Focus On

“La ragione nelle mani” (Reason lies in the hands) Stefano Boccalini’s exhibition in Geneva

Translation by Marina Dlacic

by Lorella Giudici*

I leaf through the catalog of the exhibition that Stefano Boccalini (Milan 1963) has in progress at the Maison Tavel / Musée d’Art e d’Histoire in Geneva (exhibition that will remain open until June 27) and I see dozens of photographs that frame industrious hands, images of women weaving small pieces of boiled wool on old looms or embroidering a white linen cloth with intaglio stitch.There are glimpses of workshops where some men weave twigs of willow and wicker or dig with gouges and awls in the hard walnut wood. At the center of those shots is all the knowledge of an ancient craftsmanship that now risks getting lost, overwhelmed by a cold and flat technology, engulfed by a world that loves speed and that does not understand the poetry that exists in the long hours spent in an uninterrupted dialogue with a material, in the atavistic rituality of gestures capable of forging the art of tradition.Young hands work side by side with expert hands in a game of skill and wisdom. As in a new Bauhaus, Boccalini has given new life to a community where traditions do not want to be synonymous with nostalgia but, as the artist himself says, “a gateway to the future”.In fact, it is perhaps reductive to limit Stefano’s project to the beautiful Swiss exhibition (well deserved as the winner of the eighth edition of the Italian Council, a program to support Italian contemporary art in the world, promoted by the Ministry for Cultural Heritage and Activities and for Tourism and created in collaboration with Art for the World Europa), because the work on display is the result of a long journey made with a whole community, that of Monno, in Val Camonica.

La ragione nelle mani – Dadirri, Anshim, Friluftsliv, Stefano Boccalini, 2020, linen, stitch and intaglio (embroidery), 100 x 140 x 5 cm
© Christian Tasso

The work kicked off with a workshop that involved the children of the town, who were told the meaning of about one hundred words taken from many linguistic minorities in the world and that are untranslatable because there is no corresponding word in other languages, therefore they can only be explained: for example dadirri for the Australian aborigines means quiet contemplation and deep listening to nature.

Working together with the children, approximately twenty words were then selected that have to do with the relationship between man and nature or with the relationships that exist between human beings. Finally, the words were submitted to local artisans to understand which could be the most suitable to be transformed by their skilled hands into artistic artifacts.  At last nine were chosen, with languages ​​ranging from Finnish to Hawaiian, Arabic to Korean and have become the material on which the artisans have worked, each supported by two young apprentices selected with a competition notice promoted by the Mountain Community. In short, a real creative campus ready to make words with things in an era in which “words have become a real instrument of production and capture of economic value – explains Boccalini – and have always assumed a dimension more important within the social context “.

Stefano Boccalini, 2020, La ragione nelle mani – Orenda, boiled wool, Pezzotti (carpets), 60 x 235 cm. ©Christian Tasso

Stefano Boccalini, 2020, La ragione nelle mani –  Balikwas /Sisu, boiled wool, Pezzotti (carpets), 60 x 235 cm. ©Christian Tasso

Ultimately, the Geneva exhibition, curated by Adelina von Fürstenberg, is not only the cultural and manual expression of an eco-sustainable community, but is above all the result of Stefano Boccalini’s artistic journey who has always moved between conceptual art and public art and which  still has shown how rooted and fundamental the relationship between the artist and the society in which he lives can be.The objects born from this experience are therefore exhibited in the rooms of the Maison Tavel: a refined white embroidery with three words quilted and mounted like a painting; two words carved in walnut with geometric precision; five letters intertwined as if they were baskets or panniers to compose the word ohana, which in Hawaiian means family, but including everyone in the original nucleus, including friends and relatives; finally three pezzotti, or three typical carpets of the Valley, made with hand-loomed fabrics, on each of them  a black writing on a blue background is legible. Of the three it strikes me that orenda, in Italian, if it had an extra “r”, it would have a negative connotation, but for the North American natives is instead the human ability to change the world against an adverse fate.

