Interview

LAURA MEGA

*Featured photo: Laura Mega, artist portrait, installation at MACRO contemporary art museum in Rome, 2019

Laura Mega works between Rome and New York. She studied at the Accademia di Belle Arti in Rome and at the Università dell’Immagine in Milan (a school centred on the five senses founded by photographer Fabrizio Ferri). 

Her practice combines drawing, text, embroidery and printing. In addition, she sometimes uses other materials (such as pink epilating wax) on underwear, clothing and textile elements – especially those belonging to old trousseaus.

Through a contemporary and straightforward language, Laura Mega transforms symbols of a constricted and predefined femininity into works capable of conveying and investigating emotional, social and political issues, where the irony leaves the observer responsible for the different depths of reading and interpretation.

Laura Mega has exhibited at Ivy Brown Gallery (NYC), M55 Art Gallery (NYC), Resobox Gallery (NYC), Endless Biennial (NYC), Sejong Museum of Art (Seoul), MACRO (Rome), MADXI (Latina), Every Woman Biennial (London), Clio Art Fair (NYC). She has had collaborations with Moleskine S.p.A., SOME SERIOUS BUSINESS (LA), PULSE Art Fair Miami, Culture Monks (India), SENSE LAB (Milan), The Blue Bus Project (NYC), MuvolaProject (Rome). With the publishing house Pulcinoelefante (Milan), she has produced two artist’s books in a 33-copy limited edition. Mega is the creator and curator of the DREAMers art project and co-founder of the LAZZARO_ART DOESN’T SLEEP project. 

BE DIFFERENT, 2020, Corrèdo nightgown detail, hand-printed text with fabric ink

Laura, your artistic journey began in Italy and led you to work and live in New York for a long time. And then back. How has this experience influenced your experimentation and your practice?

 

I believe that moving away from your homeland and roots always brings change no matter where you go. A multicultural, active, and stimulating city like New York has exponentially influenced and marked my life. It is a generous yet greedy city; it quickly provides but takes away just as easily. A bit like an ex, you keep loving and hating at the same time. During the years I lived in New York, I was more sensitive to an issue that touched me closely: immigration. The political situation was also very prominent, particularly that of ‘Trump’, which inspired a series dedicated to him. When I returned to Italy, with difficulty, I slowly got back to my roots.  

BORN TO MAKE MY HUSBAND HAPPY, Linen and hand-embroidered nightgown from Corrèdo, 2022

When and how did you start working with textile techniques and mediums?

 

It was a specific event that pointed me toward textiles. I recall being in the Chelsea area and seeing rectangles of white fabric suspended on a line like hanging laundry, with slogans supporting Barack Obama written in blue marker.

The year was 2008, during the US presidential campaign. For me, art is a tool for protest and an invitation to reflect. That installation resonated with me like a wake-up call, so I started using bedsheets as a support for my very personal “propaganda”, drawing and printing words on fabric with textile ink to better capture my thoughts.  

CARA MAMMA (DEAR MOM), 2021, Corrèdo fabric and embroidered coaster_photo credit Claudia Pecoraro, 2021

Writing is an integral part of many of your works. How do you combine words with and into your artistic practice?

 

 I print messages inside my pockets and in hidden parts of my clothes. The word is a powerful and essential tool in my life and the art I produce. The text in my works sets their rhythm, complements them and underlines their irony. 

HABIBI, 2018, hand-drawn and hand-printed with fabric ink and epilating wax on sheet by Corrèdo

What is irony for you, exactly, another of your works ingredient?

 

I like to see people respond to my art with a smile, and, at the same time, I like that this smile also leaves a bitter aftertaste. My work usually has a two-fold interpretation. A bit like when you meet someone new, you can decide whether to stop at their appearance or go further and discover their anxieties and fears. Irony slowly gets inside you and then leaves a mark because the mind has plenty of time to process the content.

IL MIO PIÙ GRANDE SUCCESSO(MY GREATEST SUCCESS), panties of the Corrèdo_in cotton with hand-embroidered text, 2022

Feminine and feminism: how do you define these two concepts in your work?


