• Ven. Ago 19th, 2022

Humans, Beasts, Gods | Textile Treasures From Ancient Peru

English (Inglese)

*Foto in evidenza: Ricamo tridimensionale Perù, costa meridionale, prima cultura Nasca, I-III secolo. Fondazione Abegg, Inv. n. 600 Queste sculture in miniatura realizzate in filo di lana mostrano uccellini che succhiano fiori colorati con i loro lunghi becchi. Queste strisce decorative tridimensionali venivano cucite su abiti e scialli come ornamenti a frangia. ©Fondazione Abegg, CH-3132 Riggisberg (Foto: Christoph von Viràg)

Abegg-Stiftung, Werner Abeggstrasse 67 Postfach, CH-3132 Riggisberg, Switzerland
1 Maggio – 13 Novembre 2022
14:00/17:30
Info Telephone: 0041 (0)31 808 12 01

Dettaglio di un bordo decorativo ricamato Perù, costa meridionale, tarda cultura Paracas/inizio Nasca, II secolo a.C.-1 secolo d.C. Fondazione Abegg, Inv. n. 1080 Con i suoi colori freschi e vivaci e le sue figure espressive, questo raffinato ricamo ricorda un disegno a fumetti. Ha circa 2000 anni. ©Fondazione Abegg, CH-3132 Riggisberg (Foto: Christoph von Viràg)

Tra le proprietà della Fondazione Abegg-Stiftung a Riggisberg c’è una piccola ma notevole collezione di tessuti dell’antico Perù.  I più interessanti di questi sono ora presentati al pubblico per la prima volta in una mostra dedicata.

I popoli dell’antico Perù producevano già una vasta gamma di tessuti e indumenti finemente lavorati oltre duemila anni fa.  Possiamo ammirarli oggi è grazie a una combinazione di condizioni climatiche e geografiche, in particolare i terreni secchi e salati delle regioni desertiche del Perù costiero, in cui sono stati conservati questi preziosi manufatti.  Protetti sia dall’umidità che dalla luce, sono sopravvissuti alle devastazioni del tempo sia offerte agli dei che corredi funerari, le usanze funerarie delle civiltà passate erano un fattore cruciale per la “sopravvivenza” di innumerevoli tessuti peruviani.  La cultura “Paracas” che esisteva dall’8° al 1° secolo a.C, ad esempio, avvolgeva i suoi morti in fino a cinquanta strati di stoffa, tra cui tuniche altamente decorate, perizomi, foulard, gonne e cappotti. Nelle culture più recenti, ai defunti venivano dati vasi di terracotta pieni di indumenti squisiti.  Questi tessuti sono una testimonianza di mondi che sono scomparsi da tempo e ci offrono uno scorcio interessante di un passato lontano.

PRIME CIVILTA’

Ciò che per primo cattura l’attenzione ammirando i capi, i tessuti e i ricami esposti in mostra sono le loro figure espressive e misteriose e i loro colori vivaci, gli animali stilizzati e le fantasie astratte.  Ma i reperti raccontano anche delle prime civiltà che esistevano in Perù prima della distruzione operata dai conquistatori spagnoli. Il Perù precolombiano è stato plasmato da varie culture, che nonostante tutte le loro differenze avevano una cosa in comune: la produzione di tessuti dal design stravagante che hanno svolto un ruolo importante nella vita di tutti i giorni, nelle cerimonie religiose e nel culto della morte di ogni cultura. La mostra mette in mostra alcuni esempi impressionanti dell’affascinante patrimonio tessile di quei tempi antichi, a partire dalla già citata cultura Paracas e dalla cultura Nasca che le è succeduta – resa popolare dai disegni a linee giganti che ha inscritto nel deserto – alle civiltà Tiahuanaco, Huari, Sicán, Chimú e Chancay che sono praticamente sconosciute a tutti tranne un piccolo gruppo di esperti, e infine i famosi Incas, che governavano da ca.  1430 fino a quando gli spagnoli arrivarono in Perù nel 1532.

Tunica Perù, Costa Centrale, VI-IX secolo Fondazione Abegg, Inv. n. 5730 L'indumento, simile a un poncho, è composto da cinque strisce tessute con la cosiddetta doppia trama. La tunica può quindi essere indossata su entrambi i lati. La decorazione è la stessa sia all'esterno che all'interno, solo la combinazione di colori è invertita. ©Fondazione Abegg, CH-3132 Riggisberg (Foto: Christoph von Viràg)