*LORELLA GIUDICI (1965). She is professor of contemporary art history at the Brera Academy of Fine Arts in Milan. After a degree in Modern Literature with a historical-artistic address at the State University of Milan and a degree in painting at the Brera Academy of Fine Arts, she curates exhibitions and deals with art between the nineteenth and twentieth centuries, with particular interest in the period between two wars. She is a member of the scientific committee of the Remo Bianco Foundation, the Sangregorio Foundation and the Dadamaino Archive. Among the many publications and curatotions are to be remembered: Edgar Degas. Lettere e testimonianze, Abscondita, Milan 2002; Medardo Rosso. Scritti sulla scultura, Abscondita, Milan 2003; Giorgio Morandi. Lettere, Abscondita, Milan 2004; Remo Bianco. Al di là dell’oro, exhibition at the Complesso del Vittoriano, Rome, December 2006-January 2007; Silvana Editoriale catalog, Milano 2006; Gauguin. Noa Noa e lettere da Thaiti (1891-1893), Abscondita, Milan 2007; Lettere dei Macchiaioli, Abscondita, Milan 2008; La Giostra dell’Apocalisse, exhibition at the Rotonda della Besana, Milan 2008, Silvana Editoriale catalog; Giuseppe Ajmone. Gli amici di Corrente e il Manifesto del Realismo, Fondazione Corrente, Milan 2018; Remo Bianco. Le impronte della memoria, Museo del ‘900, Milan, Silvana Editoriale catalog, Milan 2019.

Focus On

“La ragione nelle mani” – la mostra di Stefano Boccalini a Ginevra

di Lorella Giudici*

Sfoglio il catalogo della mostra che Stefano Boccalini (Milano 1963) ha in corso alla Maison Tavel/Musée d’Art e d’Histoire di Ginevra (mostra che rimarrà aperta fino al 27 giugno) e vedo decine di fotografie che inquadrano mani operose, immagini di donne che tessono pezzotti di lana cotta su vecchi telai o che ricamano a punto intaglio un candido drappo di lino. Ci sono scorci di laboratori dove alcuni uomini intrecciano rametti di salice e midollino oppure scavano con sgorbie e punteruoli nel duro legno di noce. Al centro di quelli scatti c’è tutto il sapere di un artigianato antico e che ora rischia di perdersi, sopraffatto da una tecnologia fredda e piatta, fagocitato da un mondo che ama la velocità e che non comprende la poesia che c’è nelle lunghe ore trascorse in un dialogo ininterrotto con la materia, nella ritualità atavica di gesti capaci di forgiare l’arte della tradizione. Mani giovani affiancano mani esperte in un gioco di abilità e di sapienza. Come in un nuovo Bauhaus, Boccalini ha ridato vita a una comunità dove le tradizioni non vogliono essere sinonimo di nostalgia ma, come dice l’artista stesso, “una porta di accesso al futuro”. Infatti, è forse riduttivo circoscrivere il progetto di Stefano alla bella mostra elvetica (tutta meritata come vincitore dell’ottava edizione dell’Italian Council, un programma a supporto dell’arte contemporanea italiana nel mondo, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo e realizzata in collaborazione con Art for the World Europa), perché il lavoro che vi è esposto è il frutto di un lungo percorso fatto con tutta una comunità, quella di Monno, in Val Camonica.

La ragione nelle mani – Dadirri, Anshim, Friluftsliv, Stefano Boccalini, 2020, lino, punto e intaglio (ricamo), 100 x 140 x 5 cm
© Christian Tasso

