Events

GISELLA MEO. SOFT SQUARES

* Featured photo: Gisella Meo, Le onde del quadrato, 1980-2023, intervention with polyethylene inserts on photo

March 8 – June 10 2023
Curated by Paolo Cortese ande Manuela De Leonardis

Gramma_Epsilon Gallery
Agathonos, 6
10551 Athens
Tuesday – Saturday 11:00 – 19:00
Info: +30 210 3231867
mob. +30 6982522874
info@grammaepsilon.com
www.grammaepsilon.com

On Wednesday 8 March at 18:00, on the occasion of International Women’s Day, Gisella Meo Soft Squaressolo exhibition curated by Paolo Cortese and Manuela De Leonardis opens in Athens at the Gramma_Epsilon Gallery.

30 works are on display, including drawings, collages, interventions on photos, objects, installations, object books and artist’s books.

The exhibition starts with a selection of drawings made in 1965 that are part of the series called: Per merito di Beckett. (Thanks to Beckett)

The objects, shapes and volumes in these drawings re-appear in her work in the early 70s, when the artist’s work took a conceptual turn. From that moment on, in fact, Gisella Meo carried out rigorous research on the Module, which was to vary according to its context.

Gisella 1976

Even her choice of fibre elements, such as her frequent use of thread, rope or elastic as a medium of expression, has its roots in her conceptual vision.

This exhibition explores certain key stages in her decades of research. There is a special focus on her use of the square module in its various forms (from installations, to its insertion in environmental contexts, and object books) and on the artist’s revisitation of her liaison with Tancredi Parmeggiani with whom she had a relationship when she was young.

 Her interest in the square as a possible modular element began when, on Carnival Day in 1971, she was fascinated by the bunting that a student was hanging in the corridor of the school. Her subsequent research led to the idea of the “square module”, a central element in her 1976 solo exhibition at Fiamma Vigo’s Numero gallery.

Gisella Meo, Square's square, 1979, Object-book in cardboard, cloth and metal rings

Soon Meo also began to insert her module into her surroundings by creating installations and urban social interventions such as Vestire una fontana (Frascati 1977), Le Onde del quadrato’ (Venezia 1980), La Medusa nella chiena (Campagna 1985).

The current exhibition contains a series of very recent works linked to these installations. The artist intervenes on old photos of the events, by weaving a mesh of thread or inserting a module of very light paper, giving it a three-dimensional effect. It is a sort of revisitation, as in her ‘Ab-braccio infinito’ panel, in which Meo identifies the module in the Gisella-Tancredi series and discovers that Tancredi’s arm forms a common thread with which she also creates the ‘il Ventaglio’ (the Fan).

Gisella Meo, untitled (from the series Per merito di Beckett), 1965, ink on paper

In addition, a new edition of many of the works exhibited in 1976 at Fiamma Vigo’s Numero gallery are on display, as if to reconfirm her ‘conceptual’ choices made back then.

The exhibition is completed by some of the object-books that Gisella Meo has created over the years and that all have in common the concept of modularity. Vuotare la pagina (1976), Leviatan (1978), Col-legamento (1981), Libro Nori, Square’s square (1979), Zero Seme (1981), made in collaboration with Mirella Bentivoglio.

The exhibition, organized under the patronage of the Italian Cultural Institute of Athens, is part of “Le ragazze di Mirella”, a Gramma_Epsilon Gallery project dedicated to Mirella Bentivoglio and the artists she supported, and will be accompanied by a catalogue, curated by Paolo Cortese and Manuela De Leonardis, with contributions by Paolo Cortese, Manuela De Leonardis, Alessio Vigni.

Biography

Gisella Meo was born in Treviso in 1936, she studied at the Academy of Fine Arts in Venice with Bruno Saetti. Here in 1957, she met Tancredi Parmeggiani with whom she had a relationship that would later influence her work. In the early 60s she lived in Africa where her initially ‘figurative expressionist’ work became informal and multi-material.

The artist returned to Italy in 1964. In 1976 she held a solo show at Fiamma Vigo’s Numero Gallery in Rome. On this occasion, Meo presented entirely ‘Conceptual’ works accompanying them with a declaration of Poetics, where she identified the square as her perfect module.

