Il Gioiello Contemporaneo in Maglia di Luisa de Santi

Luisa De Santi, Io e la mia maschera (2017)

Inglese

A cura di Bianca Cappello
Casa Internazionale delle Donne – Via della Lungara, 19 Roma
Evento della Roma Jewelry Week (13-15 ottobre 2021) sotto la direzione artistica di Monica Cecchini
Inaugurazione 12 ottobre ore 17 (ingresso libero fino a esaurimento posti)
Apertura al pubblico dal 13 al 16 ottobre 2021
Orario 9.00 – 19.30; sabato 9.00 – 13.30

La Textile Art è un’arte nobile che nasce in seno alla cultura manuale e materiale femminile.
In epoca contemporanea la Textile Art esce dalle mura domestiche e dagli spazi espositivi per comunicarsi nell’Arte e nel Gioiello Contemporaneo come Scultura da Indossare.

Morbido, colorato e ancora oggi sapientemente lavorato, spesso da mani femminili, il gioiello in maglia avvolge come una carezza e trasforma il corpo.

Questo gioiello, così gentile, ecosostenibile e realizzato con una tecnica antica, ancora oggi e anzi, oggi più che mai, può parlare dell’universo femminile e della sua evoluzione con un linguaggio completamente nuovo in grado di vestire il corpo in modo aggiornato e in linea con l’attuale status femminino: capace di essere ironico grazie alla forte consapevolezza di sé.

Attraverso i gioielli scultura di una delle principali artiste di arte tessile del filo italiane, Luisa de Santi, con questa mostra si vuole cogliere l’occasione per parlare dell’Arte della lavorazione del filo mostrandone le potenzialità nel Gioiello Contemporaneo.

<Nei miei lavori utilizzo tecniche comunemente considerate hobby femminili (uncinetto, maglia e ricamo). Tecniche così popolari, familiari e riconoscibili dal pubblico mi permettono di giocare, attraverso il virtuosismo tecnico sul filo in modo simbolico, lavorando con ironia. Considero il filo come una strada aperta, un medium con cui creare qualsiasi cosa, anche un mondo in cui i confini tra realtà e desiderio, tra speranza e illusione non esistono.> Luisa De Santi

Questa piccola ma coloratissima e sorprendente mostra, ridefinendo il linguaggio della tradizionale lavorazione a maglia, vuole anche offrire un modo attuale e tutto femminile per guardare la realtà e parlare dei Diritti delle Donne e della Lotta contro la Violenza ed il Femminicidio. Per tale motivo è stata scelta come cornice e contenitore dell’evento la Casa Internazionale delle Donne di Roma che nasce dalle rivendicazioni femministe degli anni ’70 per la libertà e l’autodeterminazione delle donne.

La curatrice, Bianca Cappello, storica e critica del gioiello che da anni parla del Gioiello come una delle principali manifestazioni linguistiche ed espressive della società, affrontandolo e mostrandolo a 360° nel suo vasto panorama fatto di molteplici materiali e tecniche, ha pensato a questa mostra per sdoganare alcuni concetti comuni attorno sia al gioiello come oggetto prezioso che al lavoro a maglia come tecnica relegata ad una estetica del passato.

Negli ultimi decenni, in cui la cultura estetica è stata ed è ancora adesso scossa da veloci e netti cambiamenti, i nuovi paradigmi di femminilità sono stati completamente riscritti e con essi anche i parametri di valutazione della preziosità e del valore di un gioiello. In questo nuovo linguaggio, l’espressione del sé e la Consapevolezza si esprimono con l’Ecosostenibilità e l’Arte del Saper fare e questo fanno, in modo mirabile, anche i gioielli di Luisa De Santi.” Bianca Cappello

