Interview

FEDERICA PATERA + ANDREA SBRA PEREGO

*Featured photo:Federica Patera + Andrea Sbra Perego, Imaginal Landscape. Hot press on sewn cotton canvas, wool threads, tulle, pins, 400 x 200 x 70 cm. 2017

It is the thread that links art and literature in the work of Federica Patera (Bergamo, 1982) and Andrea Sbra Perego (Bergamo, 1982): a bridge that allows the two artists to combine different disciplines in common works. Patera’s research, indeed, investigates the concepts of translation and eternity to tell and understand how reality is built by tracing in it what remains unchanged, using languages ​​and texts to overcome the individual sphere and bring attention back to universal language. . That of Sbra Perego, on the other hand, is nourished by travels and personal experiences in an exploration of the relationships between the human being and the environment he inhabits, experimenting with a variety of techniques from painting to photography, to sculpture and installation.

Both live in Turin and since 2017, the year their collaboration began, their work has been exhibited in various spaces and events. Among the most recent, in Verona – Manuel Zoia Gallery, Atelier Alice Voglino; in Milan – Cramum Prize, curated by Sabino Maria Frassà, at the WOP Art Fair, Lugano and with the Rar: 2015 – 2020 project by Raffaella de Chirico Arte Contemporanea in Turin, and by SCD Studio in Perugia.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego White cover, hot stamping on sewn cotton canvas, wool threads, chalk covered book, pins installation, size variable 2022

Two different paths of research and artistic practice to which you add a shared project with the birth of the duo in 2017. How did you come to work with four hands and what are the dynamics through which you shape the works?

Federica: Our duo was born with the RAR project, which combines literature and art; specifically, I come from literature and Andrea from painting.

The starting point was an essay by J.L. Borges, entitled Coleridge’s Flower, which tells of the possibility of writing a History of Literature without any authorial reference, as if all the books were written by a single spirit capable of making them talk to each other. To check whether these more or less underground conversations really existed, we created an archive  – hence the title of the project: RAR is a compressed file storage system, which implies that the content is larger than the space  it  occupies -and this archive is ordered by key words and collects citations from heterogeneous texts and through this, stories independent of the original works are composed, creating a gap between reading and writing, two intimately connected actions: the associations born during reading prompt us towards writing, exploiting, thanks to analogy, the implicit potential of an already existing text.

RAR therefore was born first of all as a literary project which was followed by the need to give space and volume to the process that led to the composition of the stories, to show the links existing between apparently distant texts and the mechanism that brings a literary text, and a work of art, to be perennial and independent from its author. It is at this point that Andrea’s experience, who in his pictorial research explores the theme of travel and movement, also through the constant use of maps, came into play. And the first visual form that the project took, when the sentences were arranged in space, was that of a map: the map of the City of RAR.

With our work, we want to give shape to the creative process: what is represented is not the content of the stories, the events narrated in the different stories (not mainly), but the transformation process that leads reading to become writing, and vice versa; the user to become ostensor and extensor, mixing the roles. The uninterrupted exchange that is established guarantees transmission, which goes beyond repetition and finds its completion in transformation. In RAR, the eternity of an experience, whatever it is (physical, material, emotional, intellectual), is measured in its ability to be a perennially prolific basin, a harbinger of understanding and intuition.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego Technique hot print on stitched cotton canvas, iron, mirror, wool threads, pins 90 x 80 x 90 cm 2021 ph

In your installations, you combine word and fiber art. Why the choice of this combination?

The reasons are mainly two. The first is more immediate and concerns the lexicon: literature and fabric have a common language; words like weft, weave, knot, thread are shared by both worlds.The second, on the other hand, has to do with the symbolic value of the fabric and with the type of approach that distinguishes literature – and language in general.A text requires, in order to be enjoyed, an approach in succession, which channels the words and phrases one way after another, as happens with similar arts such as music or singing; and the fabric, similarly, characterizes the life of nomadic populations, who move in succession in space and have their mobile homes in their tents.

