Spotlight on

JULIA BLAND

*Featured photo: “Sway,Split,Sliver”, 2018, copyright Julia Bland

Translation by Marina Dlacic 

Julia Bland, artist originally from Palo Alto, California, born in 1986, was trained at the Rhode Island School of Design and received her MFA in 2012 from Yale University.

A painter by training, Bland’s practice embraces the tradition of textile art by experimenting with materials such as wool, denim, linen and canvas to create works that feature contamination of painting and weaving.

“Rain, Burnt”, canvas, hand woven textile, linen and wool threads, ink, and oil paint, 64” x 61 ½”, copyright Julia Bland

Bland’s works are placed at the crossroads between two different traditions: Western culture, within which she grew up and was formed, and Moroccan culture, the result of the experience of life in Morocco where the artist learned the techniques of Middle Eastern weaving and Sufi discipline. Her works explore the fine line between abstraction and representation, geometry and symbolism, ornament and structure, creating layered and enigmatic compositions, the confluence of these two different influences.

“Brave Sister”, 2019, Burnt canvas, hand woven textile, linen and wool threads, ink, oil paint, 60 ½” x 61 ½”, copyright Julia Bland

Through weaving, cutting, sewing, dyeing and painting, Bland deconstructs and assembles the different materials to create new and layered images, maps that arise from a process of complex transformation and this is how a variety of textures, colors and geometric shapes converge in monumental textile collages in which elements of western fiber art and oil painting interact with traditional Islamic fabrics.

Canyon”, 2020, hand woven linen textile, hand dyed linen, denim, canvas, silk, hand dyed Hudson bay coat and lining, linen and wool threads, ink, oil, paint, 119 x 83 inches, copyright Julia Bland

There are numerous awards to Bland’s work, prizes and scholarships including the Milton and Sally Avery Fellowship, the Carol Scholsberg Memorial Prize, the Jacques and Natasha Gelman Trust Travel Fellowship and the Florence Leif Award. He has exhibited with On Stellar Rays, The NYU Institute of Fine Arts, Miller, and Asya Geisberg Gallery in NYC, Vox Populi in Philadelphia, CES Gallery in Los Angeles, Porsesh Institute (Anahita Gallery) in Tehran, and Motus Fort in Tokyo.

Blanket for the Heart’s Flight”, 2021, hand woven linen and wool textile, hand felted wool, and embroidered linen and wool threads, 59 x 39 inches, copyright Julia Bland

Sources
http://juliabland.net/
https://www.derekeller.com/

The photos were taken from the artist’s website and are protected by copyright

Riflettori su

JULIA BLAND

*Foto in evidenza: “Sway,Split,Sliver”, 2018, copyright Julia Bland

Julia Bland artista originaria di Palo Alto, California, classe 1986, si è formata presso la Rhode Island School of Design e ha ricevuto l’MFA nel 2012 alla Yale University.

Pittrice di formazione, la pratica della Bland abbraccia la tradizione dell’arte tessile sperimentando con materiali come la lana, il denim, il lino e la tela per creare opere che presentano contaminazioni di pittura e tessitura.

“Rain, Burnt”, tela, tessuto intrecciato a mano, fili di lino e lana, inchiostro e pittura ad olio, 64″ x 61 ½”, copyright Julia Bland

I lavori della Bland si pongono al crocevia tra due diverse tradizioni: la cultura occidentale, all’interno della quale è cresciuta e si è formata e la cultura marocchina, frutto dell’esperienza di vita in Marocco dove l’artista ha appreso le tecniche di tessitura mediorientali e la disciplina sufista. Le sue opere esplorano la linea sottile tra astrazione e rappresentazione, geometria e simbolismo, ornamento e struttura, creando composizioni stratificate ed enigmatiche, confluenza di queste due differenti influenze.

“Brave Sister”, 2019, Tela bruciata, tessuto intrecciato a mano, fili di lino e lana, inchiostro, pittura ad olio, 60 ½” x 61 ½”, copyright Julia Bland

Attraverso la tessitura, il taglio, la cucitura, la tintura e la pittura, Bland destruttura e assembla i diversi materiali per creare immagini inedite e stratificate, mappe che nascono da un processo di complessa trasformazione ed è così che una varietà di texture, colori e forme geometriche confluiscono in monumentali collage tessili in cui elementi della fiber art occidentale e della pittura a olio dialogano con i tradizionali tessuti islamici.

Canyon”, 2020, tessuto di lino tessuto a mano, lino tinto a mano, denim, tela, seta, cappotto e fodera della baia di Hudson tinti a mano, fili di lino e lana, inchiostro, olio, vernice, 119 x 83 pollici, copyright Julia Bland

Numerosi sono i riconoscimenti al lavoro della Bland, premi e borse di studio tra cui il Milton and Sally Avery Fellowship, il Carol Scholsberg Memorial Prize, il Jacques and Natasha Gelman Trust Travel Fellowship e il Florence Leif Award.  Ha esposto con On Stellar Rays, The NYU Institute of Fine Arts, Miller, e Asya Geisberg Gallery a NYC, Vox Populi a Philadelphia, CES Gallery a Los Angeles, Porsesh Institute (Anahita Gallery) a Teheran, e Motus Fort a Tokyo.

Blanket for the Heart’s Flight”, 2021, lino tessuto a mano e tessuto di lana, lana infeltrita a mano e fili di lino e lana ricamati, 59 x 39 pollici, copyright Julia Bland

Fonti
http://juliabland.net/
https://www.derekeller.com/

Le foto sono state prese dal sito web dell’artista e sono coperte da copyright

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.