To answer this question, I think it is interesting to draw attention to Wikipedia’s definition of the term feminine: ‘The feminine is a grammatical gender… For example, woman and tablecloth are feminine nouns’. The choice of words is important even when it seems harmless, as in this case. It is a ‘feminine’ determined by the male world, which confirms the clichés resulting from centuries of patriarchy; therefore, today, the feminine cannot be separated from feminism, which must set the direction. In this sense, mine is definitely a feminine work. I emphasise this by using the pink colour, present in almost all my works, imprinted on the fabric with epilating wax or embroidery thread in pink or red. It is a work whose delicacy often contrasts with the text accompanying it. 

I'M SAD and THE WAY TO THE MAN'S HEART, Corrèdo fabric napkins with hand-printed text and pink epilatory waxing, 2021

You have recently been experimenting with the carpet’s dimension as a form of expression. How did this series come about and develop?

 

I have always been intrigued by the carpet as an object and its use in different cultures. For example, the carpet is linked to the practice of meditation and worship, it is a symbol of hospitality on the doorstep, and it is even magical in some fairy tales…

Personally, I find it easy to associate the carpet with the human being: it is an object that is trampled on, abused, and often bears the indelible marks of those who walk across it. Lately, I have made a cloud-shaped carpet, which reveals the writing “DREAM” in the dark, for all the times our dreams are trampled on. One has the shape of an anatomical heart with the sentence “WALK ALL OVER ME” written on it. It is dedicated to those of us caught in toxic love as to allow our partner to crush our feelings. 

WALK ALL OVER ME, handmade_wool and acrylic rug, 62x102 cm, 2022

In your latest project, you intervene with embroidery on vintage clothes. You are not new to the use of textile elements belonging to old trousseaus and the past’s daily use. What does this choice mean to you?

 

I remember as a child a large trunk that seemed to hold a treasure… no gold doubloons but linen sheets embroidered by my mother, lace bought in Burano and a strong smell of mothballs. The CORRÈDO has great sentimental value for me: knowing that I would never use it, I turned it into something else. Although I am fascinated by this tradition handed down from mother to daughter and the stories that accompany it, the idea of the CORRÈDO makes me think of the vision of a woman born to be a wife and mother and nothing more. For years, I found myself at the family dinner table, during the holidays, with the nightmare of the fateful questions about boyfriends and marriage. So, working on CORRÈDO is for me to soften but, at the same time, emphasise the distorted view of women’s role, which, unfortunately, has not completely evolved over time. 

THE STRONGEST, hand-drawn and hand-printed+pink epilatory wreath on Corrèdo linen towel, 2019

Where does the inspiration for your works come from? And what is their genesis?

 

The inspiration comes from everyday life, my emotional state, social issues and everything that happens around me. Artistic production goes hand in hand with my need to communicate. I always find it difficult to interact with people, and art helps me do this by acting as an intermediary.

MY MOTHER ALWAYS TOLD ME_mutandons of the Corrèdo_in cotton and hand embroidered_2022

“Amazoniano il nuovo HERO” is one of your works that I cannot decide whether to ascribe to non-fiction, interactive performance art, or journalistic provocation or call it an artist’s intervention involving different disciplines and different ‘actors’. So, can you tell me about this project?

 

“AMAZONIAN the new HERO” I think is my greatest artistic performance. Due to problems with the renewal of my American Visa, I was stuck in Italy, and during the pandemic, the only job offer came from Amazon. The salary was good, and I only had to work the night shift on the weekends for three months; it seemed like a lottery win. Not everyone knows that every Amazon employee is called a HERO. From the first day of work, Amazon provides you with a backpack and a water bottle with the word HERO on it, reminding you of the mission you are destined for, to serve the customer. And so, whether you have one or more degrees or no degree at all, Amazonians are all heroes on the same level and equal in status.

Through Elena, my alter ego and the story’s main character, I narrate my adventure in the Amazon warehouse in Passo Corese, Rieti province, ironically yet without prejudice.

I call it an artistic performance because I decided to self-produce it through Amazon; each purchase of the book starts the assembly line of the warehouse, an action repeated in a loop: Amazon produces, prints and sells the book on the Amazon, the Amazonian picks up the book and packages it inside the Amazon warehouse, concluding the whole operation with the shipment to the customer who buys on Amazon.

