Interview

FEDERICA CIPRIANI

*Featured photo: Federica Cipriani Social IMPRITING installation with variable dimensions and mixed media, 2020


Harmony, movement and identity are the main themes of Federica Cipriani’s artistic research, a multi-material artist who reflects on the natural sphere and on identity building through works that are mostly installations. She graduated in Decoration from the Academy of Fine Arts in Bologna and has exhibited in numerous group and solo shows in Italy and abroad.

Federica Cipriani Cocoonest. variable dimensions, mixed media, detail

In your artistic research, the investigation of nature plays a decisive role. Where does the interest for this subject come from?

I love observing what surrounds me: I have always found Nature to be an inexhaustible source of inspiration.  Both the plant and animal worlds are characterised by a beauty and harmony that make them a perfect starting point for the creation of a work: I take my cue from nature to create metaphors useful for expressing concepts associated with the human sphere and its social dimension.

Your works include flocks, butterflies, nests or wings… just to give a few examples.  These are elements that are confronted with a precise action, that of flying. Is this recurring aspect that links your works deliberate or is it the result of coincidence?

I set my eyes and thus my attention on the world of birds because they perfectly represent what I want to express with my works. Watching a flock in flight, one cannot fail to be fascinated by the harmony with which it produces forms through movement, a movement that is only apparently random, but is, in reality, governed by precise logics that concern the group as a whole.

I have never sought a direct reference to flight, but rather a reference to the sense of freedom it conveys. I think the work Maybe Again represents well, with its clipped feathers, the sense of constraint and limitation of a freedom that is intended as internal.

Federica Cipriani ID Storm IX 280x160 cm, mixed media, 2022

CocooNest is a work that weaves together different themes including: personal experience, identity building but also the idea of home as a refuge. Can you tell us how this work came about and what it represents for you?

CocooNest was the first nest I made, the first in a series that led to the installation Social Imprinting

I participated in the Cramum Prize in 2019 and the work was born from a reflection on the theme of the competition: a sentence from Kant’s Critique of Practical Reason. I analysed what was the process that shaped a person’s identity and thus their morality. The Nest/Cocoon (hence the title CocooNest) seemed to me the appropriate form to represent the most intimate and individual sphere. I then completely lined the inside of this inner ‘house’ with a paper blanket that also extends outwards.

The fragments of this covering are actually details of photographs of my past and of those who have contributed to my education, starting with my family and ending with other people who have influenced my choices, and thus my identity.

Federica Cipriani Cocoonest. variable dimensions, mixed media, detail

You told me some time ago that it is an unfinished work because the plot emerging from the hollow is systematically enriched with new fragments of photographs of loved ones, when might it be considered finished?

I am viscerally attached to this work: it is the materialisation and visualisation of many experiences and affections that belong to me intimately and is constantly evolving. In the weave of paper that makes its way from the inside of the installation to the outside world, I will add – over the years – fragments of experiences and people who will influence my life.

Recently, your solo exhibition at the Magi 900 Museum featured the work Reloaded Wings, with protagonists two large wings, how do you choose your subjects and the materials with which they are made?

The work Reloaded Wings was created based on the observation of nature and the behaviour of certain species. This consists of two metal wings adorned with small strips of paper, in the same way that some species of parrots have learnt to carry material for building their nests. The title and thus the word ‘reloaded’ holds the key to understanding the work.

Reloaded and ready to take flight towards the nest, each wing carries with it, imprinted on paper, images and memories; those past experiences and emotions that metaphorically “recharge” and give impetus to face the future.

From a technical point of view, the wing is made of an industrial stainless steel mesh, very common and very unpoetic, which I fell in love with, however, for the great plastic potential I believe it hides.

This was the work that conceptually united all those present at the Magi 900 Museum during the solo exhibition ‘Impronte nel Vento’ (Footprints in the Wind). (https://youtu.be/OPsDgVKfZAU )

Federica Cipriani Reloaded Wings 220x50 cm, mixed mediaa, 2021

What do you think is the task of an artist today?

I believe that the artist, today as in the past, must create something that gives cause for reflection and at the same time enriches those who enjoy her/his work. I personally believe that we should all slow down and learn to look at what surrounds us with more attention and depth, and to notice the details because it is in the details that the magic lies.

What are your future plans?

I have new collaborations coming up and many ideas to develop.

Federica Cipriani. Maybe Again, 90x20x120 cm, mixed media, 2021
Interviste

FEDERICA CIPRIANI

*Foto in evidenza: Federica Cipriani Social IMPRITING installazione con dimensioni variabili e tecnica mista, 2020


Armonia, movimento e identità sono le tematiche principali della ricerca artistica di Federica Cipriani: artista polimaterica che riflette sulla sfera naturale e la formazione identitaria attraverso opere a carattere installativo, diplomatasi in Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, ha esposto in numerose mostre collettive e personali, in Italia e all’Estero.

Federica Cipriani Cocoonest. dimensioni variabili, tecnica mista, dettaglio

Nella tua ricerca artistica, l’indagine sulla natura ha un ruolo determinante. Da cosa nasce questo interesse per questo tema?

Amo osservare ciò che mi circonda: da sempre ho trovato nella Natura una fonte inesauribile d’ispirazione.  Sia il mondo vegetale sia quello animale sono caratterizzati da una bellezza e da un’armonia che li rendono un perfetto punto di partenza per la creazione di un’opera: dalla natura infatti prendo spunto per creare metafore utili ad esprimere dei concetti associati alla sfera umana ed alla sua dimensione sociale.

