• 28 Gennaio 2023 19:55

Il riflesso della luce nell’arazzo

English (Inglese)

*Foto in evidenza: In primo piano “With Her Eyes” (2022) di Jānis Bankovičs. Photo: Artis Veigurs

L’origine primaria dell’arazzo nell’arte era limitata al capitale simbolico che rappresentava il benessere e lo status symbol del proprietario nella società. In Lettonia, l’affermazione dell’arte tessile era legata al potere nascosto degli artisti, laddove la censura dell’Unione Sovietica aveva raggiunto i suoi limiti. Si trattava di una disciplina il cui potere risiedeva unicamente nella possibilità di valutare adeguatamente l’idoneità dell’opera nel quadro delle politiche esistenti. Le circostanze garantivano un gran numero di esperimenti con materiali diversi, lasciando agli artisti il permesso di partecipare alla scena artistica ufficiale.

La mostra di arazzi “How Much Does Light Weigh?” al Jurmala City Museum. Photo: Artis Veigurs

La mostra “How Much Does Light Weigh?” al Museo della Città di Jurmala, curata dall’artista tessile Ieva Prāne, riunisce artisti tessili lettoni contemporanei, che materializzano le loro idee nella tecnica dell’arazzo, fornendo una visione dello sviluppo della disciplina negli ultimi tre decenni. Il concetto centrale della mostra introduce lo spettatore ai paradigmi storici dell’evoluzione dell’arazzo. Mostra una correlazione tra il ruolo dell’artista nel processo di creazione dell’opera e l’applicazione dei materiali che influenzano la forma espressa. I classici fili di lana e seta sono arricchiti da fili metallici, filati, carta, polietilene, fibre d’ambra e altri materiali non menzionati, nascosti sotto il termine “tecnica dell’autore”. Tuttavia, i materiali accessibili non definiscono il carattere artistico dei pezzi, ma sono piuttosto un sostegno per la materializzazione delle idee immaginate.

Dettaglio dell’arazzo “Dangerous Liaisons” (2020) di Egils Rozenbergs. Photo: Artis Veigurs

La celebrazione della natura è un soggetto dominante negli arazzi. È un terreno apprezzabile per realizzare caratteri sia astratti che figurativi, sviluppando e risolvendo relazioni tra materiali e tecniche applicate. Nell’arazzo “Red Line” (2011) di Irisa Blumate, lo sfondo è unito dal blu sfumato e diviso dall’esplicita linea rossa, realizzando l’espressione visiva con lana, lino e fibre sintetiche. L’arazzo “Morning Drew and Coffee” (2018) di Ilma Austrina si distingue per le sfumature verdi e il luccichio. Il filo metallico intrecciato luccica alla luce dei faretti della mostra in ogni istante dello spettatore, creando un triangolo di relazione tra l’opera, lo spettatore e lo spazio. L’interpretazione di “Rainy Day” (2022) di Dzintra Vilks propone uno spazio potenziato, creando sporgenze simili a gocce che lasciano impronte d’ombra sulla superficie e, analogamente all’arazzo di Austrina, garantisce una varietà di esperienze muovendosi nello spazio. Al contrario, il rapporto con lo spazio è risolto nell’arazzo “In The Gardens of Light” (2022) di Ieva Prāne. Lo stile dell’artista è riconoscibile dagli spazi “vuoti” dell’arazzo, dove i fasci di luce attraversano le fibre, lasciando un’ombra grafica sul piano più vicino.

Al centro dell’arazzo “Dangerous Liaisons” (2020) di Egils Rozenbergs. Photo: Artis Veigurs

Il tempo e il rapporto con l’ambiente e le persone che ci circondano spesso si fondono, affidando le opere al tema della luce. Il tempo lega le relazioni e le relazioni esistono nel tempo. L’allegoria della luce è spesso connessa alla speranza per il futuro. Rolands Krutovs (2016) combina il passato (ricordi) con il futuro (speranze) nell’arazzo “Propera Ad Me. (Vieni da me)”, raffigurando la narrazione con un uomo in equilibrio su una corda che si muove dallo sfondo al primo piano. Un soggetto narrativo analogico dell’asse temporale è codificato nell’arazzo “In Fear of Hunger” (2022) di Kristine Celmiņa, dove la speranza della luce crea un legame con l’ambiente circostante.

Dettaglio dell’arazzo “Rainy Day” (2022) di Dzintra Vilks. Photo: Artis Veigurs

Al contrario, “Heritage of Grandmothers” (2019) di Zane Vizule – Jakobsena mostra la luce come legame tra generazioni. L’installazione “With Her Eyes” (2022) di Jānis Bankovičs contiene più livelli. La metafora degli occhi è diretta e indiretta. Le immagini ondulate sono scattate dalla figlia e integrano una parte della sua prospettiva. Tuttavia, l’estensione del messaggio spinge a domandarsi su come e se ci vediamo l’un l’altro.

In primo piano “Rainy Day” (2022) di Dzintra Vilks. Photo: Artis Veigurs

In alcuni casi, c’è una dissonanza tra le relazioni narrative del concetto centrale e gli arazzi. Sebbene il titolo poetico della mostra sia spiegato come una metafora che si riferisce alle realtà vissute attraverso la pandemia COVID-19 e la vicina zona di guerra esistente, invitando a riflettere sulla fragilità della vita e sulle sue sfide sia per gli artisti che per i visitatori, gli arazzi selezionati portano con sé narrazioni diverse. Un motivo è che un terzo delle opere esposte è stato tessuto prima che si verificassero la pandemia e la guerra in Ucraina; il secondo è che i titoli delle opere esprimono l’impegno degli artisti nei confronti di altre fragilità della vita: le relazioni, il tempo e la natura. La mostra evidenzia la forza d’animo degli artisti, dove il ritmo meccanico, contato in ore, minuti e secondi, è stato sostituito da quello organico, il tempo non misurabile in telai necessario per ogni intreccio per creare un sistema astratto o figurativo di personaggi. Gli arazzi richiamano l’attenzione sui diversi approcci e sul modo in cui le idee immateriali vengono trasferite in un linguaggio estetico tangibile, mostrando tre gruppi di soggetti. La scena lettone degli arazzi contemporanei si differenzia da quella internazionale per la poca presenza di soggetti legati al clima e agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Ci si impegna più a glorificare la bellezza della natura piuttosto che mettere in evidenza la sua fragilità descrivendo gli atteggiamenti dell’uomo, oppure si usa la natura per spiegare lo stato mentale dell’individuo.

A sinistra – dettaglio dell’arazzo “Climb on The Beanstalk“ (2022) di Jānis Trops. A destra – “Morning Dew and Coffee” (2018) di Ilma Austriņa. Photo: Artis Veigurs

Inoltre, il raffinato allestimento di Ivars Noviks prevede un corpo di opere che si percepisce appena. Lo spazio tra gli oggetti esposti sottolinea il carattere e l’unicità di ogni opera d’arte, permettendo allo spettatore di sperimentare il ritmo scenografico della mostra e i ritmi all’interno delle opere.

La mostra è visibile fino al 30 dicembre 2022, dal mercoledì alla domenica, dalle 10.00 alle 17.00. Jurmala City Museum, Tirgoņu iela 29, Majori, Jūrmala, LV – 2015, Lettonia.

A sinistra – dettaglio dell’arazzo “In The Gardens of Light” (2022) di Ieva Prāne. A destra – dettaglio dell’arazzo “Red Line” (2011) di Irisa Blumate. Photo: Artis Veigurs