• Ven. Lug 1st, 2022

HODA TAWAKOL: DELICIOUS MONSTER

English (Inglese)

Ruttkowski;68 Grabbeplatz 2, 40213 Düsseldorf
27.5.22-10.7.22

Crediti fotografici Mareike Tocha
Testo di Jule Arden

Hoda Tawakol Delicious Monster #16 2022 fabric, wadding, thread 130 x 110 x 7 cm unique

Hoda Tawakol presenta la sua prima mostra personale “Delicious Monster” al Ruttkowski;68 di Düsseldorf.

L’artista lavora principalmente con il tessuto; lo tinge, lo modella e lo riempie, trasformandolo simultaneamente in opera d’arte e tela, superficie e contenuto. Nella loro forma, colore e materialità sensuale, le opere sviluppano un alto potere simbolico che riprende elementi del corpo umano e della botanica inserendoli in un contesto interculturale.

Le opere esposte, provenienti da diverse serie, affrontano il tema del corpo femminile e della sua percezione ambivalente nel contesto di strutture patriarcali.

Hoda Tawakol Mummy #19 2022 fabric, wadding, styrofoam, thread, sequin 172 x 100 x 90 cm unique Photos: Mareike Tocha

Delicious Monster, un’enorme “monstera deliciosa” che domina la stanza, occupa proprio questo spazio ambivalente, evocando una giustapposizione di sentimenti contrari, dal fascino alla minaccia, dall’attrazione alla paura. Gioca con le associazioni dello spettatore, richiamando desideri e abbondanza, potere e manipolazione.

Hoda Tawakol When the Dates Turn Red #16 2022 fabric, wadding, thread, styrofoam 220 x 130 x 20 cm unique

Mummies, corpi simili a bozzoli di nylon riempiti di riso – avvolti, tirati, mummificati – costruiscono una presenza corporea che rende visibile la trasformazione, la distorsione e il controllo. La serie Nudes, realizzata con una materialità e una tecnica simili, vi si contrappone con una corporeità potenziata e allo stesso tempo ridotta.

Hoda Tawakol Nudes #31 2020 nylons, fabric, rice, resin 33 x 25 x 15 cm unique

Le pareti sono ricoperte da sculture in tessuto a forma di palma da dattero, di alto valore simbolico e fisico nelle culture mediorientali, che si riferiscono alla fluidità di genere, alla maternità e alle sue caratteristiche vitali.

Gli sfaccettati paesaggi tessili e corporei suscitano domande e provocano reazioni forti presentando un’estetica unica che può essere percepita attraverso il proprio corpo.