul tempo e sul futuro del pianeta.

L’ingresso gratuito è reso possibile grazie all’impegno di Banca Galileo, Italgen, SITIP e 3V Green Eagle.

La mostra è inoltre realizzata con il contributo di Fondazione della Comunità Bergamasca.

Ernesto Neto (Rio de Janeiro, Brasile, 1964. Vive e lavora a Rio de Janeiro) dalla metà degli anni Novanta ha prodotto un corpus influente di opere che esplora le costruzioni dello spazio sociale e del mondo naturale invitando l’interazione fisica e l’esperienza sensoriale. Tensione, peso e spazi vuoti sono elementi decisivi nel lavoro di Neto, che si dispiegano in installazioni, sculture e disegni. Utilizzando principalmente materiali tessili e organici, il suo lavoro viene svolto a mano attraverso un meticoloso esercizio che cerca di attivare i cinque sensi.

Recenti mostre personali includono: SunForceOceanLife, The Museum of Fine Arts (Houston, USA, 2021); Soplo, Malba (Buenos Aires, Argentina, 2020) e Centro Cultural Palacio de La Moneda (Santiago, Cile, 2020); Sopro, Pinacoteca do Estado (São Paulo, Brasile, 2019); GaiaMotherTree, Zurich Main Station, organizzata da Fondation Beyeler, (Zurich, Svizzera, 2018); Boa, Museum of Contemporary Art Kiasma (Helsinki, Finlandia, 2016); Rui Ni / Voices of the Forest, Kunsten Museum of Modern Art (Aalborg, Danimarca, 2016); Aru Kuxipa | Sacred Secret, TBA21 (Vienna, Austria, 2015); The Body that Carries Me, Guggenheim Bilbao (Bilbao, Spagna, 2014).

Negli anni Neto ha partecipato a importanti mostre collettive quali: La Biennale di Venezia (Venezia, Italia, 2017, 2003 e 2001), Lyon Biennial (Lyon, Francia, 2017), Sharjah Biennial (Sharjah, UAE, 2013), Istanbul Biennial (Istanbul, Turchia, 2011), e Bienal de São Paulo (São Paulo, Brasile, 2010 and 1998). Il suo lavoro è presente nelle seguenti collezioni internazionali: Centre Georges Pompidou (Paris, Francia), Inhotim (Brumadinho, Brasile), The Solomon R. Guggenheim Museum (New York, USA), MCA (Chicago, USA), MOCA (Los Angeles, USA), MoMA (New York, USA), Museo Reina Sofía (Madrid, Spagna), SFMoMA (San Francisco, USA), Tate (London, Regno Unito), and TBA21 (Vienna, Austria) tra gli altri.

ERNESTO NETO

Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe

Fino al 26 settembre 2021

Palazzo della Ragione, Sala delle Capriate

Piazza Vecchia – Bergamo

ORARI DI APERTURA

Martedì-Venerdì, ore 16:00-20:00

Sabato e Domenica, ore 10:00-22:00

Lunedì chiuso

Ingresso gratuito

Non è richiesta prenotazione.

L’accesso in mostra è consentito a un massimo di 30 visitatori alla volta. 

Ufficio Stampa

Lara Facco P&C

Viale Papiniano, 42 – 20123 Milano

Tel. +39 02 36565133 | +39 349 2529989

E-mail: press@larafacco.com

Claudia Santrolli

Tel. +39 339 7041657

E-mail: claudia@larafacco.com

Comunicazione e Promozione GAMeC

Manuela Blasi

Tel. +39 035 270272 – int. 420

E-mail: manuela.blasi@gamec.it

ERNESTO NETO

Mentre la vita ci respira – SoPolpoVit’EreticoLe

Fino al 26 settembre 2021

Palazzo della Ragione, Sala delle Capriate

Piazza Vecchia – Bergamo

ORARI DI APERTURA

Martedì-Venerdì, ore 16:00-20:00

Sabato e Domenica, ore 10:00-22:00

Lunedì chiuso

Ingresso gratuito

Non è richiesta prenotazione.

L’accesso in mostra è consentito a un massimo di 30 visitatori alla volta. 

Ufficio Stampa

Lara Facco P&C

Viale Papiniano, 42 – 20123 Milano

Tel. +39 02 36565133 | +39 349 2529989

E-mail: press@larafacco.com

Claudia Santrolli

Tel. +39 339 7041657

E-mail: claudia@larafacco.com

Comunicazione e Promozione GAMeC

Manuela Blasi

Tel. +39 035 270272 – int. 420

E-mail: manuela.blasi@gamec.it