Interview

Interview with Brankica Zilovic

The published photos were made by Tomasz Namerla and Sandrine Elberg and all works are Laure Roynettegalery curtesy.
“Never Innocent”, copyright BrankicaZilovic

BRANKICA ZILOVIC, born in Serbia, is a French and Serbian visual artist and educator living in Paris. Her ten years lecturing experience has directed her educative focus to creative processes in textile art, fashion design and contemporary art. As an artist she creates through the fields of contemporary art embroidery, installations, multimedia, painting and drawing. Her work has been exhibited booth on national and international level. During last 17 years she has developed different projects with art galleries and institutions in France, Germany, Italy, China, Senegal, USA and Serbia, Art museums, French contemporary art centers, local and regional cultural centers in France (followed by workshops and lectures), fashion magazines, advertising agencies etc.

Currently she is represented by Gallery Laure Roynette in Paris. She obtained a second prize for painting from Painting Award Antoine Marin in Paris and 1st MAUTO Award for installation.

She graduated from the ÉCOLE NATIONALE SUPERIEUR DES BEAUX ARTS of Paris (DNSAP) and from Faculty of Fine Arts in Belgrade.

Currently she is professor at ÉCOLE SUPERIEUR DES BEAUX ARTS of Angers (TALM), University of New School PARSONS in Paris and in Institute Of Applied Art LISAA in Paris.

Website

www.brankica74.wixsite.com/brankicazilovic 

Brankica, would you call yourself a textile artist?

I prefer define my self simply as a contemporary artist with a strong interest for an independent and prevailing language of Textiles.Textile with his versatility that finally reveals acore drawing, painting sculpture or installation questions. Restricting the Textile art only to his technical, craft-art aspect or traditionally women assigned medium aspect would be “low-down” consideration, and all previous historical endeavors of many artist who pave the way to shift of the his perception and grasp.

Textile artist, instructions, curators, art critics and journalist, all carry a responsibility and potential to enhance the interest and foster a recognition of Textile as autonomous medium in fields of contemporary art. We are all witnessing a wide range of textile and fibers conception and creations, but also the straight to reveal a political, social and ethical inherent meaning of our contemporary enchanted and disenchanted world.

“Cartographie des  Sens 9”, 29 cm x 42, thread, embroidery, colorspray on paper, copyright Brankica Zilovic

“Cartographie des Sens 8”, 29 cm x 42, thread, embroidery, colorspray on paper, copyright BrankicaZilovic

What role does the use of threads and fabric play in your art?

Sometimes I feel like I can see and understand the world only with my hands… in other terms my creative and conceptual approach is always guided and shaped by experience of materiality of the fabric. Every thread is a substance that provide me immense array of possibilities, research directions and critical engagements. Definition of Textile art is constantly moving and it’s hard to be stabilize. I highly appreciate this ambivalent feature of this medium effort lessly joggling between art and craft reading, theoretical and practical knowledge. Thread spans many symbolic and comparative metaphors, transcending or blurring many cultural, gender or identity contexts… I used to say to my students: “thread brings people together, with connecting and reconstructing qualities and features”.

“Embrace Again”, 2017, 300cm x 500cm, thread, textile, cardboard, copyright Brankica Zilovic

“Angelboy”, 2018, copyright Brankica Zilovic

Can you tell us about the series “New Scalps” and embroidered books from “Totem Revenants”?

Series ”New Scalps” relate to my father, who passed away in 2013. New scalps are actually brain cancers imagery representations that revels the beauty of brain neuronal systems that calls into cosmology of our biological body. Sometimes the most turbulent and painful intimate moment needs to be urgently translated into something subliminal that revels certain universal questioning.

Embroidered books from “Totem Revenant” are again story-telling related to father pattern, recent autobiographic geopolitical conflict, ideology, disillusionments and religion related to my father but also transmitted as legacy to me as grid, as a burden or a precious heritage, but definitely a huge and think material for multiply artistic considerations.

