• Ven. Ago 12th, 2022

Intervista con Debbie Lawson

Questo articolo è disponibile anche in: English (Inglese)

*Foto in evidenza:Debbie Lawson, Shiraz Grape

Traduzione a cura di Marina Dlacic 

Orsi che spuntano dal tappeto del salotto, gabbiani che spiccano il volo da quello della camera da letto: l’universo artistico di Debbie Lawson è fantastico eppure famigliare. Le sue radici affondano nella letteratura e nelle molte culture che l’artista ha incontrato nei suoi studi e nei suoi viaggi non meno che nell’apparente banalità del quotidiano, popolato di oggetti comuni che con il suo intervento diventano altrettante porte su un mondo immaginario e avventuroso.

Debbie Lawson, Blue Bear (private collection, USA)

Debbie Lawson è nata in Scozia e si è laureata al Royal College of Art, Central Saint Martins e UEA. Vive e lavora a Londra e nel Kent rurale. Il suo lavoro è conservato in collezioni nazionali e internazionali tra cui The Saatchi Gallery, The House of Lords e University of the Arts London. Mostre recenti includono la 250a Summer Exhibition curata da Grayson Perry alla Royal Academy of Arts, Londra, The Ruskin Prize alla Millennium Gallery, Sheffield, Eccentric Spaces alla Riccardo Costantini Gallery, Torino, e Turner Contemporary Open, Margate.

Debbie Lawson in ther London studio with a polar bear

Rivelare il lato avventuroso degli oggetti di uso quotidiano o scoprire l’aspetto inquietante nascosto nelle cose che pensiamo di conoscere: come definiresti la tua arte?

 

Il primo è più preciso. Ho iniziato prendendo mobili ordinari e facendoli ballare, o crescere in modo enorme, o crollare e riformarsi quando lo spettatore è passato. Da bambina ero affascinata dai libri che davano vita agli oggetti – le foglie di un albero incantato, una pentola magica di porridge – e poi da film come Mary Poppins dove una camera da letto si “riordinava”. In seguito, sono stata attratta dal lato gotico della narrativa, dal picaresco e dai racconti popolari: Il ritratto di Dorian Gray, Candide, Le notti arabe e, più recentemente, Il miniaturista. A volte è la vita nascosta degli oggetti quotidiani, altre volte è il lato aspirazionale o ribelle.

Debbie Lawson, Tsunami

Orsi, pavoni, palme e coccodrilli: la natura che si insinua nel nostro soggiorno è solo una fonte di ispirazione o ha anche un significato concettuale per te?

Se studi attentamente i tappeti orientali, trovi tutti i tipi di animali: cervi, cinghiali, bufali, tigri, pavoni, ma non credo che l’artista debba attenersi a una serie di norme prescritte. Le creature che si insinuano nel mio lavoro sono nate come pensieri che ho avuto mentre visitavo il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, o il Bardo a Tunisi, il V&A e l’Horniman a Londra. Un accademico di un’università di Teheran una volta mi ha interrogato sugli orsi, assicurandomi che uno non era mai apparso su un tappeto persiano, ma non si trattava mai di questo! Dopotutto, quei motivi antichi sono filtrati attraverso secoli e diversi contesti culturali, e la mia esperienza del tappeto orientale è probabilmente colorata dalla sua storia in Gran Bretagna, vista nei dipinti di Vermeer e Holbein, riportati dal “misterioso oriente” da soldati in epoca vittoriana, reinterpretati da William Morris, souvenir della Via della Seta.

Debbie Lawson, Roaring Bear (work in progress)

I tappeti orientali sono il materiale preferito per molti dei tuoi lavori. Come è iniziata questa scelta?

In realtà è iniziata quando preparavo il mio MA alla RCA, cercando di creare un tableau tridimensionale, rivestendo un tavolo e due sedie in linoleum fantasia. Volevo che i mobili sembrassero gocciolati dallo stesso barattolo di vernice, ma utilizzando materiali reali, non effetti di pittura trompe l’oeil. Avevo anche provato un tappeto in tinta unita, ma aveva solo un aspetto da boudoir degli anni ’70, un po’ alla Hugh Hefner. Ho provato un tappeto sintetico in stile orientale su alcune opere più piccole e poi ho trovato alcuni tappeti persiani danneggiati che ho usato per realizzare il mio primo pezzo di animali: un alce realizzato con vecchi tappeti Shiraz sfatti.

Debbie Lawson with Red Bear at the Royal Academy Summer Exhibition 2018

Attraverso i tuoi lavori i tappeti assumono una dimensione tridimensionale a volte anche importante. Qual è il tuo rapporto e quello dei tuoi lavori con lo spazio?

Penso che il mio lavoro sia piuttosto minimalista: il motivo dei tappeti è accidentale, in realtà – esalta la forma del pezzo ma è ancora un materiale trovato. Mi piace “appiattire” l’immagine mentre la guardi dalla parte anteriore, in modo che quando lo spettatore si muove intorno ad essa, c’è un senso di animazione. Questo è più facile quando il lavoro è a parete. Ho appena terminato una serie di lavori completamente a terra e tridimensionali, e ho capito quanto preferivo che il mio lavoro occupasse il mio stesso spazio. È come se il mio mondo privato e fantasioso fosse stato portato allo scoperto.

Debbie Lawson, Persian Bear (private colleciton, UK)

Come si relaziona il pubblico con le tue opere? C’è più stupore, meraviglia, paura o riflessione tra le reazioni degli utenti che li incontrano?

Alcune persone sembrano stupite, mentre altre esprimono sentimenti più prudenti. È molto significativo per me quando qualcuno “intuisce” il lavoro; quelli sono coloro che non hanno bisogno di discuterne: la mia gente!

Come si fa a creare un’opera? Da dove inizi? Quanto tempo ci vuole in media per completarlo? 

Dipende dal lavoro. Posso iniziare a creare un lavoro, per me stessa, anni prima che diventi un pezzo finito. Tornerò alle cose che ho iniziato molto tempo fa, quando improvvisamente sembrano risolte nella mia mente e so dove portarle dopo. Le commissioni sono tutta un’altra cosa: comincio realizzando un piccolo modello di plastilina, poi lo trasformo in una scala più grande usando un processo molto lungo che coinvolge filo metallico, nastro adesivo, materiali da imballaggio e, poi, quando ho una buona forma, copro il tutto con Jesmonite – e infine con un tappeto. Possono volerci alcuni mesi per finire un pezzo grande. Viene speso molto tempo per trovare i tappeti giusti; Di solito ho bisogno di tre tappeti identici per una grande scultura.

Debbie Lawson_Persian Moose (private collection, UK)

Quanto è importante la sperimentazione nella tua pratica artistica?

Il processo è molto importante per me. Mi piace sporcarmi le mani ed essere immersa nella sensazione e nell’odore dei materiali. Sperimentare con i materiali mi viene più naturale che leggere le istruzioni su come maneggiarli correttamente! Anche l’utilizzo di materiali trovati in un contesto diverso può essere abbastanza liberatorio. È incredibile cosa puoi spingere a fare ai materiali quando inizi a usarli nel modo “sbagliato”.

Che rapporto hai con le tue opere?

Può essere difficile separarsi da alcuni dei miei lavori, specialmente quando ci ho vissuto per un po’. Inoltre, alla fine di tutto ciò che faccio, anche se ne sono felice, può esserci una sfumatura di rimpianto che è ciò che mi porta a realizzare il pezzo successivo. Cerco sempre la perfetta incarnazione di un’idea, e questa è una cosa piuttosto rara, ed è il motivo per cui continuerò sempre a fare opere.