Leonardo e ArteMorbida

This post is also available in: English (Inglese)

Qualcuno potrà chiedersi: come, e che c’entra il genio di colui con noi?  Io dico che c’entra, c’entra.
Ricorrenza importante, 500 anni dalla sua morte e in tutta Italia si sono moltiplicate le celebrazioni e le Mostre d’arte, i suoi lavori, le sue scoperte sono state rammentate un po’ per tutti. Noi vorremmo commemorarlo parlando di

“nodi vinciani”

Spiego subito: si tratta di una linea continua che forma un disegno circolare dai molteplici intrecci inventato da Leonardo, come base ha una croce di Sant’Andrea, patrono di Vinci, unita al simbolo dell’infinito: un luogo, la sua natura, la scienza si fondono in questa che non è solo decorazione ma un richiamo agli omonimi salici rossi caratteristici del paese d’origine di Leonardo. Quei ramoscelli flessibili usati per intrecciare canestri o legare le viti, hanno fornito un’idea per il nodo diventato poi lo stemma dell’Accademia Vinciana.

Dama con l’ermellino

Sala delle Asse del Castello Sforzesco

Leonardo dipinse i nodi già sull’orlo dell’abito della Dama con l’ermellino, datato 1490, e l’ha riproposto nell’affresco sul soffitto a volta della Sala delle Asse del Castello Sforzesco, che risale al 1498. Qui Leonardo ha realizzato un finto pergolato, formato dai rami di sedici alberi in fiore, che s’intrecciano nei vinci. Il disegno di quel motivo ritorna spesso nei suoi quadri, e verrà poi ripreso anche in affreschi, ricami, tessuti, cuoio, armi e gioielli, tanto da lanciare una vera e propria moda alla Corte di Milano.

Alla fine del XV secolo, quel disegno dei “vinci”, fu ripreso anche in un motivo dei velluti veneziani che conservano ancora oggi quella tradizione lontana nel tempo adoperando telai del ‘700, restaurati e funzionanti.

Nodi Vinciani – Laura Armiraglio

Nel 2012 Laura Armiraglio ha presentato i suoi “NODI VINCIANI” al concorso internazionale indetto da Quilt Italia in occasione della fiera Creattiva (Bergamo – Italia) vincendo il 1° premio per il miglior trapunto e il “Best of the Show”

I lavori di Tiziana Rossi Colaneri premiati ad Anghiari

I lavori di Tiziana Rossi Colaneri premiati ad Anghiari

Quest’anno ad Anghiari (Arezzo) è stato indetto  il Primo concorso internazionale promosso dall’Associazione Culturale “Il tombolo di Anghiari” . Concorso rivolto alle merlettaie, in particolare a quelle che si dedicano al lavoro del tombolo, arte tessile antica come il mondo. Il tema era“Omaggio a Leonardo da Vinci nei 500 anni dalla morte – I nodi vinciani nella bellezza femminile”.

Non nascondo che esistono molte amiche che praticano il ricamo al tombolo insieme al quilting, ci siamo sentite un poco coinvolte e orgogliose.

A Frascati ai Castelli Romani c’è l’Associazione dei Fuselli Rossi, che dedica la sua attività alla diffusione dell’Arte del Tombolo e Tiziana Rossi Colaneri, che ne è la presidente, ha meritato con un suo lavoro una menzione speciale. Si tratta di un’artigiana paziente e appassionata, con la costanza di una di noi, una quilter.  Non facciamo anche noi disegni originali o ispirati alla natura quando quiltiamo?

www.tuttoditullia.it

3 Comments on "Leonardo e ArteMorbida"

  1. Informazioni interessanti.
    Siete sicure che Anghiari bandisce ogni anno un concorso x il merletto? A me risulta che sia stato il primo.
    Se mi sbaglio, per favore informa temi al merito. Grazie

  2. Complimenti per l’articolo, anche da parte dell’associazione Il Tombolo di Anghiari, che ha organizzato il primo Concorso internazionale. Ci rivedremo tra due anni.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*