Tra le tue opere troviamo: stormi, farfalle, nidi o ali… solo per fare alcuni esempi.  Si tratta di elementi che si confrontano con un’azione precisa, quella di volare. Questo aspetto ricorrente che lega I tuoi lavori, è voluto o è frutto di una coincidenza?

Ho posato gli occhi e quindi la mia attenzione sul mondo dei volatili perché questi rappresentano perfettamente ciò che voglio esprimere con le mie opere. Guardando uno stormo in volo non si può non rimanere affascinati dall’armonia con la quale produce forme attraverso il movimento, un movimento che è solo apparentemente casuale ma in realtà è governato da logiche precise che riguardano il gruppo nella sua interezza.

Non ho mai cercato un riferimento diretto al volo, ma più un rimando al senso di libertà che questo trasmette. Credo che l’opera Maybe Again rappresenti bene, con le sue piume tagliate, il senso di costrizione e limitazione di una libertà che io intendo interiore.

Federica Cipriani ID Storm IX 280x160 cm, tecnica mista, 2022

CocooNest è un’opera che intreccia tematiche differenti tra cui: il vissuto personale, la formazione identitaria ma anche l’idea di casa come rifugio. Puoi raccontarci com’è nato questo lavoro e cosa rappresenta per te?

CocooNest è stato il primo nido che ho realizzato, il primo di una serie che ha portato all’installazione Social Imprinting

Ho partecipato al Premio Cramum nel 2019 e l’opera è nata da una riflessione sul tema del concorso: una frase di Kant tratta dalla critica della Ragion Pratica. Ho analizzato quale fosse il processo che delineava l’identità di una persona e quindi la sua morale. Il Nido/Bozzolo (da qui il titolo CocooNest) mi è sembrata la forma adatta a rappresentare la sfera più intima ed individuale. Ho poi completamente foderato l’interno di questa “casa” interiore con una coperta di carta che si sviluppa anche verso l’esterno.

I frammenti di questo rivestimento sono in realtà dettagli di fotografie del mio passato e di chi ha contribuito alla mia formazione, partendo dalla mia famiglia e arrivando ad altre persone che hanno influenzato le mie scelte, e quindi la mia identità.

Federica Cipriani Cocoonest. dimensioni variabili, tecnica mista, dettaglio

Tempo fa mi hai raccontato del fatto che si tratta di un’opera non ancora terminata perché la trama che emerge dalla conca viene arricchita sistematicamente di nuovi frammenti di fotografie di persone care, quando si potrà considerare conclusa?

Sono visceralmente legata a quest’opera: è la concretizzazione e la visualizzazione di molte esperienze ed affetti che mi appartengono intimamente e rimane in continuo divenire. Nell’intreccio di carta che dall’interno dell’installazione si fa strada verso il mondo esterno aggiungerò – nel corso degli anni – i frammenti di esperienze e persone che influenzeranno la mia vita.

Recentemente nella tua mostra personale presso il Museo Magi 900, è stata esposta l’opera Reloded Wings, i cui protagonisti sono due grandi ali, come scegli i tuoi soggetti e i materiali con cui vengono realizzati?

Partendo dall’osservazione della natura e dai comportamenti di alcune specie è nata l’opera Reloaded Wings. Questa è composta da due ali di metallo adornate da piccole strisce di carta, allo stesso modo in cui alcune specie di pappagalli hanno imparato a trasportare materiale per la costruzione del proprio nido. Nel titolo e quindi nella parola “reloaded” è racchiusa la chiave di lettura dell’opera.

Fisicamente caricata e pronta per spiccare il volo verso il nido, ogni ala porta con sé, impresse sulla carta, immagini e ricordi; quelle esperienze ed emozioni del passato che metaforicamente “ricaricano” e danno slancio per affrontare il futuro.

Tecnicamente l’ala è realizzata con una rete industriale in acciaio inox, molto comune e molto poco poetica, della quale però mi sono innamorata per le grandi potenzialità plastiche che a mio avviso nasconde.

Questa è stata l’opera che concettualmente ha unito tutte quelle presenti al Museo Magi 900 durante la mostra personale “Impronte nel Vento”. (https://youtu.be/OPsDgVKfZAU )

Federica Cipriani Reloaded Wings 220x50 cm, tecnica mista, 2021

Qual è secondo te il compito di un artista oggi?

Credo che l’artista, oggi come anche in passato, debba creare qualcosa che faccia riflettere e al contempo arricchire chi fruisce del suo lavoro. Personalmente credo che tutti dovremmo rallentare ed imparare a guardare ciò che ci circonda con più attenzione e profondità, e ad accorgerci dei particolari perché è nei dettagli che sta la magia.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Ho nuove collaborazioni in arrivo e molte idee da sviluppare.

Federica Cipriani. Maybe Again, 90x20x120 cm, tecnica mista, 2021

Margaret Sgarra

Read it in English Curatrice di arte contemporanea e Storica dell’arte, ha conseguito il Diploma di I livello in Didattica dell’Arte (Accademia Albertina di Belle Arti di Torino), successivamente ha perfezionato i suoi studi con una Laurea Magistrale in Storia dell’arte (Università degli Studi di Torino) e, infine, ha ottenuto una seconda Laurea Magistrale in Arti visive (Università di Bologna). Tra le sue principali tematiche di ricerca in ambito curatoriale troviamo: tutela dell’ambiente, identità e sfera emotiva. Ha collaborato con Paratissima ed è attualmente coinvolta, in qualità di curatrice, nella realizzazione di diversi progetti artistici.