L’opera ha preso il via con un laboratorio che ha coinvolto i bambini del paese, cui è stato raccontato il significato di circa cento parole prese dalle tante minoranze linguistiche del mondo e intraducibili perché in un corrispettivo univoco nelle altre, parole che possono essere solo spiegate: ad esempio dadirri che per gli aborigeni australiani significa quieta contemplazione e ascolto profondo della natura. Insieme ai bambini ne sono state poi selezionate circa venti che hanno a che fare con il rapporto tra uomo e natura oppure con le relazioni che ci sono tra esseri umani. Infine i lemmi sono stati sottoposti agli artigiani del luogo per capire quali potessero essere i più adatte ad essere trasformati dalle loro sapienti mani in manufatti artistici. Ne sono state scelti nove, con idiomi che vanno dal finlandese all’hawaiano, dall’arabo al coreano e sono diventati il materiale su cui gli artigiani hanno lavorato, affiancati ciascuno da due giovani apprendisti selezionati con un bando promosso dalla Comunità Montana. Insomma, un vero e proprio campus creativo pronto a fare parole con le cose in un’epoca in cui “le parole sono diventate un vero e proprio strumento di produzione e di captazione di valore economico – spiega Boccalini -, e hanno assunto una dimensione sempre più importante all’interno del contesto sociale”.

Stefano Boccalini, 2020, La ragione nelle mani – Orenda, lana cotta, Pezzotti (tappeti), 60 x 235 cm. ©Christian Tasso

Stefano Boccalini, 2020, La ragione nelle mani –  Balikwas /Sisu, lana cotta, Pezzotti (tappeti), 60 x 235 cm. ©Christian Tasso

In definitiva la mostra ginevrina, curata da Adelina von Fürstenberg, non solo è espressione culturale e manuale di una comunità ecosostenibile, ma è soprattutto il risultato del cammino artistico di Stefano Boccalini che da sempre si muove tra arte concettuale e arte pubblica e che ancora una volta ha dimostrato quanto possa essere radicato e fondamentale il rapporto tra l’artista e la società in cui vive.

Nelle sale della Maison Tavel sono quindi esposti gli oggetti nati da quest’esperienza: un raffinato ricamo bianco con tre parole trapunte e montato come un quadro; due parole intagliate nel legno di noce con geometrica precisione; cinque lettere intrecciate come fossero cestini o gerle a comporre la parola ohana, che in hawaiano significa famiglia, ma includendo nel nucleo originario tutti, compresi gli amici e i parenti; infine tre pezzotti, ovvero tre tappeti tipici della Valle, fatti con tessuti lavorati a telaio manuale, su ciascuno dei quali è leggibile una scritta nera su fondo azzurro. Tra le tre mi colpisce orenda che, se solo avesse una “r” in più per noi avrebbe un’assonanza negativa, che per gli indigeni nordamericani è invece la capacità umana di cambiare il mondo contro un destino avverso.

*LORELLA GIUDICI (1965). È professore di storia dell’arte contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano. Dopo una laurea in Lettere Moderne con indirizzo storico-artistico all’Università Statale di Milano e una in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, cura mostre e si occupa dell’arte tra ottocento e novecento, con particolare interesse al periodo tra le due guerre. È membro del comitato scientifico della Fondazione Remo Bianco, della Fondazione Sangregorio e dall’Archivio Dadamaino. Tra le tante pubblicazioni e curatele si ricordano: Edgar Degas. Lettere e testimonianze, Abscondita, Milano 2002; Medardo Rosso. Scritti sulla scultura, Abscondita, Milano 2003; Giorgio Morandi. Lettere, Abscondita, Milano 2004; Remo Bianco. Al di là dell’oro, mostra al Complesso del Vittoriano, Roma, dicembre 2006-gennaio 2007, catalogo Silvana Editoriale, Milano 2006; Gauguin. Noa Noa e lettere da Thaiti (1891-1893), Abscondita, Milano 2007; Lettere dei Macchiaioli, Abscondita, Milano 2008; La Giostra dell’Apocalisse, mostra alla Rotonda della Besana, Milano 2008, catalogo Silvana Editoriale; Giuseppe Ajmone. Gli amici di Corrente e il Manifesto del Realismo, Fondazione Corrente, Milano 2018; Remo Bianco. Le impronte della memoria, Museo del ‘900, Milano, catalogo Silvana Editoriale, Milano 2019.