Art Insider

ISOLINA ARBULU – GALERIA ISOLINA ARBULU – MARBELLA

*Featured photo: Exibition view, Aixa Portero, Courtesy Isolina Arbulu

AQUÍ la entrevista en español

Isolina Arbulu is the founder of a new space for contemporary art, a gallery housed in an architects’ studio in Marbella’s cosmopolitan context. Three rooms hosting exhibitions and cross-disciplinary projects by both established and emerging international and national artists, towards whom the gallery is committed to providing support and guidance.

Below is Isolina’s account of this project and its evolution.

Isolina Arbulu

You are a very young founder of a successful gallery: how did the idea for this adventure come about? To what extent was your young age an obstacle or an advantage?

 

I started this adventure following my passion for art, seeking to support artists in the always complicated art scene.

I don’t think age should be a factor in any case, but I do believe that keeping in touch with new trends and being open-minded to new ways of connecting with collectors and artists is always positive. I am at a point in my life where I have many years of experience, but I still have a long career ahead of me.

Aixa Portero, Courtesy Isolina Arbulu

What are the principles that guide the gallery’s exhibition planning?

The gallery has had a very organic and intuitive evolution, at the beginning I chose the artists from a collector’s perspective, looking for those I would like to have, but over time we give more importance to the content, the trajectory and projection of the artists. I tend to look for a connection to the artist’s feeling.

We look for a balance between young and established artists, risky proposals that awaken feelings and provoke a dialogue from different artistic techniques.

Aixa Portero, Courtesy Isolina Arbulu

The gallery’s programming features Andalusian, Spanish but also international, emerging and established artists: how do you select the artists? And between the artist and the gallery is an ongoing relationship established that follows the path and career of the artist?

As I mentioned, I need to find a connection with the artist, with their way of seeing the world, I need to understand what they are trying to transmit, perhaps not on a rational level.  At first it makes sense to show works by artists who are geographically close, as there is a stronger connection, but since I have lived in different parts of the world, I find it interesting to see how we are able to connect with artists from different backgrounds and nationalities, I feel that diversity enriches us, and we often find surprising meeting points.

I try to create a bond with my artists, to support their careers in any way I can. That’s why I find it essential to work with artists I connect with.

Courtesy Isolina Arbulu

Fiber Art and more generally related materials and techniques are often present among the exhibitions and artists of the gallery (I am thinking for example to Ana Sanchez, Aixa Portero, Nanon Morsink). In your opinion, what is the state of this language today – the response from the public, the diffusion among the artists, the proposal by the art insiders? And what do you think is the most interesting aspect of this expressive medium?

It seems to me that all art is in one way or another connected to the materials of the “earth”, sometimes this connection is more obvious, as in the case of Ana Sánchez with her use of paper, Nanon Morsink in her use of plastic and strings, or Aixa Portero in her use of feathers and other organic materials that come directly from the earth. But even in photography it seems to me that the artists we represent have a strong connection to the earth.

It is true that fibres have a very intense and pure way of connecting with the viewer, people feel invited to “touch” the pieces, a very strong connection is created with the viewer.

It is a type of art that provokes very interesting reactions.

ANA SANCHEZ-DeNube

How has the gallery’s work evolved over time, especially in the last two difficult years dominated by the pandemic?

How has the work of the gallery evolved over time, especially in the last two difficult years dominated by the pandemic?

For a little over a year now, I have been working with Antonia Cea, a childhood friend who is an art historian and curator. She has helped the gallery evolve in a more professional direction, we have started to participate in art fairs, and will soon attend our first international art fair, ZONA MACO in Mexico. Although Antonia lives in Chile, we have found a way to work remotely.

The pandemic has undoubtedly been a great challenge for all of us, but challenges force us to evolve and learn, looking for new ways. In our case, being a very young gallery, we have grown in a different way than we would have done in other circumstances.

