• 27 Novembre 2022 10:48

Il filo che collega l’arte all’architettura e alla sostenibilità

English (Inglese)

Le opere della fiber artist Patrizia Polese negli edifici della Design Week 2022

La visita esperenziale all’opera sarà la tappa finale dell’itinerario guidato di Identità Urbane che racconta la città di Milano attraverso i suoi edifici, il 9 giugno alle 18, organizzato da Dodecaedro Urbano nell’ambito della Design week. Diventa sempre più forte la connessione fra arte e architettura, soprattutto quando a collegarle sono contenuti che inviano messaggi di attenzione alla sostenibilità sociale ed ambientale.

Dopo una lunga esperienza nel campo del restauro Patrizia Polese si specializza nell’arte della tessitura bi e tridimensionale, utilizzando filati e materiali di recupero che prendono nuova vita attraverso la sua arte e raccontano storie di umanità e di ambiente.

La sua espressione artistica va infatti alla continua ricerca di un linguaggio comune tra tutte le cose, un intersecarsi non solo di spazio e tempo ma anche di elementi umani, animali e vegetali.

Due le opere visitabili durante la Milano Design week 2022 e fino al 15 giugno (8.30-19):

Patrizia Polese, The human jungle

The  Human  Jungle,  opera site-specific collocata nella hall del Vetra Building, pensata in collaborazione con Interface, integrando l’uso del filato econyl®, rigenerato dalle reti da pesca recuperate dai fondali. Lo stesso utilizzato per le sue collezioni di pavimenti tessili. Tanti fili che rievocano il fitto fogliame di una giungla, un invito ad entrare per perdersi all’interno del groviglio. Un passaggio esperienziale che crea uno spaesamento iniziale per spingere verso una ricerca dentro se stessi, facendo riemergere una condizione di maggiore umanità e consapevolezza con gli elementi naturali

circostanti. Un’opera realizzata a partire da un materiale semplice che rievoca il filo di Arianna nel labirinto, lavorato e reso unico dalle mani dell’artista “alla continua ricerca di un legame comune fra tutti gli elementi che ha come obiettivo il risveglio delle coscienze alla verità della non separazione tra l’io e l’ambiente”.

Un percorso sensoriale, olfattivo, tattile e visivo che avvolge e riattiva i sensi di chi vi passa attraverso.

La visita esperenziale all’opera sarà la tappa finale dell’itinerario guidato di Identità Urbane che racconta la città di Milano attraverso i suoi edifici, il 9 giugno alle 18, organizzato da Dodecaedro Urbano nell’ambito della Design week.

Patrizia Polese, The human jungle

Present, collocata nella hall di De Castilla 23

Una riflessione sull’ambiguità del conflitto e della protezione; è un luogo dove possiamo sentirci protetti o imprigionati, preda o carnefici. Ogni materiale utilizzato ha una storia di ricerca e innovazione o di sacrificio umano e ambientale. Present parla della legge di causa ed effetto del valore del qui e ora come unico dono che ci appartiene veramente per progettare un futuro sostenibile. Entrambi gli edifici che ospitano le opere sono stati progettati e realizzati secondo criteri di sostenibilità ambientale. Vetra Building è stato progettato dalla società internazionale di architettura e design Il Prisma e Artelia, per conto di AXA IM ed è certificato LEED PLATINUM, i materiali e gli impianti scelti garantiscono una totale sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

De Castilla 23, progettato dallo studio CMR per conto del Gruppo Unipol, esempio di architettura green e sostenibile. Il 14 giugno alle 18.30 Patrizia Polese sarà fra i relatori del Talk BEGREEN. Making sustainability for future cities organizzato da Gruppo Unipol nell’ambito dei progetti Urban Up e INOLTRE.Sharing the city. La sua opera Present, collocata all’ingresso dell’edificio di Via de Castilla, luogo della conferenza, sarà spunto di riflessione nel dibattiti che vedrà la presenza di: Mario Cucinella, architetto; Maria Luisa Parmigiani, responsabile sostenibilità del Gruppo Unipol; Giancarlo Tancredi, Assessore all’urbanistica del Comune di Milano; Giuseppe Lobalsamo, direttore Immobiliare Gruppo Unipol, Filippo Solibello, giornalista di Radio 2.

Patrizia Polese, Present

Patrizia Polese

Espone regolarmente le sue opere in esibizioni personali e collettive sia in Italia che all’estero, alcune tra queste: XXI Triennale di Milano “Woman in Italian design”; XIV Triennale di arazzi – Museo centrale del tessuto – Lodz – Polonia, tre edizioni di Miniartextile esponendo grandi installazioni. È docente di design del tessuto e collabora con aziende nel campo della moda e del design.

Patrizia Polese, Present