“New Scalps – Composition”, 2016, copyright Brankica Zilovic.

Totem Revenants”, 2016, copyright Brankica Zilovic

“New Scalps – Composition”, 2016, copyright Brankica Zilovic

“Totem Revenants – detail”, 2016, copyright Brankica Zilovic

How important is the experimentation of techniques and materials in your works?

Often use as tactile form of expression, communication and application, textile materials are objects and structures that seeks to be understood, with their own system of language, their potentials and limits, with multiples meanings and interpretations. Therefore experimentation is the best way to capture all that sensitive and tangible ways of meandering creative navigations. There is something very exiting about Textile practice, ordinary and extraordinary almost genius in the same time. When I start exploring and experimenting rich potential of textiles and threads in my first painting & embroidery hybridizations I felt so special and rebellious in the same time. If I didn’t one day started simply experimenting with embroideries that operates as a conceptual strategy of drawing, I would probably never become that much involved in Textile medium as today. So the place of experimentation and unfamiliar innovation is essential in my art.

In a new work, do you start from the material, around which you then develop the idea of the subject, or do you start from the subject and then you choose techniques and materials?

Both leads are frequently developed and challenged… Sometimes the pure concept could guides me to the textile or combine techniques solutions, and vise-versa direct textile approach will raise a creative and subversive strategy of questioning! I have no precise expectations or assumptions regarding the process, but I certainly have a definition of my dialectic.

“Pagan Man”, 2015, 180cm,tecnique mixte, copyright Brankica Zilovic

What is the connection between your art and Serbia?

All my artistic attempts and intentions are co-related with my cultural, identity background. Central question in the most of my art work propositions are articulated around de Borderlines, individuals and collectives! By channeling my creative attempts across the map-tracing and cartographies, my aim is to unravel the question of border, frontiers, dislocations, spoliations and reconstructions, weather individual or collective! My deep inner being is constantly searching and craving fora territory to live, the place that I refuse to call Diaspora,hard to accept or to identity, place in-between, No-man’s Land. This territory of senses acts as a cartography membrane, dissociating the reality that runs through me from the one that penetrates me, so that a personal geography can replace a political geography, thus affirming a fragility that extends beyond as, beyond appearances.

“Peel Planisphere”, 2016, 250 cm x 200 cm, synthetic leather and fabric, starched thread, copyright Brankica Zilovic

Le Pangèe”, 2011, 200cm x 300cm,thread, fabric, cardboard, wood, copyright Brankica Zilovic

Is there an underlying theme around which all your works revolve?

My work is at the crossroads of individual considerations and historical and political concerns with the overall aesthetic resulting abundant form of playfulness. My personal cartography paradoxically, leading nowhere else than in the meanders of the human psyche, that reflects territories and spaces as temporal allusions. Indeed, repetition, accumulation and labor emphasize a daily demand, if not an obsession where time expands and displays an expiatory dimension, as if it were a question of warding off the demons and curses of the past by substituting memory for the mechanization of the gesture.

Yet forgetfulness, loss, or degeneration, which drives from my work, are nothing less than calls for new beginnings. Hence the need to grasp my compositions as the expression of a form of optimism, an optimism that would remain latent, perhaps paradoxical, an optimism that would welcome life and its possibilities rather than its regrets.

“Concrete Mapping”, copyright Brankica Zilovic

“Concrete Mapping”, copyright Brankica Zilovic

What, in your opinion, are the artistic, aesthetic and stylistic differences between small and large (textile) art works?

Large-scales wall installation, tree-dimensional, or small miniature scales compositions are all interesting to approach with its variety of proliferation and expression! There is myriad of visual possibilities and rich innovative and laborious way to approach both scales compositions… it’s no surprise that contemporary textile artists showcase the vast differences of “possible” when dealing with fabric, thread, and yarn.