I am proud that we have been able to maintain the gallery’s programme, as many sectors have done, we have dedicated a great deal of effort to consolidating our online presence. As a small town gallery, in many ways this has presented a great opportunity to open up to a more international market, which perhaps we would have waited longer to try to access.

Nanon Morsink, courtesy Isolina Arbulu

Who is the audience attending your gallery? And who is the typical buyer of contemporary art in your experience? And how are these evolving in time – for example what is the interest of the young people in contemporary art?

We have a very varied public, from young professionals who are starting out in collecting and are curious about new trends, to more established collectors who are clear about what they are looking for.

Our city, Marbella, is a place with a highly international upper-middle-income public, where there is a large number of art lovers with whom we are connecting better and better.

Art fairs have undoubtedly been a way to reach other types of collectors. I feel that among young collectors there is a great interest in discovering new talents and understanding more about the art process and the work of artists.

What advice would you give to talented young artists looking for a gallery to collaborate with?

It is important to find a gallery that connects with your work, don’t try to adapt to trends and always be true to what you believe in. There are many galleries with different approaches and you should try to work with the one that understands you and shares your vision. Be clear about where you want to go and see if the gallery will support you in this journey. It is important to establish a good relationship of trust and work and to understand that to earn the respect of a gallery, you must value the work that the gallery does for the artist.

Considering the gallery’s activity so far, how would you evaluate it?

When I started this project I didn’t have an ambitious plan, I had a feeling of what I wanted to do, as well as love and respect for art. After this time I have come to love the work I do, and now I have a clearer vision of the steps needed to achieve my goals. We are now in the process of internationalizing the gallery and our goal is to help our artists become part of the international art scene. But overall I am very satisfied with what we have achieved so far.

What are the projects for the future?

Our next challenge is the ZONAMACO art fair (Mexico DF), where we will present the work of the emerging artist Paula Valdeón, together with the renowned photographer Magdalena Correa. We hope to reach international collectors and open new channels for all our artists.

We will continue to combine emerging artists with more established ones in our gallery program, and look forward to continuing our artist talks and other face-to-face activities.

In the coming year we will have exhibitions of both new artists such as Paula Valdeón, Lola Guerrera, Javier Erre… as well as exhibitions of new work by gallery artists we have already exhibited, such as Javier de Juan or Aixa Portero.

We will continue to expand online sales and viewing rooms, as they are an interesting way for our artists to reach a wider audience.

Among our plans we also hope to consolidate our position in the international art fair scene. I want to be realistic, but also ambitious because my job is to support artists I strongly believe in and that is a pleasure, but also a responsibility.

Art Insider

ISOLINA ARBULU – GALERIA ISOLINA ARBULU – MARBELLA

*Foto in evidenza Featured photo: Exibition view, Aixa Portero, Courtesy Isolina Arbulu

AQUÍ la entrevista en español

Isolina Arbulu ha fondato uno spazio giovane per l’arte contemporanea, una galleria integrata nel contesto di uno studio di architettura e situata nell’ambiente cosmopolita della città di Marbella. Tre sale che ospitano   mostre e progetti multidisciplinari sia di artisti internazionali, affermati ed emergenti, che di artisti nazionali, verso i quali la Galleria si impegna in un’ulteriore attività di supporto e affiancamento. Ecco cosa ci ha raccontato di questo progetto e della sua evoluzione.

Isolina Arbulu

Giovanissima fondatrice di una galleria di successo: com’è nata l’idea di questa avventura? E quanto è stato un vantaggio e quanto un ostacolo la tua giovane età?

Ho iniziato questa avventura assecondando la mia passione per l’arte, cercando di supportare artisti nel complesso mondo dell’arte contemporanea.

Non credo si debba considerare l’età ma, ma penso che tenersi in contatto con le nuove tendenze ed essere aperti a nuovi modi di connettersi con collezionisti e artisti sia sempre positivo. Sono a un punto della mia vita in cui ho molti anni di esperienza, ma ho ancora una lunga carriera davanti a me.

