InterviewInterviste

The textile sculptures of Natalie Baxter

“Installation TrollLolLol”, Elijah Wheat Showroom, March 2018,  photo Joshua Simpson, copyright Natalie Baxter

Natalie Baxter, visual artist originally from Kentucky, creates works that boldly and unusually address controversial identity concepts and gender stereotypes, through playful and fun-looking textile sculptures, extravagant and soft shapes made with brightly colored fabrics that immediately capture the viewer’s attention.

Her work has been exhibited in international galleries and museums with solo exhibitions at The Elijah Wheat Showroom (Brooklyn, NY), Next to Nothing Gallery (New York, NY), Cunsthaus (Tampa, FL), and Institute 193 (Lexington, KY ). He currently lives and works in New York.

Below is the link to her website:

http://www.nataliebaxter.com/

“Barstars”, 26 x 26 inches, 2019, copyright Natalie Baxter

Can you tell us your story as a textile artist, how you started and why you chose the textile medium?

I didn’t make any work with textiles until moving to New York after graduate school. In school, I made some sculpture and video art that evolved into documentary film work. My thesis from graduate school was a documentary of portraits of women from ages 5 to 85, many of whom are my relatives, including my grandmother.

That same grandmother taught me to quilt and sew when I was younger, but I never thought about bringing these skills into my work until I started thinking about making work around gun culture in 2015.

I was home in Kentucky for the holidays and at a friends house who had a collection of guns on the wall. This is not something I would have found odd had I not moved to New York City, where you would never see this in someone’s home. I started thinking about the different cultures within our country and at that time leading up to the election of Donald Trump, how apparent this difference was becoming.

At the time, I was working in the documentary film and television industry in New York and had juststarted quilting again – I was finishing a quilt my grandmother had started. It was so nice to be using my hands again – a nice relief from editing film on a computer screen. As I was looking at that wall of real guns, I wondered what a wall of stuffed, quilted guns would look like on the wall – thus, my series of Warm Guns was born.

Using the craft of sewing and quilting, a skill passed down to me from the women in my family, tocreate this work got me thinking about how gender identity and gun ownership are linked. It was then that I started making the guns with exaggerated, droopy barrels – more impotent. 🙂

Guns Guns Guns curated by Lauren Wolchik, photo by JoshuaSimpson, copyright Natalie Baxter

“Automatic Wedding 1”, Warm Guns Series, made from a wedding band quilt top purchased on ebay&polyfill, 2016, copyright Natalie Baxter 

“My Super Sweet M Sixteen, Warm Gun Series, fabric and polyfill, 20x60x3.5 in, 2015, copyright Natalie Baxter

Warm Guns Series Installation, copyright Natalie Baxter

In the path you took, was there an event or a person who revealed to be important for your professional growth? Can you tell us about it?

I think moving to New York was very beneficial for me. I know you don’t have to be in a large city to be an artist, but for me, it really helped to see people who were living their lives as full time artists to be able to visualize myself as doing the same. I have had many wonderful mentors along my path as an artist – art instructors and teachers throughout my schooling who noticed my need to create art and fostered it.

Most importantly, I believe that creating a network of other artists is extremely important. I have been fortunate to meet so many wonderful friends who are artists through residencies or at openings in New York. You don’t have an office full of colleagues as an artist – it can be very lonely and isolating. I recognized this early on and made it a priority to build up a network of artists in my same boat and it has been extremely rewarding.

“America, Current Mood”Bloated Flags collection, fabric and polyfill, 63 x 36 x 5 inches, 2016, copyright Natalie Baxter

What are your sources of inspiration? How do you choose the subjects for your artwork? Are there artists, artistic currents or contemporary art movements that stimulate your imagination?

I pull a lot of my inspiration from what’s happening in the world around me. I consume a lot of news media and am interested in exploring the hot button issues and the culture and social divisions they have created. I believe that art is able to explore these differences in a unique way. I have also recently been looking more at my personal experiences as a new mother and stereotypical roles that I have found myself in as I navigate my life with a new daughter as well as in a partnership throughout this weird new time in quarantine.

“Bloated Flags” collection, copyright Natalie Baxter

 

“Bloated Flags” collection, copyright Natalie Baxter

 

People Will Think You’re Making a Trump Flag (a yuge one)”, 41 x 73 x 4 inches, fabric and polyfill, 2016, copyright Natalie Baxter

Among your textile works, which one represents you more and to which you feel more attached?

There are always some works that I think are just better than others, but I’d say I feel most connected to the process. I don’t see myself as a medium specific artist – I stray away from calling myself a fiber artist or a textile artist, because I think one day I will move on to another medium if an idea for new work makes more sense in a different medium. However, I feel very attached to the act of sewing because of the connections it has to a long line of women in my family.

