Le sculture tessili di Natalie Baxter

“Installation TrollLolLol”, Elijah Wheat Showroom, March 2018, photo Joshua Simpson, copyright Natalie Baxter

enEnglish (Inglese)

Translation by Marina Dlacic

“Installation TrollLolLol”, Elijah Wheat Showroom, March 2018,  photo Joshua Simpson, copyright Natalie Baxter

Natalie Baxter, artista visuale originaria del Kentucky, crea opere che affrontano in modo audace e inusuale  i controversi concetti di identità e gli stereotipi di genere, attraverso sculture tessili dall’aspetto giocoso e divertente, stravaganti e morbide forme realizzate con tessuti di colori sgargianti che  catturano immediatamente l’attenzione dello spettatore.

Il suo lavoro è stato esposto in gallerie e musei internazionali con mostre personali presso The Elijah Wheat Showroom (Brooklyn, NY), Next to Nothing Gallery (New York, NY), Cunsthaus (Tampa, FL), e Institute 193 (Lexington, KY). Attualmente vive e lavora a New York.

Di seguito il link al suo sito web:

http://www.nataliebaxter.com/

“Barstars”, 26 x 26 inches, 2019, copyright Natalie Baxter

Natalie, puoi raccontarci la tua storia di artista, come hai iniziato e perché ha scelto il medium tessile?

Non ho lavorato con i tessuti fino a quando non mi sono trasferita a New York dopo la laurea. A scuola, ho realizzato alcune sculture e videoarte che si sono evolute in film documentari. La mia tesi di laurea era un documentario su ritratti di donne dai 5 agli 85 anni, molti dei quali sono miei parenti, inclusa mia nonna.

Quella stessa nonna mi ha insegnato a trapuntare e cucire quando ero più giovane, ma non ho mai pensato di portare queste abilità nel mio lavoro fino a quando non ho iniziato a pensare di lavorare sulla cultura delle armi nel 2015. Ero a casa in Kentucky per le vacanze natalizie e in una casa di amici che avevano una collezione di pistole sul muro. Questo non è qualcosa che avrei trovato strano se non mi fossi trasferita a New York City, dove non potresti mai vedereuna cosa così a casa di qualcuno. Ho iniziato a pensare alle diverse culture all’interno del nostro paese e in quel momento che ha portato all’elezione di Donald Trump, quanto fosse evidente questa differenza.

All’epoca lavoravo nel cinema documentario e nell’industria televisiva a New York e avevo appena iniziato a trapuntare di nuovo – stavo finendo una trapunta che mia nonna aveva iniziato. È stato così bello usare di nuovo le mie mani – un bel sollievo dal montaggio di film sullo schermo di un computer. Mentre guardavo quel muro di pistole vere, mi chiedevo come sarebbe apparso un muro di pistole imbottite e trapuntate sul muro – così è nata la mia serie di Warm Guns.

Utilizzando il mestiere del cucito e del quilting, un’abilità tramandata dalle donne della mia famiglia, per creare questo lavoro, ho riflettuto su come l’identità sessuale e la proprietà della pistola siano collegate. Fu allora che iniziai a fabbricare le armi con canne esagerate e cadenti – più impotenti. 🙂

Guns Guns Guns curated by Lauren Wolchik, photo by JoshuaSimpson, copyright Natalie Baxter

“Automatic Wedding 1”, Warm Guns Series, made from a wedding band quilt top purchased on ebay&polyfill, 2016, copyright Natalie Baxter 

“My Super Sweet M Sixteen, Warm Gun Series, fabric and polyfill, 20x60x3.5 in, 2015, copyright Natalie Baxter

Warm Guns Series Installation, copyright Natalie Baxter

Nel percorso che hai intrapreso, c’è stato un evento o una persona che si è rivelata importante per la tua crescita professionale? Puoi parlarcene?

Penso che trasferirsi a New York sia stato molto utile per me. So che non devi essere in una grande città per essere un artista, ma per me è stato di grande aiuto vedere le persone che vivevano la propria vita come artisti a tempo pieno per essere in grado di visualizzarmi come se stessi facendo lo stesso.
Ho avuto molti meravigliosi mentori lungo il mio percorso come artista – istruttori d’arte e insegnanti nella mia scuola che hanno notato il mio bisogno di creare arte e promuoverla.

Soprattutto, credo che la creazione di una rete di artisti sia estremamente importante. Ho avuto la fortuna di incontrare tanti meravigliosi artisti che sono diventati poi amici, nelle mostre a New York.  Se non hai un luogo di lavoro pieno di colleghi, puoi essere molto solo e isolato.

L’ho compreso subito e  ho reso prioritario costruire una rete di artisti nella mia stessa situazione ed è stato estremamente gratificante.

“America, Current Mood”Bloated Flags collection, fabric and polyfill, 63 x 36 x 5 inches, 2016, copyright Natalie Baxter

Quali sono le tue fonti di ispirazione? Come scegli i soggetti dei tuoi lavori? Ci sono artisti, correnti artistiche o movimenti di arte contemporanea che stimolano la tua immaginazione?

Prendo ispirazione da ciò che accade nel mondo intorno a me. Utilizzo molti mezzi di informazione e sono interessata ad esplorare i problemi relativi ai temi piu’ caldi e le divisioni culturali e sociali che hanno creato. Credo che l’arte sia in grado di esplorare queste differenze in un modo unico.