Aixa Portero, Courtesy Isolina Arbulu

Quali sono i principi che guidano la programmazione espositiva della galleria?

La galleria ha avuto un’evoluzione molto organica e intuitiva, all’inizio sceglievo gli artisti dal punto di vista di un collezionista, scegliendo quelli che avrei voluto avere, col tempo ho iniziato a dare più importanza al contenuto, alla traiettoria e alle prospettive degli artisti. Tendo a cercare una connessione con il sentire dell’artista. Cerco un equilibrio tra artisti giovani e affermati, proposte rischiose che scuotono i sentimenti e provocano un dialogo da diverse tecniche artistiche.

Aixa Portero, Courtesy Isolina Arbulu

La programmazione della galleria presenta artisti andalusi, spagnoli ma anche internazionali, emergenti e affermati: come selezioni gli artisti? Tra artista e galleria si stabilisce una relazione continuativa che segue il percorso e la carriera dell’artista?

Come ho detto, ho bisogno di trovare una connessione con l’artista, con il suo modo di vedere il mondo, ho bisogno di capire cosa stanno cercando di trasmettere, forse non a livello razionale.  All’inizio ha senso mostrare opere di artisti che sono geograficamente vicini, perché c’è una connessione più forte, ma dato che ho vissuto in diverse parti del mondo, trovo interessante vedere come siamo in grado di connetterci con artisti di diversa provenienza e nazionalità, sento che la diversità ci arricchisce, e spesso troviamo punti d’incontro sorprendenti.

Cerco di creare un legame con i miei artisti, di sostenere le loro carriere in ogni modo possibile. Ecco perché trovo essenziale lavorare con artisti con cui sono in sintonia.

ANA SANCHEZ, LABERINTO ROSA, Courtesy Isolina Arbulu

La Fiber Art e più in generale materiali e tecniche ad essa riconducibili sono spesso presenti tra le mostre e gli artisti della galleria (penso ad esempio ad Ana Sanchez, Aixa Portero, Nanon Morsink). Qual è secondo te in questo momento lo stato dell’arte di questo linguaggio – il riscontro del pubblico, la diffusione tra gli artisti, la proposta da parte degli operatori del settore? E qual è l’aspetto secondo te più interessante di questo medium espressivo?

Mi sembra che tutta l’arte sia in un modo o nell’altro collegata ai materiali della “terra”, a volte questa connessione è più evidente, come nel caso di Ana Sánchez con il suo uso della carta, Nanon Morsink nel suo uso della plastica e delle corde, o Aixa Portero nel suo uso di piume e altri materiali organici che vengono direttamente dalla terra. Anche nella fotografia, però, mi sembra che gli artisti che rappresentiamo abbiano un forte legame con la terra.

È vero che le fibre hanno un modo molto intenso e puro di connettersi con il fruitore, la gente si sente invitata a “toccare” i pezzi, si crea una connessione molto forte con lo spettatore. È un tipo di arte che provoca reazioni molto interessanti.

ANA SANCHEZ, De Nube, courtesy Isolina Arbulu

Come si è evoluto nel tempo il lavoro della galleria, soprattutto negli ultimi due difficili anni dominati dalla pandemia?

Da poco più di un anno lavoro con Antonia Cea, un’amica d’infanzia che è una storica dell’arte e curatrice. Lei ha aiutato la galleria ad evolversi in una direzione più professionale, abbiamo iniziato a partecipare a fiere d’arte, e presto saremo presenti alla nostra prima fiera d’arte internazionale, ZONA MACO in Messico. Anche se Antonia vive in Cile, abbiamo trovato un modo per lavorare a distanza.

La pandemia è stata senza dubbio una grande sfida per tutti noi, ma le sfide ci costringono a evolvere e imparare, cercando nuove strade. Nel nostro caso, essendo una galleria molto giovane, siamo cresciuti in modo diverso da come avremmo fatto in altre circostanze.

