Events

Il corpo estraneo

*Foto in evidenza:SOPHIA RUFFINI, Appendiogani, 2020, annodatura e inamidatura, cm.180. Ph Alessandro Destro

Artistis Sophia Ruffini, Giulia Santambrogio, Davide Viggiano
Curated by Barbara Pavan e Susanna Cati
Date January 29 – February 12 2022
Opening Saturday 29 January 2022, 16-20 pm
Performance “IO VADO A PESCARE” by Giulia Santambrogio, Saturday, January 29, 2022, 3:45 p.m. (booking required mob.347 177 6001)
Venue  SCD Studio, via Bramante 22N, Perugia
Info mob.+39 347 177 6001 | e-mail scdtextileandartstudio@gmail.com

The “IL CORPO ESTRANEO” exhibition’s opening is the first meet-up for the new 2022 event season at SCD Studio, via Bramante 22 in Perugia.

The exhibition’s curators, Barbara Pavan and Susanna Cati, present three young artists – Sophia Ruffini, Giulia Santambrogio and Davide Viggiano.

The show will be on display from Saturday the 29th of January. 

At the opening event, at 3.45 p.m., Giulia Santambrogio will perform “Io vado a pescare”, booking is required.

GIULIA SANTAMBROGIO, Rete abito performativo filo di lana, cm.360x190 ca
Rete, detail, abito performativo, filo di lana, cm.360x190 ca
GIULIA SANTAMBROGIO, Rete, abito performativo, filo di lana, cm.360x190 ca

The body’s poly-semic nature is the exhibition’s core concept. The artworks inquire into the body’s role, function and perception in the new light shed by the pandemic that has irrevocably changed behaviour, relational dynamics and habits. Due to isolation and the distance between bodies necessary for self-protection, physical presence and tactile exposure to the world and reality have become increasingly rare.  Over the last few decades, the body has often gone beyond its functional role to become an end in itself; contemporary society has increasingly deprived it of the freedom to show the signs of time being a caricature of itself. Recent events have transformed the body into an increasingly immaterial entity, an image, almost a hologram. The whole daily routine has been virtualised – social, professional, recreational and emotional contact – highlighting the need to shape a different relationship and search for new balances.

GIULIA SANTAMBROGIO, Pensiero concluso 1_2020_cotone lavorato a uncinetto, caffè, colla vinilica, cm.25x25 ca.

Sophia Ruffini‘s reflections on the subject originate from food bulimia, which coincided with an overdose of information fed continuously during the suspended lockdown time. With “News Chips”, the artist draws a parallel between junk news and junk food: two ways of filling an insatiable void through compulsive consumption that transforms the subject into an object. A reflection that she develops further in “L’appendiorgani”, an installation in which the body, dissected and emptied of all further meaning, lies hanging like any other set of clothes, waiting to be worn only when useful or necessary.

For Giulia Santambrogio, the body is a network and acquires its whole meaning in encountering others. In her performance “Io vado a pescare” (I’m going fishing), she draws a parallel with the fisherman who throws and gathers his fishing nets for food. The network/body is a protection and a cage by which we run the risk of becoming entangled, a boundary that leaves ample space for contact with the outside world. The network/body is meant both as a protection and a cage in which we could run the risk to be entangled; it is a boundary that leaves ample space for the contact between ourselves and the world. “The net” is the performative garment in which clothing and body coincide; one is the other’s alter ego taking after its form, bringing together the body and the inner self into a unity only completed and enriched by the essential relationship with the other. This is not the case for Davide Viggiano, who sees in the physical distance between bodies, resulting from the pandemic, the emergence of a new form of relationship, a more fluid one, filtered by technology and, at the same time, the development of a closer and more physical relationship with nature.

A sort of homecoming, the re-evaluation of manual activity and the home as a sphere of intimacy, an extension of the body that includes affections. Viggiano looks at humankind through a post-anthropocentric but also post-organic perspective. He identifies the human being as an entity that connects with all life’s manifestations, including animals and plants, in a relationship that takes on new meanings. His “Homo Fa(i)ber” is a hybrid, composed of a bio-plastic fabric, a skin-dress that constitutes an identity in its material’s features. In its de-humanisation, this creature paradoxically assumes the most significant meaning of its humanity.