How important is the choice of materials to you? Do you experiment with the use of unusual, recycled or alternative materials?

At first, I purposefully sought out the most flashy and “feminine” looking fabrics I could find – hot pink spandex, florals, lace, etc. I am now somewhat of a fabric hoarder and visit quilt shops and fabric stores when traveling, purchasing whatever fabric I like without a specific purpose in mind forthat fabric. I also use a lot of old quilts in my work – some that people give me, some that I purchase from thrift stores or on eBay. I also buy a lot of quilt tops from eBay that I incorporate into my work.

Déplorables Bloated Flags collection, fabric andpolyfill, 37 x 14 x 2 inches, 2016, copyright Natalie Baxter

Can you tell us about your quilts from the ALT CAPS series? How were they born? What are they about?

In December of 2016 a friend sent me a link to an article about my work that I wasn’t aware existed. “Feminist artist takes on ‘toxic masculinity’ by making ‘soft, impotent’ sculptures of guns,”was published on Glenn Beck’s website, The Blaze. Through a hodgepodge of misquoted and outof context statements pulled from other articles, it was clear that the author was not a fan of myWarm Gun series.

Everyone tells you that you aren’t supposed to read the comments on articles about yourself, but I couldn’t help but read the over 90 comments at the bottom of the article: “Just a man hating feminazi with no redeemable qualities (not to mention no brain),” “Demoncrats just wanna be sluts,” “This Libtard is out of her freaking mind,” “clearly Natalie Baxter is confused about her role as a woman,” and “This chick needs a good railing.”

I was interested in the angry (mostly) male energy that had surfaced since the election of Donald Trump. It was the same masculine aggression and identity that drew me to create colorfully

quilted, limp assault weapons to begin with. When the internet provided more examples of this type of anger, I knew I needed to incorporate it into my work. I used some of these comments to create wall hangings and banners, echoing those created in the late-1800s by suffragists – women who were fighting for equality over 100 years ago.

In your opinion today, has the art world fully succeeded in overcoming the idea, or rather the preconception, that textile art constitutes mainly female territory?

When an artist chooses to work with any material, they are inescapably bringing the history of that medium into their work. For me, I knew that choosing to work with fabric and use sewing and quilting skills to construct my work, I am purposefully inviting gender into the conversation around the work. This could change over time, or, perhaps some people don’t see fabric as a gendered medium as I do.  Every viewer is approaching work with their own experiences that inform the work.

I will say I have seen a lot more textile work in exhibitions lately, so perhaps the art world is embracing textile work more, or perhaps it’s just having a moment.

How do you see your work in the near future?

I love the challenge of creating installation based work and am moving towards doing so with a solo show I have coming up at Gloria’s Project Space in Queens, NY this November. I am in the beginning stages of creating a series of housecoats – a garment my grandmother often wore that I see as homemaker workwear. I want to build a scene where my housecoats are part of the

exhibition, but accompanied by a built environment, perhaps using papermache and paint.

Interviste

Le sculture tessili di Natalie Baxter

Translation by Marina Dlacic

“Installation TrollLolLol”, Elijah Wheat Showroom, March 2018,  photo Joshua Simpson, copyright Natalie Baxter

Natalie Baxter, artista visuale originaria del Kentucky, crea opere che affrontano in modo audace e inusuale  i controversi concetti di identità e gli stereotipi di genere, attraverso sculture tessili dall’aspetto giocoso e divertente, stravaganti e morbide forme realizzate con tessuti di colori sgargianti che  catturano immediatamente l’attenzione dello spettatore.

Il suo lavoro è stato esposto in gallerie e musei internazionali con mostre personali presso The Elijah Wheat Showroom (Brooklyn, NY), Next to Nothing Gallery (New York, NY), Cunsthaus (Tampa, FL), e Institute 193 (Lexington, KY). Attualmente vive e lavora a New York.

Di seguito il link al suo sito web:

http://www.nataliebaxter.com/

“Barstars”, 26 x 26 inches, 2019, copyright Natalie Baxter

Natalie, puoi raccontarci la tua storia di artista, come hai iniziato e perché ha scelto il medium tessile?

Non ho lavorato con i tessuti fino a quando non mi sono trasferita a New York dopo la laurea. A scuola, ho realizzato alcune sculture e videoarte che si sono evolute in film documentari. La mia tesi di laurea era un documentario su ritratti di donne dai 5 agli 85 anni, molti dei quali sono miei parenti, inclusa mia nonna.