In this way, our works have in the material that characterizes them a sort of clue that reaffirms that, to the overall approach, typical of the plastic arts, such as sculpture or painting, which have their realm in the visual and in the space, is combined with another, typical of the sound arts, which instead translates into time and hearing.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego. We are here, hot stamping on sewn cotton canvas, pins, marker 35x48cm. 2020

What is the word for you?

The word is what makes an abstract thing concrete. At the same time it has a separatory vocation: it details the world; as in a zoom, the more you tend towards precision, the more details and names increase – without being exhaustive. Conversely, the search for exactness must deal with the ineffable, which we try to make up for with images, metaphors: which, although not having a scientific rigor, if we can say so, come with their aura of meaning, their specter, to a point of recognition of the same ineffable that is unknown to any scientific rigor,if even possible. The word lies in this halo, in this loose and paradoxical knot: a compression of ties, analogies, kinships.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego. Paesaggio immaginario (Imaginal landscape) (detail). Hot print on sewn cotton canvas, wool threads, tulle, pins 400 x 200 x 70 cm. 2017. ph Davies Zambotti

One of your most important works is IMAGINAL LANDSCAPE, a large installation built from literary texts and keywords. Can you tell us about this project?

IMAGINAL LANDSCAPE is the manifesto work of RAR. Its structure is a tribute to the role of analogy in literature; to the connection that can exist between apparently irreconcilable books. Inside coexist authors such as Thomas Pynchon and Stephen King, Rick Moody and Cristina Campo, Roberto Bolaño and J.G. Ballard, J.L. Borges and James Ellroy, and the texts interact with each other guided by key words that highlight their similarities through reading.The installation IMAGINAL LANDSCAPE gives shape to one of the hidden maps that link literary works to each other, beyond the boundaries of author, genre and age of origin. It is composed of 12 stories born from the combination of 140 quotes from 40 different books.Its structure includes two parallel levels: the rear one is a carpet of pages transferred onto cotton and sewn together. From these pages the quotes were cut out and then placed on the tulle of the second layer, the most superficial, to form the stories between them, literally guided by colored wool threads. Each story represents a path, a road named after a keyword.

Proceeding from the cotton carpet to the tulle net, the colored threads mark the gesture of extracting the sentence from the corresponding page, remaining suspended between the two levels: in this way writing and reading coexist, mix, making it difficult to establish which of the two  came first.The installation, the circularity that is created between the layers of the work, evokes the movement, in which the viewer is called to participate, moving not only with the gaze but also with the body, mimicking the work itself, in a sort of dance, like a kind of shadow, to trace the stories that the threads indicate and the quotes compose.

Federica Patera + Andrea Sbra. The City of Books (detail) print on organic and regenerated cotton, pins 190 x 180 cm. 2022

Experimentation with words and fiber art is for Federica parallel to the four-handed works. One project in particular, LEVENIM, reflected on the link between word and creative gesture starting from a passage from Genesis. What was the research behind that work and what was its significance?

Federica: As you mention, the reflection on the link between word and creative gesture is at the center of the LEVENIM series: I was interested in understanding what relationship there was between these two elements considered at the basis of the construction of reality. For this reason, as a starting point, I chose the text of Genesis dedicated to the Tower of Babel [Gn 11, 1-9], in its Hebrew version, as well as the title of the work, which in levenim / לְבֵנִים has the Hebrew word for bricks.It is an emblematic biblical passage, often interpreted in a negative key, as a justification for acts of struggle, because it tells of a separation, a separation that in the project, on the other hand, becomes an opportunity for an opening.The diversification of languages ​​and the dispersion of the peoples on earth proclaimed in the text, as well as the construction of the Tower (and of the city) left incomplete, as though a section was  provided, a cut through which to penetrate inside to know its composition,  allow the unfolding of a range of shades. And it is this multiplicity that is seen as capable of giving strength to creation: the more details there are, the greater the definition and understanding.

