• 24 Settembre 2022 9:05

Grethe Sørensen – Feelings of Light on a Dark Night in Tokyo

English (Inglese)

*Foto in evidenza: Grethe Sørensen, Light Relfection V, 2021. Photo: Bo Hovgaard. Courtesy of the artist and Galerie Maria Wettergren

GALERIE MARIA WETTERGREN – PA R I S
10 settembre – 29 ottobre 2022
Inaugurazione: Sabato 10 settembre 2022, ore 18.00 – 21.00

La Galerie Maria Wettergren è lieta di annunciare la mostra personale Feelings of Light on a Dark Night in Tokyo dell’artista danese Grethe Sørensen, in cui saranno esposte per la prima volta una nuova serie di arazzi da parete e un’importante installazione video.

Nata dall’esperienza personale dell’artista con la luce della città dopo il tramonto a Tokyo, Sørensen ha trasformato la metropoli nipponica, con i suoi trafficati semafori, in morbide e pulsanti tessiture intitolate Light Reflections (2021-2022).

Lungi dall’essere rappresentazioni figurative delle illuminazioni della città, questi ipnotici arazzi da parete, con i loro colori ampi e vibranti su sfondi scuri, sono riflessi astratti di fari e semafori su una lastra di alluminio dismessa, scoperta dall’artista in una delle strade trafficate di Tokyo. Affascinata dai ricchi e mutevoli motivi e colori della luce, ha registrato le scene in video insieme al regista Bo Hovgaard, prima di tradurre meticolosamente i pixel di luce in sottili motivi di fili intrecciati su un telaio Jacquard. Attraverso il suo processo, Sørensen esplora l’impatto ottico ed emotivo della luce e del colore e, sebbene le sue tessiture prendano le mosse dalle registrazioni video, si rivelano singolarmente diverse a una distanza più ravvicinata. I pixel intrecciati creano una vibrante illusione di tridimensionalità, in cui la luce viene modulata in rilievi morbidi e nebulosi grazie all’uso virtuoso di diversi fili da parte dell’artista. Il tempo sembra rallentare, mentre l’osservatore esplora la sorprendente ricchezza di dettagli della tessitura. Creando un’immagine senza tempo di luce effimera, Sørensen dimostra il suo grande senso della composizione artistica e del controllo tecnico.

GRETHE SØRENSEN Random Weave Close Up IV - VII, 2022 Jacquard weaving 69 x 71 cm each Unique pieces

Attraverso il suo processo, Sørensen esplora l’impatto ottico ed emotivo della luce e del colore e, sebbene le sue tessiture prendano le mosse da registrazioni video, si rivelano singolarmente diverse a una distanza più ravvicinata. I pixel intrecciati creano una vibrante illusione di tridimensionalità, in cui la luce viene modulata in rilievi morbidi e nebulosi grazie all’uso virtuoso di diversi fili da parte dell’artista. Il tempo sembra rallentare, mentre l’osservatore esplora la sorprendente ricchezza di dettagli della tessitura. Creando un’immagine senza tempo di luce effimera, Sørensen dimostra il suo grande senso della composizione artistica e del controllo tecnico.

Con il loro vivace mix di colori e materiali, Sørensen porta avanti l’esplorazione della struttura tessuta nelle opere Random Weave Close Up (2022).

Rappresentando fili di tessuto ingranditi da estratti ingranditi degli arazzi Light Reflections, l’artista costruisce un rilievo di tavolozze variabili, filo per filo, con solo otto colori – rosso, verde, blu, ciano, magenta, giallo, nero e bianco – che si incrociano e si sovrappongono in una forma di mise en abyme, un’autoriflessione del processo, tessendo per così dire il tessuto.

Attraverso questa sublimazione della struttura intrecciata, Sørensen dimostra il suo fascino per la transizione dagli strumenti analogici a quelli digitali che ha sperimentato come artista. digitale che ha sperimentato come artista. Nelle parole dell’artista: “È stata l’apertura a un nuovo mondo, sia per la mia espressione artistica che per le possibilità tecniche e produttive della tessitura”.