Events

FRACTA

*Featured photo: Ilaria Margutti, Recto Verso, dettaglio

SCD Studio, via Bramante 22N, Perugia
Opening Saturday, March 19, 2022, 5 p.m.
Artists :Deborah Graziano, Ilaria Margutti, Camilla Marinoni

March 19 – April 2 2022
Info .+39 347 177 6001 | e-mail scdtextileandartstudio@gmail.com
www.scdtextileandartstudio.wordpress.com

Curated by Erika Lacava

On 19 March 2022, at 5 p.m., SCD Studio will be opening the third exhibition of the project that the Perugia Gallery (Via Bramante 22N) is developing around the body. Curated by Erika Lacava, “Fracta” narrates a shattered body, repeatedly torn apart and reassembled, destroyed, and reborn. A beloved disappeared body, a body that generates life or takes it, a body that no longer belongs to us. Through an inherently feminine language, which is constituted by thread and embroidery, the pieces lost in the journey of life are reassembled thanks to the fibre of time, which patiently stitches them back together in a new guise, healing the wounds and mending the tears.

Deborah Graziano, Il fregio di Ofelia

The three female artists in the exhibition – Deborah Graziano, Ilaria Margutti and Camilla Marinoni – present wounds and ruptures through disconnected body parts, these becoming a symbol of the whole, a bodily synecdoche restoring the entire loved essence.

Through the recovery of objects, Deborah Graziano speaks of a past that remains embedded in the folds of the time being; by presenting body parts, she brings us back to the female condition. “Ophelia’s frieze”, a dress designed from her grandmother’s wedding bedspread, given to her great-aunt as a dowry and never used, tells of a woman’s failure in a society where love and marriage are the ultimate goals. And so, along with the empty and unused trousseau suitcase, the “good manners” taught to girls often translates into excessive compliance that ends up, metaphorically, tying their hands and feet to an old wooden weight, thereby hindering their movement. A bitter reflection on the condition of women, a half-spoken tale of bonded lives.

Deborah Graziano_La buona educazione

Ilaria Margutti’s work revolves around the concepts of reading and writing as the key to passing from a fragment to the whole and vice versa. In “Recto-verso”, organza allows the interior and exterior of women’s busts to be seen: the contours overlap and merge between embroidered paths and dried flower branches. In the works lacking transparency, nature emerges on the rear, where the threads are tangled up and cannot be deciphered but prove to be as essential as the rational design on the front. The work “Togliere le parole di mano” is also the result of some readings: three and a half metres of embroidered bed linen recording passages from different diaries, transcribed here just as slowly as time heals pain. The story unfolds between words sewn white on white, bits of speeches, parts of lived lives stitched up and reunited in a collective diary to give life to a new story of universal value.

Ilaria Margutti, Recto Verso

Camilla Marinoni, likewise, chooses a part for its entirety. In her emblematic works, the navel and the breast complement each other in an interplay of concavity and convexity. Both are components of the primal maternal dimension, one is responsible for the birth and the other for nourishment, a physical umbilical cord and a pictorial one that keeps us linked to life. The subject is explored along two main lines, starting with the small white-on-white “Zaffo”. This reflection arose after the artist’s mother’s passing, who handed her the knowledge of embroidery to construct a healing practice for her absence. The work is revisited in the recent “L’immortalità non consola della morte”. Here the images, imprinted permanently in the memory, are sewn on the family bed linen handed down through generations. Symbols of memory, the sheets are dyed with red wine that will change colour over the years, just as the perception of pain changes.

The exhibition will be on view until 2 April 2022.

Ilaria Margutti, Togliere le parole di mano

The artists

Deborah Graziano (Castrovillari, 1988) graduated in mechanical engineering and, after a few years, decided to dedicate herself to artistic research. In 2019 she exhibited in Florence at the ON Art Gallery with the show “In corporeo” curated by Romina Sangiovanni. Winner of two prizes at “Paratissima Multiversity” in Turin, in 2019, in 2020 she exhibits in Artiglieria during the exhibition “C.R.A.C”, curated by Rosanna Accordino and Ludovica Lamoure and at “Paratissima Talents”, curated by Francesca Canfora. In 2020 her first solo exhibition, “Amor Vacui”, curated by Roberto Sottile, was held in Cosenza.

