JESS JONES

English (Inglese)

Weeping Quilts
Qualche anno fa, al funerale di mia nonna, ho ricevuto da un familiare un sacchetto di yo-yo in tessuto, un regalo che ho trovato tenero e curioso. Ho iniziato a collezionare yo-yo, ricevendoli in regalo, acquistandoli nei negozi dell’usato e facendone molti altri. All’epoca non avevo idea del perché l’avessi fatto, tranne che trovo il lavoro catartico. Lo uso spesso per elaborare il dolore e sono certo che lo facciano anche gli altri. Per me, questo lavoro è allo stesso tempo pieno di dolore e gioia, oscurità e luce. 

TopoQuilts

I quilt spesso rivelano le circostanze in cui si trovano i loro creatori. Se da un lato le trapunte possono mostrare l’accesso alla tecnologia, ai materiali e al tempo libero, dall’altro possono rivelare un’estrema intraprendenza e necessità.

Queste trapunte originali, cucite a mano da creatori anonimi e scartate nei negozi dell’usato, mi ispirano a considerare coloro con cui condivido il paesaggio cittadino. Ho sovrapposto questi pezzi originali con dati geografici, creando un disegno cucito in digitale della topografia di un luogo specifico. Mi rivolgo direttamente alle mie colleghe quilter sia quiltando la mia interazione (piuttosto che usando altri mezzi), sia collegando elementi formali del loro lavoro con i luoghi geografici che sto sovrapponendo. Spero che queste combinazioni giocose siano un po’ più accessibili alle quilter, sottolineando i nostri luoghi ed esperienze potenzialmente condivisi.

I tessuti hanno una topografia e si prestano naturalmente a lavori che riguardano il paesaggio. Il paesaggio socioeconomico di Atlanta sta cambiando radicalmente e alcune zone della città si spostano per includere alcune persone ed escluderne altre. Conservando queste trapunte originali, le conservo e il mio lavoro è un modo per sentirmi in contatto con una città che ci separa più che collegarci.

Wind Quilt

Questo lavoro contiene mappe dei venti che si sono verificati nell’area circostante Atlanta: le bande della corrente a getto, la previsione della direzione del vento e una cattura dello schermo di un momento delle raffiche stesse. Le visualizzazioni dei dati online colmano le lacune delle numerose registrazioni della velocità del vento e dei radar dei cambiamenti atmosferici. La costruzione di quest’opera prende in prestito elementi sia dal disegno che dal quilting, utilizzando elementi lineari tracciati da una proiezione e materiali familiari stratificati e cuciti. Il giorno e l’ora raffigurati sono scelti a caso e non hanno un significato particolare e questo evento meteorologico, che mi ha circondato geograficamente, è stato appena percepito.

Mi interessa la mappatura statica di processi dinamici e l’inutilità di catturare qualcosa che è in costante cambiamento. Allo stesso modo, i ricordi che seleziono dal flusso continuo dell’esperienza sono momenti incompleti che rappresentano un insieme non catturabile. I frammenti di nastro celebrano un non-evento intrinsecamente irrilevante.

Graffiti Quilt

Formo una mappa mentale di nuovi luoghi ricordando i segni, le texture e i modelli ricorrenti: le linee dipinte con lo spray che descrivono le tubature sotterranee, gli stencil ripetitivi su un muro. Questi segni mi fanno da guida quando l’ambiente non mi è familiare. Ricordo queste interessanti note visive, ma poi le ricordo male, le confondo con dei duplicati e scopro che sono scomparse. Così, la stessa cosa che uso per orientarmi in un posto nuovo mi disorienta e trovo incertezza nelle navigazioni più semplici.

Utilizzando fotografie stampate in digitale di questi segni, creo momenti di trompe l’oeil e, attraverso strati di collage, stampa e pittura su tessuto, stratifico le texture creando un’incertezza visiva. Questo immaginario contiene informazioni che vengono recuperate e create allo stesso tempo, utilizzando sia la texture visiva che quella fisica, come la piacevole confusione tra un’immagine di cemento e la struttura del pizzo. Pur essendo fondata sulla realtà, è anche irreale; la mia documentazione non è né verità né finzione perché ogni segno che documento scompare come una briciola di pane, dopo aver segnato il mio percorso prima di essere inghiottito dall’ambiente.