DAVIDE VIGGIANO, Homo Fa(i)ber, 2021, dettaglio, struttura di metallo, camicia in bioplastica e gruccia di legno

Biographies

 

Sophia Ruffini (Macerata, 1997) graduated in Decoration from the Macerata Academy of Fine Arts, where she is currently pursuing a Master’s degree in Contemporary Sculpture. She mainly works with the medium of textiles. Starting from a reflection on the body, the artist investigates the feeling of the skin, which is a prelude to research into the social body through current issues. She has exhibited, among others, in the Casamatta Review in Fano, in the NICE section at Paratissima Turin and at the Festival del Tempo in Sermoneta.

 

Giulia Santambrogio (Monza, 1996) graduated from the Brera Academy of Fine Arts with a degree in Valorizzazione dei Beni Culturali e in Arti Visive, with a major in painting. During her Erasmus in Marseille, she got in touch with the Austrian artist Iris Dittler. Her creative method, based on the interaction between body, graphic sign and sculpture, contributed to consolidating her multidisciplinary practice. Her works contain multiple identifications between the real, the conceptual and the metaphorical and come up against the paradox of drawing a body that draws itself, of weaving a body that weaves. She has exhibited in various group shows in Milan, Sofia, Szczecin and Marseilles.

 

Davide Viggiano (Potenza, 1994) graduated in Textile Design at the Istituto Statale d’Arte in Potenza and later graduated in Decoration at the Accademia di Belle Arti di Foggia, completing his training at the Accademia di Belle Arti di Brera. His artistic research explores the boundaries of the skin, the membrane that, by covering the body, is the link between its interior and exterior, and the zone where nomadic identities dwell. He has participated in exhibitions and awards, including “Artefici del Nostro Tempo 2021” promoted by the municipality of Venice on the occasion of the Architecture Biennale; “We as Nature” for Rome Art Week 2020 (RAW); Premio Nocivelli and Premio Brera-Bicocca (2018) where he was selected among the winners.

Eventi

Il corpo estraneo

*Foto in evidenza:SOPHIA RUFFINI, Appendiogani, 2020, annodatura e inamidatura, cm.180. Ph Alessandro Destro

Artisti Sophia Ruffini, Giulia Santambrogio, Davide Viggiano
Curato da Barbara Pavan e Susanna Cati
Date January 29 – February 12 2022
Inaugurazione Saturday 29 January 2022, 16-20 pm
Performance “IO VADO A PESCARE” by Giulia Santambrogio, Saturday, January 29, 2022, 3:45 p.m. (booking required mob.347 177 6001)
Sede  SCD Studio, via Bramante 22N, Perugia
Info mob.+39 347 177 6001 | e-mail scdtextileandartstudio@gmail.com

Primo appuntamento del calendario espositivo del 2022 per SCD Studio che inaugura nello spazio della galleria, in via Bramante 22N a Perugia, IL CORPO ESTRANEO, una mostra che propone il lavoro di tre giovani artisti – Sophia Ruffini, Giulia Santambrogio e Davide Viggiano – curata da Barbara Pavan e Susanna Cati e che sarà visitabile da sabato 29 gennaio 2022, con la performance di apertura “Io vado a pescare” di Giulia Santambrogio (ore 15:45 con prenotazione obbligatoria)

GIULIA SANTAMBROGIO, Rete, abito performativo, filo di lana, cm.360x190 ca
GIULIA SANTAMBROGIO, Rete, detail, abito performativo, filo di lana, cm.360x190 ca
GIULIA SANTAMBROGIO, Rete, detail, abito performativo, filo di lana, cm.360x190 ca

La polisemia del corpo è all’origine delle opere esposte che ne indagano ruolo, funzione e percezione alla luce di una pandemia che ha irrimediabilmente cambiato comportamenti, dinamiche relazionali, abitudini. Con l’isolamento e la distanza tra i corpi necessari per proteggersi, presenza fisica e frequentazione tattile del mondo e della realtà si sono sempre più assottigliate. Nel corso degli ultimi decenni, il corpo ha sovente superato il ruolo funzionale diventando persino un fine e ad esso la società contemporanea ha sottratto sempre più la libertà di ostentare i segni del tempo fino a condannarlo, talvolta, a diventare caricatura di se stesso. Gli eventi recenti, infine, lo hanno trasformato in un’entità sempre più immateriale, un’immagine, quasi un ologramma. Virtualizzata l’intera quotidianità – il contatto sociale, lavorativo, ludico, affettivo – si è evidenziata la riformulazione di un diverso rapporto e la ricerca di nuovi equilibri.

GIULIA SANTAMBROGIO, Pensiero concluso 1_2020_cotone lavorato a uncinetto, caffè, colla vinilica, cm.25x25 ca.

