Focus On

LEME – LIDIA MENEGHINI

*Featured photo: Lidia Meneghini – Entramado, Vall de Gallinera. Ph. Credit Elena Redaelli

BETWEEN TEXTILE DESIGN AND NATURE

Lidia Meneghini, alias LEME, is a textile artist researching the edge between sculpture, tailoring and collage.

After seven years of working as an assistant in a sculpture workshop, Lidia graduated in Arts and Performing Arts at the IUAV (Venice) in 2012. In the same year, she won a scholarship for the master in “Bag Design and Product Development” at IUAV + Bottega Veneta.

In 2016, she moved to Valencia, Spain, then she began a collaboration with the Opera Palau de les Arts costume atelier. She is currently an active member of the Italian Collagists Collective ~ ICC (the first Italian collective by artists who use collage as a means of expression) alongside developing environmental art projects.

LEME, collage, Galleria Bianconi, Milano. Ph. Credit Lidia Meneghini

Many years of experience in the theatrical field, international collaborations and a multidisciplinary approach enrich a sensitive and imaginative personality that combines technical skill, irony and sensibility.

“My speciality is to give shape to ideas, creating sensitive forms that can be touched and not just looked at. For me, creation is based on continuous research that focuses on the tactile sensations given by materials: fabric, leather, wood, or stone.

The material selection process varies through study and manipulation, from the preparatory drawing or prototype to the final form.

Inspired by natural elements, my work wants to overcome common aesthetic values. By maintaining a dialogue between the material and its context of origin, I aspire to make people reflect on the environment in which we live.

The action of returning a material transformed by a sculptural intervention to nature adds conceptual value; it animates a reflection on where we are and what we do.

The weaving technique becomes a metaphor for phenomena that interfere with one another, to talk about the history of a place and give attention to environmental and social changes. Therefore, each work is considered a symbol derived from the synthesis of natural elements and their social significance”, says LEME.

Entramado, Vall de Gallinera. Ph. Credit Marino Dares

Currently visible in the beautiful natural setting of Val de Gallinera (Alicante) is the installation that the artist from Veneto has created within the Enclave LandArt residence programme.

“Entramado” is a site-specific work created in close relationship with the environment of “La Carroja”, one of the eight municipalities that, together, form the municipality of La Vall de Gallinera.

Meneghini’s work is a diffuse installation that consists of several elements located along the path linking La Carroja to Benialì. On the trail, the artist made several interventions aiming to create alternative points of view, meditative spaces for contemplation, giving the visitors an excuse to stop and observe, allowing more profound material dialogues with the morphological peculiarities of the place. To do this, Lidia collected stones from the riverbed, fallen branches from trees and leaves, weaving these elements onto a vertical loom, thus joining two big pine trees and creating a new spatial dimension.

“The aim of this installation was to create a suspended space where to stop and contemplate the beauty of the landscape; to create a perceptive experience with a strong emotional impact”, she tells us.

Starting with a careful design activity that combined drawing and the preparation of three-dimensional prototypes, Meneghini planned her interventions carefully.

The work was selected to participate in the residency through a competitive international call for projects based on this compelling design idea.

Entramado – Project. Ph. Credit Lidia Meneghini

From the preliminary design at LEME’s studio desk in Valencia to the reality of La Carroja’s landscape, Meneghini had to deal with the site’s actual requirements. The lines turned to space and volume, becoming weavings following fallen branches’ organic and irregular shapes. Natural fibres’ threads softly adapt to wood, as in the main work or to stone, as in one of the less visible interventions that the artist has scattered along the route like treasures to be discovered.

The research into natural materials is not new to Meneghini, who has previously tackled sustainability issues with her design projects. An example of the artist’s multidisciplinary approach is a bags’ capsule collection that combines in single objects rigid materials such as wood with a softer one such as leather, giving one the characteristics of the other. “An object is perceived through the senses: this is why touch is essential, and the use of two different materials, leather and wood, highlights this form of perception.” According to Meneghini, the bags thus acquire emotional aspects through the exploratory possibilities of the senses. The interweaving is at the basis of these bags/sculptures, poised between objects to be worn and functional works of art.