“Memory’s Field Forever”, 2012, photographs, threads, bobines, 400cm x 400 cm x 200 cm, copyright Brankica Zilovic

“Memory’s Field Forever – detail”, 2012, photographs, threads, bobines, 400cm x 400 cm x 200 cm, copyright Brankica Zilovic

How has your work evolved in terms of style and expression? What are the differences between the first and most recent works?

It’s hard to explain the evolution, the transformation or serious “shifts” in my work, but it’s definitely recognizable. Numerous phases depicting a strong heterogeneous character of my work.
I’ve been observing my evolving journey like effortlessly exploring and experimenting through cycles as analogous to my personal social or emotional development and how essential is to remain deeply connected to your own language.

What are you working on right now? Do you want to tell us about your current projects?

I have just finished my new 6 meters long wall installation “Never Innocent”for the next group show “Weave your Memory”. This wall embroidery installation once again incite us to the deconstruction and demystification of the map as necessary to identify the power games and to make the physical and mental efforts to rethink and embrace the world again … In this world of quasi-synaptic connections held by the stitches, and straight out of the felted depths like a spinal ganglion, elastic and organic composition sends us to the perception itself which seems to pierce its template and question his texture, never innocent.
“Never innocent” summons the challenge of rewriting these paths and strata of memories that remain anchored in our memory. These paths, these knotted thoughts, intertwined, inscribed, fixed, bring out emotions and suggest the desire for a displacement. From here comes a world where borders are in motion and fade to give way to a new order. A reversal takes place in this map, which solicit the desire to touch and the world that is upset and exceeds us. Like an “autonomous organism”, this one is the metaphor of the man who continues to seek solutions of survival and struggle to inhabit and create his living environment.

“Never Innocent – detail”, installation, 6 m, ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic

Never Innocent – detail”, installation, 6 m, ph. Tomasz Namerla, copyright Brankica Zilovic

Galleria Immagini
  • Photo 1“Never Innocent – detail”, installation, 6 m, ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 2“Never Innocent – detail”, installation, 6 m,ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 3 “Never Innocent – detail”, installation, 6 m,ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 4 “Political Fold”, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 5 “Political Fold”,vieux Expo, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 6 “Political Fold – detail”, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 7 “Political Fold – detail”, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 8 “Concrete Mapping”, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 9 “Concrete Mapping – detail”, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 10 Vue d’exposition, 2013, Centre CulturelSerbe Paris, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 11 Copyright BrankicaZilovic
  • Photo 12 Copyright BrankicaZilovic
Interviste

Intervista con Brankica Zilovic

The published photos were made by Tomasz Namerla and Sandrine Elberg and all works are Laure Roynettegalery curtesy.
“Never Innocent”, copyright BrankicaZilovic

Brankica Zilovic è un’artista visuale francese e serba che vive a Parigi. Grazie ad una esperienza decennale nella docenza, ha indirizzato la sua formazione verso un  percorso creativo nell’arte tessile, nel fashion design e nell’arte contemporanea.

Le sue opere spaziano dal ricamo d’arte contemporanea, alle installazioni, ai multimedia, alla pittura e al disegno. Il suo lavoro è stato esposto in mostre nazionali e internazionali. Negli ultimi 17 anni ha sviluppato diversi progetti con gallerie d’arte e istituzioni in Francia, Germania, Italia, Cina, Senegal, USA e Serbia, musei d’arte, centri d’arte contemporanea francesi, centri culturali locali e regionali in Francia (seguiti da workshop e conferenze), riviste di moda, agenzie pubblicitarie ecc.

Attualmente è rappresentata dalla Gallery Laure Roynette di Parigi. Ha ottenuto un secondo premio per la pittura dal Painting Award Antoine Marin a Parigi e il 1st MAUTO Award per le sue installazioni.

Si è laureata all’École Nationale Superieur des Beaux Arts di Parigi (DNSAP) e alla Facoltà di Belle Arti di Belgrado.

