Tessuti d’Arte

Itta de Claricini

Translation by Marina Dlacic

All the images belong to the photographic archive of Carmen Romeo.

Picture 1: Ritratto di Itta de Claricini

Picture 1: Ritratto di Itta de Claricini

Countess Giuditta de Claricini Dornpacher (1891-1968) [1] called herself Itta and, as she was not married, countessina. The de Claricini lived in the family villas between Padua, Rome and Cividale del Friuli (in the province of Udine), where they stayed in winter.

In the summer they moved not far from Cividale, to Bottenicco, a rural village in the municipality of Moimacco, to enjoy the seventeenth-century villa and garden. Itta preferred literary subjects and the history of art, knew Latin, spoke German, French and English; she loved and studied Dante, practiced drawing and painting. Her real passion, however, was to study and collect ancient textiles.

Collection[2] includes products ranging from the 15th to the 19th century: linen canvases with embroidered or woven motifs, lace and clothing accessories. The beauty and rich variety of the decorative and technical typologies represented, the exceptional nature of some specimens (artefacts still intact and among the oldest known in the Friuli Venezia-Giulia region) make the collection extremely relevant from a historical and cultural point of view. In the library of the Villa of Bottenicco there are three Itta publications, it deals with in-depth research on textile art, published between 1934 and 1948

These documents highlight a great knowledge of textile languages ​​and an awareness of how important this art was in all cultures. The countessina first understood the importance and studied The Longobard Tablecloth of the Sancta Sanctorum (editions of Art Emilio Bestetti, Milan, 1941): an ancient linen altar tablecloth (362 x 115 cm) embroidered white on white, found in Rome, under the altar of the Chapel of the Sancta Sanctorum (The Saint of Saints) in Lateran, dated IX century and made in Italy.

The results of the research generated a lot of interest and a dense debate! With the same publisher, the scholar, in 1948, published her most famous book: The Superfrontale said of Blessed Maria Benvenuta Bojani kept in the Museum of Cividale. The countess illustrates every little detail of this ancient heirloom (Velo, Mantile, 433 x 148 cm), with a scholarly and profound style. Her commitment has helped to safeguard and make known to the wider public the most refined expressions of civilization in an era in which perfect pieces could still be found and there were many noble Italian ladies who dedicated themselves to collecting, studying textile and the promotion of related trades.

The textiles of the de Claricini collection come mostly from Umbria or central Italy and excluding the belief-cover strips[3] and some towels, they are characterized as fabrics formerly used in the Christian liturgy.

Since ancient times, silk, “the divine thread”, and linen, “the sacred thread” have played a primary liturgical role. Christian materials and symbols evoked the divine present in matter, while the rigor and patience that the extremely slow execution techniques required, expressed a deep and total devotion. The intersection of the warp and weft threads, the succession of innumerable small points, the poetry and often the mystery surrounding techniques and productions, can still today recall the idea of ​​infinity and be read as a metaphor for life. The sacred vestments of the de Claricini collection impress with the ancient atmospheres evoked by designs, materials, and colors full of symbolic meanings.

[1] On the subject, Carmen ROMEO and Laura TILATTI; Itta de Claricini, Ancient Works and Fabrics, Juliagraf of Premariacco, Udine 2007.
[2] The collection, made up of donated or purchased materials, was established mainly in the period prior to the Second World War; on the topic: Mariella Moreno, “Perugian” fabrics and embroidery from the de Claricini collection, Notebook no. 1 of the Cataloging Center of Cultural Heritage of Friuli-Venezia Giulia, Passariano (Udine), 1976, pp. 46-58
[3]  The sideboard covers briefly described here are typical examples of those beautiful strips of linen and silk which in the Lords’ dining rooms adorned the cupboard floor on which the finest pottery was displayed

Pictures 2 and 3: Among the oldest pieces in the collection, there are four altar tablecloths, dated 15th century, which have come down to us extraordinarily intact [4]. One of the four is embroidered, while the other three are woven and ascribable to the genre commonly known by the names “Perugian, Umbrian, Umbrian canvases, Perugia fabrics”.