Ilaria Margutti (Modena, 1971) graduated in Painting from the Academy of Fine Arts in Florence and lectures in Art History. She collaborated with several international galleries including: Janinebeangallery Berlin; MLBhomegallery Ferrara; Bontadosi ArtGallery, Montefalco (PG), Galleria Art Forum Bologna; Galleria Gagliardi, San Gimignano (SI); B-BOx Art Space, Biella. In 2008 her works were finalists in three international awards: Arte Laguna, Arte Mondadori and the Embroiderer’s Guild prize in Birmingham. In 2010 she was in Ivory Coast for the artistic residency “De L’Esprit e de L’Eau” supported by the Italian Embassy. Her most recent exhibitions in 2021 are: “Radici e foglie soltanto”, curated by Michele Dantini, Palazzo della Penna (PG); “Edificio delle linfe”, Pinacoteca Civica di Follonica (GR).

Camilla Marinoni, Zaffo

Camilla Marinoni (Bergamo, 1979) graduated in Sculpture from the Brera Academy of Fine Arts in Milan with a major in Art Sacra Contemporanea. During her artistic career, she attended various art courses, including the “corso d’eccellenza di Scultura, Gioiello e Design” at the TAM Centre in Pietrarubbia (PU), headed by Arnaldo Pomodoro, under the artistic direction of Nunzio; in Madrid, the performance art practice and theory workshop with Abel Azcona and the “Free unicorn” workshop at the GAMeC in Bergamo with the artist and actress Chiara Bersani. In addition, she has been part of solo and group exhibitions.

Camilla Marinoni, Zaffo, detail
Eventi

FRACTA

*Foto in evidenza: Ilaria Margutti, Recto Verso, dettaglio

SCD Studio, via Bramante 22N, Perugia
Inaugurazione  sabato 19 marzo 2022, ore 17.00
Artiste:Deborah Graziano, Ilaria Margutti, Camilla Marinoni
19 marzo – 2 aprile 2022
Info e orari mob.+39 347 177 6001 | e-mail scdtextileandartstudio@gmail.com
www.scdtextileandartstudio.wordpress.com

A cura di Erika Lacava

SCD Studio inaugura sabato 19 marzo 2022, ore 17.00, la terza mostra del progetto espositivo che la galleria di Perugia (via Bramante 22N) dedica al tema del corpo. Curata da Erika Lacava, “Fracta” narra di un corpo in frammenti, scomposto più volte e ricomposto, distrutto e risorto. Un corpo amato scomparso, un corpo che dona la vita o se la prende, un corpo che più non ci appartiene. Attraverso un linguaggio nativamente femminile che si costituisce nel filo e nel ricamo, i pezzi persi nel tragitto di vita vengono ricomposti con la fibra del tempo, che ce li ricuce addosso con pazienza in nuova guisa, tampona le ferite e rammenda gli strappi.

Deborah Graziano, Il fregio di Ofelia

Le tre artiste in mostra – Deborah Graziano, Ilaria Margutti e Camilla Marinoni – raccontano ferite e fratture attraverso parti sconnesse di corpo che diventano simbolo del tutto, una sineddoche corporea che ci restituisce l’intera essenza amata.

Deborah Graziano attraverso il recupero di oggetti parla di un passato che resta ancorato tra le pieghe del presente, e attraverso parti di corpi ci riporta alla condizione femminile. “Il fregio di Ofelia”, un abito abbozzato a partire dal copriletto matrimoniale della nonna, donato alla prozia in dote e mai usato, racconta del mancato successo di una donna in una società dove l’amore e il matrimonio rappresentano il suo fine. Così, di pari passo alla valigia da corredo rimasta vuota e inutilizzata, “La buona educazione” impartita alle ragazze spesso si traduce in un’eccessiva accondiscendenza che finisce per legare, metaforicamente, mani e piedi a un vecchio peso di legno, ostacolandone gli spostamenti. Una riflessione amara sulla condizione femminile, un racconto a mezza voce di vite legate.

