Le donne, anche in una visione corale, mantengono identità e carattere. Mathilde Renes ce le racconta

Singing in the Dark, copyright Mathilde Renes

This post is also available in: English (Inglese)

Dal 1997 Mathilde descrive le sue giornate in un diario tessile che ricama con una capacità narrativa immediata e ironica. Fedele ad uno stile riconoscibile, le sue donne cantano libere nei contrasti netti di colore e di linee. Usa tessuti e fili per raccontarci il quotidiano arrivando ad un messaggio più intimo e sociale. Sono stata conquistata dalla sua immediatezza e prolificità. La sua costanza e il suo impegno le permettono di mantenere ogni giorno uno stretto rapporto tra arte e vita reale.

Avevamo da poco pubblicato uno spotlight su Mathilda che ci ha spinto a chiederle un’intervista per conoscerla meglio. Questo il link dove potete vedere altre foto dei suoi lavori https://www.artemorbida.com/mathilde-renes/

Mathilde, abbiamo pubblicato un breve articolo su di te in previsione di questa intervista. Abbiamo trovato molto interessante la tua arte. Semplice ed empatica. Quanto è immediato il tuo pensiero rispetto all’esecuzione?

Spesso viene fuori un’idea e il passo successivo è scegliere i tessuti e fili che sono disponibili nel mio atelier e così  inizio ma durante il processo di creazione l’idea va per la sua strada. Raramente faccio un disegno in anticipo, di solito inizio immediatamente a “disegnare” con il filo nero. Ma a volte ho un’immagine nella mia testa che richiede colori o materiali speciali e quindi cerco di reperire questi materiali speciali e iniziare quando li ho. Ad esempio:  il grande progetto a cui sto lavorando al momento, The Big Choir, l’ho  pensato in anticipo, lo volevo nei colori luminosi e pastello di Klimmt e Schiele, giallo, arancione, blu, rosa … . quindi mi sono concentrata su come ottenere ogni tipo di materiale tessile in questi colori.

Per rispondere alla tua domanda in breve: molto immediato.

Il tuo è un percorso artistico partito da una formazione classica: dipinti ad olio e lavori di grafica. Com’é stato il passaggio all’arte tessile? Come è successo?

Sono sempre stato affascinata dal tessile, ho amato e amo tutti i tipi di materiali tessili, tessuti, lana, fili, ecc. Quando ero adolescente cucivo i miei vestiti e ho lavorato molto  a maglia. Raramente però ho aggiunto un po’di tessuto ai miei dipinti e non mi era mai venuto in mente di usare solo tessuti nelle mie opere, fino a quando nel 2012 ho iniziato a lavorare a maglia i soggetti dei miei dipinti ad olio, come statue. Le donne,  come al solito. Inoltre ho iniziato a fare vasi  a maglia e nel frattempo ho scoperto nel mio armadio un sacco di materiale da ricamo che avevo ereditato da mia zia ed è venuta fuori l’idea di provare a ricamare qualcosa. All’inizio ho usato un argomento del mio diario illustrato, r poi l’ ho fatto più spesso per i miei quadri o lavori grafici. Mi sono accorta che mi piaceva ricamare, così mi sono ritrovata coinvolta. È anche molto pratico: puoi ricamare ovunque e portare il tuo lavoro con te, o ricamare quando guardi la tv o ti siedi al sole, o quando guidi in Francia o in Italia e ti siedi accanto a tuo marito.

Lisa Minelli, Copyright Mathilde Renes

Sigaret, Copyright Mathilde Renes

Come fai a mantenere la spontaneità?

Non ne ho la minima idea … è lì, non posso farci niente. Mi viene in mente e mi piace creare! Quindi lavoro in modo molto intuitivo.

Nel tuo secondario o comunque diverso percorso artistico, prendi spunto dalle vicende giornaliere per realizzare opere più grandi. Come le scegli? Quali sono i criteri?

Ho sempre (dal 1997) percorso due percorsi nel mio lavoro. Le illustrazioni quotidiane nel mio diario con i disegni sulla mia vita. I soggetti di queste illustrazioni a volte li usavo anche come fonte di ispirazione per le mie incisioni o dipinti, ma accanto a questi soggetti c’era sempre l’altro percorso con soggetti femminili più universali che in realtà era il percorso principale del mio lavoro. E così è ancora. In questo percorso principale mi piace ritrarre le immagini delle donne perché amo la bellezza delle donne con i loro vestiti, le loro teste, le loro scarpe, la loro postura. E mi piace mettere un po’ di umorismo e gioia nel mio lavoro. E mi piace che le persone si chiedano qual è la storia di queste donne.

Per sbaglio l’anno scorso ho fatto un po’ un terzo percorso, in parte anche autobiografico, per usare i fiori, in particolare le rose come soggetto. Dato che adoro il mio giardino in cui ho circa 80 rose diverse, ho scattato alcune foto in primavera e mi è venuto in mente di utilizzarle nel mio lavoro tessile. Quindi ho fatto molte foto durante la stagione e ho realizzato un’intera serie con le rose. Ma ovviamente sono arrivate anche alcune donne universali e autoritratti con rose.

Me and my roses, Copyright Mathilde Renes

All that jazz, Copyright Mathilde Renes

Ti manca lavorare con le tecniche pittoriche tradizionali? Come attingi alle tue esperienze pregresse nell’arte tessile?