Frame collection, wood, lather and metal. Ph. Credit Lidia Meneghini

In collaboration with the Milanese design studio CTRLZAK, Lidia has developed several projects, including the interesting Flagmented, which combines traditional fabrics from different cultures, European and Chinese, in a single object. The project conceptually implies overcoming strict codes and cultural expressions. On a technical level, this idea is achieved by combining classic European embroidery and Toile de Jouy with traditional Chinese fabrics to form unique pieces that literally stitch together different realities. The resulting work is a ‘flag’ that identifies the possibility of a new era of globalisation and hybrid culture.

Lidia Meneghini is steadily developing her practice, and we look forward to seeing her create a new work soon. You can follow LEME on her website and social media channels:
IG: @lemestyle
Website: https://lemestyle.com/

USEFUL LINKS:
http://www.ctrlzak.com/#home
https://italiancollagistscollective.com/

Focus On

LEME – LIDIA MENEGHINI

*Foto in evidenza: Lidia Meneghini – Entramado, Vall de Gallinera. Ph. Credit Elena Redaelli

TRA DESIGN E NATURA

Lidia Meneghini, in arte LEME, è un’artista tessile che sviluppa la sua ricerca unendo I linguaggi della scultura, dell’arte sartoriale e del collage.

Dopo sette anni come assistente in un laboratorio di scultura, Lidia si laurea nel 2012 in Arti e Spettacolo presso lo IUAV (Venezia). Nello stesso anno, vince una borsa di studio per il master in “Bag Design and Product Development”, presso IUAV + Bottega Veneta.

Nel 2016 si trasferisce a Valencia, in Spagna, dove collabora nell’atelier costumi del teatro dell’Opera Palau de les Arts.

Meneghini è attualmente un membro attivo del Italian Collagists Collective ~ ICC  (il primo collettivo italiano formato da artisti che utilizzano il collage come mezzo espressivo) e sviluppa progetti di arte ambientale.

LEME, collage, Galleria Bianconi, Milano. Ph. Credit Lidia Meneghini

L’esperienza pluriennale in ambito teatrale, collaborazioni internazionali e un bagaglio di competenze poli disciplinari arricchiscono la sua personalità fantasiosa che si esprime in opere eleganti e ironiche dove all’abilità tecnica si unisce la sensibilità.

“La mia specialità è dare forma alle idee creando forme sensibili che si fanno toccare e non solo guardare. Per me la creazione si basa su un lavoro continuo di ricerca che privilegia le sensazioni tattili trasmesse dal materiale, che sia esso tessuto, pelle, legno o pietra.

Nei diversi progetti, Il processo di selezione dei materiali varia passando attraverso lo studio e la manipolazione, dal disegno preparatorio o dal prototipo, fino ad arrivare alla forma finale.

“Le mie opere superano i valori estetici comuni ispirandosi agli elementi naturali. Mantenendo un dialogo tra il materiale e il suo contesto di origine, aspiro a far riflettere le persone sull’ambiente in cui viviamo. L’azione di restituire alla natura un materiale trasformato da un intervento scultoreo aggiunge un valore concettuale, anima una riflessione sul dove siamo e cosa facciamo.  Uso la tecnica dell’intreccio come metafora di fenomeni che interagiscono reciprocamente, per parlare della storia di un luogo e porre l’accento sui cambiamenti ambientali. Ogni opera è un simbolo scaturito dalla sintesi degli elementi naturali e del loro significato sociale”, spiega LEME.

Entramado, Vall de Gallinera. Ph. Credit Marino Dares

Attualmente visitabile nel bellissimo scenario naturale della Vall de Gallinera (Alicante) è l’installazione che l’artista Veneta ha realizzato all’interno della residenza di produzione artistica Enclave LandArt.

“Entramado” è un’opera site-specific che nasce in stretta relazione con l’ambiente di “La Carroja”, uno di otto comuni che, uniti, formano la municipalità di la Vall de Gallinera.

L’opera della Meneghini è un’installazione diffusa che si compone di più elementi dislocati lungo il percorso espositivo che unisce La Carroja a Benialì; quaranta minuti di cammino tra canjon, aranceti e rocce calcaree. Sul sentiero, l’artista ha realizzato diversi interventi con l’intento di proporre punti di vista alternativi, privilegiati o semplicemnte spazi meditativi di contemplazione, donando ai visitatori una scusa per fermarsi e osservare, creando dialoghi materici con le peculiarità morfologiche del luogo. Per due settimane, Lidia ha raccolto pietre dal fondo del fiume, rami caduti dagli alberi e foglie tessendo questi elementi su un telaio verticale, unendo alberi e rami vivi e creando nuovi livelli di significato nel territorio.