Camilla Marinoni, L'immortalità non consola della morte

Il lavoro di Ilaria Margutti ruota intorno ai concetti di lettura e scrittura come chiave per passare da un frammento al tutto, e viceversa. In “Recto-verso” l’organza permette di vedere il dentro e il fuori dei busti di donna: i lineamenti si accavallano e si confondono tra sentieri ricamati e rami di fiori essiccati. Nelle opere prive di trasparenza la natura emerge sul retro dove i fili si aggrovigliano senza poter essere decifrati, ma si rivelano tanto essenziali quanto il disegno frontale razionale. Sempre dalla lettura nasce il lavoro “Togliere le parole di mano”, tre metri e mezzo di lenzuolo ricamato con frammenti letti in diari differenti e qui trascritti con la stessa lentezza con cui il tempo cura il dolore. Il racconto si dipana tra parole cucite bianco su bianco, i brandelli di discorso, le porzioni di vite vissute vengono qui ricucite e riunite in un diario collettivo per dare vita a una storia nuova, di valenza universale.

Ilaria Margutti, Recto Verso

Anche Camilla Marinoni sceglie la parte per il tutto con lavori emblematici in cui l’ombelico e il seno si completano a vicenda in un gioco di concavo e convesso. Entrambi facenti parte della dimensione materna originaria, all’uno si deve la nascita e all’altro il nutrimento, un cordone ombelicale fisico e uno figurativo che tengono legati alla vita. Il tema viene sviluppato seguendo due direttive, a partire dal bianco su bianco dei piccoli “Zaffo”, una riflessione nata con la scomparsa della madre che dona all’artista la sapienza del ricamo attraverso cui costruire una cura alla sua assenza. Il lavoro viene riattualizzato nel recente “L’immortalità non consola della morte”, in cui le immagini, come impresse indelebilmente nella memoria, tornano cucite sulle lenzuola familiari tramandate attraverso le generazioni. Simbolo di memoria, le lenzuola sono tinte del rosso del vino che cambierà colore con il passare degli anni così come muterà la percezione del dolore.

La mostra sarà visitabile fino al 2 aprile 2022. Informazioni e orari al mob.347 177 6001.

Ilaria Margutti, Togliere le parole di mano

Le artiste

Deborah Graziano (Castrovillari, 1988) laureata in ingegneria meccanica, decide dopo qualche anno di dedicarsi esclusivamente alla ricerca artistica. Nel 2019 espone a Firenze presso la Galleria ON Art nella mostra “In corporeo” curata da Romina Sangiovanni. Vincitrice di due premi a “Paratissima Multiversity” a Torino nel 2019 espone l’anno successivo in Artiglieria durante la mostra “C.R.A.C” a cura di Rosanna Accordino e Ludovica Lamoure e a “Paratissima Talents” curata da Francesca Canfora. Sempre nel 2020 a Cosenza si tiene sua prima personale “Amor Vacui” curata da Roberto Sottile

Ilaria Margutti (Modena, 1971) diplomata in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze, è docente di Storia dell’Arte. Ha collaborato con diverse gallerie private tra le quali: Janinebeangallery Berlino; MLBhomegallery Ferrara; Bontadosi ArtGallery, Montefalco (PG), Galleria Art Forum Bologna; Galleria Gagliardi, San Gimignano (SI); B-BOx Art Space, Biella. Nel 2008 le sue opere sono finaliste in tre premi internazionali: Arte Laguna, Arte Mondadori e premio Embroideres’ Guild di Birmingham. Nel 2010 è in Costa d’Avorio per il progetto di residenza artistica De L’Esprit e de L’Eau sostenuto dall’Ambasciata Italiana. Le mostre più recenti del 2021: “Radici e foglie soltanto”, a cura di Michele Dantini, Palazzo della Penna (PG); “Edificio delle linfe”, Pinacoteca Civica di Follonica (GR).

Camilla Marinoni, Zaffo

Camilla Marinoni (Bergamo, 1979) è diplomata in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano ed ha conseguito la specialistica in Arte Sacra Contemporanea. Durante la carriera artistica partecipa a diverse esperienze formative tra cui il corso d’eccellenza di Scultura, Gioiello e Design presso il Centro TAM  di Pietrarubbia (PU), presieduto da Arnaldo Pomodoro con la direzione artistica di Nunzio; a Madrid, il workshop di pratica e teoria della performance art con Abel Azcona e il workshop “Free unicorn” presso la GAMeC di Bergamo con l’artista e attrice Chiara Bersani. Ha all’attivo mostre personali e collettive.

Camilla Marinoni, Zaffo, detail