L’Artista Luisa De Santi artista specializzata in tecniche d’aguglieria e ricamo declinate in forma tridimensionale e performativa.  La sua formazione comprende studi di arte e didattica e un’esperienza di 15 anni di lavoro nel teatro ragazzi e teatro di figura (Marionette di Podrecca Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia). Crea e realizza opere artistiche, gioielli tessili pezzi unici, creazioni e campioni per la riproduzione con spiegazioni e schemi grafici/disegni. E’ ideatrice e coordinatrice di progetti di installazioni/yarn bombing e performance pubbliche, autrice di libri e collaboratrice per progetti editoriali (RCS Collezionabili, Fabbri Publishing, Centauria Creativa, Giunti). Ha presentato collezioni di gioielli ed accessori tessili per Pitti Immagine in concomitanza con il prét-a-porter di Milano Moda Donna, lavorato per aziende del settore moda e home decor e per clienti privati.  Sue creazioni e campionature sono state esposte al Pitti Filati di Firenze per l’azienda Millefili. Le sue ultime realizzazioni a crochet hanno sfilato per Dolce&Gabbana collezione primavera/estate 2020 e Firenze Alta Sartoria. A partire dal 2009 partecipa regolarmente come creativa invitata con esposizioni e come insegnante alle principali manifestazioni del settore manualità creativa in Italia e all’estero. Fondatrice nel 2014 del Picknitartcafe Aps di cui è tuttora responsabile creativa. Ha partecipato a mostre personali e collettive nei principali eventi di Textile Art in Italia e nel mondo (tra queste negli ultimi anni: 2021, BID Biennale Internazionale Donna, Trieste; 2020, Art Paper International, Svizzera; AESON Festival (arti nella natura) Secret event Parco Isonzo (Udine); InsOrti Festival d’arte performativa, Bologna; 2019, Paratissima Art Fair , Torino; Knitting&Stitching Show, Alexandra Palace Londra UK; Miniartextile, Busto Arsizio; 2017, Creattiva, Bergamo; Tree Yarn Bombing, Festival Filosofia, Villa Giacobazzi Sassuolo; 2015, Installazione Barcolana 47 regata internazionale; Progetto e Installazione “Coperta da Guinness”, Piazza Unità d’Italia per raccolta fondi AISM Trieste; Uncinetto Day: Flash Mob e performance in Piazza della Scala – installazione nel cortile napoleonico dell’Accademia di Belle Arti di Brera a, Milano; 2014, Mostra del Ricamo a mano e del Tessuto artigianale Valtopina, Perugia; 2014, Creature di filo, Palazzo Bonin Longare, Vicenza; Yarn Bombing: Una sciarpa per Saba, Svevo e Joyce, Trieste).

La curatrice Bianca Cappello storica dell’Arte e del Gioiello e critica del Gioiello Contemporaneo, è docente di History of Applied Art presso Istituto Europeo di Design di Milano, di Cultura del Gioiello presso il Corso di Alta Formazione in Fashion Archives and Fashion Management dell’Agenzia Formazione al Lavoro della Città Metropolitana di Milano, di Storia dell’Arte e del Gioiello presso CFP Galdus dipartimento di Oreficeria e lavorazione artistica dei metalli a Milano. Collabora con Università e Accademie di Belle Arti in tutta Italia come coordinatore e curatore di conferenze, workshop e seminari sulla Cultura del Gioiello. È autrice di numerose pubblicazioni sulla Storia del Gioiello con le principali case editrici italiane, tra le sue ultime pubblicazioni: Gioielli di Vetro dalla Preistoria al III Millennio, Antiga editore, 2021; Storia della Fibbia tra Moda e  Gioiello, Skira 2018; Corbella, Prima Fabbrica Italiana di Gioielli e Armi per il Teatro, Silvana editoriale  2018; Carta Preziosa, il Design del Gioiello di Carta, Skira 2017; Splendida Persia, visioni nel gioiello,  Universitas Studiorum, 2017; Il Gioiello nel Sistema Moda, Storia, Design, Produzione, Skira, 2017; Storia  della Bigiotteria Italiana, Skira, 2016; Indossare la Bellezza, Sillabe, 2015; Il Gioiello Funzionale, Marsilio, 2014). Collabora con saggi e articoli per le principali riviste scientifiche e di settore. È curatore di mostre sul gioiello per musei ed enti pubblici, e consulente curatoriale di collezioni museali e private. È membro della Society of Jewellery Historians di Londra. È consulente scientifico della prima edizione di Roma Jewellery Week 2021.