The main material used in the realization of the works is a hand-sewn wool net, which refers to the weaving of a weft, be it of threads or stories, as suggested by the Hebrew root raqam / embroider, which in the Psalms also returns in relation to the creation of man [Ps 139, 15]At the same time, it alludes to the value of the letter yod י and its associated pictogram, which depicts the hand / yad. The yod י is the smallest letter of the Hebrew alphabet, it is the unit of measurement of space deriving from the principle and of the time needed to transform invisible words into something tangible. The yod י opens a path to the implementation of words.

Federica Patera, Levenah 1, wool, chalk, hot press on cotton 90x50x7

The verses of the Tower of Babel are hot printed on cotton and play with the texture of the works. By introducing the parallelism between language and architecture, the squares that make up the networks and the use of plaster that transforms a soft material such as wool threads into something rigid are represented by the bricks of the Tower:”Brick as stone” is written in the biblical text. From word / davar, which is also thing, event, purpose in Hebrew, to debir / dvir (which probably derives from being behind but also to speak and therefore means oracle), that is, the dome of sacred places, the internal sanctuary of the temple, the city of books. The bricks full of words explode in the works, in which the texture of wool and plaster grows and the regular shape begins to transform.

The transition from wool to bricks, from supple to rigid, without losing the ephemeral weight of the initial material, imitates the ability of words to go everywhere, to detach themselves from the author, especially in literature, to initiate a dialogue elsewhere, with an unknown interlocutor. that once more gives them life in a present and still submerged creation.

Federica Patera, Levenah2, wool, chalk, hot print on cotton, 128x37x26, 2020

In what direction is your work and your research evolving?

For some months our research has been focusing more and more on the use of eco-sustainable and recycled materials – and specifically fabrics -such as synthetic fibers made from recycled plastic bottles or old fishing nets recovered from the seas; on the use of organic cotton or regenerated yarns.

The reduction of environmental pollution is a problem that is never more evident to  all of us than now; it cannot be ignored, and we, as artists, feel compelled to do our part.

We therefore decided to present our work to some leading textile companies in the recycling sector in Italy, with the intention of asking them if they would be interested in collaborating with us, providing us with the materials for the realization of our works.

The response was positive and we are currently collaborating with five textile companies, located in different areas of the Italian territory, each with its own specialization – from jersey to eco-leather, passing through denim.

Working with new materials and sometimes with unexpected characteristics is very stimulating, there are materials that we did not even know existed and that instead pushed us to try other types of approach in the creation of the work.

With regard to our artistic research, an important role is also played by DRIM Contemporary art ground, the exhibition space that we have inaugurated for more than a year now and which allows us to exchange with other artists, and which we have considered since the beginning as a ‘ work of art or as an extension of ours: the work of art in this case is the care of the message of others.

In 15 months of DRIM activity, we have organized, curated and financed a total of 8 exhibitions of artists from the national and international scene. At the moment we are changing headquarters and opening a new space in Turin and we are organizing an event in September that will involve several galleries of the Turin scene.

Federica Patera, Levenah3, wool, chalk, hot print on cotton, 80x50x3, 2020

What are you working on right now? What will the next project be?

As for RAR, the project is constantly evolving and is being enriched with variations, for example with the inclusion of texts in the original language or calibrated on the production of a single author, and it is for this reason that its name highlights its founding tool – the archive – and not a final result: the intent is to give an example of the potential inexhaustibility of the intuitions, and therefore of the actions, that a work can stimulate.

The next work will be a journey through several languages, recent or not, some current, others fixed. At the center of the research there will no longer be phrases, but single words and, more specifically, the verbal roots and the stories they contain. In particular, we will start from a text and try to bring out the architecture hidden in its pages, continuing to make writing and literature dialogue with art; we will question the concept of unity, the relationship between good and evil, the archaic and archetypal value of language in relation to the creation of the world.

Interviste

FEDERICA PATERA + ANDREA SBRA PEREGO

*Foto in evidenza: Federica Patera + Andrea Sbra Perego. Paesaggio immaginale. Stampa a caldo su tela di cotone cucita, fili di lana, tulle, spilli. 400 x 200 x 70 cm. 2017.