She became involved with Fiber Art, carrying out large installations and urban social interventions as seen in the following works: Vestire una fontana (Frascati,1977), Il cilindro mobile (Gubbio,1979), Le onde del quadrato (Venezia, Canal Grande, 1980), La maglia umana (Reggia di Caserta, 1982), Tombknitting(Cerveteri, Etruscan Necropolis, 1984-86), Imbragare una torre (Torre di Bagnaia, Viterbo, 2002), on the occasion of the first anniversary of the attack on the Twin Towers). Meo also worked on object books. Encouraged and supported by Mirella Bentivoglio, she featured in the historic “Materialization of language” exhibition at the Venice Biennale in 1978, with Leviatan.

Gisella con Tancredi 1957 foto di Gianni Berengo Gardin

Gisella Meo developed a partnership with Bentivoglio that lasted a lifetime and which led to joint works such as the object book Zero Seme in 1981. Her ‘object-books’ are kept in the ‘Special Collections’ of the Getty Center in Santa Monica, California, Washington, in the Icpa Archives of the University of Oxford, in the MART, Trento and Rovereto, the Luigi Pecci Center, Prato, the Ma*Ga, Gallarate, the Museum of Senigallia and in Italian private collections. She has exhibited in Italy, Germany, the United States, France, Austria and Australia. Her works featured in the Venice Biennale (1978, 1985, 1995) and in the São Paulo Biennial, Brazil (1981, 1994). In recent years she has had several retrospectives in institutional spaces: in 2013 at the Complesso di Santa Caterina, Musei Civici, Treviso, in 2016 at the Biblioteca Angelica, Rome, in 2022 at Museo Nori De’ Nobili, Trecastelli (Ancona).

Gisella 2013
Eventi

GISELLA MEO. SOFT SQUARES

* Foto in evidenza: Gisella Meo, Le onde del quadrato, 1980-2023, intervento con inserti di polietilene su foto

08 marzo-10 giugno 2023
a cura di Paolo Cortese e Manuela De Leonardis

Gramma_Epsilon Gallery
Agathonos, 6
10551 Athens
Orario: Mart_Sab 11-19
Info: +30 210 3231867
mob. +30 6982522874
info@grammaepsilon.com
www.grammaepsilon.com

Mercoledí 8 marzo alle 18, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, si inaugura ad Atene nella Galleria Gramma_Epsilon la mostra personale di Gisella Meo Soft Squares a cura di Paolo Cortese e Manuela De Leonardis.

In mostra 30 opere tra disegni, collages, interventi su foto, oggetti, installazioni, libri oggetto e libri d’artista.

Il percorso espositivo prende le mosse da alcuni disegni del 1965 che fanno parte della serie “Per merito di Beckett”. Gli oggetti, le forme e i volumi che compaiono in questi disegni, trovano una loro collocazione a partire dai primissimi anni 70, quando l’artista imprime al suo lavoro una svolta di stampo concettuale. Gisella Meo da quel momento infatti, porta avanti una ricerca rigorosa sul modulo, che poi declinerà in maniera differente a seconda del contesto.

Gisella 1976

Anche la sua predilezione per l’elemento fiber, testimoniata dal frequente utilizzo di filo, corda o elastico come mezzo di espressione, ha una origine assolutamente concettuale.

Nella presente rassegna vengono ripercorsi alcune tappe fondamentali della ricerca decennale dell’artista. Una particolare attenzione infatti è rivolta all’utilizzo del modulo quadrato nelle sue varie declinazioni (dall’installazione, al suo inserimento in contesti ambientali, al libro oggetto) e alla rivisitazione del rapporto dell’artista con Tancredi Parmeggiani con il quale l’artista da giovanissima ebbe una relazione.

L’interesse verso il quadrato come possibile elemento modulare ha origine in un giorno di Carnevale del 1971 quando l’attenzione dell’artista viene catturata dai festoni che le ragazze di una scuola femminile stanno attaccando nella loro classe. Dal loro studio nasce il “modulo quadrato”, elemento centrale della mostra personale del 1976 alla galleria Numero di Fiamma Vigo.

Gisella Meo, Square's square, 1979, libro oggetto in cartone, tela cartonata e metallo

Presto Meo inserisce questo modulo anche nel territorio realizzando installazioni e interventi di animazione urbana come “Vestire una fontana” (Frascati 1977), “Le Onde del quadrato” (Venezia 1980), “La medusa nella chiena” (Campagna 1985).