“L’obiettivo di questa installazione è stato quello di creare uno spazio di sospensione dove fermarsi a contemplare la bellezza del paesaggio. Per realizzare un’esperienza percettiva dal forte impatto emotivo.”

Partendo da un’attenta attività progettuale che ha unito il disegno e la preparazione di prototipi tridimensionali, la Meneghini ha pianificato i suoi interventi attentamente.

L’opera è stata selezionata, per participare alla residenza attraverso una competitiva call a livello internazionale, sulla base di questa efficace idea progettuale.

Entramado – Progetto. Ph. Credit Lidia Meneghini

Dai bozzetti realizzati al tavolo del suo studio valenziano, l’artista si è poi dovuta confrontare con le specificità del territorio della Valle. Gli intrecci si sono fatti spazio e volume, hanno seguito le forme organiche e irregolari dei rami caduti, si sono morbidamente adattati al legno, come nell’opera principale, o alla pietra, come in uno degli interventi meno visibili che l’artista ha dislocate sul percorso, dei tesori da scoprire.

La ricerca sui materiali naturali non è nuova alla Meneghini che si è in precedenza confrontata con tematiche legate alla sostenibilità anche nei suoi progetti di design. Identificativo della versatilità dell’artista è, ad esempio, una capsula collection di borse che fonde in un unico oggetto un materiale rigido come il legno a uno più soffice come la pelle conferendo a uno le caratteristiche dell’altro. “L’aspetto di un oggetto è percepito attraverso i sensi: per questo il tatto è molto importante e l’uso di due diversi materiali, pelle e legno, evidenziano questa forma di percezione.” L’oggetto borsa, secondo Meneghini, acquista così aspetti emozionali attraverso le possibilità esplorative dei sensi.

L’intreccio è alla base di queste borse/scultura in bilico tra oggetti da indossare e opere d’arte funzionali.

Frame collection, legno e pelle, accessori metallici. Ph. Credit Lidia Meneghini

In collaborazione con lo studio Milanese CTRLZAK, Lidia sviluppa diversi progetti di design fra i quali l’interessante Flagmented che unisce in un unico oggetto, una bandiera, tessuti tradizionali di diverse culture, la europea e al cinese. Il Progetto implica concettualmente il superamento di codici ed espressioni culturali atti a marcare le differenze A livello tecnico, l’operazione concettuale sottesa a questo prodotto è resa unendo Il ricamo classico europeo e il Toile de Jouy con i tessuti tradizionali cinesi formando pezzi unici che letteralmente cuciono insieme diverse realtà. L’opera che ne risulta è una “bandiera” che esprime la possibilità di una nuova era di ibrida cultura.

Lidia Meneghini sta attualmente continuando le sue sperimentazioni e aspettiamo di vederla presto realizzare nuove opere.

Nel frattempo, seguitela su suo sito e canali social
IG: @lemestyle
Website: https://lemestyle.com/

LINK UTILI:
http://www.ctrlzak.com/#home
https://italiancollagistscollective.com/

Elena Redaelli

English version Dal 2010 mi occupo di arte contemporanea realizzando progetti fra scultura tessile, arte ambientale e social practices. Negli ultimi anni il mio lavoro mi ha portato a vivere viaggiando con progetti e residenze artistiche nel mondo. Esploro processi di generazione e trasformazione della materia, applicando diversi livelli di controllo e indagando i limiti tra autorialità e partecipazione.Talvolta il materiale prende il sopravvento, altre volte sono i partecipanti di un progetto o l’ambiente stesso a farlo, risultando in un dinamico e continuo scambio. Il fare manuale è per me un processo d’interrogazione dell’ambiente e uno strumento per entrare in contatto con nuove persone e culture. Nei miei progetti applico una commistione di tecniche differenti prese dalla scultura, dall’artigianato, dal disegno e dall’ estetica relazionale. Ricerco e utilizzo tecniche antiche: tessitura a telaio, arazzo, crochet, feltro, ricamo, annodature e carta fatta a mano. Nelle mie installazioni, che si sviluppano su larga scala, unisco metodi di lavorazione lenta a nuove tecnologie. Tutto ciò che riguarda il tessile è sempre stato estremamente affascinante per me. Mi piace imparare e condividere idee e conoscenze sul vasto mondo delle fibre ed e’ quello che ho fatto durante i miei viaggi di ricerca tra Europa, Asia, USA e Africa.