Di recente ho anche guardato di più alle mie esperienze personali come nuova madre e ai ruoli stereotipati in cui mi sono trovata mentre navigo la mia vita con una nuova figlia e in una collaborazione durante questo strano nuovo periodo in quarantena.

“Bloated Flags” collection, copyright Natalie Baxter

 

“Bloated Flags” collection, copyright Natalie Baxter

 

People Will Think You’re Making a Trump Flag (a yuge one)”, 41 x 73 x 4 inches, fabric and polyfill, 2016, copyright Natalie Baxter

Tra le tue opere tessili, quale ti rappresenta di più e a quale ti senti più legata?

 Ci sono alcuni lavori che penso siano semplicemente migliori di altri, ma direi che mi sento maggiormente connessa al processo. Non mi vedo come un’artista che opera specificamente col medium tessile – mi allontano dal definirmi un’artista della fibra o un’artista tessile, perché penso che un giorno passerò a un altro mezzo se un’idea per un nuovo lavoro ha più senso in un altro medium. Tuttavia, mi sento molto legata all’atto del cucire, a causa del legame che ha con le donne nella mia famiglia.

Quanto è importante per te la scelta dei materiali? Sei interessata a sperimentare l’uso di materiali insoliti, riciclati o alternativi?

All’inizio, ho cercato intenzionalmente i tessuti più appariscenti e “femminili” che potessi trovare: spandex rosa caldo, fiori, pizzi, ecc. Ora sono un po’ un’accaparratrice di tessuti e visito i negozi di trapunte e negozi di tessuti quando viaggio, acquistando qualunque tessuto che mi piace senza uno scopo specifico in mente per quel tessuto.

Nel mio lavoro uso anche molte vecchie trapunte, alcune che mi danno le persone, altre che acquisto nei negozi dell’usato o su eBay. Compro infatti molte trapunte da eBay da incorporare nel mio lavoro.

Déplorables Bloated Flags collection, fabric andpolyfill, 37 x 14 x 2 inches, 2016, copyright Natalie Baxter

Puoi parlarci dei tuoi quilts della serie ALT CAPS? Come sono nati? Di cosa parlano?

Nel dicembre 2016 un amico mi ha inviato un link a un articolo sul mio lavoro che non sapevo esistesse. “L’artista femminista affronta il tema della mascolinità tossica realizzandosculture di pistole morbide e impotenti”, è stato pubblicato sul sito Web di Glenn Beck, The Blaze. Attraverso un miscuglio di dichiarazioni errate e fuori contesto estratte da altri articoli, era chiaro che l’autore non era un fan della mia serie Warm Gun.

Tutti ti dicono che non dovresti leggere i commenti sugli articoli su di te, ma non ho potuto fare a meno di leggere gli oltre 90 commenti in fondo all’articolo: “Solo una femminista senza qualita’ redimibili per non parlare del cervello) che odia l’uomo”,”Chiaramente Natalie Baxter è confusa sul suo ruolo di donna”, e”Questa ragazza ha bisogno di una buona barriera.”

Mi interessava l’energia maschile (per lo più) arrabbiata che era emersa dall’elezione di Donald Trump. Era la stessa aggressività e identità maschile che mi ha spinto a creare armi d’assalto colorate e trapuntate, per cominciare. Quando Internet ha fornito ulteriori esempi di questo tipo di rabbia, sapevo che dovevo incorporarla nel mio lavoro. Ho usato alcuni di questi commenti per creare arazzi e striscioni, facendo eco a quelli creati alla fine del 1800 dalle suffragette, donne che combattevano per l’uguaglianza oltre 100 anni fa.

Secondo te oggi, il mondo dell’arte è riuscito a superare pienamente l’idea, o meglio il preconcetto, che l’arte tessile costituisca principalmente territorio femminile?

Quando un artista sceglie di lavorare con qualsiasi materiale, sta inevitabilmente portando la storia di quel mezzo nella sua opera. Per me, sapevo che scegliendo di lavorare con il tessuto e di usare le abilità di cucito e trapuntatura per costruire il mio lavoro, stavo intenzionalmente invitando il “genere” nella conversazione relativa al mio lavoro.

Questo potrebbe cambiare nel tempo, o forse alcune persone non vedono il tessuto come un medium di genere come me. Ogni spettatore si avvicina al lavoro con le proprie esperienze che informano il lavoro. Dirò di aver visto molte più opere tessili nelle mostre ultimamente, quindi forse il mondo dell’arte si sta avvicinando di più alle opere tessili, o forse è solo un fatto temporaneo.

Come vedi il tuo lavoro nel prossimo futuro?

Adoro la sfida di creare lavori basati su installazioni e mi sto muovendo verso questo ambito con una mostra personale che ho in programma al Project Space di Gloria a Queens, New York, a novembre. Sono nelle fasi iniziali della creazione di una serie di vestaglie: un indumento che mia nonna indossava spesso e che vedo come abbigliamento da lavoro da casalinga. Voglio costruire una scena in cui le mie vestaglie facciano parte della mostra, ma accompagnate da un ambiente costruito, magari usando cartapesta e vernice.

Be the first to comment on "Le sculture tessili di Natalie Baxter"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*