[4]For centuries, merchants have wreaked havoc on precious artifacts, reducing them into fragments to be used in the second-hand and antiques markets

Picture 4: Embroidered altar cloth, 206 x 75 cm, sec. XV; the detail of the embroidery represents a bird (peacock) in front of the flower garden = Paradise. The value of this artifact consists of the two friezes that border the minor sides, in which Christian religious devotion is narrated with the universal language of images, lined up, one next to the other like the words of a prayer.

Details of Woven altar tablecloth, 254 x 79 cm, sec. XV, where the figures are represented in very expressive and elegant attitudes and every detail highlights a weaving of the highest professional level:

FIG. 5: we see two dogs (the dog, mythical function, guides man on the night of death after being his companion on the day of life; dogs / holy doctors who are custodians of the flock / faithful) with collar and long curled tail alternating with a tree (Tree of Life) and a fountain (water source that flows at the base of the Tree of Life, in the center of Paradise, gives immortality, youth, teaching). Between their hind legs there is a bird and two other, smaller ones.

FIG. 6: dogs chasing hares symbolize man’s love for women,for  this reason it suggests that the artifact may have been a wedding gift.

The lucid awareness of the meaning and value of these precious materials, jealously preserved by the Countess Itta de Claricni, ensured that they were handed down and became a precious common good. Undoubtedly textiles, the result of the work of skilled and unknown masters, have played a very important economic and socio-cultural role in the past. Furthermore, from a strictly technical point of view, the textile fascinates for the many possibilities it offers, just think of the countless stitches of the embroidery or the intertwining between warp and weft created for centuries with the loom. Materials, colors and techniques determine an infinite range of different surfaces and describe shapes which, due to the characteristics of the techniques used, take on a fantastic appearance and are often rendered with a geometric style.

The fundamental importance of protecting heritage remains to be underlined. Textiles are fragile and difficult to preserve, given their particular nature they are subject to degradation and are therefore condemned, as unfortunately has already happened in many cases, to go missing, I hope that the work done can encourage research in this specific sector and can make everyone more aware of the importance of the textile heritage.

 I am grateful to Laura Tilatti Snidaro, attentive and scrupulous curator of the precious material, for the competence, availability, information and advice she gave me, and also to Mariolino Snidero and the lawyer Antonio Picotti, who have unfortunately now disappeared, for supporting this research project.

Carmen Romeo  – Tavagnacco (UD) April 29, 2020

Tessuti d'Arte

Itta de Claricini

Tutte le immagini appartengono all’archivio fotografico di Carmen Romeo.

