GARIBALDI IN JEANS: Ian Berry immortala l’icona italiana in jeans per la città di Genova

Inglese

Presso il Museo del Risorgimento – situato nella casa natale di Giuseppe Mazzini – è esposta l’opera del famoso artista contemporaneo inglese Ian Berry “Garibaldi in jeans”, che rende omaggio all’eroe dei due mondi.
Realizzata appositamente per questa occasione, trae ispirazione dal celeberrimo dipinto di Gerolamo Induno GARIBALDI A MARSALA (11 maggio 1860), olio su tela, 1861, del Museo Nazionale del Risorgimento Italiano di Torino, che ne ha cortesemente autorizzato l’utilizzo dell’immagine.

By Jonathan Christopher*

L’artista conosciuto in tutto il mondo per la creazione di pezzi d’arte originali e dettagliati solo con jeans denim, era in Italia per presentare il ritratto di uno degli italiani più famosi. Giuseppe Garibaldi è noto a tutti gli italiani ma è stato anche un’icona per il resto del mondo come “Eroe dei due mondi”.

Famoso per aver unito l’Italia, era noto per la sua maglia rossa e spesso per il poncho, ma qui vediamo cosa indossava oltre a questo. In tutti i dipinti in cui si celebra l’unificazione è stato rappresentato in pantaloni blu. Sono pantaloni in tessuto resistente color indaco, che sarebbero poi diventati i jeans. Potrebbero essere leggermente diversi da quelli attuali, quando Levi Strauss e Jacob Davis hanno aggiunto il rivetto, ma il nome è rimasto.

Questo è quello che Ian Berry, classe 1984, è venuto a festeggiare: Genoa, Genova o Gênes. Da quest’ultimo, il nome francese di questa grande città storica marittima, deriva il nome jeans. Questi pantaloni quando venivano spediti in Francia erano conosciuti come “bleu de Gênes”, il blu di Genova, e poi quando vennero spediti in Inghilterra, Jeans.

Ora il Comune vuole celebrare questo legame e ha incaricato l’artista più noto per aver lavorato con questo famoso materiale, di celebrare queste origini. L’opera sarà esposta nel Museo del Risorgimento accanto a molti reperti del Generale, Politico e Nazionalista.

Ian Berry lavora con i jeans denim da oltre 15 anni, “taglia e incolla semplicemente” molte paia di diverse tonalità di blue jeans. Ha anche fatto ritratti di altri italiani da Giorgio Armani a Lapo Elkann. Ha esposto il suo ritratto di Ayrton Senna, usando i jeans della famiglia del defunto pilota di F1, a Turn nel 2015 e sta lavorando con Luxottica per realizzare un pezzo di Debbie Harry.

“Rifiuto molti ritratti: devono avere un forte legame con il denim.”

 Ian Berry “Garibaldi in jeans”, detail

Con così tanti anni di affinamento della sua tecnica, è il maestro del denim e spesso le persone possono pensare che siano dipinti, fino a quando non si guardano da vicino e si nota la loro tridimensionalità. Usa strati su strati di denim in pezzi molto piccoli e crea il materiale che si fonde con il pezzo successivo. Non usa vernici, candeggina o coloranti, solo pezzi delle migliaia di paia di jeans che ha nel suo studio Easy London.

Il tanto imitato artista è molto richiesto a Londra e nelle gallerie internazionali con spettacoli sold out, oltre ad avere linee di marchi di denim che richiedono la sua collaborazione. Il pezzo donato a Genova ha un grande valore:

“Sono un romantico e amo le connessioni con la storia, ed è inoltre la direzione in cui sto andando”, ha aggiunto Ian.

Ian Berry non realizza solo ritratti ma anche scene dettagliate come le scene domestiche di Behind Closed Doors che ha avuto un grande successo di critica ed è la base della sua ultima mostra museale nei Paesi Bassi, Splendid Isolation al Museum Rijswijk. Grandi tele che danno l’illusione di poterci entrare. David Hockney è un suo fan. Quest’ultimo pezzo di Garibaldi è un mix di ritratto e scena.

 Ian Berry “Garibaldi in jeans”, detail

“È stata una grande sfida combinare questi due tipi di lavoro su quella che era per me una scala piuttosto piccola. Rendere ombre e tridimensionalità ad un viso di quelle dimensioni è molto difficile. Normalmente i ritratti che faccio sono grandi. Mi è piaciuto molto usare i jeans dello sfondo per nascondere i suoi jeans. È una sfida usare i jeans per far sembrare che non lo siano.”

Nel corso degli anni ha rappresentato il modo in cui la luce colpisce le cose, solo con denim e jeans. Come i piani lucidi dei bar polacchi, degli interni dei pub londinesi, o il modo in cui la luce colpisce ogni singola piastrella in un corridoio, fino alle superfici metalliche lucide di una lavanderia o di un vagone della metropolitana. Con così tanti anni di esperienza continua a sperimentare la tecnica, ma è più di questo: il suo lavoro parla di questioni sociali e del tessuto mutevole dell’ambiente urbano e delle comunità.

 Ian Berry “Garibaldi in jeans”, detail

“Quando ho iniziato non c’erano indicazioni su come usare i jeans per fare arte, niente da usare come riferimento. Mi piaceva imparare a trovare nuovi modi per usare il tessuto e, mentre i primi anni usavo il jeans quasi per dire “guarda questo è jeans”, ora lo uso quasi per nascondere che lo è. Sono ancora alla ricerca di nuovi modi. Penso che dovrei tenerli per me perché conosco un po’ troppo l’industria del denim. In questo settore l’obiettivo di molte persone, ovviamente non tutte, è vendere jeans e il loro lavoro costa poco, il mio è parlare con la gente. Il mio lavoro non è per loro, ho iniziato a usare il denim perché è accessibile a tutti e parla a tutti. Non è necessario sapere tutto sul denim per goderselo.” Ha detto Ian.

In effetti, quest’ultimo pezzo, e il progetto più ampio, è quello di aiutare Genova ad utilizzare il suo illustre passato. Sarà interessante vedere gli sviluppi futuri.

La sua prossima grande mostra è al Textil Museet in Svezia a Boras, città che ospita ancora molte industrie tessili. La mostra va dal 23 ottobre al 1 maggio 2022. L’artista è stato nominato tra i primi 30 artisti under 30 nel mondo e ha esposto in molte fiere d’arte, gallerie e musei in tutto il mondo, ma solo quando si ha modo di vedere il suo lavoro dal vivo, si può apprezzare appieno questo giovane artista britannico.

www.ianberry.art

 Ian Berry “Garibaldi in jeans”, detail

*Jonathan Christopher è uno stilista olandese che risiede e lavora ad Amsterdam. Ha vinto diversi premi tra cui il primo Global Denim Awards ed è stato selezionato alle finali europee Woolmark nel 2015. Ha lavorato con Karl Lagerfeld e ora sta lavorando ad un nuovo marchio “St.Ape”, lcome ha sempre fatto durante la sua carriera, utilizza tessuti di fine serie di grandi stilisti per realizzare le sue collezioni. I suoi capi sono in edizione limitata, nella misura in cui il tessuto consentirà di realizzarli.