Attualmente è professore all’École Superieur des Beaux Arts of Angers (TALM), all’Università di New School PARSONSONS di Parigi e all’Istituto d’Arte Applicata LISAA di Parigi.

Questo il link al sito web:

www.brankica74.wixsite.com/brankicazilovic

Brankica, ti definiresti un’artista tessile?

Preferisco definirmi semplicemente come artista contemporanea con un forte interesse per un linguaggio tessile indipendente. Il Tessile con la sua versatilità, permette di spaziare e ricollegarsi ad ambiti come il disegno, la pittura, la scultura o l’installazione. Limitare l’arte tessile solo al suo aspetto tecnico, all’aspetto artigianale o tradizionalmente femminile, che per molto tempo gli è stato assegnato, sarebbe una considerazione “low-down”, che finirebbe per vanificare tutti i precedenti sforzi storici compiuti  da molti artisti che hanno aperto la strada a un cambiamento della sua percezione e comprensione.

Gli artisti tessili, i curatori, i critici d’arte e i giornalisti, hanno tutti la responsabilità e le potenzialità per accrescere l’interesse e favorire il riconoscimento del Tessile come mezzo autonomo nel campo dell’arte contemporanea.

“Cartographie des  Sens 9”, 29 cm x 42, thread, embroidery, colorspray on paper, copyright Brankica Zilovic

“Cartographie des Sens 8”, 29 cm x 42, thread, embroidery, colorspray on paper, copyright BrankicaZilovic

Che ruolo riveste nella tua arte l’uso di fili e tessuti?

A volte mi sembra di poter vedere e capire il mondo solo attraverso le mie mani…… in altri termini il mio approccio creativo e concettuale è sempre guidato e plasmato dall’esperienza della materialità del tessuto. Ogni filo è una risorsa che mi fornisce una vasta gamma di possibilità, direzioni di ricerca e coinvolgimenti critici. La definizione di arte tessile è in continua trasformazione ed è difficile da consolidare. Apprezzo molto questa caratteristica ambivalente del mezzo tessile che si muove senza sforzo tra arte e lettura artigianale, conoscenza teorica e pratica. Il filo attraversa molte metafore simboliche e comparative, trascendendo o confondendo molti contesti culturali, di genere o d’identità… ero solita dire ai miei studenti: “Il filo unisce le persone, connettendo e ricostruendo qualità e caratteristiche”.

“Embrace Again”, 2017, 300cm x 500cm, thread, textile, cardboard, copyright Brankica Zilovic

“Angelboy”, 2018, copyright Brankica Zilovic

Puoi parlarci della serie “New Scalps” e dei libri ricamati di “Totem Revenants”?

La serie “New Scalps” si riferisce a mio padre, scomparso nel 2013. “New Scalps” sono in realtà rappresentazioni di immagini di tumori cerebrali che rivelano la bellezza dei sistemi neuronali cerebrali e che richiamano la cosmologia del nostro corpo biologico. A volte, i più turbolenti e dolorosi momenti della nostra vita, devono essere tradotti in qualcosa di subliminale che si riveli un interrogativo universale.

I libri ricamati di “Totem Revenants” sono ancora una volta racconti legati al modello paterno, i recenti conflitti geopolitici autobiografici, l’ideologia, le disillusioni e la religione, tutto connesso a mio padre, ma anche elementi trasmessi come eredità a me, come un peso o un patrimonio prezioso. Certamente tutto ciò costituisce materiale importante e consistente per ispirare e moltiplicare le mie riflessioni creative ed artistiche.

“New Scalps – Composition”, 2016, copyright Brankica Zilovic.

Totem Revenants”, 2016, copyright Brankica Zilovic

“New Scalps – Composition”, 2016, copyright Brankica Zilovic

“Totem Revenants – detail”, 2016, copyright Brankica Zilovic

Quanto è importante la sperimentazione di tecniche e materiali nelle tue opere?