Ritratto di Itta de Claricini, Copyright Carmen Romeo

Fig. 1: Ritratto di Itta de Claricini

Studiosa e collezionista di tessili antichi, la contessa Giuditta de Claricini Dornpacher (1891-1968)[1] si faceva chiamare Itta e, poiché non era sposata, contessina. I de Claricini vivevano nelle ville di famiglia tra Padova, Roma e Cividale del Friuli (in provincia di Udine)  dove soggiornavano d’inverno. D’estate si trasferivano poco lontano da Cividale, a Bottenicco, borgo rurale del Comune di Moimacco, per godersi la Villa Seicentesca e il giardino. Itta predilesse le materie letterarie e la storia dell’arte, conosceva il latino, parlava il tedesco, il francese e l’inglese; amò e studiò Dante, praticò disegno e pittura.  La sua vera passione però fu studiare e collezionare tessili antichi.  La raccolta [2] comprende produzioni che vanno dal XV al XIX secolo: tele di lino con motivi ricamati o tessuti, merletti e accessori d’abbigliamento. La bellezza e la ricca varietà delle tipologie decorative e tecniche rappresentate, l’eccezionalità di alcuni esemplari (manufatti ancora integri e fra i più antichi conosciuti nella Regione Friuli Venezia-Giulia) rendono la collezione estremamente rilevante dal punto di vista storico e culturale. Nella biblioteca della Villa di Bottenicco sono conservate tre pubblicazioni di Itta, si tratta di approfondite ricerche sull’arte tessile, edite tra il 1934 e il 1948. Questi documenti evidenziano una grande conoscenza dei linguaggi tessili e la consapevolezza di quanto quest’arte fosse importante presso tutte le culture. La contessina per prima capì l’importanza e studiò La Tovaglia Longobarda del Sancta Sanctorum (edizioni d’Arte Emilio Bestetti, Milano, 1941): un’antichissima tovaglia d’altare di lino (cm 362 x 115) ricamata bianco su bianco, rinvenuta a Roma, sotto l’altare della Cappella del Sancta Sanctorum (Il Santo dei Santi) in Laterano, datata IX secolo e realizzata in Italia.  I risultati della ricerca  generarono molto interesse ed un fitto dibattito! Presso lo stesso editore, la studiosa, nel 1948, pubblicò il suo libro più famoso:  Il Superfrontale detto della Beata Maria Benvenuta Bojani custodito nel Museo di Cividale.  Di quest’antico cimelio (Velo, Mantile, cm 433 x148) la contessina illustra ogni minimo dettaglio, con uno stile dotto e profondo. Il suo impegno ha contribuito a salvaguardare e far conoscere al pubblico più vasto delle raffinatissime espressioni di civiltà in un’epoca in cui si potevano ancora reperire pezzi perfetti ed erano molte le nobili Signore italiane che si dedicavano al collezionismo, allo studio delle arti tessili e alla promozione dei relativi mestieri.
 I tessili della raccolta de Claricini provengono per la maggior parte dall’Umbria o dal centro Italia ed escluse le strisce copri-credenza [3] ed alcuni asciugamani, si caratterizzano come tessuti anticamente usati nell’ambito della liturgia cristiana.
Fin dalle epoche più remote, le stoffe di seta, “il filo divino”, e di lino, “il filo sacro”, hanno rivestito un ruolo liturgico primario. Materiali e simboli cristiani evocavano il divino presente nella materia, mentre il rigore e la pazienza che le lentissime tecniche esecutive richiedevano, esprimevano una profonda e totale devozione. L’intersecarsi dei fili d’ordito e di trama, il susseguirsi degli innumerevoli piccoli punti, la poesia e spesso il mistero che circondano tecniche e produzioni, possono ancor oggi richiamare l’idea dell’infinito ed essere letti come una metafora della vita. I paramenti sacri della collezione de Claricini colpiscono per le atmosfere antiche evocate da disegni, materiali, e colori carichi di significati simbolici.

[1] Sull’argomento, Carmen ROMEO e Laura TILATTI; Itta de Claricini, Opere e Tessuti Antichi, Juliagraf di Premariacco, Udine 2007.
[2]  La raccolta, composta da materiali donati oppure acquistati, si è costituita prevalentemente nel periodo precedente alla Seconda Guerra Mondiale; sull’argomento: Mariella Moreno,  Tessuti “perugini” e ricami della collezione de Claricini, Quaderno  n. 1 del Centro di Catalogazione dei Beni Culturali del Friuli-Venezia Giulia, Passariano (Udine), 1976, pp. 46-58.
[3] I copri-credenza qui brevemente descritti sono  tipici esempi di quelle belle strisce di lino e seta che nelle sale da pranzo dei Signori ornavano il piano dell’armadio sul quale erano esposti i vasellami più pregiati.

Figure 2 e 2: Fra i pezzi più antichi della collezione si evidenziano quattro tovaglie d’altare, datate XV secolo, giunte fino a noi straordinariamente integre[4]. Una delle quattro è ricamata, mentre le altre tre sono tessute e ascrivibili al genere comunemente noto con i nomi “tessuti perugini, umbri, tele umbre, tessuti di Perugia”.

[4] I commercianti per secoli hanno fatto scempio di manufatti preziosi, riducendoli in frammenti da destinare al mercato dell’usato e a quello dell’antiquariato.

