Interview

GIULIA PELLEGRINI

The study carried out by Giulia Pellegrini focuses on the relationship that is established between the individual and the surrounding environment. Her research mixes the performative dimension with the installation, it follows the creation of an immersive space in which the individual is confronted with matter and its characteristics.

In your artistic research a predilection for textile materials is evident. From where does this interest arise?

The interest in textile materials began during the academic period. I was looking for a living material, capable of adapting to the surfaces with which it came into contact and I found the perfect material in the fabric. From that moment I embarked on a journey into fabrics and yarns to discover their characteristics and I have attended courses of all kinds to understand the possibility that this material could offer me.The fabric that arises from the interdependence of warp and weft tells a story, records memories, builds social cohesion, incorporating equity and environmental awareness.

Including all this, I could only fall in love with it and decide to prefer only this material in my projects.

In 2021 you created Ambiente, a large site-specific installation for Cittadellarte Pistoletto Foundation born during the Circulart 2.0 artist residency. Can you tell us how it was born and what was the evolution of the project? 

Circulart 2.0 Art Interwoven with the Supply Chain is a project curated and produced

by Cittadellarte which allows artists to deal with the different sectors that make up the textile supply chain through collaboration with companies that have decided to embrace an ethic of respect for our planet. Thanks to this project I have recognized that I am a guest on this planet and how much my freedom of decision and of action requires not only awareness but also information about what I consume and what my choices determine.

From this observation was born Ambiente, a forest entirely built with polyester selvedges (waste material produced by a textile company visited during the residency) and deliberately composed of elementary knots juxtaposed to each other to demonstrate the impact that each of our little choices has on the Planet. Ambiente invites the public to decide whether to complete this place knowing that we will add more non-recyclable material or to consciously choose to leave it incomplete.

With Ambiente I have recreated nothing but a lifeless ecosystem, not very different from the one we selfishly built with our clothes in the Atacama desert.

Giulia Pellegrini Ambiente

Again in the same context, another project was born that you entitled Abito (Dress), in this case the attention seems to focus on the relationship between the self and the other. What is the message you want to spread through this work?

The message of care and respect towards ourselves, others and the Planet through the analysis of one of the three essential needs of the human species: dressing. Today we dress not so much to satisfy concrete needs, such as to protect ourselves from external agents, but to take possession of symbols to exhibit.

In the space of a few decades there we are distanced from the thought that the dress is an extension of our skin (to resume the words of the sociologist Marshall McLuhan) and that as such it is important that it overlaps harmoniously with it. The fabric used in the construction of a suit has more than just value because of the time and skill required to build it but because it tells a story a lot complex which involves numerous transformations of matter and which deserves for this reason respect and care.

For Abito I wanted to use five different fabrics from five textile companies partners of the Circulart2.0 project: three of animal origin (alpaca, wool, silk), two of origin vegetable (linen, cotton, cotton linen lyocell blend) dyed through natural dyeing each featuring a long tag and different double wearables (double pocket, double glove, double stole, double scarf, double sleeve).

The chosen fabrics have been intentionally dyed with the Rubia Tinctorum plant to show the hues that a natural dye is able to give to a fabric compared to synthetic ones; the label shows the history of the fabric by contrasting with the labels we are used to find on our garments; and the dual wearables are tasked with inviting the audience to share this extension of ours with another person.

The title chosen for the installation, Abito, invites us to reflect not only on the dress as a garment but on the word “Inhabit”. Our body inhabits the dress and if we take care of it and respect it in turn it

may be inhabited by others. By learning to guard what we have, we learn to protect and to have respect also for others and consequently for our Planet.

Giulia Pellegrini Abito

In recent years, you have participated in various residencies for artists held in different different cities and environments. What do you think of this type of context? Is it really training for an artist?

I am convinced that artistic residencies are very educational, at least the ones I have chosen and in which I have been selected. They have allowed me to grow both from an artistic-professional and human point of view. I was able to collaborate and discuss with scientists, architects, designers, Alpine troops, psychiatric patients, prisoners, the elderly, children and companies and come into contact with unique places and landscapes. They taught me to appreciate each other, not to judge and that dialogue is something extremely precious.