È il filo a legare arte e letteratura nel lavoro di Federica Patera (Bergamo, 1982) e Andrea Sbra Perego (Bergamo, 1982): un ponte che consente ai due artisti di coniugare discipline diverse in opere comuni.

La ricerca di Patera, infatti, indaga i concetti di traduzione e di eternità per raccontare e comprendere come si costruisce la realtà rintracciando in essa ciò che vi permane immutato, utilizzando lingue e testi per superare la sfera individuale e riportare l’attenzione sul linguaggio universale. Quella di Sbra Perego, invece, si nutre di viaggi ed esperienze personali in un’esplorazione delle relazioni tra l’essere umano e l’ambiente che abita, sperimentando una molteplicità di tecniche dalla pittura alla fotografia, alla scultura fino all’installazione.

Entrambi vivono a Torino e dal 2017, anno in cui è iniziata la loro collaborazione, il loro lavoro è stato esposto in diversi spazi e manifestazioni. Tra le più recenti, a Verona – Manuel Zoia Gallery, Atelier Alice Voglino; a Milano – Premio Cramum, a cura di Sabino Maria Frassà, alla WOP Art Fair, Lugano e con il progetto Rar: 2015 – 2020 da Raffaella de Chirico Arte Contemporanea a Torino, e da SCD Studio a Perugia.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego Copertina bianca, stampa a caldo su tela di cotone cucita, fili di lana, libro ricoperto di gesso, spilli installazione, dimensione variabile 2022

Due diversi percorsi di ricerca e pratica artistica a cui nel 2017 aggiungete un progetto condiviso con la nascita del duo. Come siete approdati a lavorare a quattro mani e quali sono le dinamiche attraverso le quali arrivate a dar forma alle opere?

Federica: Il nostro duo nasce con il progetto RAR, che coniuga letteratura e arte; nello specifico, io arrivo dalla letteratura e Andrea dalla pittura.

Il punto di partenza è stato un saggio di J.L. Borges, intitolato Il fiore di Coleridge, in cui si racconta della possibilità di redigere una Storia della Letteratura priva di qualsiasi riferimento autoriale, come se tutti i libri fossero stati scritti da un unico spirito in grado di farli parlare tra di loro. Per verificare se questi discorsi più o meno sotterranei ci fossero sul serio, è stato creato un archivio – da qui il titolo del progetto: RAR è un sistema di archiviazione di file compressi, il che sottintende che il contenuto sia più vasto dello spazio che in effetti occupa – e questo archivio è ordinato per parole chiave e raccoglie citazioni provenienti da testi eterogenei e con le quali vengono composti dei racconti indipendenti dalle opere di partenza, creando un adito tra lettura e scrittura, due azioni intimamente connesse: le associazioni nate durante la lettura spingono nuovamente verso la scrittura, sfruttando, grazie all’analogia, le potenzialità implicite di un testo già esistente.

RAR quindi nasce innanzitutto come un progetto letterario cui è seguita la necessità di dare spazio e volume al processo che portava alla composizione dei racconti, di mostrare i legami esistenti tra testi apparentemente distanti e il meccanismo che porta un testo letterario, e un’opera d’arte, ad essere perenne e indipendente dal suo autore. È a questo punto che l’esperienza di Andrea, che nella sua ricerca pittorica approfondisce il tema del viaggio e del movimento, anche attraverso l’uso costante di mappe, è entrata in gioco. E la prima forma visiva che ha assunto il progetto, quando le frasi si sono disposte nello spazio, è stata quella di una mappa: la mappa della Città di RAR.