After this first experiment, I took a liking to it and produced my second artist’s book, “ThePinkSide of WTF”, in a double version, one strictly in pink and one to be coloured.

Interviste

LAURA MEGA

*Foto in evidenza: Laura Mega, ritratto artista, allestimento al MACRO museo arte contemporanea di Roma, 2019

Laura Mega lavora tra Roma e New York. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Roma e all’Università dell’Immagine di Milano (scuola sui cinque sensi creata dal fotografo Fabrizio Ferri).

La sua pratica alterna disegno, testo, ricamo, stampa, avvalendosi talvolta anche di materiali alternativi (come la cera epilatoria di colore rosa), con cui interviene su biancheria, indumenti, elementi tessili -soprattutto appartenenti ad antichi corredi. Attraverso un linguaggio immediato e contemporaneo Laura Mega trasforma testimonianze di una femminilità costretta e predefinita in opere capaci di veicolare ed indagare istanze emozionali, sociali, politiche dove la cifra ironica lascia all’osservatore la responsabilità della diversa profondità di lettura con cui interpretarle.

Laura Mega ha esposto alla Ivy Brown Gallery (NYC), M55 Art Gallery (NYC), Resobox Gallery (NYC), alla Endless Biennial (NYC), al Sejong Museum of Art (Seoul), MACRO (Roma), MADXI (Latina), Every Woman Biennial (Londra), Clio Art Fair (NYC). Ha avuto collaborazioni con Moleskine S.p.A., SOME SERIOUS BUSINESS (LA), PULSE Art Fair Miami, Culture Monks (India), SENSE LAB (Milano), The Blue Bus Project (NYC), MuvolaProject (Roma). Con la casa editrice Pulcinoelefante (Milano) ha realizzando due libri d’artista in tiratura limitata di 33 copie. È ideatrice e curatrice del progetto artistico DREAMERS e co-fondatrice del progetto LAZZARO_ART DOESN’T SLEEP.

BE DIFFERENT, 2020, dettaglio camicia da notte del Corrèdo, testo stampato a mano con inchiostro per tessuto

Laura, il tuo percorso artistico comincia in Italia e ti porta a lungo a lavorare e vivere a New York. E poi a tornare. Come ha influenzato la tua sperimentazione e la tua pratica questa esperienza?

Credo che, a prescindere dalla meta, allontanarsi dalla propria terra e dalle proprie radici porti sempre un cambiamento, chiaramente una città multiculturale, attiva e stimolante come New York ha fortemente contaminato e segnato la mia vita in maniera esponenziale. È una città generosa e avara, dona facilmente ma con altrettanta facilità toglie. Un po’ come un ex che continui ad amare ed odiare allo stesso tempo. Negli anni in cui ho vissuto a New York ero più sensibile a un tema che mi toccava da vicino ovvero l’immigrazione. Grande importanza ha avuto anche la situazione politica, in particolare quella di “Trump”, fonte d’ispirazione per una serie dedicata proprio a lui. Al mio rientro in Italia, a fatica, ho lentamente ripreso in mano le mie origini.

BORN TO MAKE MY HUSBAND HAPPY, Camicia da notte da Corrèdo in lino e ricamata a mano, 2022

Quando e come hai iniziato a lavorare con tecniche e medium tessili?

È stato un evento preciso ad indirizzarmi verso il tessile. Ricordo, nella zona di Chelsea, dei rettangoli in tessuto bianco appesi a un filo come un bucato steso, sopra c’erano delle frasi in supporto di Barack Obama scritte con un pennarello blu. Era il 2008, durante la campagna presidenziale negli Stati Uniti. Per me l’arte è uno strumento di protesta che invita a riflettere. Quell’installazione ha suscitato in me l’effetto di un campanello di allarme… ho iniziato così ad usare le lenzuola come supporto per la mia personalissima “propaganda”, e a disegnare e stampare parole su stoffa con inchiostro per tessuto, in modo da fissare meglio i pensieri.