What is the project you are most linked to and why?

I feel connected to every project carried out in the last two years because it is the result of careful, conscious and mature research but Abitante, a work born during the Falia* residency in Valle Camonica, has a special place in my heart.

To reconnect with the previous question, thanks to this residency I was able to create a dream of mine: to be able to collaborate with a dancer (Alice Tagliaferri), a local inhabitant, whom I would like to thank.

Abitante is special because it speaks in every millimeter of the territory that hosted me for about a month. I used old sheets donated to me by an inhabitant, then I painted them using two plants found on the spot (Ipericum Perforatum and walnut husk), I embellished them with mother-of-pearl buttons made from the Tectus Dentatus mollusc (because years ago it was active in the Lozio Valley a button factory that produced them) and finally I was able to collaborate with this wonderful dancer.

Abitante shows the interactions that have taken place over the centuries between the human species and the environment through a female body that acts and moves between four panels doubled in green and brown fabric. Thanks to the buttons on the fabrics, it invites us to transform the ways in which we plan our exchanges with the environment and to redesign our paths as inhabitants of this planet.

How do you choose the materials with which you make your works?

I try to choose materials that have a very low environmental impact. Mostly these are fabrics and yarns of cellulosic or protein origin that come from faulty lots or from Italian or foreign companies that embrace my same values. In most cases I use undyed yarns and fabrics to be able to personally dye them through color baths obtained from different types of plants. Natural dyeing is a tool that allows me to reconnect with what is the environment in which I live and to have Nature as my grip collaborator in every phase of development of my project.

What are you working on now and what are your next projects?

I have just concluded a project, entitled Albedo, born with the aim of denouncing the melting of glaciers caused by anthropogenic climate change and the need to sensitize the public to adhere to a conservation ethic. It looks like a large cape (whose fabric was obtained from the albedo of oranges) equipped with a wearable hood, characterized by a white external part and a gray and blue shaded internal part. While the outside shows the living glacier, the inside reveals its decay. The public wearing Albedo brings the glacier back to life, taking it off brings it back to its current state of melting and decay.

Albedo is the first work in a series that will keep me busy all year. Future projects  will be tied to everything we are in danger of losing. I will talk about the Amazon, Coral Reefs, the Ocean, Wetlands and Biodiversity.

Giulia Pellegrini Ambiente
Interviste

GIULIA PELLEGRINI

L’indagine compiuta da Giulia Pellegrini ha come focus il rapporto che si instaura tra individuo e ambiente circostante. La sua è una ricerca che mescola la dimensione performativa a quella installativa, ne consegue la creazione di uno spazio immersivo in cui l’individuo si confronta con la materia e le sue caratteristiche.

Nella tua ricerca artistica è evidente una predilezione per i materiali tessili. Da dove nasce questo interesse?

L’interesse nei confronti dei materiali tessili è iniziato durante il periodo accademico. Cercavo un materiale vivo, capace di adattarsi alle superfici con le quali entrava in contatto e ho trovato nel tessuto il materiale perfetto. Da quel momento ho intrapreso un viaggio nei tessuti e nei filati per scoprirne le caratteristiche e ho seguito corsi di ogni tipo per capire le possibilità che questo materiale poteva offrirmi.

Il tessuto che nasce dall’interdipendenza di trama e ordito racconta una storia, registra ricordi, costruisce coesione sociale, incorporando equità e coscienza ambientale.

Compreso tutto questo, non ho potuto che innamorarmene e decidere di prediligere quasi unicamente questo materiale nei miei progetti.

Nel 2021 hai realizzato Ambiente, una grande installazione site-specific per Cittadellarte Fondazione Pistoletto nata durante la residenza d’artista Circulart 2.0. Puoi raccontarci come è nato e qual è stata l’evoluzione del progetto?