Spesso utilizzati come forma tattile di espressione, comunicazione e applicazione, i materiali tessili sono oggetti e strutture che cercano di essere compresi, con il proprio sistema di linguaggio, le loro potenzialità e i loro limiti, con molteplici significati e interpretazioni. Quindi la sperimentazione è il modo migliore per cogliere tutti questi aspetti. C’è qualcosa di molto eccitante nella pratica tessile, qualcosa di ordinario e straordinario, quasi geniale allo stesso tempo. Quando ho iniziato ad esplorare e sperimentare le ricche potenzialità dei tessuti e dei fili nelle mie prime ibridazioni di pittura e ricamo mi sono sentita al contempo speciale e ribelle. Se un giorno non avessi iniziato a sperimentare semplicemente con i ricami, che funzionano come forma concettuale di disegno, probabilmente non sarei mai stata così fortemente coinvolta dal medium tessile come lo sono oggi. Quindi il momento della sperimentazione e dell’innovazione sono indispensabili nella mia arte.

In un nuovo lavoro, parti dal materiale, attorno al quale sviluppi l’idea del soggetto, o inizi dal soggetto per poi scegliere tecniche e materiali?

Entrambi questi aspetti sono spesso trattati e discussi insieme… A volte il concetto puro potrebbe guidarmi verso le soluzioni tecniche tessili o combinare soluzioni tecniche, e viceversa l’approccio diretto al tessile solleva una strategia creativa e sovversiva di messa in discussione! Il mio processo creativo non è precostituito o determinato in modo rigido, ma certamente ho una chiara definizione della mia dialettica.

“Pagan Man”, 2015, 180cm,tecnique mixte, copyright Brankica Zilovic

Qual è il legame tra la tua arte e la Serbia?

Tutti i miei tentativi artistici e le mie idee sono in relazione con il mio background culturale e identitario. La questione centrale nella maggior parte delle mie proposte di opere d’arte è articolata intorno al concetto di confine, individuale e collettivo! Incanalando i miei tentativi creativi attraverso la tracciatura di mappe e cartografie tessili, cerco di dipanare la questione del confine, delle frontiere, delle dislocazioni, delle spaccature e delle ricostruzioni, che siano individuali o collettive! Il mio profondo essere interiore cerca e desidera un territorio in cui vivere, rifiuto la  Diaspora, difficile da accettare o da identificare,luogo di mezzo, terra di nessuno. Questo territorio dei sensi agisce come una membrana cartografica, dissociando la realtà che mi attraversa da quella che mi penetra, in modo che una geografia personale possa sostituire una geografia politica, confermando così una fragilità che si estende al di là delle apparenze.

“Peel Planisphere”, 2016, 250 cm x 200 cm, synthetic leather and fabric, starched thread, copyright Brankica Zilovic

Le Pangèe”, 2011, 200cm x 300cm,thread, fabric, cardboard, wood, copyright Brankica Zilovic

C’è un tema di fondo attorno al quale ruotano tutte le tue opere?

Il mio lavoro è punto di incontro tra considerazioni individuali e riflessioni storiche e politiche. Paradossalmente la mia cartografia personale, non conduce da nessuna parte se non nei meandri della psiche umana e rimanda a territori e spazi come allusioni temporali. La ripetizione, le sovrapposizioni e il lavoro manuale, infatti, sottolineano una esigenza quotidiana, se non un’ossessione dove il tempo si espande e mostra una dimensione espiatoria, come se si trattasse di tenere lontani i demoni e le maledizioni del passato sostituendo la memoria alla ripetitività del gesto.

Ma la perdita o lo smarrimento che scaturiscono dal mio lavoro non sono altro che richiami a nuovi inizi. Da qui la necessità di cogliere le mie composizioni come espressione di una forma di ottimismo, un ottimismo che mira ad accogliere la vita e le sue possibilità piuttosto che i suoi rimpianti.

“Concrete Mapping”, copyright Brankica Zilovic

“Concrete Mapping”, copyright Brankica Zilovic

Quali sono, secondo te, le differenze artistiche, estetiche e stilistiche tra opere d’arte (tessile) piccole e grandi?