CARA MAMMA, 2021, sottobicchiere del Corrèdo in tessuto e ricamato_photo credit Claudia Pecoraro, 2021

La scrittura è parte integrante di molte tue opere. Come si coniuga la parola con e nella tua pratica artistica?

Sono solita stamparmi messaggi all’interno di tasche e in parti nascoste dei vestiti. La parola è uno strumento potente e importante sia nella mia vita che nell’arte che produco. Il testo presente nei miei lavori ne scandisce il ritmo, li completa e ne sottolinea l’ironia.

HABIBI, 2018, disegno e stampa a mano con inchiostro per tessuto e ceretta epilatoria su lenzuolo da Corrèdo

Appunto, cos’è l’ironia per te – altro ingrediente di molti tuoi lavori?

Mi piace vedere le persone reagire alla mia arte con un sorriso e, allo stesso tempo, mi piace che questo sorriso lasci anche un po’ di amaro in bocca. Il mio lavoro ha, solitamente, una doppia chiave di lettura. Un po’ come quando conosci una persona nuova, puoi decidere di fermarti all’apparenza oppure andare oltre scoprendo le sue ansie e paure. L’ironia ti entra dentro lentamente lasciando poi un segno perché la mente ha tutto il tempo di metabolizzarne il contenuto.

IL MIO PIÙ GRANDE SUCCESSO, mutandoni del Corrèdo_in cotone con testo ricamato a mano, 2022

Femminile e femminismo: come declini questi due termini nel tuo lavoro?

Per rispondere a questa domanda mi sembra interessante soffermare l’attenzione su come Wikipedia definisca il termine femminile: ‘Il femminile è un genere grammaticale… Per esempio, sono sostantivi femminili donna e tovaglia’. La scelta delle parole è importante anche quando appare innocua, come in questo caso… si tratta di un “femminile” determinato dal mondo maschile, che conferma i cliché frutto di secoli di patriarcato; perciò, oggi il femminile non può essere slegato dal femminismo, che deve dare la direzione. Il mio, in questo senso, è sicuramente un lavoro al femminile, e lo sottolineo con la presenza del colore rosa, presente in pressoché tutte le mie opere, che viene impresso tramite la ceretta epilatoria sciolta sul tessuto o dal filo per ricamo che utilizzo alternativamente in rosa o in rosso. Si tratta di un lavoro la cui delicatezza contrasta spesso con il testo che lo accompagna.

I'M SAD e THE WAY TO THE MAN'S HEART, tovaglioli in tessuto del Corrèdo con testo stampato a mano e ceretta epilatoria rosa, 2021

Recentemente stai sperimentando la dimensione del tappeto come forma espressiva. Com’è nata e si è sviluppata questa serie di lavori?

Mi ha sempre incuriosito il tappeto come oggetto e l’uso che se ne fa nelle diverse culture. Il tappeto è associato alla pratica di meditazione e preghiera, è simbolo di benvenuto sull’uscio di casa, perfino magico in alcune favole…
Personalmente, mi riesce facile associare il tappeto all’essere umano: è un oggetto che viene calpestato, abusato, e spesso porta i segni indelebili del passaggio di chi lo attraversa. Ultimamente ho realizzato un tappeto a forma di nuvola, che al buio rivela la scritta “DREAM”, per tutte le volte che i nostri sogni vengono calpestati, e uno a forma di cuore anatomico con la scritta “WALK ALL OVER ME” dedicato a chi di noi è intrappolato in un amore così tossico da permettere al proprio partner di schiacciare i nostri sentimenti.

WALK ALL OVER ME, tappeto fatto a mano_lana e acrilico, 62x102 cm, 2022

Nel tuo ultimo progetto intervieni con il ricamo su indumenti vintage. Non sei nuova all’utilizzo di elementi tessili appartenuti a vecchi corredi e all’uso quotidiano di altri tempi. Che significato ha per te questa scelta?