La riflessione in proposito di Sophia Ruffini ha origine dalla bulimia di cibo che è coincisa con una overdose di notizie somministrate a ciclo continuo nel tempo sospeso del lockdown. Con “News chips” l’artista traccia un parallelo tra junk news e junk food: due modi di riempire un vuoto insaziabile attraverso un consumo compulsivo che trasforma il soggetto in oggetto. Una riflessione che sviluppa ulteriormente in “L’appendiorgani”, installazione in cui il corpo, sezionato e svuotato di ogni ulteriore significato, giace appeso come una qualsiasi serie di indumenti, in attesa di essere indossati esclusivamente quando utile o necessario. Per Giulia Santambrogio il corpo è una rete e acquista il suo pieno significato nell’incontro con l’altro; attraverso la performance “Io vado a pescare” traccia un parallelo con il pescatore che getta e raccoglie le reti per procurarsi il nutrimento. La rete/corpo è protezione ma anche una gabbia in cui si rischia di restare ingarbugliati, è barriera tra sé e il mondo che lascia però ampi spazi di contatto con l’esterno. “Rete” è la veste performativa in cui abito e corpo coincidono, l’uno alter ego dell’altro di cui assume la forma, coniugando indissolubilmente corpo e interiorità, una unità che, però, si perfeziona, si completa e si arricchisce solo nella relazione irrinunciabile con l’altro. Non così per Davide Viggiato che nella distanza fisica tra i corpi conseguente alla pandemia vede, al contrario, il sorgere di una nuova forma di questa relazione, più fluida, filtrata dalla tecnologia e, contestualmente, lo sviluppo di un rapporto più stretto e più fisico con la natura. Una sorta di ritorno all’origine, una rivalutazione dell’attività manuale nonché della casa come ambito dell’intimità, prolungamento del corpo stesso che include anche gli affetti. Viggiano guarda all’uomo attraverso una lente post-antropocentrica ma anche post-organica, identificandolo con un’entità che si riconnette con ogni manifestazione della vita, che include animali e vegetali, in una relazione che ha necessariamente nuovi significati. Il suo “Homo Fa(i)ber” è un ibrido, composto da un tessuto in bio-plastica, una pelle-vestito che nelle caratteristiche della materia sostanzia una identità che nel suo disumanizzarsi assume paradossalmente l’accezione più forte della sua umanità.

DAVIDE VIGGIANO, Homo Fa(i)ber, 2021, dettaglio, struttura di metallo, camicia in bioplastica e gruccia di legno

Biografie

Sophia Ruffini (Macerata, 1997) è diplomata in Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Macerata dove sta conseguendo la specialistica in Scultura del Contemporaneo. Lavora principalmente con il medium tessile. Partendo dalla riflessione sul corpo, indaga il sentire della pelle che prelude alla relazione e ricerca, attraverso i temi d’attualità, il corpo sociale. Ha esposto, tra l’altro, nell’ambito della Rassegna Casamatta a Fano, nella sezione NICE a Paratissima Torino ed al Festival del Tempo di Sermoneta.

Giulia Santambrogio (Monza, 1996) è diplomata in Discipline della Valorizzazione dei Beni Culturali e in Arti Visive, indirizzo Pittura, presso l’Accademia di Brera. Durante l’Erasmus a Marsiglia entra in contatto con l’artista austriaca Iris Dittler il cui metodo creativo basato sull’interazione tra corpo, segno grafico e scultura, la aiuta a consolidare la sua pratica multidisciplinare. I suoi lavori contengono molteplici identificazioni tra reale, concettuale e metaforico e si scontrano con il paradosso del disegnare un corpo che si disegna, di tessere un corpo che tesse. Ha esposto in diverse mostre collettive tra Milano, Sofia, Stettino, Marsiglia.

Davide Viggiano (Potenza, 1994) è diplomato in Textile Design all’Istituto Statale d’Arte di Potenza e successivamente ha conseguito la laurea in Decorazione all’Accademia di Belle Arti di Foggia completando poi la sua formazione presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. La sua ricerca artistica esplora i confini della pelle, membrana che riveste il corpo e ne costituisce il tramite tra l’interno e l’esterno, oltre che zona limite in cui abitano identità nomadi. Ha partecipato a mostre e premi, tra cui “Artefici del Nostro Tempo 2021” promosso dal comune di Venezia in occasione della Biennale Architettura; “We as Nature” per la Rome Art Week 2020 (RAW); Premio Nocivelli e Premio Brera-Bicocca (2018) di cui è stato tra i vincitori.