Le installazioni murali di grandi dimensioni, le composizioni tridimensionali o i lavori su scala ridotta sono tutte opzioni interessanti da affrontare grazie alla vasta gamma di possibilità e modalità espressive! Ci sono enormi potenzialità progettuali e modalità innovative per affrontare entrambe le scale compositive… non sorprende che gli artisti tessili contemporanei mostrino, con i loro lavori profondamente diversi, tutte le possibilità che tessuti, stoffe e filati siano in grado di dare.

“Memory’s Field Forever”, 2012, photographs, threads, bobines, 400cm x 400 cm x 200 cm, copyright Brankica Zilovic

“Memory’s Field Forever – detail”, 2012, photographs, threads, bobines, 400cm x 400 cm x 200 cm, copyright Brankica Zilovic

Come è evoluto il tuo lavoro in termini di stile ed espressione? Quali sono le differenze tra il primo lavoro e il più recente?

È difficile spiegare l’evoluzione, la trasformazione o i cambiamenti più importanti che il mio lavoro ha avuto nel tempo, ma tutto ciò è sicuramente riconoscibile guardando le mie opere. Il mio lavoro ha attraversato numerose e diverse fasi e ciò risulta evidente dal carattere eterogeneo delle opere che ho realizzato.
Ho osservato il mio percorso evolutivo procedere pari passo al mio personale sviluppo sociale o emotivo e mi sono resa conto di quanto sia essenziale rimanere profondamente legati al proprio linguaggio.

A cosa stai lavorando in questo momento? Vuoi parlarci dei tuoi progetti attuali?

Ho appena terminato una nuova installazione a parete lunga 6 metri “NeverInnocent” per la prossima mostra collettiva “Weaveyour Memory”. Questa installazione di ricamo murale ci incita ancora una volta alla decostruzione e demistificazione della mappa come modalità necessaria per identificare i giochi di potere e per compiere gli sforzi fisici e mentali necessari per ripensare e abbracciare nuovamente il mondo… In questo mondo di connessioni quasi sinaptiche tenute dai punti di cucitura, e che escono direttamente dal fondo infeltrito come un ganglio spinale, la composizione elastica e organica ci invia alla percezione stessa che sembra perforare la sua sagoma e interrogare la sua consistenza, mai innocente.

“Never Innocent” evoca la sfida di riscrivere questi percorsi e strati di ricordi che rimangono ancorati nella nostra memoria. Questi percorsi, questi pensieri annodati, intrecciati, inscritti, fissi, fanno emergere emozioni e suggeriscono il desiderio di uno spostamento. Da qui nasce un mondo in cui i confini si muovono e si dissolvono per lasciare il posto a un nuovo ordine. Come un “organismo autonomo”, questa è la metafora dell’uomo che continua a cercare soluzioni di sopravvivenza e lotta per abitare e creare il suo ambiente di vita.

“Never Innocent – detail”, installation, 6 m, ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic

Never Innocent – detail”, installation, 6 m, ph. Tomasz Namerla, copyright Brankica Zilovic

Galleria Immagini
  • Photo 1“Never Innocent – detail”, installation, 6 m, ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 2“Never Innocent – detail”, installation, 6 m,ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 3 “Never Innocent – detail”, installation, 6 m,ph. Tomasz Namerla, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 4 “Political Fold”, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 5 “Political Fold”,vieux Expo, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 6 “Political Fold – detail”, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 7 “Political Fold – detail”, 2017, 230 cm x 600 cm, thread, textile, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 8 “Concrete Mapping”, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 9 “Concrete Mapping – detail”, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 10 Vue d’exposition, 2013, Centre CulturelSerbe Paris, copyright BrankicaZilovic
  • Photo 11 Copyright BrankicaZilovic
  • Photo 12 Copyright BrankicaZilovic

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.