Ho il ricordo da bambina di un grosso baule che sembrava custodisse un tesoro… nessun doblone d’oro ma lenzuola in lino ricamate da mia madre, pizzi comprati a Burano e un forte odore di naftalina. Il CORRÈDO ha un grande valore affettivo per me: consapevole del fatto che non l’avrei mai usato, l’ho trasformato in altro. Nonostante sia affascinata da questa usanza tramandata di madre in figlia, e dai racconti che l’accompagnano, l’idea del CORRÈDO mi fa pensare alla visione della donna nata per essere moglie e madre e niente di più. Per anni mi sono ritrovata a tavola in famiglia, durante le feste, con l’incubo della fatidiche domande su fidanzati e matrimonio. Ecco, lavorare sul CORRÈDO è per me alleggerire ma, allo stesso tempo, enfatizzare la visione distorta del ruolo della donna che, purtroppo, non si è completamente evoluta nel tempo.

THE STRONGEST, disegno e stampa a mano+ceretta epilatoria rosa su asciugamano di lino del Corrèdo, 2019

Da dove arriva l’ispirazione per le tue opere? E qual è la loro genesi?

L’ispirazione arriva dal quotidiano, dal mio stato emozionale, dal sociale e da tutto quello che accade intorno a me. La produzione artistica segue di pari passo la mia esigenza di comunicare. Ho sempre difficoltà ad interagire con le persone e l’arte mi aiuta in questo, facendo da tramite.

MY MOTHER ALWAYS TOLD ME, mutandoni del Corrèdo in cotone e ricamati a mano, 2022

“Amazoniano il nuovo HERO” è una tua creazione che non so se ascrivere alla saggistica, alla performance artistica interattiva, alla provocazione giornalistica o se definirla un intervento d’artista che coinvolge diverse discipline e diversi ‘attori’. Insomma, mi racconti questo progetto?

“AMAZONIANO il nuovo HERO” credo sia la mia più grande performance artistica. Per problemi di rinnovo della mia Visa americana, sono rimasta bloccata in Italia e, in periodo di pandemia, l’unica offerta lavorativa proveniva da Amazon. Lo stipendio era buono e dovevo lavorare solo per tre mesi nel weekend con turno notturno, mi sembrava quasi una vincita alla lotteria. Non tutti sanno che ogni dipendente Amazon viene definito HERO, tanto che dal primo giorno di lavoro Amazon ti fornisce uno zainetto e una borraccia con sopra stampata la parola HERO, come per ricordarti la missione a cui sei destinato, a servizio del cliente. E così, sia che tu abbia una o più lauree oppure nessun titolo di studio, gli amazoniani sono tutti eroi allo stesso livello e di uguale importanza.

Attraverso Elena, il mio alter ego e protagonista della vicenda, racconto in chiave ironica ma senza pregiudizio la mia avventura nel magazzino Amazon di Passo Corese, in provincia di Rieti.

La definisco una performance artistica perché ho deciso di autoprodurlo proprio attraverso Amazon; ogni acquisto del libro avvia la catena di montaggio del magazzino, un’azione ripetuta in loop: Amazon produce, stampa e vende il libro sull’amazoniano, l’amazoniano preleva il libro e lo confeziona all’interno del magazzino Amazon, concludendo l’intera operazione con la spedizione al cliente che compra su Amazon.

Dopo questo primo esperimento, ci ho preso gusto e ho realizzato il mio secondo libro d’artista, “ThePinkSide of WTF”, in doppia versione, una rigorosamente in rosa e una da colorare.

Barbara Pavan

English version Sono nata a Monza nel 1969 ma cresciuta in provincia di Biella, terra di filati e tessuti. Mi sono occupata lungamente di arte contemporanea, dopo aver trasformato una passione in una professione. Ho curato mostre, progetti espositivi, manifestazioni culturali, cataloghi e blog tematici, collaborando con associazioni, gallerie, istituzioni pubbliche e private. Da qualche anno la mia attenzione è rivolta prevalentemente verso l’arte tessile e la fiber art, linguaggi contemporanei che assecondano un antico e mai sopito interesse per i tappeti ed i tessuti antichi. Su ARTEMORBIDA voglio raccontare la fiber art italiana, con interviste alle artiste ed agli artisti e recensioni degli eventi e delle mostre legate all’arte tessile sul territorio nazionale.