Circulart 2.0 Art Interwoven with the Supply Chain è un progetto curato e prodotto da Cittadellarte che permette agli artisti di confrontarsi con i diversi comparti che compongono la filiera tessile attraverso la collaborazione con aziende che hanno deciso di abbracciare un’etica di rispetto nei confronti del nostro Pianeta. Grazie a questo progetto ho compreso il mio essere ospite su questo Pianeta e quanto la mia libertà di decisione e di azione richieda non solo consapevolezza ma anche informazione su ciò che consumo e su ciò che le mie scelte determinano. Da questa osservazione è nato Ambiente, un bosco interamente costruito con cimose in poliestere (materiale di scarto prodotto da un’azienda tessile visitata durante la residenza) e deliberatamente composto da nodi elementari giustapposti l’uno all’altro per dimostrare l’impatto che ogni nostra piccola scelta ha sul Pianeta. Ambiente invita il pubblico a decidere se completare questo luogo sapendo che gli aggiungeremo altro materiale non riciclabile o scegliere consapevolmente di lasciarlo incompleto.

Con Ambiente non ho ricreato nient’altro che un ecosistema senza vita, non molto diverso da quello che abbiamo egoisticamente edificato con i nostri vestiti nel deserto di Atacama.

Giulia Pellegrini Ambiente

Sempre nello stesso contesto è nato un altro progetto che hai intitolato Abito, in questo caso l’attenzione sembra focalizzarsi sul rapporto tra il sé e l’altro. Qual è il messaggio che vuoi diffondere attraverso questo lavoro?

Il messaggio di cura e rispetto nei confronti di noi stessi, degli altri e del Pianeta attraverso l’analisi di uno dei tre bisogni essenziali della specie umana: vestirsi.

Oggi ci vestiamo non tanto per soddisfare bisogni concreti, quale quello di proteggerci dagli agenti esterni, ma per impadronirci di simboli da esibire. Nello spazio di pochi decenni ci siamo allontanati dal pensiero che l’abito sia un’estensione della nostra pelle (per riprendere le parole del sociologo Marshall McLuhan) e che come tale è importante che si sovrapponga in modo armonico ad essa. Il tessuto usato nella costruzione di un abito non ha valore solo per via del tempo e dell’abilità necessari per costruirlo ma perché racconta una storia molto complessa che comporta numerose trasformazioni della materia e che merita per tale motivo rispetto e cura.

Ho voluto per Abito usare cinque tessuti differenti provenienti da cinque aziende tessili partners del progetto Circulart2.0: tre di origine animale (alpaca, lana, seta), due di origine vegetale (lino, cotone, misto cotone lino lyocell) tinti attraverso tintura naturale e caratterizzati ciascuno da una lunga etichetta e da differenti elementi indossabili doppi (doppia tasca, doppio guanto, doppia stola, doppia sciarpa, doppia manica). I tessuti scelti sono stati volutamente tinti con la pianta Rubia Tinctorum per mostrare le tonalità che una tintura naturale è in grado di donare a un tessuto rispetto a quelle sintetiche; l’etichetta mostra la storia del tessuto ponendosi in contrapposizione alle etichette che siamo abituati a trovare sui nostri capi; e i doppi elementi indossabili hanno il compito di invitare il pubblico a condividere questo nostro prolungamento con un’altra persona. Il titolo scelto per l’installazione, Abito, ci invita a riflettere non solo sull’abito in quanto indumento ma sul verbo “Abitare”. Il nostro corpo abita l’abito e se ne abbiamo cura e rispetto questo a sua volta potrà essere abitato da altri. Imparando a custodire quello che abbiamo, impariamo a custodire e ad avere rispetto anche degli altri e di conseguenza del nostro Pianeta.

Giulia Pellegrini Abito

Negli ultimi anni, hai partecipato a svariate residenze per artisti realizzate in diverse città e ambienti differenti. Cosa pensi di questo tipo di contesti? Sono realmente formativi per un artista?

Sono convinta che le residenze artistiche siano molto formative, perlomeno quelle che ho scelto e in cui sono stata selezionata. Mi hanno permesso di crescere sia da un punto di vista artistico-professionale che umano. Ho potuto collaborare e confrontarmi con scienziati, architetti, designer, alpini, pazienti psichiatrici, detenuti, anziani, bambini e aziende e entrare in contatto con luoghi e paesaggi unici. Mi hanno insegnato ad apprezzare l’altro, non giudicare e che il dialogo è qualcosa di estremamente prezioso.