Con il nostro lavoro, vogliamo dare una forma al processo creativo: ciò che viene rappresentato non è il contenuto delle storie, le vicende narrate nei diversi racconti (non principalmente), ma il procedimento di trasformazione che porta la lettura a divenire scrittura, e viceversa; il fruitore a divenire ostensore ed estensore, mescolando i ruoli. Lo scambio ininterrotto che si instaura garantisce la trasmissione, che va al di là della ripetizione e trova il suo completamento nella trasformazione. In RAR, l’eternità di un’esperienza, qualsiasi essa sia (fisica, materica, emotiva, intellettuale), si misura nella sua capacità di essere un bacino perennemente fecondo, foriero di comprensione e di intuizione.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego Tecnica stampa a caldo su tela di cotone cucita, ferro, specchio, fili di lana, spilli 90 x 80 x 90 cm 2021 ph

Nelle vostre installazioni coniugate parola e fiber art. Perché la scelta di questo binomio?

Le ragioni sono principalmente due. La prima è più immediata e riguarda il lessico: la letteratura e il tessuto hanno un linguaggio comune; parole come trama, intreccio, nodo, filo sono condivise da entrambi i mondi.

La seconda invece ha a che fare con la valenza simbolica del tessuto e con il tipo di approccio che contraddistingue la letteratura – e in generale la lingua. Un testo richiede, per essere fruito, un approccio in successione, che incanala, una via l’altra, le parole, le frasi, come avviene per arti simili quali la musica o il canto; e il tessuto, analogamente, caratterizza la vita di popolazioni nomadi, che si spostano in successione nello spazio e che hanno nelle tende le loro abitazioni mobili.

Le nostre opere, in questo modo, hanno nel materiale chele caratterizza una sorta di indizio che ribadisce che, all’approccio d’insieme, tipico delle arti plastiche, quali la scultura o la pittura, che hanno nel visivo e nello spazio il loro regno, se ne abbina un altro, tipico delle arti sonore, che invece traduce il tempo e l’udito.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego. Noi siamo qui, stampa a caldo su tela di cotone cucita, spilli, pennarello 35x48cm. 2020

Cos’è la parola per voi?

La parola è ciò che rende concreta una cosa astratta. Allo stesso tempo ha una vocazione separatoria: dettaglia il mondo; come in uno zoom, più si tende alla precisione, più i particolari e i nomi aumentano – senza essere esaustivi. Inversamente, la ricerca di esattezza deve fare i conti con l’ineffabile, cui si cerca di supplire con le immagini, le metafore: che, pur non avendo un rigore scientifico, se così si può dire, arrivano con il loro alone di significato, il loro spettro, a un punto di riconoscimento di quello stesso ineffabile che è ignoto a qualsiasi rigore scientifico, quand’anche possibile. Sta in questo alone, in questo nodo lasco e paradossale, la parola: una compressione di legami, di analogie, di parentele.

Federica Patera + Andrea Sbra Perego. Paesaggio immaginale (dettaglio). Stampa a caldo su tela di cotone cucita, fili di lana, tulle, spilli 400 x 200 x 70 cm. 2017. ph Davies Zambotti

Tra i vostri lavori più importanti c’è PAESAGGIO IMMAGINALE, una grande installazione costruita a partire da testi letterari e parole chiave. Ci raccontate questo progetto?

PAESAGGIO IMMAGINALE è l’opera manifesto di RAR. La sua struttura è un omaggio al ruolo dell’analogia in letteratura; alla connessione che può esistere tra libri in apparenza inconciliabili. Al suo interno convivono autori come Thomas Pynchon e Stephen King, Rick Moody e Cristina Campo, Roberto Bolaño e J.G. Ballard, J.L. Borges e James Ellroy, e i testi dialogano tra di loro guidati da parole chiave che ne mettono in luce le analogie tramite la lettura. L’installazione PAESAGGIO IMMAGINALE dà corpo a una delle mappe nascoste che legano tra loro le opere letterarie, al di là dei confini di autore, genere e epoca d’appartenenza. È composta da 12 racconti nati dalla combinazione di 140 citazioni tratte da 40 diversi libri. La sua struttura prevede due livelli paralleli: quello posteriore è un tappeto di pagine trasferite su cotone e cucite insieme. Da queste pagine sono state ritagliate le citazioni poi collocate sul tulle del secondo strato, il più superficiale, per formare tra loro, guidate letteralmente da fili di lana colorati, i racconti. Ciascun racconto rappresenta un percorso, una strada intitolata a una parola chiave.