ANIMALI STILIZZATI E CARTONI ANIMATI

La mostra è organizzata cronologicamente e inizia con alcuni affascinanti ricami della tarda cultura   Paracas, che è passata quasi senza soluzione di continuità alla cultura Nasca. Molti dei tessuti dell’era Paracas sono notevoli per i loro disegni lineari, spesso rigorosamente geometrici, come è illustrato graficamente da alcuni ricami su un terreno rosso, dove solo poche linee rette di lana nera e gialla sono tutto ciò che serve per articolare alcuni felini stilizzati.  Solo a un esame più attento vediamo quanto abilmente queste creature si annidino l’una dentro l’altra. I ricami colorati che mostrano esseri umani o umanoidi sono molto diversi. Qui le figure hanno forme naturali che risaltano chiaramente sullo sfondo. Un po’ rozzamente disegnati, ricordano le figure dei fumetti moderni. Indossano fasce, tuniche e perizomi e sorprendentemente una maschera per gli occhi. Hanno anche teste di trofeo appese ai fianchi. Queste teste umane mozzate sono state trovate in numerosi siti di sepoltura e sembrano aver svolto un ruolo importante nei rituali della cultura di Paracas e Nasca. I teschi del trofeo presumibilmente servivano come prova del valore e del successo di un guerriero in battaglia.

I RICAMI TRIDIMENSIONALI

I frammenti di bordature multicolori e tridimensionali esposti in una delle vetrine sono particolarmente intriganti. Mentre alcuni di questi assumono la forma di ornamenti geometrici, la maggior parte sono minuscole creature simili a colibrì con lunghi becchi, che succhiano il nettare dai fiori colorati. Anche se    sembrano lavorati a maglia, i bordi in realtà un tipo speciale di ricamo, come spiega un cortometraggio che mostra come sono state realizzate queste sculture in miniatura. Tali passamanerie decorative erano spesso cucite su mantelli e scialli come ornamento simile a una frangia.

LE TUNICHE COLORATE

Un altro elemento straordinario della mostra sono le tuniche che sono sopravvissute intatte.  La tunica, come la gonna e il perizoma, era un elemento chiave del costume tipicamente indossato dagli uomini dell’antico Perù. Tendeva ad essere corto e senza maniche o dotato solo di maniche rudimentali. I lati     erano solitamente chiusi, motivo per cui questo tipo di indumento è chiamato tunica piuttosto che poncho.  Una fessura verticale fungeva da apertura del collo.

Questo indumento era assemblato di regola da almeno due pezzi di stoffa cuciti insieme. La stoffa era spesso tessuta su un telaio a cinta posteriore, il che significa che un’estremità dell’ordito era attaccata a una cintura indossata intorno ai fianchi, mentre l’altra era appesa. Data la struttura di questi telai, l’arte tessile così realizzata era notevole. I loro motivi colorati consistono principalmente in sofisticate combinazioni di forme geometriche e belve stilizzate o figure umanoidi.  I disegni e i colori di questi tessuti rendono molti di loro sorprendentemente moderni.  In mostra, un breve video aiuta i visitatori a decifrare uno dei modelli: una disposizione di teste feline e motivi ondulatori.

PIUME STRANIERE

La mostra si conclude con due indumenti, un copricapo e una tunica, entrambi densamente fittamente decorati con piume di uccello. Entrambi sono stati datati al XV o XVI secolo e attribuiti alla cultura Chimú o Inca.  A seconda del modello desiderato, le penne piegate venivano appese su un filo di cotone e annodate. Poi il filo con le piume veniva cucito sul tessuto di supporto. La maggior parte delle piume proviene da uccelli delle regioni tropicali ad est delle Ande e dal bacino amazzonico. Le tuniche qui esposte erano forse indossate in cerimonie che avevano qualcosa a che fare con l’acqua. Ciò spiegherebbe il pesce rosso e verde stilizzato su uno sfondo nero-marrone scintillante. Più in basso ci sono barche bianche contenenti creature a quattro zampe, ognuna delle quali con la lingua blu e con indosso un copricapo. Il lavoro delle piume è così fine e intricato che le pupille degli occhi di entrambe le figure nelle barche e persino del pesce possono essere chiaramente individuate.

TESORI DALLE VOLTE

Quasi tutti i primi tessuti peruviani della Abegg-Stiftung provengono dalla collezione privata di Werner Abegg (1903–1984). Ne acquistò la maggior parte nei primi giorni della sua collezione, tra il 1930 e il 1933. Nel 1961 Nel 1961 queste gemme sudamericane divennero proprietà della Fondazione Abegg-Stiftung. Da allora la collezione precolombiana è stata ampliata da diverse donazioni e acquisizioni da parte di collezionisti privati ​​in Svizzera. I tesori tessili dell’antico Perù sono normalmente conservati presso l’Abegg-Stiftung. La mostra di quest’anno è quindi un’opportunità unica per scoprire questi capi, intrecci e ricami precolombiani, tutti straordinari per il loro potente linguaggio delle forme e per le sofisticate tecniche di fabbricazione utilizzate per realizzarli.