Qual è il progetto a cui maggiormente legata e perché? 

Mi sento legata a ogni progetto realizzato negli ultimi due anni perché frutto di una ricerca attenta, consapevole e matura ma Abitante, un’opera nata durante la residenza Falia* in Valle Camonica, ha un posto speciale nel mio cuore.

Per ricollegarmi alla domanda di prima, grazie a questa residenza ho potuto realizzare un mio sogno: quello di poter collaborare con una danzatrice (Alice Tagliaferri), un’abitante del luogo, che ci tengo a ringraziare.

Abitante è speciale perché parla in ogni suo millimetro del territorio che mi ha ospitata per circa un mese. Ho usato vecchie lenzuola donatemi da un abitante, le ho poi dipinte usando due piante trovate sul luogo (Ipericum Perforatum e mallo di noce), le ho impreziosite con bottoni in madreperla ricavati dal mollusco Tectus Dentatus (perché nella Valle di Lozio anni fa era attivo un bottonificio che li produceva) e infine ho potuto collaborare con questa meravigliosa danzatrice.

Abitante mostra le interazioni che nei secoli si sono susseguite tra la specie umana e l’ambiente attraverso un corpo femminile che agisce e si muove tra quattro pannelli doppiati in tessuto verde e marrone. Grazie ai bottoni presenti sui tessuti ci invita a trasformare le modalità con cui progettiamo i nostri scambi con l’ambiente e a ridisegnare i nostri percorsi in quanto abitanti di questo Pianeta.

Come scegli i materiali con cui realizzi le tue opere?

Cerco di scegliere materiali che hanno un bassissimo impatto ambientale. Prevalentemente si tratta di tessuti e filati di origine cellulosica o proteica che provengono da lotti fallati oppure da aziende italiane o estere che abbracciano i miei stessi valori. Nella maggior parte dei casi uso filati e tessuti non tinti per poterli tingere personalmente attraverso bagni di colore ottenuti da differenti tipi di piante. La tintura naturale è uno strumento che mi permette di ricollegarmi con quello che è l’ambiente in cui vivo e di avere la Natura come mia stretta collaboratrice in ogni fase di sviluppo del mio progetto.

A cosa stai lavorando adesso e quali sono i tuoi prossimi progetti?

Ho appena concluso un progetto, intitolato Albedo, nato con l’obiettivo di denunciare la fusione dei ghiacciai causata dai cambiamenti climatici di origine antropica e dalla necessità di sensibilizzare il pubblico ad aderire a un’etica della conservazione. Si presenta come una grande mantella (il cui tessuto è stato ricavato dall’albedo delle arance) dotata di un cappuccio indossabile, caratterizzato da una parte esterna bianca e da una interna sfumata di grigio e azzurro. Mentre la parte esterna mostra il ghiacciaio vivo, quella interna ne rivela il decadimento. Il pubblico indossando Albedo riporta in vita il ghiacciaio, togliendoselo lo riporta allo stato attuale, di scioglimento e deperimento.

Albedo è la prima opera di una serie che mi terrà impegnata tutto l’anno. I progetti futuri saranno legati a tutto ciò che stiamo rischiando di perdere. Parlerò di Amazzonia, di Barriere coralline, di Oceano, di Aree Umide e di Biodiversità.

Giulia Pellegrini Ambiente

Margaret Sgarra

Read it in English Curatrice di arte contemporanea e Storica dell’arte, ha conseguito il Diploma di I livello in Didattica dell’Arte (Accademia Albertina di Belle Arti di Torino), successivamente ha perfezionato i suoi studi con una Laurea Magistrale in Storia dell’arte (Università degli Studi di Torino) e, infine, ha ottenuto una seconda Laurea Magistrale in Arti visive (Università di Bologna). Tra le sue principali tematiche di ricerca in ambito curatoriale troviamo: tutela dell’ambiente, identità e sfera emotiva. Ha collaborato con Paratissima ed è attualmente coinvolta, in qualità di curatrice, nella realizzazione di diversi progetti artistici.