Il nucleo principale della mostra attuale è proprio una serie di lavori recenti collegati a quelle installazioni.  L’artista interviene sulle foto dell’epoca tessendo una maglia di filo o inserendo un modulo di carta leggerissima, che da un effetto di tridimensionalità. Si tratta di una sorta di rivisitazione, come nel pannello “Ab-braccio infinito”, in cui Meo individua nel gruppo Gisella-Tancredi il modulo e nel braccio di Tancredi il filo conduttore con il quale costruisce anche il “Ventaglio”.

Gisella Meo, senza titolo (dalla serie Per merito di Beckett), 1965, inchiostro su carta

Parallelamente viene presentata una nuova edizione di molti dei lavori esposti nel 1976 alla galleria Numero di Fiamma Vigo, come a voler riconfermare quella scelta “concettuale” operata allora.

Completano la mostra alcuni dei libri-oggetto che Gisella Meo ha realizzato in epoche diverse e che hanno tutti in comune il concetto di modularità. “Vuotare la pagina”(1976), “Leviatan”(1978), “Col-legamento”(1981), “Libro Nori’, “Square’s square”(1979), “Zero Seme”(1981), realizzato in collaborazione con Mirella Bentivoglio.

La mostra, realizzata con il patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Atene, fa parte del progetto “Le ragazze di Mirella” che Gramma_Epsilon Gallery dedica a Mirella Bentivoglio e alle artiste da lei sostenute, e sarà accompagnata da un catalogo, curato da Paolo Cortese e Manuela De Leonardis, con contributi di Paolo Cortese, Manuela De Leonardis, Alessio Vigni.

NOTA BIOGRAFICA

Gisella Meo nasce a Treviso nel 1936, studia all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Bruno Saetti. Qui nel 1957 conosce Tancredi Parmeggiani con il quale ha una relazione che influenzerà, in seguito, il suo lavoro. Nei primissimi anni ‘60 vive in Africa e il suo lavoro inizialmente “espressionista figurativo” passa ad essere informale e polimaterico.

Tornata nel 1964 in Italia, nel 1976 tiene una personale a Roma nella Galleria Numero di Fiamma Vigo. In quest’occasione, Meo presenta unicamente lavori di matrice “Concettuale” accompagnandoli con una dichiarazione di Poetica, dove individua nel “quadrato” il suo modulo perfetto.

Subentra l’interesse per la FiberArt, le grandi installazioni e gli interventi di animazione urbana: Vestire una fontana (Frascati, 1977), Il cilindro mobile (Gubbio, 1979), Le onde del quadrato (Venezia, Canal Grande, 1980), La maglia umana (Reggia di Caserta, 1982), Tombknitting (Cerveteri, necropoli etrusca, 1984-86), La medusa nella chiena (Campagna, 1985), Imbragare una torre (Torre di Bagnaia, Viterbo, 2002, in occasione del primo anniversario dell’attacco alle Torri Gemelle).

Gisella con Tancredi 1957 foto di Gianni Berengo Gardin

Altro filone a cui la Meo dedicherà particolare attenzione è il Libro Oggetto. Seguita e sostenuta da Mirella Bentivoglio, è presente nella storica mostra “Materializzazione del linguaggio” alla Biennale di Venezia del ’78, con Leviatan. Con la Bentivoglio svilupperà un sodalizio che durerà tutta la vita e che darà frutto a opere a 4 mani come il libro Zero Seme del 1981. I suoi “libri-oggetto” sono conservati nelle “Special Collections” del Getty Center di Santa Monica (California), a Washington, nell’Archivio Icpa dell’Università di Oxford, del Mart di Trento e Rovereto, il Centro Luigi Pecci di Prato, il Musinf di Senigallia, il Ma*ga di Gallarate e in collezioni pubbliche e private italiane e straniere. Ha esposto in Italia, Grecia, Germania, Stati Uniti, Francia, Austria, Australia. Ha partecipato alla Biennale di Venezia (1978, 1985, 1995) e alla Biennale di San Paolo del Brasile (1981, 1994). Negli ultimi anni ha tenuto ampie retrospettive in spazi istituzionali: nel 2013 nel Complesso di Santa Caterina, Musei Civici di Treviso, nel 2016 alla Biblioteca Angelica di Roma, nel 2022 al Museo Nori De’ Nobili di Trecastelli (AN).

Gisella 2013