Non mi manca affatto la mia pittura ad olio e le tecniche tradizionali, anche se nel mio diario illustrato, disegno e acquarello quasi ogni giorno. Sono così affascinata dai tessuti e dalle diverse tecniche che puoi usare e gli effetti sorprendenti a volte compaiono! Ad esempio ho sviluppato una tecnica di utilizzo di immagini, stampe su transfer, stiratura su tessuto e combinazione con ricami, applique di diversi pezzi di tessuti (anche usati) e pittura. Le immagini sono ad esempio immagini del mio lavoro precedente, (pittura ad olio, guazzi, disegni, lavori a maglia) o immagini di primi piani o il retro dei miei più recenti ricami che danno effetti e risultati molto speciali. E anche il progetto dello scorso anno “All My Roses” è stato parzialmente creato con immagini trasferite. Mi rende così entusiasta la continuità da un’opera all’altra.

Il tuo diario tessile è un po’ come un social network: esprimi emozioni ed esperienze con altre persone. Come ti rapporti e come decidi cosa pubblicare?

La connessione umana conta per me. Ho intorno a me una grande cerchia di amici (intimi) che sono molto importanti. Ma non sono il tipo sociale che è costantemente coinvolto nell’umanità. Sono più un’artista che lavora nel suo spazio.

New shoes with aunt Gree, Copyright Mathilde Renes

Breakfast in bed, Copyright Mathilde Renes

Fronte e retro. Simbolismo. Davanti un’immagine pulita e dietro un intreccio di fili che si connettono. Quanto è importante per te la connessione umana?

Il contrasto tra il lato anteriore, ordinato e posteriore, confuso, del mio lavoro. Qui si tratta di simbolismo  ma non di proposito. Comincio con la parte anteriore ovviamente e mi piacciono le linee e le immagini chiare, ma poi mi sorprende la parte posteriore con tutto l’intreccio di fili che  spesso sembra essere molto più interessante! Lì puoi vedere l’altro lato (oscuro?) Delle persone, pulito per il mondo esterno, confuso o peggio dentro. O connessioni tra persone, follia, umorismo, caos ecc. che mi piacciono molto. Mostrare entrambi i lati del lavoro è spesso il modo migliore per presentarlo, quindi lo appendo con un bastone o lo incornicio tra due lastre di plexiglass.

The red choir, Copyright Mathilde Renes

The Red Choir, back, Copyright Mathilde Renes

I tuoi soggetti sono quasi esclusivamente femminili. C’è una ragione specifica?

Prendo quasi sempre le donne come soggetto della mia arte. Prima di tutto faccio spesso una sorta di autoritratti, quindi il motivo è ovvio. Ma il motivo principale non è perché non mi piacciono gli uomini, ma amo l’aspetto delle donne, la bellezza, l’atteggiamento, le prestazioni, a volte ispirate da immagini di arte, pubblicità o poster di film. E di tanto in tanto uso la connessione tra le persone come soggetto, ad esempio nella mia serie Incontri ravvicinati

I never promised you a rosegarden, Copyright Mathilde Renes

Uno dei tuoi temi più importanti è il coro. immagini corali, figure che evocano un canto assolutamente non solitario ma comune. Come mai?

Il tema corale è iniziato proprio dall’immagine di un coro del mio diario illustrato, su un concerto ai miei figli. Ho usato il disegno del diario, come ho fatto spesso, come ho spiegato prima, per fare un dipinto ad olio. Circa un anno fa mi è capitato di vedere l’immagine del diario e mi ha di nuovo incuriosita, così ho deciso di usarlo nel mio lavoro tessile. Sono stata coinvolta fin dall’inizio! Ho amato così tanto l’immagine del canto delle donne che ho continuato e sono andata avanti. Sembra che tu possa variare all’ infinito e ottenere le immagini del retro come fosse un regalo che aggiunge un tema “connesso” al mio lavoro. Quindi davvero da solitario a comunità.

L’aspetto comunicativo  mi piace molto, nel contesto di un grande progetto artistico, di creare molte donne uniche e molto individuali che alla fine diventano una grande unità in un coro, cantando la loro canzone comune.

Spring choir, Copyright Mathilde Renes

Spring choir, Copyright Mathilde Renes, back, Copyright Mathilde Renes

Puoi parlarci dei tuoi progetti futuri? Quest’emergenza del Covid-19 in qualche modo li influenzerà?

Il futuro … Grazie a Corona molti progetti vengono rinviati di un anno, ad esempio il grande progetto del coro. Quindi questo fa sì che il tema delle donne che cantano non sia ancora finito (doveva essere pronto il 18 maggio). Stavo lavorando al massimo ma ora continuerò a lavorarci su.  È anche probabile che possa emergere qualcosa di completamente diverso. Di recente ho una nuova macchina da cucire, quindi sto sperimentando il ricamo a macchina, cosa che non avevo mai fatto prima. Quindi chissà cosa ne verrà fuori!

Oltre a ciò probabilmente continuerò con il tema “connesso”, che ho iniziato di recente, connessioni in tutti i modi, anche con materiale vintage dei ricordi. Non è affatto improbabile l’influenza del corona virus

Be the first to comment on "Le donne, anche in una visione corale, mantengono identità e carattere. Mathilde Renes ce le racconta"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*