Eventi

LUCO – MOSTRA DIFFUSA DI ARTE CONTEMPORANEA INTERNAZIONALE

A L’AQUILA UNA MOSTRA DIFFUSA DI ARTE CONTEMPORANEA INTERNAZIONALE AFFRONTA IL SENSO DEL SACRO NEL NOSTRO TEMPO

La 729° Perdonanza Celestiniana in programma a L’Aquila ad agosto offre l’occasione per una riflessione sul senso del sacro e il suo significato nel nostro tempo. Ventitré artisti e artiste attivi/e sulla scena nazionale ed internazionale dell’arte contemporanea hanno esplorato ruolo e identificazione della sacralità in una società votata a vivere in velocità e che ha fatto della concretezza e del pragmatismo associati alla scienza, alla tecnologia e all’economia il suo perno, abbandonando, apparentemente, qualsiasi speculazione ed indagine di quel territorio sospeso tra visibile ed invisibile che ha alimentato la dimensione spirituale e filosofica di generazioni di intellettuali, teologi, mistici almeno quanto ha modellato e scandito la vita quotidiana individuale e collettiva di ogni comunità umana. Esiste ancora – e nel caso dove si colloca – il sacro al tempo dell’intelligenza artificiale, della comunicazione ossessiva e compulsiva dominata dalle informazioni e dalle immagini, in cui è sempre più sfumato e incerto il confine tra reale e virtuale?

Cenzo Cocca. Maschera del Dottor Bobby Block (retro)_2023_cm 27x46x3, filo,pastello acquerellabile, inchiostro, collage
Beatrice Speranza_Esercizi di Volo, stampa su carta cotone, ricamo in filo di lana e china bianca
Carla Crosio, Ombra pericolosa, particolare installazione in progress misura ambiente. Rete metallica e plastica riciclata, 2023

Intorno alle declinazioni della sacralità e delle sue rappresentazioni, dei suoi riti e dei luoghi ad essa deputati si snoda LUCO una mostra diffusa promossa da F’Art Associazione per la promozione delle arti visive contemporanee, curata da Barbara Pavan e patrocinata dal Comune di L’Aquila, che inaugura nel capoluogo abruzzese sabato 5 agosto 2023 a partire dalle ore 18.

Lucia Bubilda Nanni. Isteria e misticismo in sette annotazioni_Tulle e filo di cotone nero, disegno con macchina da cucire meccanica a pedale elettrico
Clara Luiselli. Spazi per corpi in attesa della trasformazione_2017-2023_36 supporti di metallo h cm 120_disegni su fogli di carta opalina, filo di cotone rosso, calamite
Anneke Klein. Three weavers, stoffa, filo, h cm 180 ca

LUCO deriva dal latino lucus che in origine indicava una radura boschiva più esposta alla luce solare, come suggerisce l’affinità con lucēre (brillare, splendere), e che presso i Romani si identificava per estensione con il Bosco Sacro dimora di divinità e di potenze principalmente legate alla natura e di cui la toponomastica restituisce ancora oggi la traccia (Piediluco, Monteluco, Luco dei Marsi, ecc.). Alla ricerca e all’approdo ad un ipotetico luco contemporaneo, un non-luogo che allude a uno spazio, a un tempo – reale o metaforico – o a una condizione dell’essere e dell’esperire è ispirato questo percorso espositivo articolato in tre sedi suggestive all’interno di edifici storici – il cortile di Palazzo Lucentini Bonanni in piazza Regina Margherita 7, la Galleria Italia in corso Vittorio Emanuele 79 e lo spazio espositivo di F’Art Gallery in via San Francesco di Paola 13 – che ospiteranno le opere e le grandi installazioni di Jacobo Alonso, Elizabeth Aro, Pietrina Atzori, Michela Cavagna, Cenzo Cocca, Carla Crosio, Barbara D’Antuono, Magdalena Fermina, Donatella Giagnacovo, Monica Giovinazzi, Anneke Klein, Clara Luiselli, Florencia Martinez, Miriam Medrez, Saba Najafi, Lucia Bubilda Nanni, Giulia Nelli, Federica Patera e Andrea Sbra Perego, Elena Redaelli, Beatrice Speranza, Giulia Spernazza, Elisabeth Tronhjem, Yukoh Tsukamoto.

Jacobo Alonso. Soma, moduli di feltro in poliestere tagliato a laser, assemblati e cuciti a mano, 2020, cm.120x70x20
Florencia Martinez, Pietà, h cm 61, 2023, tessuto, cuciture
Saba Najafi. Sette cieli, 2023, fili di cotone, di lana e tessuto, misura variabile, tappeto diam cm 60

La pluralità generazionale e di provenienze geografiche e background culturali degli artisti consente un’altrettanta molteplicità di interpretazioni e di sfumature che apre la strada ad ulteriori confronti e riflessioni sull’evoluzione dell’esigenza che accompagna l’umanità dai suoi albori di trovare un senso alla finitezza e alla fragilità dell’esistenza.

LUCO sarà visitabile con ingresso libero fino al 30 agosto 2023 (e fino al 10 settembre a F’Art Spazio per le Arti Visive Contemporanee) con orari variabili nelle diverse sedi. Informazioni al mob. +39 331 205 1481. Evento realizzato con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, Air2bite e Studio De Carolis L’Aquila e inserito nel programma della 729° Perdonanza Celestiniana.

Pietrina Atzori_Nigra sum sed formosa, installazione, 6 tavole in canvas plastificato, cm 51x41_6 tavole in multistrato, cm 21x21, manipolazione
Miriam Medrez, Sueños fugaces, struttura metallica, tessuto e fili, cm 29 diam
Monica Giovinazzi. Angeli, ferro, stoffa

A cura di             Barbara Pavan

Sedi:                     L’Aquila – Palazzo Lucentini Bonanni, piazza Regina Margherita 7; Galleria Italia, corso Vittorio Emanuele 79; F’Art Gallery, via San Francesco di Paola 13

Date:                    dal 5 al 30 agosto 2023; dal 5 agosto al 10 settembre 2023 nella sola sede di F’Art Gallery

Inaugurazione: sabato 5 agosto 2023, ore 18/21 con partenza da piazza Regina Margherita.

Con il patrocinio di Comune di L’Aquila

Con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, Air2bite e Studio De Carolis L’Aquila

Informazioni:    mob. +39 331 205 1481 | e-mail f.artassociazione@gmail.com | www.fartassociazioneculturale.com

Responsabile della comunicazione Angela Ciano

Uffici stampa:   Michela Santoro per ACC L’Aquila

M2F Communication Milano m2fcommunication@gmail.com

Michela Cavagna. The dressed emptiness, particolare, sfridi, cimose in cashmere e lana, filato, fine ordito, campionario tessile, tubolare in foam, off loom, coiling, cm150x200x250_2023
Yukoh Tsukamoto. HIFUMI, 2023, tecnica mista, legno, carta washi, polvere di conchiglia e foglia oro_installazione cm 120x150 composta da 20 moduli di 30x30 cm
Giulia Spernazza, Catartica, particolare installazione, 2023, graniglia di marmo, indumenti, cemento, 300x300 cm