Procedendo dal tappeto di cotone alla rete di tulle, i fili colorati marcano il gesto dell’estrazione della frase dalla pagina corrispondente, restando sospesi tra i due livelli: in questo modo scrittura e lettura convivono, si mescolano, rendendo difficile stabilire quale delle due sia venuta prima. L’installazione, la circolarità che si crea tra gli strati dell’opera, evoca il movimento, cui lo spettatore è chiamato a partecipare, spostandosi non solo con lo sguardo ma anche con il corpo, mimando l’opera stessa, in una sorta di danza, come una specie di ombra, per rintracciare le storie che i fili indicano e le citazioni compongono.

Federica Patera + Andrea Sbra. La citta dei libri (dettaglio) stampa su cotone organico e rigenerato, spilli 190 x 180 cm. 2022

La sperimentazione con parola e fiber art è per Federica parallela ai lavori a quattro mani. Un progetto in particolare, LEVENIM, rifletteva sul legame tra parola e gesto creativo partendo da un passo della Genesi. Qual era la ricerca alla base di quel lavoro e quale il suo significato?

Federica: Come dici tu, la riflessione sul legame tra parola e gesto creativo è al centro della serie LEVENIM: mi interessava capire che rapporto ci fosse tra questi due elementi considerati alla base della costruzione della realtà. Per questo motivo, come punto di partenza, ho scelto il testo della Genesi dedicato alla Torre di Babele [Gn 11, 1-9], nella sua versione in ebraico, come anche esplicita il titolo del lavoro, che in levenim/לְבֵנִים ha la parola ebraica per mattoni. Si tratta di un passaggio biblico emblematico, spesso interpretato in chiave negativa, come giustificazione per atti di lotta, perché racconta di una separazione, una separazione che nel progetto, invece, diventa l’occasione per un’apertura. La diversificazione delle lingue e la dispersione delle genti sulla terra proclamate nel testo, nonché la costruzione della Torre (e della città) lasciata incompleta, come se ne venisse fornita una sezione, un taglio attraverso il quale penetrare al suo interno per conoscerne la composizione, permettono il dispiegarsi di un ventaglio di sfumature. Ed è questa molteplicità che viene vista come capace di dare vigore alla creazione: più dettagli ci sono, maggiore è la definizione e la comprensione.

Il materiale principale utilizzato nella realizzazione dei lavori è una rete di lana cucita a mano, che si riferisce alla tessitura di una trama, sia essa di fili o di storie, come suggerito dalla radice ebraica raqam/ricamare, che nei Salmi ritorna anche in relazione alla creazione dell’uomo [Sal 139, 15]. Allo stesso tempo, allude al valore della lettera yod י e del pittogramma ad essa associato, che raffigura la mano/yad. La yod י è la più piccola lettera dell’alfabeto ebraico, è l’unità di misura dello spazio derivante dal principio e del tempo necessario per trasformare le parole invisibili in qualcosa di tangibile. La yod י apre un percorso all’implementazione delle parole.

Federica Patera, Levenah 1, lana gesso stampa a caldo su cotone 90x50x7

I versi della Torre di Babele sono stampati a caldo su cotone e giocano con la trama delle opere. Introducendo il parallelismo tra linguaggio e architettura, i quadrati che compongono le reti e l’uso di gesso che trasforma un materiale morbido come i fili di lana in qualcosa di rigido rappresentano i mattoni

della Torre: “il mattone come pietra” è scritto nel testo biblico. Da parola/davar, che è anche cosa, evento, scopo in ebraico, al debir/dvir (che probabilmente deriva da essere dietro ma anche da parlare e significa dunque oracolo), cioè la cupola dei luoghi sacri, il santuario interno del tempio, la città dei libri. I mattoni pregni di parole esplodono nelle opere, in cui cresce la trama di lana e gesso e la forma regolare inizia a trasformarsi.