Figura 4: Tovaglia d’altare ricamata, cm 206 x 75, sec. XV; il dettaglio del ricamo rappresenta un uccello (pavone) di fronte al giardino fiorito=Paradiso. Il pregio di questo manufatto consiste nei due fregi che bordano i lati minori, nei quali la devozione religiosa cristiana è raccontata con il linguaggio universale delle immagini, in fila, una vicina all’altra come le parole di una preghiera.

Dettagli di Tovaglia d’altare tessuta, cm 254 x 79, sec. XV, dove le figure sono rappresentate in atteggiamenti molto espressivi ed eleganti e ogni particolare evidenzia una tessitura di altissimo livello professionale:

FIG. 5: Vediamo  due cani (il cane, funzione mitica, guida nell’uomo nella notte della morte dopo essere stato il suo compagno nel giorno della vita; cani/santi dottori custodi del gregge/fedeli) con collare e lunga coda arricciata alternati ad un albero (Albero della Vita) e a una fontana (sorgente d’acqua che sgorga alla base dell’Albero della Vita, al centro del Paradiso, dona immortalità, giovinezza, insegnamento). Fra le loro zampe posteriori è tessuto un uccellino ed altri due, più piccoli. 

FIG. 6: I cani che rincorrono le lepri simboleggiano l’amore dell’uomo per la donna, questo motivo induce a pensare che il manufatto potesse essere stato un dono nuziale.

La lucida consapevolezza del significato e del valore di questi preziosi materiali, gelosamente conservati dalla contessa Itta de Claricni, ha garantito che fossero tramandati e diventassero un prezioso bene comune. Indubbiamente i tessili, frutto del lavoro di abilissimi quanto sconosciuti maestri, hanno rivestito nel passato, un ruolo economico e socioculturale molto importante. Inoltre, dal un punto di vista strettamente tecnico, il tessile affascina per le molteplici possibilità che offre, basti pensare agli innumerevoli punti del ricamo oppure agli intrecci tra ordito e trama creati da secoli con il telaio. Materiali, colori e tecniche determinano un’infinita gamma di superfici diverse e descrivono forme che per le caratteristiche proprie delle tecniche impiegate, assumono un’apparenza fantastica e sono rese spesso con uno stile geometrico.

Rimane qui da sottolineare l’importanza fondamentale della tutela del patrimonio. I tessili sono fragili e difficili da conservare, data la loro particolare natura sono soggetti al degrado e quindi sono condannati, come purtroppo già si è verificato in molti casi, ad andare dispersi, mi auguro che il lavoro svolto possa incoraggiare la ricerca in questo specifico settore e possa rendere tutti più consapevoli dell’importanza del patrimonio tessile.

 Sono grata a Laura Tilatti Snidaro, attenta e scrupolosa curatrice del prezioso materiale, per la competenza, la disponibilità, le informazioni ed i consigli che mi ha dato, ed inoltre a Mariolino Snidero e all’avvocato Antonio Picotti, che ora purtroppo sono scomparsi, per aver sostenuto questo progetto di ricerca.

Carmen Romeo  – Tavagnacco (UD) 29 aprile 2020

Carmen Romeo

English version Esperta di tessitura, arazzo, tappeto, saggista, docente e ricercatrice  – Tavagnacco (Udine). Dal 1976 mi occupo di ricerca nell’ambito del tessile tradizionale e di didattica. Ho pubblicato saggi, partecipato e coordinato progetti, mostre d’arte ed eventi a livello nazionale ed internazionale. Dal 1974 al 2011 ho insegnato nella Scuola Primaria e Secondaria Statale Italiana (Medie e Superiori). Ora sono Vicepresidente dell’Università delle Libertà del F. V. G. di UDINE dove insegno nei corsi TIESSI. Tradizione e Creatività-Laboratorio di Tessitura, promuovo e curo progetti sul tessile. Inoltre, presso il Laboratorio dell’Associazione Il Cavalîr – Ecomuseo della Gente di collina di Fagagna (Udine) sono docente di  Arte della Tessitura per la riscoperta dell’arte tessile tradizionale e curatore di Progetti culturali legati alla cultura tessile.