Quella stessa nonna mi ha insegnato a trapuntare e cucire quando ero più giovane, ma non ho mai pensato di portare queste abilità nel mio lavoro fino a quando non ho iniziato a pensare di lavorare sulla cultura delle armi nel 2015. Ero a casa in Kentucky per le vacanze natalizie e in una casa di amici che avevano una collezione di pistole sul muro. Questo non è qualcosa che avrei trovato strano se non mi fossi trasferita a New York City, dove non potresti mai vedereuna cosa così a casa di qualcuno. Ho iniziato a pensare alle diverse culture all’interno del nostro paese e in quel momento che ha portato all’elezione di Donald Trump, quanto fosse evidente questa differenza.

All’epoca lavoravo nel cinema documentario e nell’industria televisiva a New York e avevo appena iniziato a trapuntare di nuovo – stavo finendo una trapunta che mia nonna aveva iniziato. È stato così bello usare di nuovo le mie mani – un bel sollievo dal montaggio di film sullo schermo di un computer. Mentre guardavo quel muro di pistole vere, mi chiedevo come sarebbe apparso un muro di pistole imbottite e trapuntate sul muro – così è nata la mia serie di Warm Guns.

Utilizzando il mestiere del cucito e del quilting, un’abilità tramandata dalle donne della mia famiglia, per creare questo lavoro, ho riflettuto su come l’identità sessuale e la proprietà della pistola siano collegate. Fu allora che iniziai a fabbricare le armi con canne esagerate e cadenti – più impotenti. 🙂

Guns Guns Guns curated by Lauren Wolchik, photo by JoshuaSimpson, copyright Natalie Baxter

“Automatic Wedding 1”, Warm Guns Series, made from a wedding band quilt top purchased on ebay&polyfill, 2016, copyright Natalie Baxter 

“My Super Sweet M Sixteen, Warm Gun Series, fabric and polyfill, 20x60x3.5 in, 2015, copyright Natalie Baxter

Warm Guns Series Installation, copyright Natalie Baxter

Nel percorso che hai intrapreso, c’è stato un evento o una persona che si è rivelata importante per la tua crescita professionale? Puoi parlarcene?

Penso che trasferirsi a New York sia stato molto utile per me. So che non devi essere in una grande città per essere un artista, ma per me è stato di grande aiuto vedere le persone che vivevano la propria vita come artisti a tempo pieno per essere in grado di visualizzarmi come se stessi facendo lo stesso.
Ho avuto molti meravigliosi mentori lungo il mio percorso come artista – istruttori d’arte e insegnanti nella mia scuola che hanno notato il mio bisogno di creare arte e promuoverla.

Soprattutto, credo che la creazione di una rete di artisti sia estremamente importante. Ho avuto la fortuna di incontrare tanti meravigliosi artisti che sono diventati poi amici, nelle mostre a New York.  Se non hai un luogo di lavoro pieno di colleghi, puoi essere molto solo e isolato.

L’ho compreso subito e  ho reso prioritario costruire una rete di artisti nella mia stessa situazione ed è stato estremamente gratificante.

“America, Current Mood”Bloated Flags collection, fabric and polyfill, 63 x 36 x 5 inches, 2016, copyright Natalie Baxter

Quali sono le tue fonti di ispirazione? Come scegli i soggetti dei tuoi lavori? Ci sono artisti, correnti artistiche o movimenti di arte contemporanea che stimolano la tua immaginazione?

Prendo ispirazione da ciò che accade nel mondo intorno a me. Utilizzo molti mezzi di informazione e sono interessata ad esplorare i problemi relativi ai temi piu’ caldi e le divisioni culturali e sociali che hanno creato. Credo che l’arte sia in grado di esplorare queste differenze in un modo unico.

Di recente ho anche guardato di più alle mie esperienze personali come nuova madre e ai ruoli stereotipati in cui mi sono trovata mentre navigo la mia vita con una nuova figlia e in una collaborazione durante questo strano nuovo periodo in quarantena.

“Bloated Flags” collection, copyright Natalie Baxter

 

“Bloated Flags” collection, copyright Natalie Baxter

 

People Will Think You’re Making a Trump Flag (a yuge one)”, 41 x 73 x 4 inches, fabric and polyfill, 2016, copyright Natalie Baxter

Tra le tue opere tessili, quale ti rappresenta di più e a quale ti senti più legata?

 Ci sono alcuni lavori che penso siano semplicemente migliori di altri, ma direi che mi sento maggiormente connessa al processo. Non mi vedo come un’artista che opera specificamente col medium tessile – mi allontano dal definirmi un’artista della fibra o un’artista tessile, perché penso che un giorno passerò a un altro mezzo se un’idea per un nuovo lavoro ha più senso in un altro medium. Tuttavia, mi sento molto legata all’atto del cucire, a causa del legame che ha con le donne nella mia famiglia.

Quanto è importante per te la scelta dei materiali? Sei interessata a sperimentare l’uso di materiali insoliti, riciclati o alternativi?