Sono orgoglioso che siamo stati in grado di mantenere inalterata la programmazione della galleria, come molti altri settori, abbiamo dedicato un grande sforzo per consolidare la nostra presenza online. Essendo una galleria situata in una piccola città, questa è stata una grande opportunità per aprirci a un mercato internazionale al quale forse avremmo tentato di accedere solo più tardi.

ANA SANCHEZ, De Pale, courtesy Isolina Arbulu

Chi è il pubblico che frequenta la tua galleria? E chi è l’acquirente tipo di arte contemporanea nella tua esperienza? E come si è evoluto nel tempo – ad esempio qual è l’interesse dei giovani per l’arte contemporanea?

Abbiamo un pubblico molto vario, dai giovani professionisti che iniziano a collezionare e sono curiosi di conoscere le nuove tendenze, ai collezionisti più affermati che hanno ben chiaro cosa cercano.

La nostra città, Marbella, è un luogo con un pubblico internazionale di reddito medio-alto, dove c’è un gran numero di amanti dell’arte con i quali ci stiamo connettendo in modo crescente.

Le fiere d’arte sono state senza dubbio un modo per raggiungere altri tipi di collezionisti. Sento che tra i giovani collezionisti c’è un grande interesse a scoprire nuovi talenti e a capire meglio il processo artistico e il lavoro degli artisti.

Che consiglio daresti a giovani artisti talentuosi in cerca di una galleria con cui collaborare?

È importante trovare una galleria connessa con il proprio lavoro, non tentare di adattarsi alle tendenze del momento e restare sempre fedele ai propri ideali. Le gallerie hanno approcci diversi e dovresti cercare di lavorare con quella che ti capisce e condivide la tua visione. Sii chiaro su dove vuoi andare e tenta di capire se la galleria ti sosterrà in questo percorso. È importante stabilire una relazione di fiducia e lavoro e comprendere che, per guadagnarsi il rispetto di una galleria, bisogna valorizzare il lavoro che essa fa per l’artista.

Se dovessi fare un bilancio dell’attività della galleria fino a qui, come la valuteresti?

Quando ho iniziato questo progetto non avevo un piano ambizioso, avevo una sensazione di quello che volevo fare, così come l’amore e il rispetto per l’arte. In seguito, ho imparato ad amare il lavoro che faccio, e ora ho una visione più chiara dei passi necessari per raggiungere i miei obiettivi. Attualmente siamo nel processo di internazionalizzazione della galleria e il nostro obiettivo è quello di aiutare i nostri artisti a diventare parte della scena artistica internazionale. Nel complesso sono molto soddisfatta dei risultati raggiunti finora.

Quali sono i progetti per il futuro?

La nostra prossima sfida è la fiera d’arte ZONAMACO (Mexico DF), dove presenteremo il lavoro dell’artista emergente Paula Valdeón, insieme a quello della rinomata fotografa Magdalena Correa. Speriamo di raggiungere i collezionisti internazionali e aprire nuovi canali per tutti i nostri artisti.

Continueremo ad affiancare gli artisti emergenti a quelli più affermati nel nostro programma di galleria, e ci auguriamo di continuare i nostri incontri con gli artisti e altre attività dal vivo.

Nel prossimo anno terremo mostre di nuovi artisti come Paula Valdeón, Lola Guerrera, Javier Erre; così come mostre di opere inedite di artisti della galleria che già abbiamo esposto, come Javier de Juan o Aixa Portero.

Continueremo ad espandere le vendite e le mostre online, poiché sono un modo interessante per i nostri artisti di raggiungere un pubblico più ampio.

Tra i nostri piani speriamo anche di consolidare la nostra posizione nella scena internazionale attraverso le fiere d’arte. Voglio essere realista, ma anche ambiziosa perché il mio lavoro è quello di sostenere artisti in cui credo fortemente e questo è un piacere, ma anche una responsabilità.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.