Il passaggio dalla lana ai mattoni, dal flessuoso al rigido, senza perdere il peso effimero del materiale iniziale, imita la capacità delle parole di andare ovunque, di staccarsi dall’autore, specialmente in letteratura, per iniziare un dialogo altrove, con un interlocutore sconosciuto che una volta di più le anima di una creazione presente e ancora sommersa.

Federica Patera, Levenah2, lana, gesso, stampa a caldo su cotone, 128x37x26, 2020

In che direzione si sta evolvendo il vostro lavoro e la vostra ricerca?

Da qualche mese la nostra ricerca si sta focalizzando sempre di più sull’utilizzo di materiali – e nello specifico di tessuti – ecosostenibili e di riciclo, quali ad esempio fibre sintetiche realizzate con bottiglie di plastica riciclate oppure con vecchie reti da pesca recuperate dai mari; sull’utilizzo di cotone biologico o filati rigenerati.

La riduzione dell’inquinamento ambientale è un problema che mai come al giorno d’oggi è evidente agli occhi di tutti; non si può ignorare, e noi, come artisti, ci sentiamo in dovere di fare la nostra parte.

Abbiamo quindi deciso di presentare ad alcune aziende tessili leader nel settore del riciclo in Italia il nostro lavoro, con l’intenzione di chiedere loro se fossero interessate a collaborare con noi, fornendoci i materiali per la realizzazione delle nostre opere. La risposta è stata positiva e attualmente stiamo collaborando con cinque aziende tessili, situate in diverse zone del territorio italiano, ognuna con una propria specializzazione – dal jersey all’ecopelle, passando per il denim.

Lavorare con materiali nuovi e a volte dalle caratteristiche inaspettate è molto stimolante, ci sono materiali di cui non conoscevamo neanche l’esistenza e che invece ci hanno spinto a provare altri tipi di approccio alla realizzazione dell’opera.

Riguardo alla nostra ricerca artistica, un ruolo importante lo ha anche DRIM Contemporary art ground, lo spazio espositivo che abbiamo inaugurato ormai da più di un anno e che ci permette uno scambio con altri artisti, e che noi fin dal principio abbiamo considerato come un’opera d’arte o come un’estensione della nostra: l’opera d’arte in questo caso è la cura del messaggio altrui.

In 15 mesi di attività di DRIM, abbiamo organizzato, curato e finanziato un totale di 8 mostre di artisti del panorama nazionale e internazionale. Al momento stiamo cambiando sede e aprendo un nuovo spazio a Torino e stiamo organizzando un evento a settembre che coinvolgerà diverse gallerie della scena torinese.

Federica Patera, Levenah3, lana, gesso, stampa a caldo su cotone, 80x50x3, 2020

A cosa state lavorando in questo momento? Quale sarà il prossimo progetto?

Per quanto riguarda RAR, il progetto è in costante evoluzione e si sta arricchendo di variazioni, ad esempio con l’inserimento di testi in lingua originale o calibrati sulla produzione di un unico autore, ed è per questa ragione che il suo nome mette in evidenza il suo strumento fondante – l’archivio – e non un risultato finale: l’intento è dare esempio della potenziale inesauribilità delle intuizioni, e dunque delle azioni, che un’opera può stimolare.

Il prossimo lavoro sarà un viaggio attraverso svariate lingue, recenti o meno, alcune attuali altre fisse. Al centro della ricerca non ci saranno più le frasi, ma le singole parole e, più nello specifico, le radici verbali e i racconti che custodiscono. Partiremo in particolare da un testo e proveremo a tirare fuori l’architettura nascosta nelle sue pagine, continuando a far dialogare la scrittura e la letteratura con l’arte; ci interrogheremo sul concetto di unità, sulla relazione tra bene e male, sulla valenza arcaica e archetipica del linguaggio in relazione alla creazione del mondo.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.