All’inizio, ho cercato intenzionalmente i tessuti più appariscenti e “femminili” che potessi trovare: spandex rosa caldo, fiori, pizzi, ecc. Ora sono un po’ un’accaparratrice di tessuti e visito i negozi di trapunte e negozi di tessuti quando viaggio, acquistando qualunque tessuto che mi piace senza uno scopo specifico in mente per quel tessuto.

Nel mio lavoro uso anche molte vecchie trapunte, alcune che mi danno le persone, altre che acquisto nei negozi dell’usato o su eBay. Compro infatti molte trapunte da eBay da incorporare nel mio lavoro.

Déplorables Bloated Flags collection, fabric andpolyfill, 37 x 14 x 2 inches, 2016, copyright Natalie Baxter

Puoi parlarci dei tuoi quilts della serie ALT CAPS? Come sono nati? Di cosa parlano?

Nel dicembre 2016 un amico mi ha inviato un link a un articolo sul mio lavoro che non sapevo esistesse. “L’artista femminista affronta il tema della mascolinità tossica realizzandosculture di pistole morbide e impotenti”, è stato pubblicato sul sito Web di Glenn Beck, The Blaze. Attraverso un miscuglio di dichiarazioni errate e fuori contesto estratte da altri articoli, era chiaro che l’autore non era un fan della mia serie Warm Gun.

Tutti ti dicono che non dovresti leggere i commenti sugli articoli su di te, ma non ho potuto fare a meno di leggere gli oltre 90 commenti in fondo all’articolo: “Solo una femminista senza qualita’ redimibili per non parlare del cervello) che odia l’uomo”,”Chiaramente Natalie Baxter è confusa sul suo ruolo di donna”, e”Questa ragazza ha bisogno di una buona barriera.”

Mi interessava l’energia maschile (per lo più) arrabbiata che era emersa dall’elezione di Donald Trump. Era la stessa aggressività e identità maschile che mi ha spinto a creare armi d’assalto colorate e trapuntate, per cominciare. Quando Internet ha fornito ulteriori esempi di questo tipo di rabbia, sapevo che dovevo incorporarla nel mio lavoro. Ho usato alcuni di questi commenti per creare arazzi e striscioni, facendo eco a quelli creati alla fine del 1800 dalle suffragette, donne che combattevano per l’uguaglianza oltre 100 anni fa.

Secondo te oggi, il mondo dell’arte è riuscito a superare pienamente l’idea, o meglio il preconcetto, che l’arte tessile costituisca principalmente territorio femminile?

Quando un artista sceglie di lavorare con qualsiasi materiale, sta inevitabilmente portando la storia di quel mezzo nella sua opera. Per me, sapevo che scegliendo di lavorare con il tessuto e di usare le abilità di cucito e trapuntatura per costruire il mio lavoro, stavo intenzionalmente invitando il “genere” nella conversazione relativa al mio lavoro.

Questo potrebbe cambiare nel tempo, o forse alcune persone non vedono il tessuto come un medium di genere come me. Ogni spettatore si avvicina al lavoro con le proprie esperienze che informano il lavoro. Dirò di aver visto molte più opere tessili nelle mostre ultimamente, quindi forse il mondo dell’arte si sta avvicinando di più alle opere tessili, o forse è solo un fatto temporaneo.

Come vedi il tuo lavoro nel prossimo futuro?

Adoro la sfida di creare lavori basati su installazioni e mi sto muovendo verso questo ambito con una mostra personale che ho in programma al Project Space di Gloria a Queens, New York, a novembre. Sono nelle fasi iniziali della creazione di una serie di vestaglie: un indumento che mia nonna indossava spesso e che vedo come abbigliamento da lavoro da casalinga. Voglio costruire una scena in cui le mie vestaglie facciano parte della mostra, ma accompagnate da un ambiente costruito, magari usando cartapesta e vernice.

Maria Rosaria Roseo

English version Dopo una laurea in giurisprudenza e un’esperienza come coautrice di testi giuridici, ho scelto di dedicarmi all’attività di famiglia, che mi ha permesso di conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari di mamma. Nel 2013, per caso, ho conosciuto il quilting frequentando un corso. La passione per l’arte, soprattutto l’arte contemporanea, mi ha avvicinato sempre di più al settore dell’arte tessile che negli anni è diventata una vera e propria passione. Oggi dedico con entusiasmo parte del mio tempo al progetto di Emanuela D’Amico: ArteMorbida, grazie al quale, posso unire il piacere della scrittura al desiderio di contribuire, insieme a preziose collaborazioni, alla diffusione della conoscenza delle arti tessili e di raccontarne passato e presente attraverso gli occhi di alcuni dei più noti artisti tessili del panorama italiano e internazionale.